Ferrovia Alessandria-Piacenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alessandria-Piacenza
Mappa ferrovia Alessandria-Piacenza.png
Stati attraversatiItalia Italia
Attivazione1858-60
GestoreRFI
Lunghezza96 km
Scartamento1435 mm
ElettrificazionekV CC
Ferrovie

La ferrovia Alessandria-Piacenza è una linea ferroviaria italiana che corre a cavallo tra le regioni Emilia-Romagna, Lombardia e Piemonte.

È lunga 96 km, la gestione è di competenza di RFI, che la classifica come fondamentale[1].

Collega il nodo ferroviario di Alessandria (Piemonte) con il nodo ferroviario di Piacenza (Emilia-Romagna), toccando le città di Tortona, Voghera e Stradella.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La realizzazione di una linea ferroviaria tra Alessandria e Stradella venne autorizzata con una legge del Regno di Sardegna nel luglio 1854; a seguito dell'approvazione di questo atto vennero costituite tre società che si candidarono per l'esecuzione dei lavori: la Società Sarda Centrale nata a Genova nel 1855 con l'appoggio del senatore Francesco Sauli, una società di matrice inglese, guidata dall'ingegnere Ralph Bonfil e la Società Anonima della Strada Ferrata da Alessandria ai confini di Piacenza e di Lombardia costituita a Voghera nell'ottobre 1855[2]. Nel gennaio 1856 fu quest'ultima società ad ottenere la concessione per la costruzione, dopo lunghi contenziosi che avevano coinvolto anche diversi parlamentari del regno[3]; la concessione originaria prevedeva una durata di 85 anni, lasciando, al contempo, però, la possibilità allo stato di riscattare l'infrastruttura dopo 30 anni[3]. Già in questa fase il consiglio della provincia di Voghera sostenne la necessità di non limitare la ferrovia a Stradella, ma di prolungarla successivamente per Piacenza[3].

I lavori per la costruzione della ferrovia furono autorizzati il 16 gennaio 1856: il progetto iniziale prevedeva il tronco tra Alessandria e Stradella, oltreché la diramazione da Tortona a Novi Ligure[4]; secondo la concessione la loro conclusione era prevista entro due anni[3]. Il 3 maggio successivo il Ministero dei lavori pubblici approvò il progetto del percorso della linea, la cui costruzione, assegnata all'azienda Pianezza & Mazza, poté essere avviata nel mese di luglio[3].

Tratta Inaugurazione[5]
Alessandria-Voghera 1º novembre 1857
Voghera-Casteggio 25 gennaio 1858
Casteggio-Stradella 22 luglio 1858
Stradella-Castel San Giovanni 5 settembre 1859
Castel San Giovanni-San Nicolò 20 ottobre 1859
San Nicolò-ponte Trebbia 20 novembre 1859
ponte Trebbia-Piacenza 19 gennaio 1860

Nonostante alcuni rallentamenti dovuti a controversie con la società costruttrice, i primi viaggi di collaudo nel tratto tra Alessandria e Tortona e Voghera avvennero nell'estate del 1857; la linea venne poi autorizzata all'esercizio il 30 ottobre 1857 e il giorno successivo avvenne l'inaugurazione ufficiale alla presenza del re Vittorio Emanuele II, del presidente del consiglio Camillo Benso, conte di Cavour e dei ministri Urbano Rattazzi e Pietro Paleocapa; l'effettivo inizio della circolazione avvenne due giorni dopo la cerimonia[6]. Il tratto tra Voghera e Casteggio fu inaugurato il 25 gennaio 1858; nel luglio successivo fu aperto il tronco fino a Stradella[6].

Nel frattempo, nel maggio 1857, alcuni banchieri piacentini avevano ottenuto una concessione della durata di 68 anni per la costruzione di una ferrovia che collegasse Piacenza al confine sardo transitando per Castel San Giovanni[6]; in seguito a ciò il 6 luglio 1857 nacque la Società delle ferrovie di Piacenza[7]. Nell'aprile 1858 la società sarda e quella piacentina stipularono una convenzione che prevedeva il collegamento delle due infrastrutture[7]. Nel giugno 1858 fu approvato dalla Camera un decreto per la facilitazione per l'unione della Società della ferrovia da Alessandria e Novi a Stradella con quella di Piacenza[8].

Nel 1859 i territori del Ducato di Parma e Piacenza furono incorporati alle Province Unite del Centro Italia e successivamente annessi al Regno di Sardegna a seguito del plebiscito del 12 marzo 1860: nel luglio 1859 la società piacentina cedette la sua concessione allo stato sabaudo[7], in seguito a ciò furono aperti i tratti di percorso piacentini, l'ultimo dei quali, quello tra il ponte sul fiume Trebbia e il capoluogo, venne aperto al traffico il 19 gennaio 1860[5].

Inizialmente a binario unico, la ferrovia venne dotata del secondo binario negli anni '90 del XIX secolo[9].

A partire dal primo luglio 1905, a seguito dell'approvazione della legge numero 137 datata 22 aprile 1905, l'esercizio della linea ferroviaria fu assunto direttamente dallo stato italiano, tramite la neocostituita Azienda autonoma per l’esercizio delle Ferrovie Italiane, sottoposta al controllo del ministero dei lavori pubblici[10]

Nella notte del 31 maggio 1962 si verificò un incidente nella stazione di Voghera: un treno merci proveniente da Milano investi la coda di un treno passeggeri in sosta sul terzo binario in procinto di partire per Genova: l'incidente provocò 60 vittime e 40 feriti, 4 dei quali si spensero successivamente in ospedale portando il totale delle vittime a 64[11].

Tra il 2020 e il 2021 buona parte delle stazioni presenti lungo la linea, tra cui quelle di Casteggio, Santa Giuletta, Stradella, Arena Po, Sarmato e Rottofreno furono trasformate in impresenziate nell'ambito di un piano che prevede che tutte le stazioni intermedie della linea vengano successivamente rese imprsenziate e sottoposte al comando da parte del Dirigente Centrale Operativo della stazione di Milano Greco Pirelli[12].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La linea ferroviaria ha un percorso pianeggiante, è a doppio binario a scartamento da 1435 mm, è elettrificata in corrente continua da 3000 V, supporta un peso assiale di 22,5 t per asse ed ha una pendenza massima del 6‰[1].

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Il ponte ferroviario sul Trebbia tra Piacenza e San Nicolò a Trebbia
Stazioni e fermate
Unknown route-map component "vCONTg" Unknown route-map component "d"
linee per Torino e per Novara
Unknown route-map component "v-SHI2gr" Unknown route-map component "dSTR"
Unknown route-map component "KDSTaq" Unknown route-map component "dABZgr+r" Unknown route-map component "vBHF"
0+000 Alessandria
Unknown route-map component "v-SHI2g+r" Unknown route-map component "dSTR"
Unknown route-map component "dvCONTgq" Unknown route-map component "SPLeq" Unknown route-map component "vABZgr-STR"
linee per Cavallermaggiore, per San Giuseppe di Cairo e per Ovada
Unknown route-map component "dWASSERq" Unknown route-map component "vWBRÜCKE1" Unknown route-map component "dWASSERq" Unknown route-map component "d"
fiume Bormida
Unknown route-map component "dCONTgq" Unknown route-map component "v-STRr" Unknown route-map component "vSTR-"
linea per Genova
Station on track
7+568 Spinetta
Unknown route-map component "HSTeBHF"
13+776 San Giuliano Piemonte
Unknown route-map component "CONT2" Unknown route-map component "STR+c3"
linea per Novi Ligure e Terzo valico (in costruzione)
Unknown route-map component "STRc1" Unknown route-map component "ABZg+4"
20+101 Cabina Ex Bivio Tortona
Unknown route-map component "SKRZ-Au"
Autostrada A7 - Strada europea E62
Unknown route-map component "uexSTR+l" Unknown route-map component "emKRZ" Unknown route-map component "uexCONTfq"
Tranvia per Sale († 1933)
Unknown route-map component "uexhKRZWae" Unknown route-map component "hKRZWae"
torrente Scrivia
Unknown route-map component "CONTgq" Unknown route-map component "uxmKRZ" Unknown route-map component "ABZg+r"
linea per Genova
Unknown route-map component "uexBHF" Station on track
21+915 Tortona
Unknown route-map component "uexABZgl" Unknown route-map component "emABZgr"
raccordo FS-S.A. Tramvie a Vapore della Provincia di Alessandria
Unknown route-map component "uexCONTgq" Unknown route-map component "uexABZrml" Unknown route-map component "eKRZo" Unknown route-map component "exCONTfq"
Tranvia per Monleale († 1934) e linea per Castelnuovo Scrivia († 1933)
Unknown route-map component "HSTeBHF"
30+663 Pontecurone
Small bridge over water
torrente Curone
Straight track + Unknown route-map component "GRZq"
confine Piemonte-Lombardia
Unknown route-map component "exKBHFa" Station on track
38+118 Voghera (FAA) / Voghera (RFI)
Unknown route-map component "exBS2l"
Unknown route-map component "exBS2r" + Unknown route-map component "ABZg2"
Unknown route-map component "STRc3"
raccordo FS-FAA
Unknown route-map component "exLSTR~L"
Unknown route-map component "exLSTR~R" + Unknown route-map component "STR+c1"
Unknown route-map component "CONT4"
linea per Milano
Unknown route-map component "dWASSERq" Unknown route-map component "exdWBRÜCKE" Unknown route-map component "dWBRÜCKE" Unknown route-map component "dWASSERq" Unknown route-map component "d"
torrente Staffora
Unknown route-map component "exdCONTgq" Unknown route-map component "exv-STRr" Unknown route-map component "vSTR-"
linea FAA per Varzi † 1966
Small bridge over water
torrente Coppa
Unknown route-map component "HSTeBHF"
47+604 Casteggio
Unknown route-map component "HSTeBHF"
52+366 Santa Giuletta
Unknown route-map component "ABZg+l" Unknown route-map component "CONTfq"
linea per Pavia
Station on track
59+495 Broni
Station on track
63+290 Stradella
Small bridge over water
torrente Versa
Station on track
67+987 Arena Po
Straight track + Unknown route-map component "GRZq"
confine Lombardia-Emilia-Romagna
Station on track
74+635 Castel San Giovanni
Station on track
78+998 Sarmato
Small bridge over water
torrente Tidone
Station on track
83+603 Rottofreno
Station on track
88+121 San Nicolò
Unknown route-map component "hKRZWae"
fiume Trebbia
Unknown route-map component "v-STR" Unknown route-map component "vSTR+l-" Unknown route-map component "dCONTfq"
linea per Milano
Unknown route-map component "d" Unknown route-map component "exKBHFa" Unknown route-map component "BHFSPLe"
96+513 Piacenza (SIFT) / Piacenza (RFI)
Unknown route-map component "d" Unknown route-map component "exKRWg+l" Unknown route-map component "eKRWgr"
raccordo FS-SIFT
Unknown route-map component "exCONTgq" Unknown route-map component "exSTRr" Unknown route-map component "ABZg2" Unknown route-map component "STRc3" Unknown route-map component "d"
linea SIFT per Bettola † 1967
Unknown route-map component "d" Unknown route-map component "STR+c1" Unknown route-map component "CONT4"
linea per Cremona
Unknown route-map component "d" Continuation forward
linea per Bologna

Traffico[modifica | modifica wikitesto]

La linea è percorsa da treni passeggeri di vari operatori: per quanto riguarda il servizio regionale lombardo, effettuato da Trenord, essa è percorsa dai regionali della direttrice D29 Voghera-Broni-Piacenza e da quelli della direttrice D23 Milano-Pavia-Stradella-Piacenza limitatamente al tratto tra Stradella e Piacenza[1]. Per quanto riguarda il servizio regionale piemontese, effettuato dalla divisione locale di Trenitalia, esso copre con treni regionali la tratta tra Voghera e Alessandria. Fino al 2013 la tratta era percorsa anche da treni regionali finanziati dalla regione Emilia-Romagna che percorrevano l'intera tratta proseguendo poi verso Torino[13][14]. Fino al 2018 la linea era percorsa anche da treni Frecciabianca che la percorrevano interamente nell'ambito del collegamento tra Torino e Bologna/Lecce/Roma[15].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Linea ferroviaria Voghera - Piacenza (tratta lombarda), su trail.unioncamere.it. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  2. ^ Ogliari e Abate, p. 44.
  3. ^ a b c d e Ogliari e Abate, p. 47.
  4. ^ Museo ferroviario di Bussoleno (PDF), su provincia.torino.gov.it. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  5. ^ a b Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926, su trenidicarta.it, 6 febbraio 2014. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  6. ^ a b c Ogliari e Abate, p. 50.
  7. ^ a b c Ogliari e Abate, p. 51.
  8. ^ "Facilitazione per l'unione della Società della ferrovia da Alessandria e Novi a Stradella con quella di Piacenza" 08.06.1858, su archivio.camera.it. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  9. ^ Lavori di completamento e assetto delle linee in esercizio, in Rivista Generale delle Ferrovie e dei lavori pubblici, n. 1, Firenze, Tipografia Le Monnier, 3 gennaio 1892, p. 263. URL consultato il 13 aprile 2021.
  10. ^ Legge 22 aprile 1905, n. 137, in materia di "Che approva i provvedimenti per l'esercizio di Stato delle ferrovie non concesse ad imprese private."
  11. ^ Atti parlamentari Camera, p. 29671.
  12. ^ Mariangela Milani, Nelle stazioni di Sarmato e Rottofreno sono spariti di colpo tutti i ferrovieri, in Libertà, 15 marzo 2021, p. 18.
  13. ^ Le novità del trasporto pubblico regionale, su regione.piemonte.it (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2015).
  14. ^ Cancellato il collegamento Piacenza-Torino, su pendolaripiacenza.blogspot.it, 16 dicembre 2013. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  15. ^ Asti: «La Regione salvi i nostri Frecciabianca», in La Nuova Provincia, 7 dicembre 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti