Spiritismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salone parigino con tavolini girevoli (tables tournantes), la pratica spiritica più nota. Dalla rivista L'Illustration, 1853).

Lo spiritismo è una dottrina filosofica apparsa nel 1857 in Francia, codificata da Allan Kardec (pseudonimo del pedagogista francese Hippolyte Léon Denizard Rivail) all'intero di cinque libri: Il libro degli Spiriti, Il libro dei medium, Il Vangelo secondo gli Spiriti, Il Cielo e l'Inferno e La Genesi. Il termine "Spiritismo" fu adottato per evidenziare i nuovi postulati rispetto alle altre visioni spiritualiste della vita.

Nelle sue ricerche egli osservò una serie di fenomeni e formulò l'ipotesi che tali fenomeni potessero essere attribuiti solamente a intelligenze incorporee (spiriti). Le comunicazioni spiritiche avverrebbero "grazie all'intervento di un medium", ossia una persona con particolari doti che fungerebbe da mediatore fra spiriti e viventi, durante la cosiddetta seduta spiritica. La sua ipotesi di comunicazione con gli spiriti fu inoltre oggetto di studio da parte di alcuni istituti privati di ricerca parapsicologica[1] che hanno studiato tali fenomeni e che ne continuano le ricerche tuttora in vari paesi del mondo. La sua opera fu successivamente proseguita da Leon Denis, Sir Arthur Conan Doyle, Ernesto Bozzano, Chico Xavier, Divaldo Pereira Franco, Raul Teixeira e altri.

Lo Spiritismo ha decine di milioni di seguaci in molti paesi del mondo, inclusa Francia, Spagna, Stati Uniti, Giappone, Germania, Inghilterra, Argentina, Portogallo e soprattutto Brasile, dove ha la diffusione maggiore che in ogni altro Stato.[2]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Primo congresso internazionale spiritista, Barcellona 1888

Il termine spiritismo (fr. spiritisme) fu utilizzato da Allan Kardec nella sua introduzione de Il libro degli spiriti (Le Livre des Esprits), pubblicato il 18 aprile 1857, nel quale egli riportò i risultati di due anni delle sue investigazioni sui cosiddetti fenomeni paranormali e di interviste nelle quali Kardec e il suo gruppo dialogavano con gli spiriti, attraverso svariati medium francesi. Le questioni contenute nel libro riguardano Dio, cosa accade prima della nascita e dopo la morte, le leggi alla base dei fenomeni paranormali, il messaggio del Cristo, la responsabilità per le azioni degli uomini, la descrizione del mondo dell'aldilà, l'evoluzione morale e spirituale dell'uomo.

Tuttavia, proprio come il termine demone (il quale nella mitologia greca indicava semplicemente entità sovrannaturali e spiriti, senza nessuna connotazione maligna), la parola "spiritismo" fu adottata dai non spiritisti come un termine dispregiativo per tutti i movimenti e religioni che praticavano la medianità attribuendo loro il concetto del male, nel tentativo di demonizzare lo Spiritismo e le altre religioni, come Candomblé, Cao Dai, Santería, Quimbanda, Santo Daime.

Lo spiritismo iniziò come parte del movimento spiritualista che sorse nella metà del 1800. In senso lato, spiritualismo è un qualsiasi movimento filosofico o religioso che si oppone al materialismo. In senso stretto, è un qualsiasi movimento che crede all'esistenza di entità spirituali e che gli esseri umani possano comunicare con loro e avere facoltà medianiche. Perciò lo Spiritismo è Spiritualista.

Kardec e Sir Arthur Conan Doyle[3] confermarono che lo Spiritismo è Spiritualista (ma non viceversa). Come conseguenza, molti studi sullo spiritualismo furono largamente accettati nello spiritismo, in particolare gli studi dei fisici Sir William Crookes[4], Sir Oliver Lodge e altri.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le sorelle Fox. Gli scettici ritengono che usassero dei trucchi. Una delle sorelle confessò tale circostanza, ritrattando poco dopo.
Ritratto di Allan Kardec (1804-1869), considerato il fondatore (o codificatore) dello spiritismo. Dalla rivista L'Illustration, 1869.

Dopo il 1848, con gli apparenti fenomeni paranormali prodotti dalle sorelle Fox, l'America e in seguito l'Europa furono invase da pratiche somiglianti che erano diffuse nelle diverse classi sociali[5]. Nel giornale L'Illustration del 14 maggio 1853 si leggeva: "Tutta l'Europa, cosa dico, l'Europa? Tutto il mondo ha oggi lo spirito disturbato da una esperienza che consiste in farsi muovere dei tavoli. Galileo fece meno rumore quando provò che era infatti la Terra che girava intorno al sole".[6]

Allan Kardec fu il primo a tentare di indagare in modo sistematico i fenomeni spiritici; dopo anni di ricerche si convinse della loro realtà iniziò a divulgarne gli insegnamenti, pubblicando a proprie spese Il libro degli spiriti, considerato il testo base dello spiritismo, che ottenne subito un enorme successo. Nel 1861 pubblicò quindi Il libro dei medium, dove descrisse i vari tipi di facoltà medianiche e i metodi per dar modo a chiunque di dialogare con gli spiriti ed apprendere la dottrina direttamente da essi. Questo scatenò immediatamente la reazione degli ecclesiastici cattolici, i quali iniziarono una durissima repressione in tutta Europa, mettendo all'indice i libri di Kardec e vietando categoricamente ogni tipo di pratica spiritica. Si arrivò persino a bruciare in piazza a Barcellona i libri di Kardec, considerandoli opera diabolica.[7]

Kardec completò i cinque principali testi chiave dello spiritismo con le opere Il Vangelo secondo gli spiriti, Il cielo e l'Inferno (La Giustizia Divina secondo gli spiriti) e La Genesi (Miracoli e premonizioni secondo gli spiriti). Dopo la pubblicazione di questi testi sorsero migliaia di centri spiritici in molti paesi del mondo, nonostante la repressione cattolica, e in particolare in Brasile, dove lo spiritismo si integrò facilmente con la cultura e la tradizione locali. Nel 1870 lo spiritismo contava già 10 milioni di seguaci, che diventarono oltre 15 milioni nel 1890.[8]

Dopo Kardec, l'elaborazione della dottrina spiritista fu proseguita dall'ing. Gabriel Delanne e da Ernesto Bozzano negli aspetti scientifici e da Leon Denis e Chico Xavier negli aspetti filosofici.

Lo spiritismo come dottrina filosofica[modifica | modifica wikitesto]

Lo spiritismo, come dottrina filosofico-religiosa derivante dagli insegnamenti degli spiriti, predica la carità, l'umiltà, la solidarietà, l'abnegazione e la fratellanza universale per il progresso morale dell'umanità, in contrapposizione all'egoismo, all'orgoglio e al materialismo, richiamandosi agli insegnamenti di Gesù Cristo, al quale gli spiritisti sono devoti.

Lo spiritismo si basa sulla convinzione che gli spiriti non siano altro che le anime disincarnate degli uomini. L'unica differenza tra uomini e spiriti è solo quella che i primi sono temporaneamente incarnati in un involucro corporeo. Già lo scienziato Emanuel Swedenborg scriveva: "Dopo che lo spirito si è separato dal corpo (il che succede quando una persona muore), quella persona è ancora viva, proprio com'era prima"[9].

La dottrina non ammette la presenza di angeli o demoni come esseri separati dalla creazione divina, ma solo come spiriti con maggiore o minore evoluzione spirituale. I demoni quindi sarebbero spiriti non ancora moralmente evoluti e gli angeli al contrario spiriti già arrivati a un alto livello di perfezione morale. Lo spiritismo parimenti non ammette l'inferno come luogo di espiazione eterna delle pene, in quanto secondo la dottrina Dio vuole l'evoluzione spirituale di tutti i suoi figli e non sarebbe logico condannarli per l'eternità sulla base di errori momentanei.

Lo spiritismo si fonda sui concetti di immortalità dell'anima, di pluralità delle esistenze, della non eternità delle pene e offre una spiegazione della reincarnazione, vista non come un infinito ciclo di sofferenze senza scopo, ma come un progressivo perfezionamento morale di esperienze terrene, il quale termina una volta raggiunto uno stadio di progresso morale avanzato. Secondo la dottrina, in altri termini, si incarna solo chi ha la necessità di purificarsi da difetti morali.

La dottrina spiritista studia tutta la fenomenologia riguardante l'evento della nascita (cd. incarnazione) e della morte (cd. disincarnazione) o ritorno allo stato di spirito, tutti i fenomeni relativi alle apparizioni, materializzazioni, infestazioni, possessioni e alle comunicazioni spiritiche.

Critiche allo spiritismo[modifica | modifica wikitesto]

Lo spiritismo è stato criticato aspramente sin dai suoi inizi, sia da parte degli scettici, sia da parte dei religiosi cattolici e protestanti. Nonostante ciò è da notare come in Brasile, attraverso l'opera di Chico Xavier, molti non aderenti allo Spiritismo frequentano le riunioni di assistenza spirituale, studio ed eventi del movimento spiritista(Espiritismo).

Lo spiritismo come "scienza"[modifica | modifica wikitesto]

Secondo diversi studiosi di parapsicologia[10] lo spiritismo sarebbe una scienza, in quanto gli esperimenti sarebbero condotti con metodo scientifico e in quanto le ricerche mirerebbero a spiegare le leggi naturali alla base dei fenomeni, considerati naturali e non sovrannaturali.

Per la comunità scientifica, lo spiritismo invece non può essere considerato una scienza poiché non c'è alcuna pubblicazione o sperimentazione che comprovi la ripetibilità del fenomeno in condizioni di controllo; ogni qual volta gli scettici hanno effettuato esperimenti, nessun fenomeno è stato osservato.[11][12] Gli stessi parapsicolgi hanno ammesso la difficoltà di fare accettare le loro ricerche alla comunità scientifica.[13]

Nessuna rivista indipendente riconosciuta dalla comunità scientifica, come ad esempio Nature, ha mai pubblicato studi volti a provare l'esistenza dello spiritismo o di altri fenomeni paranormali.

Esiste inoltre un "Premio di un milione di dollari" messo in palio dal prestigiatore e debunker James Randi a chiunque sia in grado di produrre un qualsiasi fenomeno paranormale purché in condizioni di controllo.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi James Randi.

Spiritismo e cristianesimo[modifica | modifica wikitesto]

La religione cristiana, in ogni sua confessione, ha sempre combattuto la comunicazione con gli spiriti, considerata di per sé reale, ma interpretata come opera di natura luciferina e demoniaca, pertanto vietata poiché considerata pratica satanica eminentemente maligna, e come tale potenzialmente pericolosissima[14] per via di un divieto biblico della legge mosaica[15] che proibisce ogni forma di divinazione.

Kardec obietta ai cristiani che, se le comunicazioni sono precedute da sincere preghiere a Dio e fatte rispettosamente con ottime intenzioni, non vi sarebbe nulla di diverso da una comunicazione tra persone civili viventi, in quanto, secondo l'ottica spiritista, gli spiriti non sono altro che le anime degli uomini. Al contrario, secondo gli spiritisti, se condotte al di fuori di un contesto di preghiera a Dio e solo per frivola curiosità o per divinazione allora il rischio di imbattersi in entità malevole è molto elevato e pericoloso. Anche gli spiritisti condannano senza riserve la divinazione, ossia la richiesta di prevedere il futuro o la fortuna, in quanto, secondo la dottrina, gli spiriti non conoscerebbero affatto il futuro[16].

Malgrado la posizione nettamente contraria allo spiritismo da parte del magistero, non sono mancate alcune limitate eccezioni di ecclesiastici cattolici che hanno manifestato alcune aperture e si sono interessati al colloquio con i defunti, rimanendo sempre all'interno di un contesto di preghiera e di rispetto a Dio. Tra questi vengono ricordati padre Ulderico Pasquale Magni e padre Andreas Resch, il quale condusse esperimenti in prima persona e tenne persino dei corsi in Vaticano[17].

Il teologo padre François Brune, autore del libro I morti ci parlano, ha sostenuto che gli studi di padre Agostino Gemelli rettore dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e padre Pellegrino Ernetti sarebbero stati appoggiati da papa Pio XII il quale avrebbe detto: "Caro padre Gemelli, non ha davvero nessun motivo di preoccuparsi. L'esistenza di queste voci è un fatto rigorosamente scientifico. Questo esperimento potrebbe divenire la pietra angolare di un edificio per gli studi scientifici che rafforzerà la fede della gente nell'Aldilà".[17] Tale posizione non è condivisa dalla storiografia.

Papa Paolo VI avrebbe scritto inoltre che "In Vaticano ho incontrato un atteggiamento favorevole nei confronti della metafonia"[18] quando nominò Friedrich Jürgenson, famoso ricercatore del fenomeno delle voci elettroniche, Cavaliere dell'Ordine di S. Gregorio.

Padre Pistone, Superiore della Società di San Paolo in Inghilterra, dopo i colloqui con i defunti rilasciò la seguente dichiarazione: "Nelle Voci non vedo niente di contrario agli insegnamenti della Chiesa Cattolica; sono qualcosa di straordinario ma non c'è ragione di temerle, né vedo alcun pericolo"[19][20].

Il Giusto Reverendo Mons. Prof. C. Pfleger commentò: "I fatti ci hanno dato la consapevolezza che fra la morte e la risurrezione c'è un altro stadio di esistenza post mortem. La teologia cristiana ha poco da dire riguardo a questo stadio"[19]

Padre Gino Concetti, uno dei teologi più competenti del Vaticano, ha detto in una intervista: "Secondo il catechismo moderno, Dio consente ai nostri cari defunti, che vivono in una dimensione ultra-terrena, di inviare messaggi per guidarci in certi momenti difficili della nostra vita. La Chiesa ha deciso di non proibire più il dialogo con i morti, a condizione che questi contatti siano motivati da seri propositi religiosi e scientifici"[21].

Il cugino di papa Pio XII, Gebhard Frei, noto parapsicologo a livello internazionale e presidente della Società Internazionale dei Parapsicologi Cattolici affermò: "Tutto ciò che ho letto e sentito mi obbliga a credere che le voci provengono da entità trascendentali e individuali. Mi piaccia o no, non ho il diritto di dubitare della genuinità delle voci"[17].

La Chiesa d'Inghilterra istituì un comitato per esaminare le prove sulla medianità. Dopo due anni di approfonditi studi e sedute con i più dotati medium d'Inghilterra, giunse alla conclusione che "L'ipotesi che, in alcuni casi, le comunicazioni spiritiche provengono da spiriti disincarnati, è corretta"[22]

Tuttavia, nonostante queste aperture, la posizione ufficiale della Chiesa Cattolica e Protestante rimane quella di proibire i tentativi di comunicazione tra fedeli e spiriti in ogni caso.

Presunta fenomenologia medianica[modifica | modifica wikitesto]

La fenomenologia medianica si afferma che sia notevolmente ricca e varia ed in continuo aggiornamento grazie agli studi effettuati dagli parapsicologi.

Il tavolino[modifica | modifica wikitesto]

Sicuramente è la pratica più nota e la sua scoperta come possibile mezzo di comunicazione con l'aldilà risale alle sorelle Fox. I fautori dello spiritismo sostengono che al culmine di un crescendo di vibrazioni e di battiti sulle pareti e sui mobili, anche il tavolino comincia a sollevarsi e a ricadere battendo le lettere dell'alfabeto.

Gli scettici affermano che esiste un trucco dietro ad ogni atto anche dato dal fatto che tali fenomeni, non sono stati mai rilevati in condizioni di controllo.[23]

Ouija Planchette Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ouija.

Sono strumenti utilizzati per le comunicazioni medianiche: la ouija è una tavoletta rettangolare sulla quale sono incisi numeri, lettere e altri simboli. Tramite l'uso di un puntatore la "presenza" può formare, muovendolo, frasi di senso compiuto.

La planchette è un ouija con in più una matita, per consentire la scrittura automatica.

Il tabellone è un foglio di carta con sopra lettere e i numeri sul quale si appoggia un bicchiere (o si utilizza un pendolo) che muovendosi forma parole una dopo l'altra.

Gli scettici affermano che questi fenomeno sono frutto di suggestione: è lo stesso soggetto a muovere inconsapevolmente l'oggetto tramite quelli che vengono chiamati movimenti muscolari involontari o reazioni ideomotorie[24]

La scrittura automatica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Scrittura automatica.

Secondo gli spiritisti, è il fenomeno secondo cui un medium scrivente, ossia una persona dotata di questo particolare dono, scrive dei testi, guidata da un'intelligenza estranea, o spirito, che prenderebbe il controllo del braccio e della mano.

Gli scettici attribuiscono l'origine delle parole direttamente allo scrivente attraverso i cosiddetti automatismi. Gli automatismi sono particolari comportamenti guidati da associazioni inconsce.[25]

La creatività medianica[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta dell'insieme di opere artistiche letterarie, musicali, pittoriche, scultoree realizzate dai medium in stato di trance. Secondo i fautori dello S. gli autori delle opere sarebbero in realtà gli spiriti di artisti defunti, i quali si servirebbero del medium in modo meccanico. I medium in genere, al di fuori dello stato di trance, non avrebbero doti artistiche di rilievo.

Calchi medianici e impronte[modifica | modifica wikitesto]

La tecnica utilizzata è quella usata per ottenere stampi di paraffina. Durante le sedute dei medium le entità vennero invitate ad immergere una parte di sé nella bacinella e alla fine del processo tecnico uscirono fuori stampi di dita e di mani.
Il fenomeno è riproducibile utilizzando un trucco consistente nell'uso di un guanto di gomma dapprima pieno d'acqua e poi svuotato in un secondo tempo.

Xenoglossia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Xenoglossia.

Generalmente, si parla di xenoglossia quando il medium si esprime e/o scrive in una lingua straniera che, in condizioni normali, a detta degli studiosi, non conosce e che neppure i presenti conoscono.

Secondo gli scettici un esame dettagliato di questi casi ha portato a concludere che le persone oggetto dei suoi studi non sembravano conoscere veramente la lingua in questione, ma sembravano piuttosto conoscere un numero limitato di parole di quella lingua e utilizzavano sempre queste per rispondere, in modo stereotipato, alle domande degli studiosi.[26]

Materializzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Consisterebbe nella formazione concreta di oggetti o di entità provviste di corpo tangibile durante le sedute. Gli studiosi sostengono che dagli orifizi del medium fuoriesca un ectoplasma, cioè una misteriosa sostanza bianca, luminosa e semifluida, proveniente dal pancreas. L'ectoplasma è sensibile alla luce e mostra, affermano gli esperti, una certa intelligenza per i movimenti e per le forme visualizzate. Il fenomeno può durare anche delle ore e può essere fotografato e ripreso con telecamere.

Il Dott. Glen Hamilton nel suo laboratorio e in condizioni che lui afferma essere rigorosamente controllate collocò una batteria di quattordici macchine fotografiche dotate di flash e azionate elettronicamente che fotografavano le apparizioni simultaneamente da tutti gli angoli[27]. Ciascuno degli otto ricercatori affermò con forza e in maniera inequivocabile: "Ho visto ripetutamente persone decedute materializzarsi"[28]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Society for Psychical Research, la American Society for Psychical Research, l'Institut Metapsychique International, la Parapsychological Association, il Laboratorio di ricerca dell'Università di Princeton, la Parapsychological Foundation, l'International Institute of Projectiology and Conscientiology, il Boundary Institute, l'Istituto di Psicologia Paranormale in Argentina, l'Istituto Latinoamericano di Parapsicologia, l'Istituto Universitario di Parapsicologia in Olanda, l'IANDS Associazione Internazionale per gli studi di premorte (USA) e altri. Tra le italiane: l'Associazione Italiana Scientifica di Metapsichica (Milano), 1946 e il Centro Italiano di Parapsicologia a Napoli.
  2. ^ Viaggio tra gli spiriti (p.25), Massimo Polidoro, ed. Sugarco, 1995
  3. ^ Sir Arthur Conan Doyle. Storia dello spiritualismo
  4. ^ Sir William Crookes, Ricerche sui fenomeni dello spiritualismo
  5. ^ Pesoli, 1999; Doyle 1926
  6. ^ Aubrée e Laplantine, 1990
  7. ^ Journal of Parapsychology, Vol.58, 1994
  8. ^ Il romanzo della parapsicologia, Massimo Inardi
  9. ^ Swedenborg, Paradiso e Inferno: 437
  10. ^ Allan Kardec, Gary Schwartz e altri sopra menzionati
  11. ^ (EN) Medium nello Skeptics' Dictionary
  12. ^ (EN) Spiritualismo nello Skeptics' Dictionary
  13. ^ (EN) FAQ of the Parapsychological Association
  14. ^ Cesnur, Lo Spiritismo, Massimo Introvigne
  15. ^ "Mosè non voleva che si indagasse dai morti la verità" (Deuteronomio 18:11; Lv 19,31 e 20,6; Is 8,19; 1 Cron 10, 13-14; 1 Sam, 28)
  16. ^ Allan Kardec, Il Libro dei Medium, Ed. Mediterranee, Roma
  17. ^ a b c Conversations Beyond the Light, Dr. Pat Kubris e Mark Macy, Ed. Griffin, 1995
  18. ^ Handbook of PSI Discoveries Abacus, Sheila Ostrander e Lynn Schroeder (1977) Ed. Sphere Books, Londra
  19. ^ a b Voices From the tapes: Recordings from the other world, Peter Bander, Ed. Drake, New York 1973
  20. ^ Gerry Connelly, The Afterlife for the Atheist, 1995, Ed. Domra Publications
  21. ^ I Mondi Sottili, Jean Prieur, Ed. Hermes, 2000; La Stampa di Torino del 28/11/1996
  22. ^ John G. Fuller, Psychic Press, Londra 1979
  23. ^ Dal pendolo al tavolino sul sito del Cicap
  24. ^ Spirti e tazzine sul sito del Cicap
  25. ^ La scrittura automatica sul sito del Cicap
  26. ^ Xenoglossia sul sito del Cicap
  27. ^ Galleria di foto di materializzazioni, Dott. Glen Hamilton, Università di Manitoba, Canada
  28. ^ Dott. Glen Hamilton, 1942, Università di Manitoba, Canada

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Allan Kardec, Il Libro degli Spiriti, Casa del Nazareno Edizioni, 2005 (versione digitale)
  • Allan Kardec, Il Libro dei Medium, Brancato, 1990 (versione digitale).
  • Allan Kardec, Il Vangelo secondo gli spiriti, ed. Mediterranee, 2004, (versione digitale)
  • Allan Kardec, Le Rivelazioni degli spiriti, (versione digitale)
  • Victor Zammit, Un Avvocato Presenta il Caso dell'Aldilà Prove Oggettive Inconfutabili testo integrale
  • Prof. Gary Schwartz, Esperimenti sull'aldilà, La prova scientifica della vita oltre la morte, Ed. Mondadori, 2003.
  • Marion Aubrée, François Laplantine, La table, le livre et les Esprits - Naissance, èvolution et actualité du mouvement social spirite entre France et Brésil, Paris, Ed. Lattès, 1990
  • Mário Mendez Bejarano, Historia de la filosofía en España hasta el siglo XX, Biblioteca Filosofía en español, 2000 (Capitolo sullo spiritismo)
  • Stefano Beverini, Daniela Nacucchi, Il mondo dello spiritismo, Edizioni Mediterranee, 1991
  • Ernesto Bozzano, Animismo o spiritismo? Quale dei due spiega il complesso dei fatti?, Editrice Luce e Ombra, Verona 1967 (1938).
  • William Crookes, Researches on the Phenomena of Spiritualism, Burns, London 1874, (trad. it. di E. Servadio, Ricerche sui fenomeni dello "spiritualismo" e altri scritti, Libreria Lombarda, Milano 1932).
  • Arthur Conan Doyle, The History of Spiritualism, New York: G.H. Doran, Co. 1926. Volume 1 Volume 2. ISBN 1-4101-0243-2.
  • Dora Incontri, Pedagogia Espírita, um Projeto Brasileiro e suas Raízes. Bragança Paulista, Comenius, 2004.
  • Raymond Buckland, Guida pratica alla comunicazione con gli spiriti, Hermes Edizioni, 2002.
  • Alfredo Ferraro, Spiritismo, illusione o realtà?, Genova, I Dioscuri, 1991
  • Alfredo Ferraro, Parapsicologia e... spiritismo. Testimonianze incredibili sulla medianità, L'Età dell'Acquario, 2004
  • Simona Cigliana, "La seduta spiritica. Dove si spiega come e perché i fantasmi hanno invaso la modernità", Roma, Fazi, 2007

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]