War Machine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il wrestler statunitense, vedi Terry Gerin.
War Machine
War Machine, disegni di Kevin Hopgood.
War Machine, disegni di Kevin Hopgood.
Universo Universo Marvel
Lingua orig. Inglese
Alter ego
  • James Rupert "Rhodey" Rhodes
  • Iron Patriot
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. gennaio 1979
1ª app. in Iron Man (Vol. 1[1]) n. 118
Editore it. Editoriale Corno
app. it. 10 gennaio 1981
app. it. in l'Uomo Ragno n. 280
Interpretato da
Voce italiana Fabrizio Vidale
Specie umano
Sesso Maschio
Etnia statunitense
Luogo di nascita Philadelphia, Pennsylvania
Abilità

Armatura

  • forza e velocità sovrumane
  • semi-invulnerabilità
  • volo (fino a Mach-8)
  • vasto arsenale incorporato
  • emissione di raggi repulsori
  • emissione di raggi laser
Affiliazione
Parenti
  • Terrence Rhodes (padre)
  • Roberta Rhodes (madre)
  • Jeanette Rhodes (sorella)
  • Lila Rhodes (nipote)
  • Joshua Rhodes (zio)

War Machine, il cui vero nome è James Rupert "Rhodey" Rhodes, è un personaggio dei fumetti, creato da David Michelinie (testi) e Bob Layton (disegni), pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione avviene in Iron Man (Vol. 1[1]) n. 118 (gennaio 1979), sebbene la sua caratteristica armatura esordisca solo in seguito, ad opera di Len Kaminski (testi) e Kevin Hopgood (disegni), in Iron Man (Vol. 1[1]) n. 282 (luglio 1992).

Il tenente (poi tenente colonnello[4]) dei marine Rhodey Rhodes è un grande amico di Tony Stark (Iron Man) che, oltre che compagno di numerose avventure ne diviene anche il sostituto[5] durante il periodo in cui il miliardario cade nell'alcolismo[6].

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Philadelphia, Pennsylvania[7], da Terrence[8] e Roberta Rhodes[9], James ha una sorella maggiore, Jeanette, ed una nipote, Lila[8]. Divenuto adulto si arruolo negli United States Marine Corps dove ottiene il grado di tenente[7]; anni dopo, mentre è impegnato in un conflitto nel Sudest Asiatico, il suo elicottero viene abbattuto da un Viet Cong e, sopravvissuto allo schianto, fugge attraverso la giungla imbattendosi nell'industriale Tony Stark, appena fuggito dalla prigione del signore della guerra vietnamita Wong Chu; i due, collaborando, riescono a sconfiggere un gruppo di Viet Cong, a rubare un elicottero in una base aerea vietnamita e a ritornare alla più vicina base americana[10].

Prima di separarsi, Stark offre a Rhodey un lavoro alle Stark Industries come suo pilota personale, tuttavia l'uomo decide di accettare tale incarico solo dopo la fine della Guerra del Vietnam ed aver tentato varie altre carriere[7], tra cui il settore mercenario[11]. Col tempo Rhodey diventa uno dei migliori amici di Stark, nonché uno dei pochi al corrente della sua identità di Iron Man, che aiuta a combatterre la Roxxon Oil Company, Justin Hammer e Obadiah Stane.

Iron Man[modifica | modifica wikitesto]

Quando Stane si impossessa delle industrie Stark, Tony cade nell'alcolismo e diventa incapace di vestire i panni di Iron Man[6], motivo per il quale Rhodey (istruito sul funzionamento dell'armatura dallo scienziato Morley Erwin) diviene il nuovo Iron Man affrontando Magma[5], Thunderball[12], l'Uomo Radioattivo, il Mandarino e Zodiac. Inoltre, dopo che Tony riesce a smettere di bere rimettendosi in piedi, avvia, insieme a Erwin, sua sorella Clytemnestra e lo stesso Rhodey una una piccola ditta di componenti elettronici a Silicon Valley, la Circuits Maximus[13] inoltre, non volendo riprendersi l'armatura lascia che Rhodes continui a essere Iron Man, divenendo alleato dei Vendicatori della Costa Ovest[14] e partecipando delle Guerre Segrete[15]. Contemporaneamente però, inizia a soffrire di forti emicranee dovute all'uso prolungato dell'armatura, i cui componenti cibernetici del casco sono calibrati per il cervello di Stark; tale condizione gli provoca un brusco cambiamento emotivo che lo porta a diventare violento e paranoico, tanto da mettere in pericolo le vite di alcuni innocenti, cosa che spinge Stark a riassumere il ruolo di Iron Man e porre freno alla follia dell'amico[16] che, vergognandosi del suo comportamento, restiituisce l'armatura e si reca in pellegrinaggio dallo Sciamano per curarsi dal mal di testa[17].

Fatto ritorno alla Circuits Maximus, Rhodes resta coinvolto nell'esplosione di una bomba di Stane all'interno della società finendo all'ospedale, mentre Erwin vi trova la morte[18]. Dopo il conseguente scontro finale tra Stark e Stane, e la morte di quest'ultimo[19], le Stark Industries ritornano in mano del loro proprietario originale che offre a Rhodey la possibilità di operare come secondo Iron Man assieme a lui ma, questi, ritenendo che un secondo supereroe in armatura sia superfluo e mantenendo una certa riluttanza ad indossare nuovamente l'armatura, rifiuta[20]. Sebbene in seguito sia costretto ad indossarla nuovamente[21].

War Machine[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'apparente morte di Tony, Rhodey viene nominado amministratore delegato delle Stark Industries[22] ma, dopo la sua ricomparsa Rhodey, furioso, lo abbandona[23], non prima tuttavia, che il miliardario gli consegni l'armatura "Variable Threat Response Battle Suit, Model XVI, Mark I", costruita tempo prima[24] e, a detta di Tony, ideata apposta per Rhodey[25]. Assunta l'identità di War Machine, Rhodes intraprende dapprima la carriera di supereroe solitario[26] per poi tornare a collaborare con i Vendicatori della Costa Ovest[27][28] e l'organizzazione per limitare gli abusi dei diritti umani nota come Worldwatch Incorporated[29] con cui contribuisce alla liberazione dello stato africano dell'Imaya dalla dittatura, grazie anche all'appoggio dello S.H.I.E.L.D.[30]. Divenuto direttore esecutivo di Worldwatch, Rhodey si riappacifica finalmente con Tony dopo averlo assistito in un nuovo scontro con il Mandarino[31][32].

Eidolon Warwear[modifica | modifica wikitesto]

Rhodey con indosso la Eidolon Warwear, disegni di Jim Calafiore

Continuando le sue avventure in solitaria assieme a Worldwatch, Rhodey ha modo di fare un viaggio nel tempo che lo porta a combattere al fianco di Nick Fury, Capitan America, Bucky e gli Howling Commandos nella seconda guerra mondiale[33] dopodiché, una misteriosa aliena di nome Skye gli consegna un nuovo costume da guerra: la "Eidolon Warwear" dicendogli solo che "ne ha bisogno"[34]. Alleatosi dunque con la Vedova Nera, U.S. Agent e Occhio di Falco affronta dunque Tony Stark, caduto sotto il controllo di Immortus[35] e, dopo che questi si sacrifica nella battaglia finale sul satellite Starcore per permettere ai Vendicatori di sconfiggere l'entità che lo possiede, Rhodey si dimette dalla carica di direttore di Worldwatch[36] per fare ritorno all'idustria dell'amico, nel frattempo comprata dal colosso giapponese Fujikawa, e, proprio nel tentativo di impedire che questi si impossessino della tecnologia dell'amico, Rhodey compie una missione di sabotaggio che lo porta a perdere la nuova armatura[37].

Abbandonata la carriera supereroeistica, Rhodes ritorna alla vita civile e mette in piedi una sua azienda: la Rhodes Recovery[38] investendo inoltre nel gruppo Grace & Tumbalt, che aiuta i poveri nelle periferie delle grandi città[39], sebbene in seguito li scopra essere in realtà corrotti ed indirettamente responsabili della morte di sua sorella Janette poiché rifornitori di armi e droga delle varie gang cittadine[40]. Tali avvenimenti lo portano ad unirsi a un gruppo di vigilanti urbani chiamato The Crew[41].

Qualche tempo dopo un suo ex-commilitone, Parnell Jacobs[11], entra in possesso di alcuni frammenti dell'armatura originale di War Machine e ne costruisce una propria versione al fine di servirsene per entrare alle dipendenze di Madame Minaccia come mercenario[42].

Tempo dopo, durante la guerra civile dei superumani, viene assoldato dalla O*N*E (un'organizzazione governativa che tutela i mutanti) come istruttore dei cadetti della Squadra Sentinelle[43], ma lascia tale posizione non appena gli viene richiesto di catturare il vecchio amico Pantera Nera poiché dettosi contrario all'Atto di Registrazione dei Superumani[44].

L'Iniziativa e Secret Invasion[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Secret Invasion.

Gravemente danneggiato dopo aver salvato la vita di un uomo rimanendo coinvolto in un'esplosione a Dubai, Rhodey viene salvato da Stark tramite l'innesto di varie componenti cybernetiche e, tornato a vestire i panni di War Machine, aderisce all'Iniziativa dei 50 Stati diviene uno degli istruttori di Camp Hammond, il campo di addestramento per supereroi voluto da Tony Stark[45]. Assieme alle sue reclute prende parte alla guerra derivante dall'invasione segreta degli Skrull ma è costretto alla ritirata dopo una battaglia col barone Von Blitzschlag[46].

Successivamente affronta un intero plotone di Skrull nello spazio a bordo di un satellite occultato[47].

Dark Reign[modifica | modifica wikitesto]

War Machine, disegni di Leonardo Manco.
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Dark Reign.

Quando Norman Osborn subentra a Stark come direttore dello S.H.I.E.L.D., Iron Man diviene l'uomo più ricercato del mondo e, di conseguenza affronta in battaglia War Machine di modo da mostrare pubblicamente a Osborn che Rhodey non lo sta appoggiando in alcun modo, evitando così ripercussioni sull'amico, la cui coscienza viene, nel frattempo, trasferita in un corpo clonato[48]. Dopo la caduta dell'H.A.M.M.E.R. di Osborn, War Machine è tra gli eroi presenti al capezzale di Tony quando questi viene risvegliato dal coma[49].

Iron Man 2.0[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver brevemente militato nei Vendicatori Segreti, Rhodey veste nuovamente i panni di Iron Man nel periodo in cui Tony è intento a pianificare una strategia volta a porre fine agli attacchi mirati del Mandarino[50]; tornando poi ad operare sotto il governo nel Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti d'America in qualità di collegamento tra Stark e gli Stati Uniti svolgendo, per tale incarico, numerose missioni anti-terroristiche e ricevendo la promozione a tenente colonnello, nonché una nuova armatura: la "Iron Man 2.0"[4] con la quale prende parte anche agli eventi del periodo della paura[51].

Durante la missione di Tony fuori dal sistema solare assieme ai Guardiani della Galassia, Rhodey viene contattato da Coulson affinché diventi il nuovo Iron Patriot, mettendosi alla testa di una armata di droni[52] che, in seguito, vengono però ridipinti coi colori di War Machine[53].

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Rhodes è un eccellente meccanico, un abile stratega ed un marine finemente addestrato nel combattimento corpo a corpo, nell'uso delle armi da fuoco, nelle tecniche d'aviazione e in quelle sopravvivenza anche in condizioni estreme[7]. Nel corso degli anni ha inoltre utilizzato diverse armature, generalmente create da Stark.

Armature[modifica | modifica wikitesto]

Armatura Iron Man Mark V:

  • Prima apparizione: Iron Man (Vol. 1) n. 85 (aprile 1976)

La prima armatura indossata da Rhodey, durante il periodo in cui ha vestito i panni di Iron Man[5] è un modello in fibra di carbonio e acciaio alimentato ad energia solare che, oltre ad aumentare le capacità fisiche di chi la indossa conferisce è dotata di raggi repulsori su entrambi i palmi delle mani nonché dall'uni-raggio (una potente emissione d'energia dal generatore sul petto).

Armatura War Machine I e II:

  • Prima apparizione: Iron Man (Vol. 1) n. 282 (settembre 1992)

L'armatura "Variable Threat Response Battle Suit, Model XVI, Mark I" inizialmente creata da Stark per neutralizzare dei criminali immuni ai suoi raggi repulsori[24] e in seguito donata Rhodey[25], oltre ad essere dotata dei suddetti raggi, ad aumentare forza e velocità dell'idossatore e a garantire una resistenza tale da potersi assimilare all'invulnerabilità, possiede un sistema di puntamento automatico e armamenti pesanti specifici quali: il tri-raggio (raggio laser multi-banda: traente, olografico e ultravioletto) produttore di campo magnetico, lanciamissili di vario tipo (spalla destra), mitragliatrice Gatling (spalla sinistra), mitragliatrice a due canne (entrambi i polsi), lanciafiamme (polso destro), lama al plasma (polso sinistro), scudo magnetico (entrambi i polsi), caricatore di particelle per armi laser, nonché un dispositivo di volo tramite stivali propulsori, un sistema di respirazione autonomo e sonde estensibili.

In seguito sono state presentate due varianti dell'armatura: la "Mark I-A", dotata di raggio al plasma, emettitore di radiazioni e respiratore subacqueo[54] e la Mark I-B, dotata di dispositivo d'autodistruzione[55]. Mentre la seconda versione, la "Mark II", per aspetto molto simile alla prima[31] è dotata di migliorie quali: missili intelligenti, emettitore di pulsazioni, arsenale retrattile nella schiena e varie armi non letali.

Armatura Eidolon Warwear:

  • Prima apparizione: War Machine (Vol. 1) n. 18 (settembre 1995)

La Eidolon Warwear è una bio-armatura simbiotica di origine aliena che conferisce a Rhodes forza, agilità e resistenza sovrumana nonché di volare e sopravvivere fuori dall'atmosfera terrestre. Grazie alla sua natura mutaforma quando non è "attiva" si miniaturizza in un tatuaggio mandala sul petto dell'uomo che, per indossarla, deve semplicemente toccarlo. Generalmente il braccio destro è in grado di trasformarsi in un'arma simile a una spada, mentre il sinistro in un cannone laser ma in realtà è in grado di creare qualsiasi tipo d'arma di cui l'indossatore abbia bisogno jnonché di liberare vari tipi di energia o onde d'urto, fungere da sensore, connettersi ai sistemi elettronici, creare scudi di energia e droni capaci di eseguire comandi basilari autonomamente.

Armatura Sentinel Squad:

  • Prima apparizione: Sentinel Squad O*N*E' (Vol. 1) n. 1 (marzo 2006)

L'armatura indossata da Rhodey durante il periodo passato con la Squadra Sentinelle, è un'ufficiosa War Machine "Mark III" che ne combina il design originale con quello delle Sentinelle[43] tramite miglioramenti apportati alla tecnologia S.H.I.E.L.D. dallo stesso Tony Stark. In questo periodo l'uomo pilota inoltre una gigantesca Sentinella nota col nome in codice di "War Machine".

Armatura Stanetech:

  • Prima apparizione: Avengers: The Initiative (Vol. 1) n. 1 marzo 2007)

L'armatura "Mark IV", dotata di armamenti pesanti in maniera simile all'originale è basata sulla tecnologia di Obadiah Stane di modo da renderla immune ad eventuali attacchi operati con mezzi tecnologici delle Stark Industries. Realizzata tramite una lega mista di titanio e vibranio del Wakanda, l'armatura contiene inoltre numerosi supporti vitali dediti al sostentamento delle protesi cybernetiche di Rhodes[45]. I miglioramenti bellici prevedono una modalità stealth, un dispositivo di sopravvivenza subacqueo e iperspaziale[47], generatore sonico, emettitore di pulsazioni, mitragliatrici, lanciarazzi, granate, "uni-raggio", interazione coi sistemi elettronici e la capacità di auto-migliorarsi integrando altre armi e tecnologie. Dopo che la coscienza di Rhodey viene trasferita in un clone del suo corpo originale, viene realizzata una versione non cybernetica dell'armatura[48].

Iron Man e War Machine, disegni di Salvador Larroca.

Armatura War Machine V:

  • Prima apparizione: Secret Avengers (Vol. 2) n. 1 (maggio 2010)

La "Variable Threat Response Battle Suit, Mark V", simile nel design alla versione cinematografica riprende armamenti mostrati nelle versioni precedenti quali mitragliatrici e lanciarazzi sulle spalle.

Armatura War Machine Iron Man 2.0:

  • Prima apparizione: Iron Man 2.0 (Vol. 1) n. 3 (giugno 2011)

La versione Iron Man 2.0 dell'armatura di War Machine, a differenza delle versioni precedenti, non presenta alcun visibile armamento pesante e, al contrario è d'aspetto agile e sottile in quanto pensata per l'infiltrazione e le manovre furtive[4]. Di colore argento metallizzato con dettagli neri è dottata di dispositivo mimetico, del dispositivo di intangibilità di Fantasma nonché della capacità di incrementare il suo volume ed estrarre un'enorme quantità di armi nascoste. Tuttavia si rivela dotata cneh di numerosi difetti, quali la tendenza a incepparsi dei raggi repulsori, il disorientamento del pilota quando è attivo il dispositivo mimetico e l'impossibilità di tenere attivo contemporaneamente quest'ultimo e la modalità intangibile.

Armatura Iron Patriot:

  • Prima apparizione: Gambit (Vol. 3) n. 13 (maggio 2013)

Armatura di War Machine dipinta con colori ispirati all'Iron Patriot di Norman Osborn, oltre a possedere l'armamentario pesante della "Mark V" e le capacità mimetiche della "2.0", l'armatura dispone di generatori d'energia elettrica incapacitanti e del controllo su un esercito di droni[52].

Altre Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Amalgam[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Amalgam Comics.

Nell'universo Amalgam, Stewart Rhodes (unione tra James Rhodes e John Stewart) è un pilota esperto di meccanica impiegato nella società aeronautica di Hal Stark/Iron Lantern (unione tra Hal Jordan e Tony Stark) di cui conosce l'identità segreta[56].

1602[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: 1602 (fumetto).

In 1602, Rhodes è un moro al servizio di Lord Iron[57].

MC2[modifica | modifica wikitesto]

Nel futuro alternativo di MC2, Rhodey si è sottoposto a un trattamento sperimentale a base di naniti che gli ha conferito forza sovrumana e invulnerabilità riducendolo però a poco più di un automa privo di personalità[58].

Marvel Noir[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie Iron Man Noir, James "Jimmy" Rhodes è un amico ed assistente di Tony che, verso la fine della narrazione sviluppa un'armatura simile alla sua e dotata di mitragliatrice[59].

Marvel Zombi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Marvel Zombi.

Nella serie Marvel Zombi, Rhodey è presente in ognuno degli spin-off ed è uno dei pochi personaggi che riesce a sopravvivere fino alla fine della storia senza venire zombieficato, assumendo il nuolo di nuovo Iron Man[60] ed amputandosi le parti del corpo infettate dai morsi degli zombie fino a trasformarsi in una sorta di cyborg[61].

U.S. War Machine[modifica | modifica wikitesto]

Nella miniserie in bianco e nero U.S. War Machine, edita da Marvel MAX, viene presentato un Rhodey più violento e crudele che viene licenziato da Stark dopo aver ucciso a sangue freddo alcuni membri dell'A.I.M.[62]. Successivamente contattato da Nick Fury, l'uomo viene messo a capo di un'unità di agenti dotati di armature ricavate dallo S.H.I.E.L.D. sulla base della tecnologia della sua[63]. Tale gruppo, chiamato "U. S. War Machine" e composto, tra gli altri, da Dum Dum Dugan, Parnell Jacobs e Sheva Joseph, viene mandato in missione contro l'A.I.M. e l'HYDRA[64].

Nel sequel, U. S. War Machine 2.0, l'unità ingaggia una guerra privata con la squadra d'élite assemblata da Stark, furioso della loro esistenza[65] tuttavia, in seguito, i due gruppi collaborano, anche assieme a Capitan America, Bucky, Sam Wilson e Clint Barton per impedire al Dottor Destino di far esplodere il London Eye.

Ultimate[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Ultimate Iron Man.

Nell'universo Ultimate, Rhodes è un compagno di studi di Tony con cui questi stringe amicizia al liceo[66] ed assieme al quale sviluppa una coppia di armature (Iron Man e War Machine) con le quali sventano i piani criminali di Loni e Obadiah Stane[67]; sebbene tale versione si scopra poi essere solo un romanzato film TV sulla vita degli Stark[68].

Il vero James Rhodes è un colonnello agli ordini di Nick Fury che, per motivi ignoti, sembra portare rancore verso Stark ed è noto come "War Machine" per la sua spietatezza e per la potente armatura che indossa[69]. Opera il reclutamento forzato di Capitan America ed altri superumani durante la riattivazione del "Programma: Avengers" dimostrando di non farsi scrupoli nemmeno a minacciare bambini o ferire degli innocenti, tanto che la sua sola preoccupazione sembra essere non creare uno "scandoalo politico"[70]. Si riconcilia con Iron Man nel momento in cui questi deve affrontare il Mandarino[71].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Iron Man (film), Iron Man 2, Iron Man 3 e Avengers: Age of Ultron.
Terrence Howard TIFF 2011.jpg Don Cheadle UNEP 2011 (cropped).jpg
Terrence Howard (sinistra) e Don Cheadle (destra), interpreti di Rhodey Rhodes/War Machine nel Marvel Cinematic Universe.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

War Machine e Iron Man nel videogame Iron Man 2.
  • Nel videogioco Iron Man 2, ispirato all'omonimo film War Machine è, assieme a Iron Man, il personaggio principale.
  • In Marvel Super Hero Squad Online, War Machine è un personaggio giocabile.
  • War Machine ha un cameo nell'ending di Occhio di Falco in Ultimate Marvel vs. Capcom 3.
  • In Marvel: Avengers Alliance, War Machine è un personaggio giocabile.
  • War Machine e Iron Patriot sono personaggi giocabili in LEGO Marvel Super Heroes.
  • Iron Patriot è la spalla di Iron Man in Disney Infinity: Marvel Super Heroes.
  • War Machine è un personaggio giocabile nell'edizione 2015 di Marvel Heroes.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  2. ^ Iron Man
  3. ^ Iron Man 2, Iron Man 3, Avengers: Age of Ultron
  4. ^ a b c Iron Man 2.0 (Vol. 1) n. 1-3 (aprile-giugno 2011)
  5. ^ a b c Iron Man (Vol. 1) n. 170 (maggio 1983)
  6. ^ a b Iron Man (Vol. 1) n. 167 (febbraio 1983)
  7. ^ a b c d Iron Man (Vol. 1) n. 118 (gennaio 1979)
  8. ^ a b Iron Patriot (Vol. 1) n. 1 (maggio 2014)
  9. ^ Iron Man (Vol. 1) n. 173 (agosto 1983)
  10. ^ Iron Man (Vol. 1) n. 144 (marzo 1981)
  11. ^ a b Iron Man (Vol. 3) n. 11 (dicembre 1998)
  12. ^ Iron Man (Vol. 1) n. 171 (giugno 1983)
  13. ^ Iron Man (Vol. 1) n. 184 (luglio 1984)
  14. ^ West Coast Avengers (Vol. 1) n. 1 (settembre 1984)
  15. ^ Secret Wars (Vol. 1) n. 1-8 (maggio 1984-aprile 1985)
  16. ^ Iron Man (Vol. 1) n 189-192 (dicembre 1984-marzo 1985)
  17. ^ Iron Man (Vol. 1) n 195 (giugno 1985)
  18. ^ Iron Man (Vol. 1) n. 199 (ottobre 1985)
  19. ^ Iron Man (Vol. 1) n. 200 (novembre 1985)
  20. ^ Iron Man (Vol. 1) n. 244 (luglio 1989)
  21. ^ Iron Man (Vol. 1) n. 267-275 (aprile-dicembre 1991)
  22. ^ Iron Man (Vol. 1) n. 284 (settembre 1992)
  23. ^ Iron Man (Vol. 1) n. 289 (febbraio 1993)
  24. ^ a b Iron Man (Vol. 1) n. 282 (luglio 1992)
  25. ^ a b Iron Man (Vol. 1) n. 293 (aprile 1993)
  26. ^ Iron Man (Vol. 1) n. 300 (gennaio 1994)
  27. ^ Avengers West Coast (Vol. 1) n. 94 (maggio 1993)
  28. ^ Avengers West Coast (Vol. 1) n. 102 (gennaio 1994)
  29. ^ War Machine (Vol. 1) n. 1 (aprile 1994)
  30. ^ War Machine (Vol. 1) n. 4 (luglio 1994)
  31. ^ a b Iron Man (Vol. 1) n. 312 (gennaio 1995)
  32. ^ War Machine (Vol. 1) n. 12 (marzo 1995)
  33. ^ War Machine (Vol. 1) n. 17 (agosto 1995)
  34. ^ War Machine (Vol. 1) n. 19 (ottobre 1995)
  35. ^ War Machine (Vol. 1) n. 23 (febbraio 1996)
  36. ^ War Machine (Vol. 1) n. 25 (aprile 1996)
  37. ^ Tales of the Marvel Universe (Vol. 1) n. 1 (febbraio 1997)
  38. ^ Iron Man (Vol. 3) n. 1 (febbraio 1998)
  39. ^ The Crew (Vol. 1) n. 1 (luglio 2003)
  40. ^ The Crew (Vol. 1) n. 2-3 (agosto-settembre 2003)
  41. ^ The Crew (Vol. 1) n. 4-7 (ottobre 2003-gennaio 2004)
  42. ^ Iron Man (Vol. 3) n. 19 (agosto 1999)
  43. ^ a b Sentinel Squad O*N*E (Vol. 1) n. 1 (marzo 2006)
  44. ^ Black Panther (Vol. 4) n. 22 (gennaio 2007)
  45. ^ a b Avengers: The Initiative (Vol. 1) n. 1 (giugno 2007)
  46. ^ Avengers: The Initiative (Vol. 1) n. 15-16 (settembre-ottobre 2008)
  47. ^ a b Iron Man (Vol. 4) n. 33-35 (novembre 2008-gennaio 2009)
  48. ^ a b War Machine (Vol. 2) n. 10-12 (dicembre 2009-febbraio 2010)
  49. ^ The Invincible Iron Man (Vol. 1) n. 21 (febbraio 2010)
  50. ^ The Invincible Iron Man (Vol. 1) n. 517-527 (luglio-dicembre 2012)
  51. ^ Iron Man 2.0 (Vol. 1) n. 5-7 (luglio-settembre 2011)
  52. ^ a b Secret Avengers (Vol. 2) n. 3-6 (giugno-settembre 2013)
  53. ^ Avengers (Vol. 5) n. 39 (febbraio 2015)
  54. ^ Iron Man (vol. 1) n. 284 (settembre 1992)
  55. ^ Iron Man (vol. 1) n. 313 (febbraio 1995)
  56. ^ Iron Lantern (Vol. 1) n. 1 (aprile 1997)
  57. ^ 1602: New World (Vol. 1) n. 3 (novembre 2005)
  58. ^ Spider-Girl (Vol. 1) n. 95 (aprile 2006)
  59. ^ Iron Man Noir (Vol. 1) n. 4 (settembre 2010)
  60. ^ Marvel Zombies Return (Vol. 1) n. 4 (novembre 2009)
  61. ^ Marvel Zombies Return (Vol. 1) n. 5 (novembre 2009)
  62. ^ U. S. War Machine (Vol. 1) n. 1 (novembre 2001)
  63. ^ U. S. War Machine (Vol. 1) n. 2 (novembre 2001)
  64. ^ U. S. War Machine (Vol. 1) n. 3 (novembre 2001)
  65. ^ U. S. War Machine (Vol. 2) n. 1 (novembre 2003)
  66. ^ Ultimate Iron Man (Vol. 2) n. 1-2 (febbraio-marzo 2008)
  67. ^ Ultimate Iron Man (Vol. 2) n. 4 (maggio 2008)
  68. ^ Ultimate Comics: Ultimate Avengers vs New Ultimates (Vol. 1) n. 3 (giugno 2011)
  69. ^ Ultimate Comics: Avengers (Vol. 1) n. 3 (dicembre 2009)
  70. ^ Ultimate Comics: Avengers (Vol. 2) n. 1-6 (giugno-ottobre 2010)
  71. ^ Ultimate Comics: Iron Man (Vol. 1) n. 2-4 (gennaio-marzo 2013)
  72. ^ Newsarama, Forum.newsarama.com, 2 maggio 2008. URL consultato il 16 novembre 2010.
  73. ^ Iron Man 2 Up Close: Don Cheadle | Iron Man | Movie & TV News | News, Marvel.com, 7 maggio 2010. URL consultato il 12 dicembre 2010.
  74. ^ Borys Kit, Don Cheadle joins 'Iron Man 2', THR, 14 ottobre 2008. URL consultato il 17 ottobre 2008.
  75. ^ EXCLUSIVE! Iron Patriot is NOT in ‘Iron Man 3′, Latino Review, 4 giugno 2012. URL consultato l'8 giugno 2012.
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics