Autilia Scala

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Autilia Scala (Liveri, ...1500 ca – Liveri, 1515) è stata una veggente italiana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu la pastorella alla quale, secondo la leggenda, nella notte tra il 12 ed il 13 aprile 1514 a Liveri sarebbe apparsa la Madonna. Secondo quanto viene tramandato, la fanciulla, figlia di contadini, stava portando al pascolo le sue vacche quando ad un certo punto avrebbe visto la Madonna. Ella avrebbe detto "Autilia, ti ho scelta per una delle più alte imprese che compirai a mio nome, portati dal Conte Enrico Orsini, in Nola, e digli, che sotto quel cespuglio a destra della mia mano, vi è sepolta una mia immagine, da molti secoli; voglio che si scavi la terra e si edifichi in mio onore un Tempio". Recatasi dal conte, Autilia non fu creduta.

Il giorno dopo vi fu una seconda apparizione nello stesso luogo, e questa volta il volto della giovane fu segnato da un raggio di luce. Ritornata dal conte, questa volta fu presa sul serio, e con la collaborazione del vescovo monsignor Bruno, furono intrapresi degli scavi nel luogo indicato dalla Madonna. Qui fu ritrovato un dipinto che raffigurava la Vergine in mezzo a due angeli, la quale fu identificata come l'Immacolata Regina delle Vittorie. Insieme al dipinto fu ritrovata una campanella del peso di circa quaranta chili, istoriata dall'iscrizione "SS. NICOLAS, CONFESSOR CHRISTI, MARIA VIRGO ORA PRONOBIS, KAROLUS DEI GRATIA REX SICILIAE". Secondo alcune fonti, il Carlo citato nell'iscrizione sarebbe Carlo II d'Angiò, il quale, a seguito di qualche vittoria riportata in battaglia, avrebbe fatto costruire in quel luogo una cappella dedicata a San Nicola di Bari e alla Madonna. Dipinto e campana sarebbero quindi appartenenti a questa antica costruzione del XIII secolo[1]. Gli eventi di quei giorni rimasero un evento importante nella storia di Liveri, che da allora inizia un percorso da città mariana che si estende fino ad oggi[2].

Il luogo delle apparizioni divenne il sito di costruzione di una serie di strutture religiose sovrappostesi nel tempo, e risultate nell'attuale Santuario di Santa Maria a Parete. In ricordo delle apparizioni, nel Santuario fu posta un'iscrizione tuttora visibile che recita[3][4]:

D.O.M. DEIPARAE VIRGINI CUIUS OLIM IMAGO SUB TERRA SEPTA VEPRIBUS AUTILIA SCALA DIVINO MONTI INDICANTE, MIRACULIS LATE CLARUIT ET A PARETE, IN QUO PICTA EST NOMEN HABUIT ANNO AB EIUSDEM VIRGINIS PARTU MDXIV PRIDIE IDUS APRILIS[5]

Circa tre mesi dopo le apparizioni Autilia morì. Alla pastorella è oggi dedicata la piazza adiacente al Santuario nella natìa Liveri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Santuario Di Santa Maria A Parete Archiviato il 30 maggio 2010 in Internet Archive.
  2. ^ ILNOLANO.IT - Quotidiano online - Rivive l'estasi di Autilia Scala
  3. ^ Maria di Nazareth
  4. ^ L'icona Archiviato il 20 ottobre 2014 in Internet Archive.
  5. ^ Alla vergine Madre di Dio, la cui immagine, una volta sotto terra coperta di spine, fu dissepolta in seguito ad una rivelazione divina fatta ad Autilia Scala, ampiamente rifulse per miracoli e prese il nome della parete sulla quale è dipinta, il 12 aprile nell'anno dell'era volgare 1514

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Felice Ianniciello (2009) L'apparizione della Madonna ad Autilia Scala, Istituto Grafico Editoriale Italiano
  • Pasquale Raiola (1865) Apparizioni di Maria SS. Immacolata alla pastorella Autilia Scala : avvenute in Liveri nel 12 e 13 aprile 1514, Paschalis Raiola
  • Felice Enrico Napolitano (2001) Le vicende storiche del santuario di S. Maria a Parete, Istituto Alselmi
  • Felice Enrico Napolitano (2003) La festa, i miracoli e le grazie della Vergine a Parete "REGINA DELLE VITTORIE", Istituto Grafico Editoriale Italiano
  • Felice Enrico Napolitano (consulenza storica 2001) Il restauro degli affreschi del Tempietto di Liveri alla Immacolata Regina delle Vittorie, Santuario di santa Maria a Parete, Orpi Srl
  • P.Gioacchino D'Andrea O.F.M. (1968, ristampa 2001) La Regina delle Vittorie e il suo Santuario di S.Maria a Parete in Liveri, Istituto Anselmi
  • Congregazione Pisana Custodi del Santuario (1857) Cenno Storico dell'insigne Santuario di S. Maria a Parete Regina delle Vittorie in Liveri di nola, Stamperia e Libreria di A. Festa
  • PP. dell'Ordine di S. Girolamo (1860) Cenno Storico dell'insigne Santuario di S. Maria a Parete
  • PP. dell'Ordine di S. Girolamo (1864) Insigne Santuario di S. Maria a Parete
  • Ambrogio Leone (1514), De Nola
  • G. Guadagni (1688), Nola Sagra
  • S. Montorio (1715), Zodiaco Mariano
  • G. Stefano Remondini (1747) De Nolana Ecclesiastica storia
  • C. Caterino (1927) Storia del Santuario di S. Maria a Parete
  • Carlo Celano (1724) Delle notizie del bello, dell'antico e del curioso della città di Napoli, Stamperia di Gio:Francesco Paci

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]