Skaar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Skaar
Skaar - figlio di Hulk, disegnato Carlo Pagulayan
Skaar - figlio di Hulk, disegnato Carlo Pagulayan
Universo Universo Marvel
Nome orig. Skaar
Lingua orig. Inglese
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. gennaio 2008
1ª app. in World War Hulk n. 5
Sesso Maschio
Abilità
  • forza, resistenza e agilità sovrumane
  • fattore rigenerante
  • grande resistenza a danni e fatica
  • Antico Potere (gli dona la capacità di rendere più dura la sua pelle, di trarre energia da un pianeta e sprigionare diversi poteri)
  • immunità al fuoco e ad alte temperature
  • maestro d'armi
Parenti

Skaar è un personaggio dei fumetti creato da Greg Pak (testi) e John Romita Jr. (disegni), pubblicato dalla casa editrice statunitense Marvel Comics. La sua prima apparizione avviene in World War Hulk #5 (gennaio 2008).

Descrizione e storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio ha un ruolo di protagonista nella serie Skaar: Son of Hulk, le cui pubblicazioni sono iniziate a partire da giugno 2008[1] con Greg Pak come sceneggiatore[2][3] e Ron Garney come disegnatore[4].

Skaar è molto diverso da suo padre; si presenta feroce, sadico e non ha una vera e propria morale (infatti uccide chiunque lo ostacoli). Possiede sia i poteri della madre che quelli del padre, tuttavia non è in grado di sfruttarli al massimo per via della sua giovane età e dell'inesperienza. Come la madre e il fratello Hiro-Kala possiede l'Antico Potere (Old Power) che gli permette di assorbire l'energia di un pianeta per indurire il suo corpo o per controllare il suolo. Molto ambiguo il rapporto che Skaar instaura con Daken,[5], il figlio di Wolverine; entrambi si detestano, ma entrambi hanno comunque molte cose in comune, come la feroce infanzia e la rivalità nei confronti dei loro genitori.[6]

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Skaar è il figlio di Hulk nato dalla relazione con Caiera quando il Golia Verde si trovava sul pianeta Sakaar. La sua infanzia è tormentata dalla morte di sua madre e dal rancore nei confronti di suo padre Hulk. Allenatosi sul pianeta Sakaar insieme ai mostri che abitavano nel luogo, Skaar inizia a maturare, tanto che in un solo anno acquista un fisico adulto, oltre ad una portentosa intelligenza.[7]

Planet Skaar[modifica | modifica wikitesto]

Una continuazione di Planet Hulk e World War Hulk inizia da maggio 2009. Un prologo speciale a sé stante e Skaar: Son of Hulk n. 11 portarono all'inizio di Planet Skaar una saga con la quale si intende di portare Skaar direttamente nell'universo Marvel. Con il ritorno di Silver Savage (Silver Surfer) nel numero n.7 gli eventi iniziarono a muoversi per forzare Skaar non solo all'esilio dal pianeta Sakaar ma anche per dirigerlo verso la Terra.

Incredible Hulk[modifica | modifica wikitesto]

Con il numero n. 13 Skaar: Son of Hulk cambia sceneggiatore (Paul Jenkins sostituisce Greg Pak) e il titolo cambia in Son of Hulk poiché la serie si concentra sulle vicende di Hiro-Kala, un altro figlio di Hulk e Caiera[8].

Greg Pak diventa sceneggiatore della serie The Incredible Hulk (continua in seconda serie) a partire dal numero n. 601, nella quale Skaar arriva sulla Terra e fa squadra con un de-potenziato Bruce Banner, sostituendo Hulk[9].

La caduta degli Hulk[modifica | modifica wikitesto]

Con gli eventi di Dark Reign, Skaar si allea con suo padre, in attesa che torni ad essere in Hulk per poi finalmente vendicarsi. Insieme a Bruce cerca poi di salvare (con insuccesso) le otto persone più intelligenti del pianeta. Si scontra due volte con She Hulk Rossa. La prima nella base dei Vendicatori, ma il loro duello viene interrotto.[10] La seconda nella base dell'Intellighenzia, venendo sconfitto, non potendo usare l'Antico Potere a causa di una speciale arma della gigantessa rossa.

World War Hulks[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il fallimento del piano di Banner (che consisteva nel salvare gli otto) Skaar combatte gli eroi hulkizzati, abbattendo persino Thor. In seguito, credendo che She Hulk Rossa volesse uccidere suo padre, si confronta un'ultima volta con lei, portandola sull'orlo della morte. Dopo che Banner assorbì una moltitudine di radiazioni nel tentativo di salvare le persone hulkizzate, Skaar può finalmente combattere Hulk. Dopo un feroce scontro Hulk batte suo figlio con una serie di pugni. Alla fine però si riappacificano.[11]

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

What If?[modifica | modifica wikitesto]

Nel What If? What if Caiera the Oldstrong had survived the destruction of Sakaar instead of the Hulk? (Cosa sarebbe successo se Caiera fosse sopravvissuta alla distruzione di Sakaar al posto di Hulk?), uno Skaar di 21 anni appare verso la fine, parzialmente visto perché oscurato dall'ombra.

Bibliografia[12][modifica | modifica wikitesto]

  • World War Hulk #5
  • Skaar: Son of Hulk #1-12
  • The Incredible Hulk #601-presente
  • War of Kings: Savage World of Skaar one-shot
  • Planet Skaar Prologue one-shot

Edizioni da collezione[modifica | modifica wikitesto]

Le serie in cui il personaggio è apparso sono state raccolte in singoli volumi:

  • Skaar: Son of Hulk:
    • Skaar: Son of Hulk (contiene Skaar: Son of Hulk #1-6, Savage World of Skaar e Hulk Family, 200 pagine, hardcover, Aprile 2009, ISBN 0-7851-3667-3, softcover, Settembre 2009, ISBN 0-7851-2714-3)
    • Planet Skaar (contiene Skaar: Son of Hulk #7-12 e Planet Skaar Prologue, 192 pagine, hardcover, September 2009, ISBN 0-7851-3986-9, softcover, June 2010, ISBN 0-7851-2821-2)
  • War of Kings (include War of Kings: Savage World of Skaar, 432 pagine, hardcover, November 2009, ISBN 978-0-7851-4293-5)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vaneta Rogers, Ron Garney's Skaar - Inside the Son of Hulk's Art, Newsarama, 10 giugno 2008.
  2. ^ Vaneta Rogers, Greg Pak on Skaar: Son of Hulk, Newsarama, 18 marzo 2008.
  3. ^ Dave Richards, Hulk Slash! Pak talks "Skaar: Son of Hulk", Comic Book Resources, 10 giugno 2008.
  4. ^ Vaneta Rogers, Ron Garney: Drawing Son of Hulk, Newsarama, 19 marzo 2008.
  5. ^ Pak, Greg. L'Incredibile Hulk #603; Marvel Comics; Dicembre 2009
  6. ^ Devil & Hulk #163; Marvel Comics; Luglio 2010
  7. ^ Pak, Greg. Skaar, Il figlio di Hulk #1; Marvel Comics; Agosto 2008
  8. ^ Kiel Phegley, Jenkins Ends "Son of Hulk", Comic Book Resources, 24 novembre 3009. URL consultato il 3 maggio 2010.
  9. ^ Matt Brady, Incredible Again: Greg Pak on Incredible Hulk, Newsarama, 19 maggio 2009. URL consultato il 3 maggio 2010.
  10. ^ Pak, Greg. L'Incredibile Hulk #607; Marvel Comics; Aprile 2010
  11. ^ Pak, Greg. L'Incredibile Hulk #611; Marvel Comics; Marzo 2010
  12. ^ Il termine volume è usato nei paesi di lingua inglese per indicare le serie, pertanto vol. 1 sta per prima serie, vol. 2 per seconda serie e così via.
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics