San Giorgio Piacentino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Giorgio Piacentino
comune
San Giorgio Piacentino – Stemma San Giorgio Piacentino – Bandiera
San Giorgio Piacentino – Veduta
Piazza Marconi
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
ProvinciaProvincia di Piacenza-Stemma.svg Piacenza
Amministrazione
SindacoDonatella Alberoni (lista civica di centro-destra: Alberoni sindaco) dal 26/05/2019
Territorio
Coordinate44°57′N 9°44′E / 44.95°N 9.733333°E44.95; 9.733333 (San Giorgio Piacentino)Coordinate: 44°57′N 9°44′E / 44.95°N 9.733333°E44.95; 9.733333 (San Giorgio Piacentino)
Altitudine103 m s.l.m.
Superficie49,19 km²
Abitanti5 636[1] (31-7-2018)
Densità114,58 ab./km²
FrazioniCase Nuove, Centovera, Corneliano, Godi, Rizzolo, Ronco, San Damiano, Sant'Agata, Tollara, Viustino
Comuni confinantiCarpaneto Piacentino, Gropparello, Podenzano, Ponte dell'Olio, Pontenure, Vigolzone
Altre informazioni
Cod. postale29019
Prefisso0523
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT033040
Cod. catastaleH887
TargaPC
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Nome abitantiSangiorgini
PatronoSan Giorgio
Giorno festivo23 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Giorgio Piacentino
San Giorgio Piacentino
San Giorgio Piacentino – Mappa
Posizione del comune di San Giorgio Piacentino nella provincia di Piacenza
Sito istituzionale

San Giorgio Piacentino (San Śorś [saŋ'zɔːrz] o [saŋ'zɔːʁz] in dialetto piacentino) è un comune italiano di 5 636 abitanti della provincia di Piacenza.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è posto sulla riva destra del torrente Nure fra la pianura padana dove sorge il capoluogo e i primi declivi dell'Appennino ligure, tra la val Nure e la val Riglio, dove si trovano alcune frazioni[2].

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Piacenza San Damiano.

Il clima è temperato subcontinentale come nel resto delle parti pianeggianti e collinari della provincia di Piacenza[3]. La temperatura media nel mese più freddo, gennaio, è di 1,7 ° C, mentre nel mese più caldo, luglio, è di 22,7 ° C[4].

Di seguito è riportata la tabella con le medie climatiche e i valori massimi e minimi assoluti registrati nella stazione meteorologica di Piacenza San Damiano, situata nell'omonima frazione sangiorgina, nei pressi dell'omonimo aeroporto militare, nel trentennio 1971-2000 e pubblicati nell'Atlante Climatico d'Italia del Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare relativo al medesimo trentennio.

PIACENZA SAN DAMIANO
(1971-2000)
Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 5,48,013,417,122,026,229,228,624,017,29,96,16,517,528,017,017,3
T. min. mediaC) −2,1−0,92,25,59,813,616,316,412,88,53,0−0,7−1,25,815,48,17,0
T. max. assolutaC) 23,4
(1983)
24,6
(1990)
27,6
(2000)
26,6
(2000)
30,8
(1992)
34,4
(1976)
39,4
(1983)
36,4
(1998)
33,4
(1987)
30,4
(1997)
21,2
(1997)
19,6
(1991)
24,630,839,433,439,4
T. min. assolutaC) −22,0
(1985)
−15,0
(1991)
−9,4
(1971)
−1,8
(1991)
0,0
(1984)
4,0
(1986)
9,8
(2000)
8,0
(1995)
3,6
(1971)
−5,2
(1997)
−8,0
(1983)
−10,0
(1996)
−22,0−9,44,0−8,0−22,0
Giorni di calura (Tmax ≥ 30 °C) 000005141200000031031
Giorni di gelo (Tmin ≤ 0 °C) 2117810000008185690873
Precipitazioni (mm) 62,263,466,881,372,986,538,070,583,9118,184,861,6187,2221,0195,0286,8890,0
Giorni di pioggia 7678875558761923172079
Giorni di nebbia 171143111039141543822679
Umidità relativa media (%) 86807475757471747785888884,774,77383,378,9

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello, sede del Comune.

Nel 948, in seguito all'autorizzazione concessa da Lotario II d'Italia ai canonici del duomo di Piacenza di costruire fortificazioni a difesa della pieve di San Giorgio, iniziarono i lavori di costruzione del castello[5]. Oltre a quello del capoluogo altri castelli sorgono poi in località vicine come Godi[6].

Negli anni successivi il castello venne distrutto prima dai populares nel 1090 e poi dalle miliize bergamasche e cremonesi al comando del marchese Lancia nel 1242[6]. Nel XIII secolo passò sotto il controllo della famiglia Anguissola, per poi divenire di proprietà della famiglia Scotti nel seicento[6].

Nel 1604 fu invece edificata la Rocca, progettata forse dal Vignola e affrescata nell'Ottocento dal piacentino Giuseppe Badiaschi[6] con il suo parco da 75.000 m² dotato di lago, di un tempietto neodorico e di un sistema di grotte unico nel piacentino, non presente nel progetto originale e aggiunto dal milanese Ambrogio Rossi nel 1840 in concomitanza con un rifacimento del parco[7].

Il castello divenne di proprietà comunale tra il 1876, quando la famiglia Porcelli, che ne aveva acquistata una parte dagli Scotti, la vendette al comune e il 1978 quando fu acquisita la restante parte dall'Istituto della Madonna della Bomba che ne era divenuto proprietario in seguito alla morte dell'ultima discendente[6].

A partire dal 1961, la frazione di San Damiano, a 5.40 km dal capoluogo, a 144 m s.l.m., ha assunto notorietà internazionale[8] a seguito delle apparizioni mariane riferite dalla contadina Rosa Quattrini. Alla signora, madre di tre figli e gravemente malata, il 29 settembre 1961 nella casa della zia Adele Quattrini, apparve la Madonna, che continuò a ripresentarsi di settimana in settimana ogni venerdì a mezzogiorno per diversi anni in seguito[9]. Durante un'apparizione alla stessa signora, il 26 maggio 1967 la Vergine parlò dell'acqua di San Damiano, definendola come "la più santa del mondo".

Tali apparizioni non sono riconosciute come autentiche dalla Chiesa cattolica né sono in corso approfondimenti di alcun tipo al fine di un eventuale riconoscimento.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale di San Giorgio Martire: costruita tra i 1670 ed il 1675, conserva al suo interno una pala raffigurante San Giorgio mentre uccide il drago, dipinta sul finire dell'Ottocento dal pittore Emilio Perinetti[10], un organo Serassi e l'altare barocco del Sacro Cuore, inizialmente situato nel duomo di Piacenza.
  • Castello di Montanaro: citato in un documento risalente al 1395 come di proprietà del monastero di San Savino di Piacenza, negli anni passò più volte di mano tra le famiglie nobili Cossadoca, Da Rizzolo, Dal Pozzo, Portapuglia. Dopo essere stato in parte rimaneggiato nel 1692 ad opera della familgia Marazzani, divenne una dimora residenziale. Nel 1799 ospitò le truppe austro-russe guidate dal generale Suvorov per poi diventare sede della GIL in epoca fascista e, infine del brefotrofio provinciale. L'edificio presenta una struttura rettangolare con torri squadrate poste ai vertici. Sulla facciata principale è posto un timpano di forma triangolare[11].
  • Castello di San Giorgio Piacentino: costruito a partire dal 948 a difesa della locale pieve, fu distrutto una prima volta nel 1090 e, poi, ancora nel 1242. Divenuto di proprietà della famiglia Anguissola nel XIII secolo, passò agli Scotti nel seicento. Tra il 1876 ed il 1978 è stato acquistato dal comune che lo ha adibito a propria sede.
  • Castello di Ronco: risalente all'XI secolo, fu teatro, sin dai primi anni dopo la costruzione, di lotte tra guelfi e ghibellini. Nei primi anni del XVI secolo fu ricostruito dalla famiglia Arcelli, la quale lo cedette, poi, alla famiglia Boccabarile, prima di divenire proprietà della famiglia Asinelli. Il castello, pur soggetto a rimaneggiamenti in epoca rinascimentale, presenta una tipica struttura di maniero medievale con torri di guardia e un mastio centrale, nel quale si rilevano le tracce di un ponte levatoio[12].
  • Castello di Rizzolo: edificato dall'omonima famiglia, nel 1391 subì importanti lavori di irrobustimento a scopo difensivo, voluti da Gian Galeazzo Visconti. Fu di proprietà dei Salvatico dalXVI secolo fino al 1866 quando passò alla famiglia Anguissola. Nel corso del XVIII secolo, pur conservando l'aspetto esteriore, fu trasformato in residenza estiva con la realizzazione di un parco e di un porticato[13].
  • Castello di Tollara: risalente al periodo medievale, non viene quasi mai menzionato nelle cronache dei vari combattimenti avvenuti nella zona, a testimonianza di una sostanziale estraneità del forte rispetto a questi avvenimenti. Dopo essere stato di proprietà delle famiglia Da Rizzolo e Pusterla è stato convertito all'uso agricolo[14].
La Rocca di San Damiano.
  • Castello di Viustino: già citato in un documento del 979 in cui l'imperatore Ottone II di Sassonia investiva i fratelli Lanfranco, Opizzo, Jacopo, Gherardo e Fero della sua proprietà, venne distrutto nel 1314 da Galeazzo I Visconti e, in seguito, ricostruito. Presenta una pianta quadrangolare, con un torrione situato al centro del corpo di fabbrica.[15].
  • Rocca di San Giorgio: edificata all'inizio del seicento, fu affrescata dal pittore Giuseppe Badiaschi nell'ottocento. Presenta un parco dalla superficie di 75.000 m², un laghetto, un tempietto ed una rete di grotte.
  • Rocca di San Damiano: castello a pianta rettangolare con due basse torri di forma rotonda sul lato settentrionale ed un mastio centrale più alto. Fu costruito nel 1436 ad opera di Bartolomeo Anguissola, la cui famiglia rimase proprietaria del castello fino al XIX secolo[16].
  • Torrazzo di Centovera: torre edificata a opera della famiglia Anguissola di San Damiano, originariamente parte di un più ampio complesso castrense[17].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[18]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Festività e celebrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 aprile si festeggia il santo patrono del paese, san Giorgio[19]. L'ultima domenica di settembre si svolge la tradizionale Festa del Fungo[20].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il capoluogo è attraversato dalla strada provinciale 6 di Carpaneto che lo collega a Piacenza a nord e a Carpaneto Piacentino a sud-est. Il comune è collegato a Ponte dell'Olio dalla strada provinciale 36[21] di Godi che si origina dalla SP6 in località Case Nuove e attraversa la frazione omonima e Rizzolo e a Pontenure dalla strada provinciale 32 di Sant'Agata[22]. Il comune è collegato al capoluogo provinciale con i mezzi pubblici[2].

Tra il 1897 e il 1938 San Giorgio Piacentino fu servito dalla tranvia Piacenza-Lugagnano.

Nell'area più meridionale del comune, nei pressi della frazione di San Damiano, è presente l'aeroporto militare di Piacenza-San Damiano, sede fino al 2016 del 50º Stormo dell'Aeronautica Militare e diventato, in seguito al suo scioglimento, sede del Comando Aeroporto Piacenza[23].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
17 giugno 1985 9 giugno 1990 Livia Astorri Democrazia Cristiana Sindaco [24]
9 giugno 1990 24 aprile 1995 Antonio Rabboni Democrazia Cristiana Sindaco [24]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Antonio Rabboni centro Sindaco [24]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Antonio Rabboni lista civica di centro Sindaco [24]
14 giugno 2004 7 giugno 2009 Claudio Consiglieri lista civica di centro-sinistra Sindaco [24]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Giancarlo Tagliaferri lista civica di centro-destra Sindaco [24]
26 maggio 2014 28 maggio 2018 Giancarlo Tagliaferri lista civica di centro-destra: Tagliaferri Sindaco Sindaco [24]
28 maggio 2018 26 maggio 2019 Donatella Alberoni lista civica di centro-destra: Tagliaferri Sindaco Vicesindaco reggente [24]
26 maggio 2019 in carica Donatella Alberoni lista civica di centro-destra: Alberoni Sindaco Sindaco [24]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[26][modifica | modifica wikitesto]

Nel Comune sono presenti 4 squadre di calcio, il Drago San Giorgio lo Junior Drago e 2 squadre di amatori. Inoltre il paese offre 2 campi da calcio, 2 palestre, una per la pallavolo e una per il calcetto, basket, pallavolo e due campi scoperti per il tennis. Nel Comune inoltre è presente la scuola di Judo A.s.d Centro Arti Marziali Kodokan Val Nure.

San Giorgio è stato sede di partenza dell'ottava tappa del Giro d'Italia 1968, poi vinta da Eddy Merckx sul traguardo di Brescia[27].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 luglio 2018.
  2. ^ a b Territorio Archiviato il 16 aprile 2016 in Internet Archive. comune.sangiorgiopiacentino.it
  3. ^ Clima, su meteovalnure.it. URL consultato il 14 settembre 2019.
  4. ^ PIACENZA/S.DAMIANO (PC) 138 m. s.l.m. (a.s.l.) (PDF), su clima.meteoam.it. URL consultato il 14 settembre 2019.
  5. ^ Storia Archiviato il 6 ottobre 2015 in Internet Archive. comune.sangiorgiopiacentino.it
  6. ^ a b c d e Castello di San Giorgio Piacentino, su piacenzantica.it. URL consultato il 7 dicembre 2019.
  7. ^ La storia, su roccadisangiorgio.com. URL consultato il 7 dicembre 2019.
  8. ^ S.Damiano
  9. ^ Apparizione di San Damiano Piacentino, su mariadinazareth.it. URL consultato il 7 dicembre 2019.
  10. ^ Chiesa di San Giorgio Martire a San Giorgio Piacentino, su valnure.info.
  11. ^ Marco Gallione, Castello di Montanaro, su altavaltrebbia.net, 5ottobre 2012. URL consultato il 30 novembre 2019.
  12. ^ Castello di Ronco, su valnure.info. URL consultato il 13 settembre 2018.
  13. ^ Castello di Rizzolo - 282, su valnure.info. URL consultato il 7 dicembre 2019.
  14. ^ Castello di Tollara - 277, su valnure.info. URL consultato il 7 dicembre 2019.
  15. ^ Monica Bettocchi, 04 - Castello di Viustino, su emiliaromagna.beniculturali.it. URL consultato il 13 settembre 2018.
  16. ^ Monica Bettocchi, 05 - Castello di San Damiano, su emiliaromagna.beniculturali.it. URL consultato il 12 agosto 2019.
  17. ^ Marco Gallione, Torrazzo (Torre Anguissola) di Centovera, su altavaltrebbia.net, 8 ottobre 2012. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  18. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  19. ^ Le manifestazioni del nostro comune Archiviato il 16 aprile 2016 in Internet Archive. comune.sangiorgiopiacentino.pc.it
  20. ^ Palio del fungaiolo Archiviato il 16 aprile 2016 in Internet Archive. comune.sangiorgiopiacentino.pc.it
  21. ^ Comune di Ponte dell'Olio, Piano comunale di Protezione Civile, p. 2.
  22. ^ Provincia di Piacenza - servizio edilizia, progettazione infrastrutture e grandi opere (PDF), su provincia.piacenza.it. URL consultato il 25 aprile 2019.
  23. ^ Michele Iacobuono, Il 50º stormo termina la propria attività e si costituisce il comando aeroporto Piacenza, su aeronautica.difesa.it, 14 settembre 2016. URL consultato il 7 dicembre 2019.
  24. ^ a b c d e f g h i http://amministratori.interno.it/
  25. ^ a b Documento Unico di Programmazione 2018/2020, su sangiorgio.trasparenza-valutazione-merito.it. URL consultato il 27 agosto 2019.
  26. ^ Sport Archiviato il 16 aprile 2016 in Internet Archive. comune.sangiorgiopiacentino.it
  27. ^ (EN) 1968 Giro d'Italia, su bikeraceinfo.com. URL consultato il 28 maggio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN242293132 · WorldCat Identities (EN242293132
Emilia Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia