Ziano Piacentino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ziano Piacentino
comune
Ziano Piacentino – Stemma Ziano Piacentino – Bandiera
Ziano Piacentino – Veduta
Castello di Montalbo, foto di Paolo Monti
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Provincia Provincia di Piacenza-Stemma.svg Piacenza
Amministrazione
Sindaco Manuel Ghilardelli (PdL-Lega Nord-UdC) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°00′N 9°24′E / 45°N 9.4°E45; 9.4 (Ziano Piacentino)Coordinate: 45°00′N 9°24′E / 45°N 9.4°E45; 9.4 (Ziano Piacentino)
Altitudine 220 m s.l.m.
Superficie 32,78 km²
Abitanti 2 580[1] (30-09-2014)
Densità 78,71 ab./km²
Frazioni Albareto, Fornello, Montalbo, Seminò, Vicobarone, Vicomarino
Comuni confinanti Borgonovo Val Tidone, Castel San Giovanni, Nibbiano, Rovescala (PV), Santa Maria della Versa (PV)
Altre informazioni
Cod. postale 29010
Prefisso 0523
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 033048
Cod. catastale L848
Targa PC
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti zianesi
Patrono san Paolo
Giorno festivo 25 gennaio (conversione di San Paolo)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ziano Piacentino
Ziano Piacentino
Ziano Piacentino – Mappa
Posizione del comune di Ziano Piacentino nella provincia di Piacenza
Sito istituzionale

Ziano Piacentino (Ṡiàn in dialetto piacentino[2]) è un comune italiano di 2.580[1] abitanti della provincia di Piacenza.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La cittadina e il territorio comunale sono situati sul territorio collinare della bassa Val Tidone al confine con l'Oltrepò pavese e Bassa padana (Lombardia). Il centro abitato è attraversato dal 45º parallelo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia di Ziano risale all'Alto Medioevo. L'esistenza di un insediamento chiamato castrum de Zilianum è testimoniata da un documento testamentario del 1029, oggi conservato nella Biblioteca Vescovile di Bobbio.[3] In tale documento il diacono Gherardo si impegna a lasciare il castrum e la cappella dedicata a San Paolo, al marchese Ugo. Alla morte del marchese, data la mancanza di eredi, la proprietà passa al Vescovato di Piacenza, dato quanto aveva stabilito lo stesso diacono Gherardo.

Il nome Zilianum, con cui il borgo era chiamato all'epoca, derivava probabilmente da quello di un possidente terriero romano (Cillius).

Il territorio ha come capoluogo Vicobarone che fa parte fin dall'epoca longobarda dei possedimenti dell'Abbazia di San Colombano di Bobbio.[4]

Ziano rivestì importanza strategica durante le lotte tra le forze guelfe piacentine e le milizie ghibelline di Pavia. Nonostante gli sforzi dei Guelfi Pavia riuscì a conquistare Ziano nel 1242, occupandone il castello. Nel 1271 Ziano fu scelto dal Papa Gregorio X come sede d'incontro tra il comune di Piacenza, rappresentato dal nipote del Papa il Cardinale Vicedomino Vicedomini, e Ubaldino (Ubertino) Landi, portavoce dei Ghibellini. Questi decise di non sottoscrivere alcuna risoluzione pacifica e venne pertanto scomunicato.

Nel 1312, ricevuto l'ordine dal padre Alberto, Francesco Scotti attaccò il castello di Ziano con lo scopo di danneggiare i Visconti in Valtidone. Successivamente le colline della zona furono teatro dei violenti scontri tra i Ghibellini di Galeazzo II Visconti e le milizie pontificie di Gregorio XI. Ziano si arrese e fu occupato in nome del Papa da Dondazio Malvicini. In seguito il forte passò di proprietà numerose volte: fu della Signoria degli Arcelli, poi dei Piccinino e nuovamente degli Arcelli nel 1450. Nel 1467 gli Sforza Fogliani divennero i nuovi feudatari. Tra il 1558 e il 1576 il castello fu di proprietà dei conti Sforza di Borgonovo, mentre i marchesi Zandemaria comprarono la proprietà nel 1691 e trasformarono il fortilizio in dimora signorile. Fino al 1823 Vicobarone fu sede comunale, mentre dal 1823 al 1888 il capoluogo divenne Vicomarino. Il comune assunse la denominazione prima "di Ziano" (1888) e poi "di Ziano Piacentino" nel 1928.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Zona a spiccata vocazione agricola, con un'alta densità di coltivazioni vitivinicole. Principali vitigni:

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
26 giugno 1985 26 maggio 1990 Enrico Franchini Partito Comunista Italiano Sindaco [6]
26 maggio 1990 24 aprile 1995 Enrico Franchini Partito Comunista Italiano Sindaco [6]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Enrico Franchini centro-sinistra Sindaco [6]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Romano Torselli lista civica Sindaco [6]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Enrico Franchini lista civica Sindaco [6]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Manuel Ghilardelli centro-destra Sindaco [6]
26 maggio 2014 in carica Manuel Ghilardelli lista civica: per Ziano Sindaco [6]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Ziano Piacentino è gemellato con:

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l'U.S. Ziano che milita nel girone A emiliano-romagnolo di 2ª Categoria. Dalla stagione 2011/2012 alla stagione 2013/2014 ha militato nel girone A emiliano-romagnolo di 2ª Categoria. I colori sociali sono il rosso ed il grigio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, Garzanti, 1996, p. 718.
  3. ^ Storia di Ziano
  4. ^ Storia di Vicobarone
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Emilia Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia