Apparizioni e altre manifestazioni mariane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Apparizione della Madonna)
Jump to navigation Jump to search
La Madonna di Fatima (Portogallo), una delle apparizioni più famose.

Le apparizioni mariane, riferite alla Vergine Maria, si sarebbero verificate a una o più persone, singolarmente o ripetutamente, in luoghi e tempi differenti. Spesso prendono il nome dalla città nella quale avrebbe avuto luogo il fenomeno, o dal nome dato a Maria nel caso specifico, o dal suo aspetto. Il fenomeno è molto frequente nella storia del cristianesimo, sin dal IV secolo[1], e si sarebbe intensificato nel corso del XIX e soprattutto del XX secolo.

La prima apparizione di cui si ha notizia[2] risale al 352, quando la Vergine sarebbe apparsa contemporaneamente a una coppia della nobiltà patrizia e a papa Liberio, chiedendo la costruzione di una chiesa. Secondo la tradizione, la chiesa fu effettivamente costruita nel luogo dove un secolo dopo fu eretta la Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma. Ancora oggi se ne festeggia la ricorrenza il 5 agosto, festività della Madonna della Neve.

Talvolta le presunte apparizioni sarebbero avvenute nello stesso luogo per un periodo di tempo prolungato. Nella maggior parte dei casi, solo poche persone riferiscono di aver visto Maria.

Nel lessico religioso del cattolicesimo, un'apparizione mariana è una visione che una o più persone avrebbero avuto di Maria, madre di Gesù, nell'atto di rivolgersi a loro con parole o gesti. Nel caso in cui i fenomeni non siano visivi ma solo uditivi, si definiscono locuzioni, espressione usata anche nel caso di esperienze mistiche riguardanti "messaggeri" diversi dalla Madonna.

Apparizioni mariane secondo la Chiesa cattolica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Rivelazione privata.

Secondo la dottrina della Chiesa cattolica, la rivelazione pubblica è terminata con la morte dell'ultimo Apostolo e dopo che è stato completato il Nuovo Testamento. Però, sempre secondo la dottrina, «lungo i secoli ci sono state delle rivelazioni chiamate "private", alcune delle quali sono state riconosciute dall'autorità della Chiesa».[3] La possibilità di tali rivelazioni non è dunque messa in dubbio dalla teologia cattolica. Fra le presunte rivelazioni, apparizioni o manifestazioni di vario tipo, un ruolo privilegiato rivestono quelle di Maria, Madre di Dio[4] e madre dei viventi[5]. San Luigi Maria Grignion de Montfort spiega come Dio vuole dunque rivelare e far conoscere Maria, il capolavoro delle sue mani, in questi ultimi tempi perché era rimasta nascosta durante la sua vita terrena a causa della sua umiltà...ed essendo lei il mezzo sicuro e la via diritta e immacolata per andare a Gesù Cristo e trovarlo perfettamente[6][7]

La Chiesa cattolica considera le apparizioni mariane come degli interventi di una Mamma in favore dei suoi figli[8], e consente la devozione universale solo dopo un processo di investigazione (anche con supporti tecnico-scientifici) cui può seguire l'approvazione.

In generale la Chiesa ammette che la maggior parte delle apparizioni rimane non verificata, e potrebbe essere spiegata con fenomeni naturali o spiegabili scientificamente.[9]. I destinatari diretti di un'apparizione non possono invece esimersi da prestare loro un assenso fermo.[10] Nel corso della storia, la Gerarchia ecclesiastica ha sovente mantenuto un atteggiamento scettico nei confronti delle asserite apparizioni.

Ordinariamente i fenomeni di presunta visione e di locuzione sono quasi sempre concomitanti.[11] Sia le visioni sia le locuzioni possono essere, secondo la teologia, di tre tipi: corporali[12], immaginarie o intellettuali. Nel primo caso il fenomeno straordinario sarebbe prodotto all'esterno del nostro corpo e verrebbe percepito dai nostri sensi normalmente. Nel secondo caso le percezioni avverrebbero tramite l'immaginazione ma con chiarezza. Nelle visioni o locuzioni intellettuali la percezione avverrebbe direttamente nell'intelletto senza il concorso dei sensi interni ed esterni. In particolare, secondo il teologo Royo Marin, queste sfuggirebbero a ogni altro potere in quanto solo la divinità avrebbe accesso alle due facoltà superiori dell'anima: l'intelletto e la volontà.[13]

Apparizioni mariane approvate ufficialmente dalla Chiesa cattolica[modifica | modifica wikitesto]

In assenza di un elenco ufficiale da parte della Chiesa cattolica, che si limita a considerare separatamente i singoli casi, è possibile tentare un elenco dei casi riconosciuti, distinguendo opportunamente tra riconoscimento ufficiale e autorizzazione del culto. Un testo recente e dettagliato, il dizionario delle apparizioni del mariologo René Laurentin e di Patrick Sbalchiero, pur notando la varietà delle formule di riconoscimento, cita le seguenti apparizioni[14]:

Si ritiene che l'apparizione di Guadalupe, pur non essendo stata riconosciuta con un decreto ufficiale, abbia ottenuto dalla Chiesa cattolica un riconoscimento di fatto: il vescovo di allora fece costruire una cappella là dove aveva chiesto la Vergine e il veggente Juan Diego è stato proclamato santo da Papa Giovanni Paolo II il 31 luglio 2002[15].

Ad Aparecida, come ricorda Laurentin, non si tratta propriamente di un'apparizione, ma del ritrovamento di un'immagine mariana ritenuta miracolosa[16].

A queste apparizioni vanno aggiunte, in quanto riconosciute dalla Chiesa dopo la pubblicazione del dizionario citato, le seguenti[17]:

Non poterono avere il riconoscimento ufficiale le apparizioni a santa Caterina Labouré, avvenute nel 1830 a Parigi, in Rue du Bac, nonostante l'atteggiamento favorevole della Chiesa nei confronti della Medaglia miracolosa - a cominciare da Papa Gregorio XVI - perché non fu possibile ottenere la testimonianza della religiosa[18]. Tuttavia alcuni autori propendono per un riconoscimento di fatto.[19]

Per numerose apparizioni, pur non essendoci stato il riconoscimento ufficiale, è stato però autorizzato il culto. Tra queste vi sono quelle di:

Alcuni autori (per esempio Perrella[22], Cammilleri[23], Hierzenberger e Nedomansky[24], Antonino Grasso e Andrea Galli[25]) considerano riconosciute alcune apparizioni non comprese nel testo di Laurentin e Sbalchiero.

Sono state inoltre approvate ufficialmente dalla Chiesa cattolica le seguenti manifestazioni mariane, anche se diverse dalle apparizioni:

Sicuramente i luoghi di presunte apparizioni più conosciuti sono Lourdes e Fatima, in Europa, e Guadalupe, in America. Più di sessanta, fra le migliaia di guarigioni riportate alla fonte di Lourdes, sono state classificate come "inesplicabili" dai medici del Bureau des constatations médicales (Ufficio delle constatazioni mediche), un centro medico specialistico istituito dalla Chiesa per esaminare presunti miracoli.

La grotta di Lourdes.

Anche nel caso in cui un'apparizione mariana sia ritenuta autentica dall'autorità ecclesiastica, è comunque considerata una rivelazione privata e quindi una fonte subalterna alla Parola di Dio, e la Chiesa non richiede ai fedeli di credervi[28][29]. L'apparizione può attirare l'attenzione su qualche aspetto della rivelazione ricevuta pubblicamente, per un motivo specifico, ma non può mai aggiungere qualcosa di "nuovo" al deposito della fede[30].

Criteri per valutare le apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 febbraio 1978 la Congregazione per la Dottrina della Fede, ha pubblicato le "Norme della Congregazione per procedere nel Giudizio delle Apparizioni e Rivelazioni Presunte"[31], contenente le regole seguenti:

  • Il vescovo diocesano può iniziare un processo di sua propria iniziativa o su richiesta di un fedele per indagare sui fatti concernenti una presunta apparizione. Il vescovo può astenersi dall'esaminarla a fondo se vuole, specialmente se pensa che dall'evento non deriverà molto.
  • La conferenza episcopale nazionale può intervenire se il vescovo diocesano locale vi si rivolge o se l'evento diventa importante a livello nazionale o almeno a livello di più di una diocesi.
  • Anche la Sede Apostolica (il Vaticano) può intervenire, su richiesta del vescovo locale stesso, o su richiesta di un gruppo di fedeli, o di sua propria iniziativa.

I passi nell'indagine sono ordinati nel modo seguente: una valutazione iniziale dei fatti, basata sia su criteri positivi sia negativi:

Criteri positivi[modifica | modifica wikitesto]

  1. Certezza morale (la certezza richiesta per agire moralmente in una situazione di dubbio) o almeno grande probabilità riguardo all'esistenza di una rivelazione privata alla fine di una seria indagine del caso.
  2. Valutazione delle qualità personali della persona in questione (equilibrio mentale, onestà, vita morale, sincerità, obbedienza all'autorità della Chiesa, buona volontà nel praticare la fede in modo normale, ecc.).
  3. Valutazione del contenuto delle presunte rivelazioni stesse (cioè non sono in disaccordo con la fede e la morale della Chiesa, e sono libere da errori teologici).
  4. La rivelazione porta sana devozione e frutti spirituali nelle vite delle persone (maggiori preghiere, maggior numero di conversioni di cuori, opere di carità che ne risultano, ecc.).

Criteri negativi[modifica | modifica wikitesto]

  1. Errori evidenti riguardo ai fatti.
  2. Errori dottrinali attribuiti a Dio, alla Santa Vergine Maria o allo Spirito Santo riguardo al modo in cui essi si manifestano.
  3. Qualsiasi tentativo di guadagno finanziario in relazione all'evento.
  4. Azioni gravemente immorali commesse dalla persona o da quelli che erano insieme alla persona al momento dell'evento.
  5. Disordini psicologici o inclinazioni a essi da parte della persona o delle persone che erano con essa.

Dopo questa indagine iniziale, se l'avvenimento risponde ai criteri positivi e negativi, si può concedere un iniziale permesso precauzionale che praticamente stabilisce quanto segue: "per il momento, non c'è motivo di opporsi a ciò". Questo permette la partecipazione pubblica nella devozione alla presunta apparizione.

Alla fine, occorre dare un giudizio e una deliberazione definitiva, con l'approvazione o la condanna dell'evento.

Posizione della Chiesa ortodossa[modifica | modifica wikitesto]

Apparizioni mariane sono state riferite anche nell'ambito della tradizione ortodossa, come quella avvenuta nel X secolo a Costantinopoli nella chiesa di Santa Maria delle Blacherne[32]. La Chiesa ortodossa ammette la possibilità di apparizioni mariane, connesse al ruolo di intercessione e custodia amorevole svolto dalla Madre di Dio. Non vengono però ritenute attendibili apparizioni dove vi siano messaggi e segreti rivelati a veggenti in tenera età o apparizioni che contengano richieste di sacrifici o preghiere riparatrici per i peccati del mondo, perché Cristo è l'unico redentore e ciascun essere umano può intercedere solo per i propri peccati e non per quelli di altri[33].

Posizione delle Chiese evangeliche e protestanti[modifica | modifica wikitesto]

In genere, le denominazioni del protestantesimo rifiutano tali fenomeni, attribuendoli a cause naturali (inganno, proiezione psicologica, allucinazioni, cause naturali) o sovrannaturali (manifestazioni del demonio)[9][34][35].

Le chiese evangeliche, quali le battiste, pentecostali, avventiste, le assemblee dei fratelli e in genere tutte le chiese fedeli ai fondamenti della Riforma protestante e di orientamento conservatore, non riconoscono questi fenomeni, neppure come potenzialmente possibili.

Secondo i protestanti, Dio si rivela soltanto tramite la Bibbia, e per i pentecostali anche tramite manifestazioni dello Spirito Santo quali dono delle lingue e le profezie, ma mai attraverso apparizioni di morti.

Secondo la dottrina protestante, anche se fossero davvero scientificamente dimostrati degli autentici miracoli, quali guarigioni connesse a queste apparizioni, andrebbero in ogni caso ascritti come origine a potenze occulte e ingannatrici, che assumono l'aspetto di Maria o di altri santi per ingannare le persone e allontanarle dall'autentica fede biblica.[36] Secondo le Chiese riformate i fenomeni vanno quindi interpretati come frodi, manifestazioni del demonio o casi di necromanzia, quando non invece fenomeni causati da disturbi psichici quali isteria, allucinazione o anche solo proiezione psicologica.

La Scrittura parla ampiamente di falsi profeti con falsi prodigi: Mt24,24 Ap 16,14 Queste apparizioni sono considerate sostanzialmente una forma particolare di spiritismo e idolatria, anche se piamente mascherati, ma del tutto condannato da Dio: Dt18,10.

Studi scientifici[modifica | modifica wikitesto]

Il fenomeno sociale delle apparizioni mariane e degli eventi ad esse associati sono stati oggetto di studi antropologici e psicologici[37][38]. Se il fedele cattolico può interpretare le apparizioni come episodi reali di intervento divino[39], secondo il sociologo Michael P. Carroll, lo scienziato sociale deve perlopiù ipotizzare che le apparizioni siano allucinazioni[40] o illusioni ottiche, escludendo tuttavia a priori l'ipotesi dell'intervento divino, che lo condurrebbe ipso facto al di fuori del dominio della stessa scienza sociale[41].

Il professor Antonio Cantelmi, presidente dell'Associazione italiana degli psichiatri e psicologi cattolici, parlando "non da credente ma da uomo di scienza", ha recentemente affermato: "Oggi gli studi con la PET hanno consentito di provare che, quando alcune persone sostengono di avere un contatto intenso con Dio, si attivano nel loro cervello aree molto specifiche e non quelle che entrano in gioco in condizioni patologiche, come l'insorgere di fenomeni allucinatori...di conseguenza, entrare in contatto con la dimensione che trascende la realtà visibile potrebbe appartenere non alla patologia ma a una dimensione diversa dell'uomo"[42].

Secondo Freud, molte delle esperienze religiose più estreme, quali le visioni allucinatorie, avevano origine nella necessità inconscia di sublimare impulsi aggressivi o una sessualità repressa. Il caso di Christoph Haizmann, pittore vissuto nel tardo Seicento, era stato oggetto di un suo lavoro del 1923[43].

Se per Freud le esperienze religiose costituivano necessariamente una condizione patologica, essendo per lui la religione stessa un sistema di illusioni coltivate nel rifiuto della realtà e in stati confusionari e allucinatori[44], manifestazioni di regressione infantile[45], la moderna psicologia ha un approccio meno drastico. Nella quarta revisione del Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, manuale diagnostico e statistico dei disordini mentali pubblicato dall'American Psychiatric Association, viene inclusa una nuova categoria diagnostica denominata "Problemi religiosi e spirituali". Si raccomanda al terapeuta di tenere in considerazione la cultura di riferimento del soggetto. Per la prima volta i disturbi causati da esperienze religiose e spirituali vengono considerati dal DSM non necessariamente associati a disturbi psicopatologici: le esperienze visionarie non hanno necessariamente esiti negativi[46]. In alcune culture, infatti, le allucinazioni a contenuto religioso vengono considerate del tutto normali[47].

(EN)

« Ideas that may appear to be delusional in one culture (e.g., sorcery and witchcraft) may be commonly held in another. In some cultures, visual or auditory hallucinations with a religious content may be a normal part of religious experience (e.g., seeing the Virgin Mary or hearing God's voice). »

(IT)

« Idee che possono apparire deliranti in una cultura (ad esempio la stregoneria o il pensiero magico) possono essere comunemente sostenute in un'altra. In alcune culture, le allucinazioni visive o uditorie a contenuto religioso possono essere una parte normale dell'esperienza religiosa (ad esempio vedere la Vergine Maria o udire la voce di Dio) »

(Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (IV), "V62.89 Religious or Spiritual Problem", p. 281)

Studi freudiani[modifica | modifica wikitesto]

Michael Carroll[37] e Patrick Marnham[48], indipendentemente, hanno studiato il fenomeno delle apparizioni mariane dal punto di vista geografico culturale. Carroll ha adottato un campione costituito da 49 casi relativi al periodo 1100-1896 e Marnham ha preso in esame un più esteso campione costituito da 232 casi relativi al periodo 1928-1975. Entrambi trovano che una percentuale del tutto sproporzionata dei loro casi, tra il 27% e il 36%, si colloca in Italia, paese latino di tradizione cattolica con una forte presenza delle gerarchie ecclesiastiche di Roma e caratterizzato da una struttura familiare che, secondo Carroll, essendo "matricentrata", e cioè centrata sulla figura della madre, e allo stesso tempo dominata da un'ideologia di esagerata mascolinità, predispone in special modo al culto mariano. Altri paesi con un elevato numero di asserite apparizioni mariane sono la Francia, il Belgio, la Spagna, alcune regioni austro-germaniche. In Inghilterra le apparizioni erano molto frequenti prima del 1500 per scomparire quasi del tutto a seguito della riforma anglicana.

In un'ottica freudiana[34][37], le apparizioni mariane sono per le vedenti di sesso femminile un modo per sublimare i propri istinti sessuali repressi nei confronti del padre (realizzando la propria fantasia edipica, per via indiretta, attraverso un'identificazione nella figura della vergine Maria); per i vedenti di sesso maschile un modo per sublimare i propri istinti sessuali repressi nei confronti della madre (realizzando per via diretta la propria fantasia edipica verso la madre). Infatti, l'80% del campione considerato da Carroll è costituito da persone sessualmente mature prive di evidente partner sessuale e, mentre i veggenti maschi riferiscono di apparizioni dove quasi sempre è presente solo Maria (93% dei casi), le veggenti femmine hanno una maggiore probabilità di vedere Maria insieme ad altre figure adulte maschili (50% dei casi)[37].

La correlazione osservata[37][48] tra le asserite apparizioni e la loro collocazione geografica viene addotta come prova dell'origine puramente culturale di tali fenomeni[38], sebbene esso non sia pienamente sufficiente al fine di spiegare le differenze tra paesi di tradizione cattolica, ma solo tra questi e gli altri paesi di tradizioni culturali diverse[37]. Le differenze tra paesi di tradizione cattolica, invece, sono spiegate da Carroll sulla base della distanza geografica da Roma, sede della Chiesa cattolica e dei suoi principali organi amministrativi[37].

Gli antropologi britannici Victor Turner ed Edith Turner[49] sostengono inoltre che le apparizioni mariane abbiano la specifica funzione di rinforzare dottrine cattoliche tradizionali percepite dal clero come in pericolo o «sotto attacco».

Il caso Marpingen (1876)[modifica | modifica wikitesto]

Lo storico David Blackbourn ha raccontato le presunte visioni di Marpingen (1876) inserendole nel più ampio contesto storico della Germania bismarckiana, caratterizzato dal clima di tensione del Kulturkampf, sfociato in diffusi episodi di feroce discriminazione economica e sociale verso i cattolici tedeschi. La cittadina, che fu chiamata la "Lourdes tedesca", in poco tempo attrasse decine di migliaia di pellegrini. Le autorità prussiane intervennero militarmente per impedire quella che nell'ottica liberale era una manifestazione di ignoranza e superstizione e che era considerata come un pericolo per gli equilibri sociali e religiosi. L'establishment protestante e liberale temeva infatti che il caso potesse essere manovrato dai vescovi cattolici tedeschi a scopi di propaganda religiosa. Le tre veggenti, dell'età di otto anni, furono inizialmente accusate di diffondere inganni e superstizioni, rinchiuse in una casa di correzione, poi affidate ad un monastero ed infine rilasciate nel 1878. Una delle tre, Margarethe Kunz, anni dopo, confessò che l'intera storia era stata inventata, si era trattato «di una grande bugia»; i dettagli più precisi le erano stati suggeriti dalle domande allusive degli adulti del paese. Kunz dichiarò pubblicamente che, se le persone del posto non fossero state così disposte a crederle, non avrebbe continuato ad inventare sempre nuove bugie per giustificare le vecchie fino al punto in cui il costo di ammettere la verità non avesse assunto dimensioni tali da non poter più tornare indietro. Blackbourn mostra, con un'attenta analisi delle prove, che non vi è nessun motivo per non ritenere autentica la confessione di Kunz[50][51].

Il caso Anneliese Michel e l'ipotesi del disturbo dissociativo[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni settanta, il caso di Anneliese Michel suscitò clamore in Europa. Affetta da una rara forma di epilessia, la ragazza si credeva posseduta da demoni. Abbandonate le cure mediche, si rivolse a sacerdoti cattolici che le praticarono rituali di esorcismo. Anneliese dichiarò di aver visto la Vergine Maria che le aveva promesso che entro il 1º luglio 1976 "tutto sarebbe andato bene". A mezzanotte di quella data morì, secondo l'autopsia per malnutrizione. I genitori e i due sacerdoti vennero condannati per omicidio colposo. Il suo caso fu oggetto di studi accademici. Secondo Jean Goodwin, Sally Hill e Reina Attias, la ragazza era affetta da disturbi dissociativi. Gli stessi autori, in un libro, ipotizzano inoltre che potesse aver subito violenza sessuale da uno degli esorcisti che l'avevano in cura e che l'espressione "tutto andrà bene" potesse essere interpretata come manifestazione di un intento suicida che, se opportunamente riconosciuto da un professionista, avrebbe forse potuto salvarle la vita.[52]

Elenco delle più note presunte apparizioni mariane[modifica | modifica wikitesto]

Segue l'elenco di alcune delle più note apparizioni mariane, con l'indicazione della data e del luogo in cui sarebbero avvenute e delle persone che le avrebbero avute. Solo alcune sono state riconosciute, dalla Chiesa cattolica o da altre Chiese.

Nei primi secoli[modifica | modifica wikitesto]

Santuario della Vergine del Pilar a Saragozza
  • Beata Vergine del Pilar : sarebbe apparsa a san Giacomo il Maggiore nel 39, prima dell'Assunzione, a Caesaraugusta (l'attuale Saragozza), nell'Hispania Tarraconensis.
  • Santa Maria Maggiore: sarebbe apparsa nel 352 a Roma, a Papa Liberio, ispirandogli l'edificazione dell'omonima basilica.
  • Madonna dei Bisognosi: venerata a Pereto, in Abruzzo, sarebbe apparsa a Siviglia a un mercante abruzzese, che riportò la statua miracolosa da Siviglia a Pereto nel VI-VII secolo. Molti sarebbero i presunti miracoli legati alla statua. La costruzione dell'omonimo santuario avrebbe portato la pace fra gli abitanti di Pereto e Rocca di Botte nella Marsica[53].
  • Santa Maria della Libera: sarebbe apparsa il 2 luglio 663 a Benevento e avrebbe salvato la città dall'assedio di Costante II. La Madonna sarebbe apparsa con la raffigurazione della croce sul palmo della mano e sul collo e da allora la Madonna della Libera è spesso raffigurata così. Famosa è l'icona bizantina raffigurante la Madonna della Libera che fu trafugata dai Veneziani nel 1453 a Costantinopoli e che tuttora è conservata nell'omonimo santuario a Rodi Garganico, paese dove l'icona si sarebbe miracolosamente arenata durante il trasporto. La statua della Vergine fu portata nel Quattrocento in Molise, a Cercemaggiore, dove fu eretto un santuario (1456-1492).
  • Maria SS. in Saletta: la Vergine, con il Bambino in braccio, sarebbe apparsa nei panni di una povera pellegrina nel paese di Castel del Giudice, in Molise, in una data non nota. I fedeli non la riconobbero e la cacciarono: tutto ciò avrebbe mosso l'ira di Dio che avrebbe distrutto il paese con un'inondazione. La gente che scampò al massacro costruì il nuovo paese, lo ripopolò, e capì che la pellegrina era la Madonna. Fu dipinto un quadro ed eretto il santuario.
La Beata Vergine Maria del Monte Carmelo con i santi Simone Stock (in piedi), Angelo da Gerusalemme, Teresa d'Ávila e Maria Maddalena de' Pazzi (Pietro Novelli, 1641)

Nel XIV secolo[modifica | modifica wikitesto]

  • Beata Vergine Maria del Soccorso: sarebbe apparsa nel 1306 a Palermo, al padre agostiniano Nicola La Bruna.
  • Madonna di Pietraquaria: sarebbe apparsa ad Avezzano, sul monte Salviano, nella prima metà del Trecento. Il vico di Pietraquaria era stato distrutto per ritorsione nel 1268 da re Carlo I d'Angiò, il quale distrusse anche le chiese di San Pietro, San Giovanni e Santa Maria, contenente quest'ultima un quadro della Vergine con bambinello dipinto su legno. Nel Trecento il quadro fu ritrovato miracolosamente intatto da un pastorello sordomuto: la Madonna gli apparve a cavallo e gli chiese di far ricostruire l'edificio a lei dedicato. Prima di svanire donò la parola e l'udito al pastorello, e il cavallo con un calcio impresse il segno dello zoccolo su una pietra (attorno a quella pietra tuttora esistente fu edificata poi, negli anni Cinquanta del Novecento, una piccola cappella). Gli avezzanesi, colpiti dagli eventi miracolosi accaduti, costruirono nella metà del Trecento un santuario mariano a Pietraquaria, e numerose sarebbero state in seguito le apparizioni e i presunti miracoli della Madonna[54].
Il santuario della Madonna di Valleluogo, in Irpinia; in basso a sinistra è visibile il portale che conduce al luogo dell'apparizione.
  • Madonna di Valleluogo: sarebbe apparsa nel tardo Medioevo (l'anno esatto è ignoto) a una pastorella sordomuta dinanzi a un mulino presso Ariano, nell'Appennino campano (la pastorella era la figlia del mugnaio). La Madonna guarì la fanciulla e chiese la costruzione di una cappella che solo molti secoli più tardi, nel 1957, fu trasformata nel santuario Salus Infirmorum (=Salute degli Infermi) di Valleluogo. Il mulino è tuttora esistente e visitabile[55].
  • Madonna della Basella: l'8 e il 17 aprile 1356 la Vergine sarebbe apparsa a Marina Cassone a Urgnano (BG). Una forte brinata devastò la campagna distruggendo i germogli:, Marina si recò in un campo detto Basella e, alla vista di quel disastro, pianse. Le apparve una Signora che la consolò e la invitò a tornare dopo nove giorni. La fanciulla ritornò: la Signora l'attendeva e le disse che era la Regina del cielo; perché Marina fosse creduta le disse di far scavare nel luogo in cui Ella posava i piedi; gli scavi portarono alla luce un altare e le vestigia di un'antica chiesa, sulle quali sorge oggi il Santuario della Madonna di Basella.
  • Madonna di Valverde: a Rezzato, in Provincia di Brescia, nel 1399 sarebbe avvenuta una duplice apparizione della Vergine e di Gesù Cristo a un contadino. Il Signore avrebbe ordinato all'uomo di gettare in un vicino specchio d'acqua i tre pani che portava nella bisaccia, ma la Madonna gli avrebbe detto di non farlo e di tornare da Gesù: i tre pani infatti simboleggiavano la peste, la fame e la guerra. Alla fine, grazie alle insistenze di sua Madre, Cristo avrebbe lasciato gettare nello stagno un solo pane, così sarebbero state evitate la fame e la guerra. Sul luogo sorge oggi un Santuario. Una seconda presunta apparizione della Madonna si sarebbe verificata nei pressi nel 1711.

Nel XV secolo[modifica | modifica wikitesto]

Santuario di Caravaggio, in Lombardia
  • Nostra Signora della Candelaria, sarebbe apparsa nel 1400 o nel 1401 ai guanci di Tenerife, 95 anni prima della conquista spagnola
  • Nostra Signora di Caravaggio, o Santa Maria del Fonte, Caravaggio (BG), sarebbe apparsa il 26 maggio 1432 a Giannetta de' Vacchi, a volte indicata come Giannetta Varoli, dal cognome del marito.
  • Santuario della Madonna di Monte Berico: la Madonna sarebbe apparsa il 7 marzo 1426 e il 1º giugno 1428 a Vicenza a una contadina di nome Vincenza Pasini, e avrebbe promesso di far cessare la peste se sul luogo fosse stato costruito un santuario.
  • Madonna della Gamba: sarebbe apparsa il 9 ottobre 1440, a Desenzano al Serio (BG), a Ventura Bonelli, una contadina desenzanese di 11 anni, e le avrebbe guarito una gamba che doveva essere amputata. Sul luogo sorge ora un santuario.
  • Madonna dell'Alno: sarebbe apparsa per tre volte, dal 18 maggio al 20 maggio 1480, al contadino Giovanni Florio, a Canzano, in Abruzzo. Dopo l'incredulità dei canzanesi, un presunto segno celeste, (un alno, che in dialetto è il pioppo bianco), indusse gli abitanti a costruire un santuario sul luogo della presunta apparizione .
  • Madonna della Pace: avrebbe fatto sentire la sua voce il 18 ottobre 1482, per far cessare uno scontro tra gli abitanti di Albisola e Stella.
  • Madonna delle Grazie al Sasso (Firenze): il 2 luglio 1484, la Vergine sarebbe apparsa alle sorelline Ricovera, invitando a ritornare a leggere e meditare il Vangelo. Vi furono altre apparizioni, in particolare quella del 22 agosto 1485, detta Grande Apparizione, in cui la Vergine volle mostrarsi a tutto il popolo, radunato in preghiera con le sorelline Ricovera.
  • Nostra signora di Altötting: nel 1489 la Madonna sarebbe apparsa più volte in questo paese, definito da allora "il cuore cattolico della Baviera".
Santuario di Nostra Signora della Guardia, in Liguria
  • Madonna della Guardia: sarebbe apparsa nel 1490 sul Monte Figogna (GE) a Benedetto Pareto, un contadino, e avrebbe raccomandato di costruire una cappella sul monte[56]
  • Madonna della Stalla: nel 1490, a Porzano (BS), la Vergine sarebbe apparsa in una stalla a una bambina cieca, alla quale chiese di andare ad attingere acqua a una fontana lì vicino, ridonandole poi la vista. Il miracolo si sarebbe verificato in una cascina, che oggi si chiama appunto della "Madonna della Stalla", e che ospita una chiesetta dove si celebra la Messa il 10 giugno, anniversario dell'apparizione[57].
  • Madonna della Stella: sarebbe apparsa nel 1491 a Bagnolo Mella (BS), a Caterina dell'Olmo, una giovane ragazza sordomuta, che in seguito all'apparizione avrebbe riacquistato la parola.[58]

Nel XVI secolo[modifica | modifica wikitesto]

  • Madonna della Libera: sarebbe apparsa in sogno a un pratolano di nome Fortunato, intorno all'anno 1500, liberando Pratola Peligna dalla peste. Nella piazza principale di Pratola fu edificato un santuario.
  • Madonna di Tirano: sarebbe apparsa il 29 settembre 1504 a Tirano (SO), al beato Mario Omodei, giovane discendente dell'omonima nobile famiglia tiranese, chiedendogli di edificare in suo onore quello che oggi è il Santuario della Madonna di Tirano.
  • Madonna dei Miracoli: sarebbe apparsa nel 1510 a Motta di Livenza, in Veneto, al contadino Giovanni Cigana, raccomandandogli preghiera (specialmente, il rosario), digiuno, e penitenza.
  • Madonna del Soccorso: sarebbe apparsa nel maggio 1521 a Cori (LT), a Oliva Iannese, una bambina di tre anni con la quale la Vergine sarebbe rimasta per otto giorni interi.
  • Madonna dell'Olmo: sarebbe apparsa nel 1529 a Thiene (VI), a tre pastorelle, e poi a Simone da Centrale, detto il Gobbo, paralizzato agli arti, guarendolo, secondo la tradizione, per consentirgli di recarsi a Thiene, a chiedere ai thienesi di cambiare vita, chiedere perdono a Dio e di costruire una chiesa a Lei dedicata.
Un'immagine di Nostra Signora di Guadalupe

Nel XVII secolo[modifica | modifica wikitesto]

  • Madonna dell'Olmo: la Vergine sarebbe apparsa nell'omonima località, frazione di Cuneo, sotto un olmo (da qui il nome), a un pastorello sordomuto che avrebbe subito riacquistato l'udito e la voce. Sul luogo ora sorge un santuario.
  • Nostra Signora di Šiluva: sarebbe apparsa nel 1608 a Šiluva, in Lituania, a dei pastorelli, nel luogo dove ora sorge un santuario.[63][64]
  • Nostra Signora dell'Orto: sarebbe apparsa a Chiavari (GE) il 18 dicembre 1609 a Geronima Turrio, levatrice, e il 2 luglio 1610 a Sebastiano Descalzo.
  • Maria Santissima delle Grazie sarebbe apparsa, nel 1600 circa, ad Antonietta Fava a Casale di Carinola, presso il ruscello che scorreva a S. Maria a Pisciariello (estremo lembo nord di Casale, allora zona periferica).
Basilica di Nostra Signora di Luján, in Argentina

Nel XVIII secolo[modifica | modifica wikitesto]

  • Madonna della Sciara: a Mompileri, frazione di Mascalucia (Catania), si sarebbe rivelata a una donna nel 1704, per indicare il luogo dove scavare per ritrovare la sua statua marmorea cinquecentesca, sepolta dalla lava dell'Etna 35 anni prima (12 marzo 1669).[66]
  • Nostra Signora di Caravaggio: sarebbe apparsa alla pastorella Domenica Targa (1699-1764) il 14 maggio 1729, e successivamente in altre quattro occasioni, fino al 26 maggio 1730, in diverse località nei dintorni del villaggio di Montagnaga di Piné (Trento).
  • Santa Maria del Pozzo: nel 1705, a Capurso (Bari), la Vergine sarebbe apparsa al moribondo sacerdote don Domenico Tanzella il quale, su indicazione della Vergine, bevendo l'acqua del "Pozzo del Piscino" sarebbe guarito miracolosamente.
  • Madonna dell'Apparizione: sarebbe apparsa nel 1716 a Pellestrina (VE) a Natalino Scarpa di Zuanne, detto il Muto.[67]
Santuario Nazionale di Aparecida, presso San Paolo (Brasile)
Madonna del Duomo di Ancona
Madonna dell'Archetto a Roma
  • Madonna dell'Archetto a Roma: dal 9 luglio 1796, secondo numerose testimonianze, l'immagine raffigurata su un dipinto avrebbe mosso gli occhi, aprendoli e chiudendoli ripetutamente. Si trova nell'omonima cappella a Roma.
  • Nostra Signora di La Vang: sarebbe apparsa nel 1798 a La Vang, in Vietnam, a un gruppo di cattolici perseguitati.[68]

Nel XIX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Acquafondata (Frosinone) Cappellina rupestre costruita sul luogo dell'apparizione della Madonna del Carmine, il 16 luglio 1841
La statua di Nostra Signora di La Salette (Francia)

Dal 1900 al 1950[modifica | modifica wikitesto]

La statua e la sorgente della Vergine dei Poveri a Banneux, Belgio.
La statua della Vergine della Rivelazione nella grotta delle Tre Fontane (Roma).

Dal 1950 a oggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Movimento Mariano Betania: dal 1951 al 1999, messaggi celesti sarebbero stati trasmessi per mezzo di una madre di famiglia, Maria Giovanna Gelfusa, detta Gianna.[82]
  • Madonna delle Lacrime: è l'appellativo con cui i cattolici venerano Maria, in seguito a un evento verificatosi a Siracusa nel 1953, dal 29 agosto al 1º settembre, quando da un'effigie mariana in gesso smaltato sarebbero scaturite lacrime, risultate in seguito di tipo umano.[83]
  • Madonna del Rosario: dal 23 aprile 1953, a Sabana Grande, (Porto Rico), sarebbe apparsa per 32 volte a Juan Angel Callado e anche a due bambine, Isidra e Ramonita.[84]
  • Nostra Signora Regina della Turzovka: nel 1958, a Turzovka, in Slovacchia, sarebbe apparsa a Matej Lašu.[85]
San Sebastián de Garabandal, nel nord della Spagna, dove sarebbe apparsa la Vergine Maria del Monte Carmelo.
La statua della Madonna di Međugorje
Rappresentazione della Vergine di Umbe, che sarebbe apparsa a Felisa Sistiaga, Spagna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo lo storico Geoffrey Ashe, sembra che il culto di Maria, o iperdulia, abbia cominciato a formarsi già nel IV secolo, quando un gruppo di devote mariane, note come "le colliridiane", furono incorporate nel cristianesimo. Cfr. Ashe, Geoffrey, The Virgin, London:Routledge and Kegan Paul, 1976.
  2. ^ Marian Apparitions: Truth or Trouble?, di Jennifer Dierker.
  3. ^ CCC n. 67
  4. ^ il Concilio di Efeso ha proclamato che se qualcuno non confessa che l'Emmanuele è vero Dio, e che pertanto la santissima Vergine è Madre di Dio, avendo generato secondo la carne il Verbo di Dio incarnato, sia anatema (...)
  5. ^ Concilio Vaticano II, cost. dogm. Lumen Gentium, n.53
  6. ^ San Luigi Maria Grignon da Monfort, Trattato della vera devozione a Maria, Cap.1 Grandezza di Maria, n.50
  7. ^ cfr. anche Terzo segreto di Fatima, "..Avete visto l'inferno, dove vanno le anime dei poveri peccatori. Per salvarle, Dio vuole stabilire nel mondo la devozione al mio Cuore Immacolato..", apparizione del 13 luglio 1917
  8. ^ Benché non parli di apparizioni, il Concilio Vaticano II dichiara nella costituzione dogmatica Lumen Gentium, n. 62: "Difatti, assunta in cielo non ha deposto questa funzione di salvezza, ma con la sua molteplice intercessione continua a ottenerci le grazie della salute eterna. Con la sua materna carità si prende cura dei fratelli del Figlio suo ancora posti in mezzo a pericoli e affanni, fino a che non siano condotti nella patria beata."
  9. ^ a b
    (EN)

    « [...] logically the origin or cause of Marian apparitions must be either natural or supernatural. There could be numerous natural explanations. These range from outright human deception, to psychological projection or hallucination, or even possibly to some physical or natural scientific cause. [...] However, because of the unbiblical nature of Marian apparitions, if the cause is supernatural in origin then we can only be dealing with the demonic, not with God. I realize that this line of reasoning will be offensive to many Catholics; nonetheless, I believe it is a necessary theological inference. [...] The Catholic church also admits that most apparitions remain unverified, and can probably be explained by natural means. Some are intentionally fraudulent, while others are caused by illness. Modern psychiatry has proposed that religious visions are frequently the result of psychological projection, hysteria, and/or hallucinations. [...] Another troubling aspect of Medjugorje is that some of the visionaries have seen, talked to, and even touched people who have died. In Ivanka's case, she embraced and kissed her dead mother. This sounds very similar to the occultic practice of necromancy, a practice the Bible explicitly condemns (Deut. 18:10-12; Isa. 8:19; 1 Chron. 10:13-14). While some may argue that this is not technically necromancy because the dead are not conjured, still the visionaries are receiving information from the dead - which is entirely foreign to Scripture and very much like the occultic practice. I would also argue that Mary herself is among the dead. If this contact with spirits is really happening, I must conclude they are communicating with demons. [...] Whether the cause is demonic or human, the effect of this phenomenon is to lead people away from the truth of God's Word. In fact, if we are to succeed in guarding against this type of spiritual aberration, Holy Scripture must be our standard. Protestants have long argued that it is Catholicism's failure to understand and accept the supreme normative authority of Scripture that has allowed the doctrinal excesses found in Catholic Mariology. [...] However, the truth that sets men free is found only in the Christ of the apostolic writings. Therefore, it is precisely because of this evangelical Protestant's regard for Christ and Scripture (as well as the true honor of Christ's mother) that I must protest against Marian apparitions and the cult of the Virgin Mary »

    (IT)

    « logicamente l'origine o la causa delle apparizioni mariane deve essere o naturale o sovrannaturale. Vi possono essere numerose spiegazioni naturali. Queste spaziano dall'inganno puro e semplice alla proiezione psicologica o all'allucinazione o persino potenzialmente a cause scientifiche fisiche o naturali. [...] Comunque, per la natura antibiblica delle apparizioni mariane, se la causa è sovrannaturale nell'origine allora possiamo solo aver a che fare con il demoniaco, non con Dio. Capisco che questa linea di ragionamento sarà considerata offensiva da molti cattolici; tuttavia, credo che sia un'inferenza teologica necessaria. [...] La Chiesa cattolica ammette anche che la maggior parte delle apparizioni rimane non verificata, e che possa esser spiegata con mezzi naturali. Alcune sono intenzionalmente fraudolente, mentre altre sono causate da malattie. La psichiatria moderna ha proposto che le visioni religiose siano spesso l'esito di una proiezione psicologica, di isteria, e/o di allucinazioni. [...] Un altro aspetto problematico di Medjugorje è che alcuni dei visionari hanno visto, parlato con, e persino toccato persone che erano morte. Nel caso di Ivanka, costei ha abbracciato e baciato la madre morta. Questo sembra molto simile alle pratiche occultiste o alla necromanzia, una pratica che la Bibbia esplicitamente condanna (Deut. 18:10-12; Isa. 8:19; 1 Chron. 10:13-14). Mentre alcuni possono sostenere che non si tratti tecnicamente di necromanzia perché i morti non vengono invocati, tuttavia i visionari stanno ricevendo informazioni dai morti - il che è interamente estraneo alle Scritture e molto simile alla pratica occultista. Faccio inoltre osservare che Maria stessa è tra i morti. Se questo contatto con gli spiriti è reale, devo concludere che costoro stiano comunicando con dei demoni. [...] Che la causa sia demoniaca o umana, l'effetto di questo fenomeno è di portare le persone lontane dalla verità della Parola di Dio. Infatti, se vogliamo proteggerci da questo tipo di aberrazione spirituale, la Sacra Scrittura deve essere il nostro punto di riferimento. I protestanti hanno a lungo sostenuto che è l'incapacità del Cattolicesimo di capire ed accettare la suprema autorità normativa delle Scritture che ha consentito gli eccessi dottrinali della Mariologia cattolica. [...] la verità che rende gli uomini liberi può essere trovata solo nel Cristo delle scritture apostoliche. Pertanto, è precisamente per quest'attenzione evangelica dei protestanti per il Cristo delle Scritture (così come per un autentico onore alla madre di Cristo) che io devo protestare contro le apparizioni mariane e contro il culto della Vergine Maria »

    (Kenneth R. Samples, Apparitions of the Virgin Mary. A Protestant Look at a Catholic Phenomenon: Part Two, Christian Research Journal, Winter, 1991, p. 20s.)
  10. ^ A. Royo Marin, Teologia della perfezione cristiana, n. 600; "Le rivelazioni particolari, qualunque sia la loro importanza ed autenticità, non appartengono, dunque, alla fede cattolica. Tuttavia, riconosciute come tali dopo un prudente giudizio, coloro che le hanno ricevute direttamente debbono senza alcun dubbio inchinarsi con rispetto dinanzi ad esse. I teologi discutono se questa adesione debba essere in essi un atto di fede divina; l'opinione affermativa sembra più accettabile. Tale obbligo si estende anche a coloro ai quali Dio ordina d'intimare i suoi disegni, purché abbiano prove certe dell'autenticità di questa rivelazione. (cfr anche Benedetto XIV, De servorum Dei beatif., s.3, c.ult., n.12)"
  11. ^ Antonio Royo Marin, Teologia della perfezione cristiana, Ed. San Paolo, Undicesima edizione 2003, n. 587, p. 1070
  12. ^ Per le locuzioni spesso si dice auricolari
  13. ^ Antonio Royo Marin, Teologia della perfezione cristiana, Op. cit, n. 591, 581 e in particolare n. 583: "Quanto alla loro origine, tutti i mistici sono d'accordo con San Tommaso nel dire che la visione intellettuale sorpassa ogni altra potenza, tranne quella di Dio."
  14. ^ René Laurentin, Patrick Sbalchiero, Dizionario delle "apparizioni" della Vergine Maria, prefazione del cardinale Roger Etchegaray, Edizioni ART, 2010, pp. 91/93
  15. ^ La Vergine di Guadalupe, patrona del Messico, su avvenire.it. URL consultato l'11 marzo 2016.
  16. ^ René Laurentin, Patrick Sbalchiero, opera citata, p. 89
  17. ^ Da "Avvenire"
  18. ^ Salvatore M. Perrella, Le apparizioni mariane, San Paolo, 2007, pp. 119
  19. ^ Da "Avvenire"
  20. ^ Da "aleteia"
  21. ^ Da "Avvenire"
  22. ^ Salvatore M. Perrella, opera citata
  23. ^ Rino Cammilleri, Medjugorje, il cammino del cuore, Mondadori, 2012; Le lacrime di Maria. Da Medjugorje a Civitavecchia, un itinerario mariano, Mondadori, 2013
  24. ^ Hierzenberger Gottfried, Nedomansky Otto, Tutte le apparizioni della Madonna in 2000 anni di storia. I suoi messaggi, i documenti e le testimonianze, Piemme, 1996
  25. ^ Da "Avvenire"
  26. ^ Sito Ufficiale della Basilica Santuario della Madonna delle Lacrime di Siracusa, su madonnadellelacrime.it. URL consultato il Libero.
  27. ^ Vittorio Messori, Rino Cammilleri, Gli occhi di Maria, Milano, Rizzoli, 2001, pp.36 e segg.
  28. ^ Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 67
  29. ^ Vatican Insider - La Stampa.it
  30. ^ Zenit
  31. ^ Dal sito Vaticaninsider (Lastampa.it) (PDF), www.vaticaninsider.it. URL consultato il 18 aprile 2012.
  32. ^ La protezione della Santissima Madre di Dio Archiviato il 9 luglio 2013 in Internet Archive.
  33. ^ 99 differenze tra l'Ortodossia e il Cattolicesimo Romano
  34. ^ a b Kenneth R. Samples, Apparitions of the Virgin Mary. A Protestant Look at a Catholic Phenomenon: Part One., Christian Research Journal, Winter, 1991, p. 20s.
  35. ^ Apparitions and Miracles Archiviato il 3 febbraio 2011 in Internet Archive., Analysis in the light of the Scripture.
  36. ^ La visione protestante
  37. ^ a b c d e f g Michael P. Carroll, Visions of the Virgin Mary: The Effect of Family Structures on Marian Apparitions, Journal for the Scientific Study of Religion, Vol. 22, No. 3 (Sep., 1983), pp. 205-221.
  38. ^ a b J. Bouflet, P. Boutry, Un segno nel cielo. Le apparizioni della Vergine, Marietti, Genova 1999; Maurizio Magnani, Spiegare i miracoli. Interpretazione critica di prodigi e guarigioni miracolose, Dedalo 2005; altri riferimenti su "Controinformazione sui miracoli" sul sito dell'UAAR
  39. ^
    (EN)

    « Sigmund Freud discussed hallucinations (and that, of course, is how the social scientist, as opposed to the believing Catholic, must view apparitions) at several points throughout his various works. »

    (IT)

    « Sigmund Freud ha discusso delle allucinazioni (e tali, ovviamente, lo scienziato sociale, al contrario del credente cattolico, deve considerare le apparizioni) in molte occasioni nei suoi vari lavori. »

    (Michael P. Carroll, Visions of the Virgin Mary: The Effect of Family Structures on Marian Apparitions, Journal for the Scientific Study of Religion, Vol. 22, No. 3 (Sep., 1983), p. 212 (paragrafo "A psychoanalytic approach"))
  40. ^
    (EN)

    « While present-day Western psychology frequently equates religious visions with hallucination, Catholicism maintains that an authentic apparition is of a different category. »

    (IT)

    « Mentre la moderna psicologia occidentale spesso mette in relazione le visioni religiose con le allucinazioni, il Cattolicesimo sostiene che un'autentica apparizione appartenga ad una diversa categoria. »

    (Kenneth R. Samples, Apparitions of the Virgin Mary. A Protestant Look at a Catholic Phenomenon: Part One., Christian Research Journal, Winter, 1991, p. 20s.)
  41. ^
    (EN)

    « If we rule out a priori the possibility that Marian apparitions are actual instances of divine intervention (and not to do this would bring us outside the bounds of social science), then these apparitions are almost certainly either "hallucinations" or "illusions". »

    (IT)

    « Se escludiamo a priori la possibilità che la apparizioni mariane siano casi effettivi di intervento divino (e non ipotizzare ciò ci condurrebbe al di fuori dei confini delle scienze sociali), allora queste apparizioni sono quasi certamente o "allucinazioni" o "illusioni" »

    (Michael P. Carroll, The Virgin Mary at LaSalette and Lourdes: Whom Did the Children See?, Journal for the Scientific Study of Religion, Vol. 24, No. 1 (Mar., 1985), p. 58 (paragrafo "Where to begin"))
  42. ^ Vittorio Messori, Bernadette non ci ha ingannati, Arnoldo Mondadori Editore, (2012), p. 237
  43. ^ Freud, Sigmund, "A seventeenth-century demonological analysis." In The Standard Edition of the Complete Psychological Works of Sigmund Freud, Vol. 19: 69-105, 1961 [1923].
  44. ^ Freud, S. (1927). The Future of an Illusion. The Standard Edition of the Complete Psychological Works of Sigmund Freud, Volume XXI (1927-1931): The Future of an Illusion, Civilization and its Discontents, and Other Works, 1-56
  45. ^ Freud, Sigmund, "Civilization and Its Discontents", London: Penguin, 2002. ISBN 978-0-14-118236-0
  46. ^ Lukoff: «For the first time, there is acknowledgment of distressing religious and spiritual experiences as nonpathological problems».
  47. ^ DSM-IV Religious & Spiritual Problems Archiviato il 16 luglio 2011 in Internet Archive., David Lukoff, professore di Psicologia alla Saybrook Graduate School.
  48. ^ a b Marnham, Patrick, Lourdes: A Modern Pilgrimage, New York: Coward, McCann and Geoghegan, 1981.
  49. ^ Victor Turner e Edith Turner, Postindustrial Marian pilgrimage, in James J. Preston (ed.), Mother Worship, Chapel Hill: University of North Carolina, pp. 145-173, 1982.
  50. ^ David Blackbourn, Apparitions of the Virgin Mary in Bismarckian Germany, Oxford 1993.
  51. ^
    (EN)

    « [...] Margarethe Kunz confessed some years later that she had initially made up the story of the visions, and that-as other evidence also showed-many of the details [...] had been first suggested to her by leading questions put to the children by adults in the village. If only people had not believed her so readily, said Kunz, instead of calming her down, she and her friends would not have been tempted to have gone on embroidering their stories and making up new ones until the costs of turning back became too great. The whole story, she confessed, was ‘one big lie', and as Blackbourn demonstrates, in a careful assessment of the evidence, there is no reason to believe that she was doing anything but freely telling the truth when she said so. »

    (IT)

    « [...] Margarethe Kunz confessò anni dopo di aver inizialmente del tutto inventato la storia delle visioni, e che - come altre prove dimostravano - molti dei dettagli [...] le erano stati suggeriti dalle domande allusive poste alle giovani dagli adulti del paese. Se solo le persone non le avessero creduto così prontamente - disse la Kunz - invece di calmarla, lei e le amiche non sarebbero state tentate di continuare ad abbellire i loro racconti e di inventarne di nuovi fino al punto in cui il costo di tornare indietro fosse diventato troppo grande. L'intera storia - confessò - fu ‘una grande bugia', e come Blackbourn mostra, in un'attenta valutazione delle prove, non vi è nessun motivo per credere che [Kunz], dicendo così, non stesse facendo altro che raccontare liberamente la pura verità. »

    (RJ Evans, German History, Vol. 13, n.1, pp. 121-125,1995 (pubblicato dalla German History Society su Oxford Journals).)
  52. ^ Jean Goodwin, Sally Hill, Reina Attias, Historical and folk techniques of exorcism: applications to the treatment of dissociative disorders, Dissociation, Vol. 3, No. 2, p. 094-101, 1990.
  53. ^ Storia Santuario Madonna dei Bisognosi, Santuario Madonna dei Bisognosi. URL consultato il 13 settembre 2017.
  54. ^ Santuario della Madonna di Pietraquaria, Diocesi di Avezzano. URL consultato il 13 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2015).
  55. ^ Apparizione di Ariano Irpino (AV), su Maria di Nazareth.
  56. ^ http://www.santuarioguardia.it Sito ufficiale del Santuario della Madonna della Guardia
  57. ^ Parrocchia S. Martino Vescovo - Porzano di Leno (BS)[collegamento interrotto]
  58. ^ http://www.bagnolomella.it/chiese-bagnolo-mella.cfm Sito ufficiale del Comune di Bagnolo Mella
  59. ^ Sito ufficiale del santuario
  60. ^ Da "Cathopedia"
  61. ^ Da "Zenit"
  62. ^ Da www.santiebeati.it
  63. ^ Tradotto da www.siluva.lt/
  64. ^ Pagina dedicata
  65. ^ Dal sito ufficiale del Santuario Madonna della Bozzola
  66. ^ La storia, dal sito del Santuario Arcidiocesano di Catania "Madonna della Sciara"
  67. ^ Da "30Giorni"
  68. ^ Da "L'Osservatore Romano"
  69. ^ Da "Famiglia Cristiana"
  70. ^ Bruno Simonetto sul mensile mariano "Madre di Dio", Edizioni San Paolo
  71. ^ Giuseppe M. Besutti, tratto da "La rivisto del clero italiano", anno LXVII, gennaio 1986, pubblicato on line da Radio Maria.
  72. ^ Mons. Fausto Rossi, Le apparizioni nell'era di Maria (1835-1987), EDIC Roma, 1987
  73. ^ Da ilGiornale.it
  74. ^ www.virgendeunbe.net, sito ufficiale del santuario della Vergine Pura Dolorosa di Umbe
  75. ^ Vergine Pura Dolorosa di Umbe Archiviato il 23 gennaio 2012 in Internet Archive.
  76. ^ www.madonnadelleghiaie.it, sito ufficiale del santuario della Madonna delle ghiaie
  77. ^ Dal sito ufficiale di Angela Volpini
  78. ^ Sito ufficiale dell'Associazione SACRI Archiviato il 10 aprile 2015 in Internet Archive.
  79. ^ Articolo di Vittorio Messori
  80. ^ (FR) Dal sito ufficiale del santuario
  81. ^ Sito ufficiale
  82. ^ Movimento Mariano Betania Messaggi raccolti in più di venti volumi dal titolo "Gesù e Maria agli uomini d'oggi". Volumi dotati singolarmente di nulla osta e imprimatur dalla Diocesi Suburbicaria di Palestrina. Il Volume XVI riporta il nulla osta di Mons. Giuseppe Di Lolli, Palestrina 22 febbraio 1997 e Imprimatur del vescovo di Palestrina Vittorio Tomassetti, 6 marzo 1997. I volumi, che nella premessa descrivono ampiamente il fenomeno, sono stati pubblicati e curati dall'Associazione Betania (Zagarolo - RM). L'Associazione Betania è stata riconosciuta dai Vescovi diocesani che si sono succeduti a Palestrina e anche la carismatica che è all'origine del Movimento, ne faceva parte. A questa Associazione fa riferimento il Movimento Mariano Betania Ecclesiale, che ha il suo centro di accoglienza a Zagarolo
  83. ^ Sito Ufficiale della Basilica Santuario della Madonna delle Lacrime di Siracusa, su madonnadellelacrime.it. URL consultato il 17-05-2018.
  84. ^ Pagina dedicata.m
  85. ^ Tomáš Hlavaty su "Madre di Dio", mensile mariano delle Edizioni San Paolo.
  86. ^ Nostra Signora del Monte Carmelo di Garabandal Archiviato il 20 febbraio 2010 in Internet Archive.
  87. ^ Beata Vergine di Zeitoun video della Beata Vergine di Zeitoun
  88. ^ Rino Cammilleri su "Il Giornale"
  89. ^ Sito ufficiale
  90. ^ Da "Famiglia Cristiana"
  91. ^ Pagina dedicata
  92. ^ Citato da padre Raffaele Talmelli.
  93. ^ Nostra Signora di Akita Archiviato il 4 aprile 2006 in Internet Archive.
  94. ^ Prado Nuevo · «Aparitions of El Escorial» Archiviato il 31 agosto 2013 in Internet Archive.
  95. ^ Regina dell'Amore (San Martino di Schio).
  96. ^ Le apparizioni della Beata Vergine Maria alla Roccia di Belpasso.
  97. ^ Litmanová
  98. ^ Vergine dell'Eucaristia (Manduria)
  99. ^ Madre dell'Eucaristia (Roma)
  100. ^ Madonna della Riconciliazione (Ostina)
  101. ^ Sito dedicato
  102. ^ Sito ufficiale
  103. ^ sito dedicato alle apparizione (archiviato nel marzo 2009)
  104. ^ Nostra Signora, Madre della Bontà (Algarve, Portogallo)
  105. ^ http://www.prealpina.it/pages/parlo-con-maria-87519.html
  106. ^ Decreto vescovile
  107. ^ Apparizione del Cairo

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

in italiano
  • René Laurentin, Patrick Sbalchiero, Dizionario delle "apparizioni" della Vergine Maria, prefazione del cardinale Roger Etchegaray, Edizioni Art, 2010
  • Salvatore M. Perrella, Le apparizioni mariane Dono per la fede e sfida per la ragione, San Paolo, 2007
  • Saverio Gaeta, Medjugorje è tutto vero, Piemme, 2006
  • Marco Corvaglia, Medjugorje: è tutto falso, Anteprima, 2007
  • Corrado Malanga, Roberto Pinotti, I fenomeni B.V.M. - Le manifestazioni mariane in una nuova luce, 1990
  • Testi sui fenomeni delle apparizioni mariane di René Laurentin
  • Francesco D'Alpa, Le apparizioni della Madonna a Fatima, CICAP
  • Maurizio Magnani, Spiegare i miracoli. Interpretazione critica di prodigi e guarigioni miracolose, Dedalo, 2005
  • Angela Volpini - "Capire Maria" - Feeria editore / Marna editore (2003)
  • Umberto Eco, «Terzo segreto di Fatima: ogni veggente vede quello che sa» in Scienza e Paranormale, numero 33/2000
  • Hierzenberger Gottfried, Nedomansky Otto, Tutte le apparizioni della Madonna in 2000 anni di storia. I suoi messaggi, i documenti e le testimonianze, Piemme, 1996
  • Hierzenberger Gottfried, Nedomansky Otto, Dizionario cronologico delle apparizioni della Madonna, Piemme, 2004
  • Michele Mariella, La Madonna del Pozzo di Capurso-Storia, edizioni Mdp, 1996
in inglese
  • EWTN Catholic Q&A: Apparitions
  • Ashe, Geoffrey, The Virgin, London: Routledge and Kegan Paul, 1976.
  • Blackbourn, David (1994). Marpingen: Apparitions of the Virgin Mary in Nineteenth-Century Germany. New York: Alfred A Knopf. ISBN 0-679-41843-1.
  • Carroll, Michael P., Visions of the Virgin Mary: The Effect of Family Structures on Marian Apparitions, Journal for the Scientific Study of Religion, Vol. 22, No. 3 (Sep., 1983), pp. 205–221.
  • Carroll, Michael P., The Virgin Mary at LaSalette and Lourdes: Whom Did the Children See?, Journal for the Scientific Study of Religion, Vol. 24, No. 1 (Mar., 1985), pp. 56–74.
  • Carroll, Michael (1986). The Cult of the Virgin Mary: Psychological Origins. Princeton: Princeton University Press. ISBN 0-691-09420-9.
  • (2005) A Time of Fire~A Way of Fire. Santa Fe: Our Lady of Light Publications. [5]
  • (2002) Virgin Mary's Bayside Prophecies - Vol 1 - 1970 - 1973. Lowell, MI: These Last Days Ministries. ISBN 1-891981-01-3 (trade paperback). [6]
  • (2006) Visions and prophecies of the Divine Feminine. Melbourne: Noyce Publishing. [7]
  • (1988) Under the Heel of Mary. New York: Routledge. ISBN 0-415-01296-1.
  • Terelya, Josyp; Brown, Michael H. (1991). Josyp Terelya Witness to Apparitions and Persecution in the USSR: An Autobiography. Milford, OH: Faith Publishing. ISBN 1-877678-17-1 (trade paperback).
  • (1991) Encountering Mary: From LaSalette to Medjugorge. Princeton: Princeton University Press. ISBN 0-691-07371-6.

-Leonardo Maria Pompei, "Le apparizioni di Maria", Mimep-docete, Milano 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4114512-4