Podenzano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Podenzano
comune
Podenzano – Stemma Podenzano – Bandiera
Podenzano – Veduta
La pieve di san Germano
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
ProvinciaProvincia di Piacenza-Stemma.svg Piacenza
Amministrazione
SindacoAlessandro Piva (lista civica di centro-sinistra Insieme di nuovo) dal 25-5-2014 (2º mandato dal 26-5-2019)
Territorio
Coordinate44°57′N 9°41′E / 44.95°N 9.683333°E44.95; 9.683333 (Podenzano)Coordinate: 44°57′N 9°41′E / 44.95°N 9.683333°E44.95; 9.683333 (Podenzano)
Altitudine118 m s.l.m.
Superficie44,34 km²
Abitanti9 167[1] (31-05-2020)
Densità206,74 ab./km²
FrazioniAlbone, Altoè, Casoni, Gariga, La Crocetta, Maiano, San Polo, Turro, Verano
Comuni confinantiGossolengo, Piacenza, Pontenure, Rivergaro, San Giorgio Piacentino, Vigolzone
Altre informazioni
Cod. postale29027
Prefisso0523
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT033035
Cod. catastaleG747
TargaPC
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Nome abitantipodenzanesi
Patronosan Giovanni Bosco
Giorno festivo31 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Podenzano
Podenzano
Podenzano – Mappa
Posizione del comune di Podenzano nella provincia di Piacenza
Sito istituzionale

Podenzano (Pudinsàn [pu'diŋsaŋ] in dialetto piacentino) è un comune italiano di 9 167 abitanti della provincia di Piacenza in Emilia-Romagna.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il capoluogo è situato in zona pianeggiante circa km a sud di Piacenza, a 118 m s.l.m.[2]

Le campagne immediatamente circostanti il capoluogo e le frazioni apparivano originariamente coperte da una folta vegetazione di latifoglie; successivamente, con la diffusione della pratica agricola, i boschi hanno lasciato sempre più spazio ai campi coltivati.

Nei pressi del torrente Nure è presente il sito ZSC-ZPS del conoide del Nure e del bosco di Fornace Vecchia, condiviso con i comuni di Ponte dell'Olio, Vigolzone e San Giorgio Piacentino, in cui è presente, in territorio podenzanese, un bosco di 16 ha, relitto di una più estesa foresta planiziale dove sono presenti vari tipi di querce (Quercus pubescens, Quercus petraea e Quercus cerris), oltre all'ontano bianco, al carpino nero, al castagno, al frassino maggiore, all'orniello, all'acero campestre e a diverse tipologie di pioppi (Populus alba, Populus nigra e Populus tremula)[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi abitanti della zona di Podenzano furono le civiltà "terremare" che costruirono un villaggio costituito di palafitte protette da fossi[4]. La zona fu poi occupata dai Galli nel IV secolo a.C. per poi diventare confine tra la Repubblica romana e i territori occupati dai Galli dopo le fondazione di Piacenza e Cremona, avvenute nel 218 a.C.[4]

In epoca longobarda nella zona vi operano i monaci dell'abbazia di San Colombano di Bobbio con il possedimento della corte di Ancarano[5], che includeva Rallio di Montechiaro, Verano e Cassiano di Podenzano[6][7]. La corte di Verano (Verriana) è una tenuta agricola con terre coltivate a grano, a vigna, a olivi o lasciate a pascolo, e saline dedicate alla produzione del sale sufficiente per gli abitanti della corte, divisa fra trentadue massari. Oltre alla produzione agricola, la gestione economica rende al monastero di Bobbio un reddito annuo di ventitré soldi e ventiquattro denari.

Nel Medioevo è presente a Podenzano la famiglia Malaspina che, a partire dal 1153, edifica il castello, situato nel centro dell'abitato e divenuto, poi, sede del comune. Cacciati i Malaspina a seguito di un intervento del comune di Piacenza, è coinvolto nelle lotte tra guelfi e ghibellini e, nel duecento, subisce un lungo assedio da parte delle truppe di Gian Galeazzo Visconti[8]. Passa poi agli Anguissola nel 1511 quando il re di Francia Luigi XII concede al conte Giovanni la giurisdizione sul feudo di Podenzano[4]. Gli Anguissola restano a Podenzano fin verso il 1650, quando il feudo viene assegnato alla famiglia Salvatico, per poi venire inglobato nel Ducato di Parma e Piacenza.

Nel 1821 la parte nord del comune di Podenzano, comprendente la frazioni di San Polo e Turro ed una fetta del capoluogo situata a settentrione della strada di San Rocco viene aggregata al comune di San Lazzaro Alberoni, costituito in età napoleonica. Questa modifica territoriale genera forti difficoltà finanziarie al comune di Podenzano, tanto ché, nel 1831 l'anzianato formula una proposta di soppressione del comune, con conseguente annessione a Gossolengo. La proposta non ha, però, seguito ed il 13 giugno 1857 i territori trasferiti sotto la giurisdizione di San Lazzaro tornano nuovamente a far parte del comune di Podenzano[9].

Entrata a far parte dell'Italia insieme al resto del Ducato nel 1861, a Podenzano si assiste ad una grande espansione del settore agricolo, a discapito del processo di industrializzazione in corso nel resto della pianura padana. L'industrializzazione nella zona conosce, poi, un forte sviluppo nel corso del novecento[4].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Pieve di San Germano: costruita tra il 1936 ed il 1940 in sostituzione di un precedente edificio fondato nel V secolo e sostanzialmente rimaneggiato tra il XVIII ed il XIX secolo[10]. Contiene al suo interno un organo Tonoli, inizialmente custodito nel duomo di Piacenza ed alcuni affreschi del pittore piacentino Luciano Ricchetti[11].
  • Castello di Altoè: edificato sulla base di antichi insediamenti romani, il fortilizio viene citato per la prima volta tra il 1385 e il 1386 come proprietà della famiglia Salimbebe. Nel 1440 fu concesso dal duca di Milano Filippo Maria Visconti alla famiglia Piccinino. Nel 1650 divenne di proprietà di Ferrante Anguissola, nominato conte di Alto, per poi rimanere in possesso dei suoi discendenti. Presenta una pianta rettangolare resa irregolare da due torri: una con i resti di un ponte levatoio che fungeva da ingresso e una, più alta, il mastio. L'edificio è stato restaurato nell'ottocento ad opera dell'architetto Angelo Colla[12].
  • Castello di Gariga (o castello Maggia): costruito nel XIII secolo in un luogo dove erano presenti preesistenti costruzioni di origine romana, passò più volte di mano fino a diventare, nel 1679, proprietà della famiglia Maggia che restaurò l'ala sud e per la quale viene talvolta chiamato castello Maggia. Presenta un alto mastio posto sul lato d'entrata, affiancato da una torre a base quadrata più bassa dove è posto l'ingresso, originariamente dotato di ponte levatoio. All'interno del cortile si trova un porticato con loggia al piano superiore caratterizzato da archi, alcuni dei quali murati nei lavori operati dalla famiglia Maggia. L'accesso al primo piano è permesso da uno scalone[13].
  • Castello di Podenzano: edificato dalla famiglia Malaspina a partire dal 1153, viene acquistato dagli Anguissola nel 1466, rimanendone di proprietà fino al termine del feudalesimo. La struttura presenta 4 torri angolari: due di forma rotonda e due di forma quadrata ed è occupata dagli uffici del comune[14].
  • Castello di San Polo: castello trecentesco, inizialmente di proprietà della famiglia Landi e passato, poi, ad altre famiglie nobiliari, tra cui gli Anguissola, dopo il XV secolo. Nel 1746 viene adibito a prigione dagli austriaci guidati dal generale Berenklau. Lasciato in stato di abbandono, la struttura si presenta pericolante e in cattive condizioni[15].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[16]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa dei Santi Ippolito e Cassiano a Maiano

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Fanno parte del territorio comunale le frazioni di San Polo, primo centro per dimensioni dopo il capoluogo, situato sulle rive del torrente Nure[17] e sviluppatosi lungo il percorso della strada provinciale 6[18], Gariga, che ha conosciuto a partire dagli ultimi anni del XX secolo di un forte sviluppo abitativo, grazie al suo posizionamento lungo la ex strada statale 654 di Val Nure[18], Turro, insediamento prettamente agricolo che non ha conosciuto uno sviluppo pari a quello di altre frazioni del territorio[18], Altoè, centro abitato sorto attorno al castello medievale e quasi completamente vocato al residenziale[19], e Verano, caratterizzato, come Turro, dalla prevalente presenza di attività agricole[20].

Altre frazioni minori sono Maiano, Due Case, Albone e Case Gatti[21], mentre tra le località sono presenti le zone industriali/artigianali dei Casoni di Gariga e Crocetta di San Polo[2].

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

L'agricoltura è stata fino al novecento l'attività economica prevalente di Podenzano[4]. Nel territorio comunale assume particolare importanza la produzione di pomodori, sono, infatti, presenti due stabilimenti di lavorazione, uno nei pressi di San Polo[22] e uno a Gariga[23]. L'importanza della coltura e delle conseguenti lavorazioni per il territorio podenzanese sono testimoniate anche dall'organizzazione a cadenza annuale nel periodo estivo, della Fiera del pomodoro piacentino - Tomato World[24].

L'azienda sperimentale Vittorio Tadini[modifica | modifica wikitesto]

Nella frazione di Gariga ha sede l'azienda sperimentale Vittorio Tadini, ente dedicato alla sperimentazione in campo agricolo nato a seguito del lascito testamentario del conte Vittorio Tadini il quale, a tal fine, cedette la proprietà di un podere alla cattedra ambulante di agricoltura, una delle pochissime istituzioni dell'epoca che si occupavano della diffusione della cultura agricola. Nel 1933 venne costituito l'ente morale con il compito di mettere effettivamente in pratica il volere di Tadini[25]. In seguito, il controllo dell'azienda è passato sotto il ministero dell'Agricoltura, prima, e la regione Emilia-Romagna, poi.

L'azienda è costituita in un ente morale senza fini di lucro e ospita nei suoi locali il laboratorio di analisi terreni e la ripartizione della rete agrometeorologica provinciali e il laboratorio di analisi del latte posto sotto la direzione dell'Istituto Zooprofilattico della Lombardia e dell'Emilia. L'azienda si estende su una superficie complessiva di 92 ha, 82 dei quali di SAU. L'azienda ha una produzione agricola mista: foraggero-zootecnico cerealicolo in supporto all'allevamento di vacche da latte e orticolo da industria (pomodoro)[25]. L'ente è guidato da un consiglio direttivo i cui membri sono nominati dalla regione, dalla provincia di Piacenza, dal comune di Podenzano, dagli istituti scolastici agrari e dalle associazioni di categoria[25].

Infine, l'azienda fornisce anche servizi didattici con l'organizzazione di una serie di corsi che coprono varie tematiche legate al mondo agricolo e sono diretti a diverse tipologie di utenza, dai giovani agli utenti del settore ai disoccupati[26].

Industria[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal XX secolo il settore industriale ha conosciuto un forte sviluppo a Podenzano, affiancandosi alle tradizionali attività del primo settore[4] e rendendo il comune uno dei principali poli industriali del territorio piacentino[27]. Lo sviluppo industriale ha giovato della posizione di vicinanza con il capoluogo provinciale che ha reso le aree industriali podenzanesi una sorta di periferia delle omologhe aree di Piacenza[28].

Le principali aree di sviluppo industriale del territorio comunale sono le località Casoni di Gariga, polo di carattere sovracomunale situato al confine con il comune di Piacenza dove operano imprese di diverse dimensioni afferenti al settore industriale, ma anche commerciale e di terziario, e Crocetta, dove, invece, sono presenti insediamenti produttivi di dimensioni più contenute con una spiccata vocazione artigianale[29]. Un'area produttiva è altresì presente anche all'interno del capoluogo, lungo il percorso della ex strada statale 654 di Val Nure[30].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Podenzano è interessata dal passaggio della ex strada statale 654 di Val Nure e, per un breve tratto nei pressi della località di Ponte Vangaro, della strada Statale 45 di Val Trebbia. Il territorio comunale è attraversato anche dalla strada provinciale 6 di Carpaneto che unisce Piacenza a Carpaneto Piacentino e dalla strada provinciale 42 di Podenzano che si dirama dalla strada provinciale 6 nei pressi del ponte sul Nure di San Giorgio Piacentino e raggiunge la strada statale 45 in località Ponte Vangaro, passando per il capoluogo comunale[31].

A partire dal 1881 il territorio comunale fu, inoltre, servito dalla tranvia Piacenza-Bettola, che permetteva il collegamento a nord con il capoluogo provinciale e a sud con la media val Nure fino a Bettola; lungo la linea erano presenti in territorio podenzanese le fermate di Casoni, Gariga, Due Case, Podenzano e Maiano[32]. La tranvia venne sostituita nel 1933 da una ferrovia gestita dalla Società Italiana Ferrovie e Tramvie che poteva contare in territorio podenzanese su due stazioni, una nel capoluogo e una a Gariga[32]. L'infrastruttura venne definitivamente soppressa nel 1967.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

La piazza della frazione di San Polo.

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
18 luglio 1985 2 agosto 1990 Roberto Spinola Partito Socialista Italiano Sindaco [33]
2 agosto 1990 27 febbraio 1992 Roberto Spinola Partito Socialista Italiano Sindaco [33]
27 febbraio 1992 29 gennaio 1993 Angela Taina Partito Socialista Italiano Sindaco [33]
29 gennaio 1993 12 novembre 1994 Antonio Maestri Partito Democratico della Sinistra Sindaco [33]
12 novembre 1994 24 aprile 1995 Loretiana Bevilacqua Comm. pref. [33]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Antonio Maestri centro-sinistra Sindaco [33]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Antonio Maestri lista civica di centro-sinistra Sindaco [33]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Alessandro Ghisoni lista civica di centro-sinistra Sindaco [33]
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Alessandro Ghisoni lista civica di centro-sinistra Sindaco [33]
25 maggio 2014 26 maggio 2019 Alessandro Piva lista civica di centro-sinistra: Insieme viviamo Sindaco [33]
26 maggio 2019 in carica Alessandro Piva lista civica di centro-sinistra: Insieme di nuovo Sindaco [33]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune di Podenzano sono presenti due società calcistiche, la Polisportiva Podenzano, fondata nel 1945 e militante per la stagione 2020-2021 nel campionato di Prima Categoria, dopo la promozione ottenuta al termine della stagione precedente[35]. La seconda società comunale è il San Polo, compagine rappresentante l'omonima frazione fondata nel 1967, militante nella stagione 2020-2021 nel campioanto di Terza Categoria[36]. Fino al 2018 il capoluogo era rappresentato anche da una seconda società, la Podenzanese, che ha militato, nella sua ultima stagione di attività, nel campionato di Terza Categoria[37].

Pallavolo[modifica | modifica wikitesto]

Nella pallavolo femminile il territorio comunale è rappresentato dal Volley Ball Podenzano la cui prima squadra ha milita nel campionato di Serie D nella stagione 209-2020[38] e che, nell'annata 2020-2021, iscrive autonomamente una squadra in Prima Divisione e una squadra in Seconda Divisione[39]. Nella stessa stagione la società iscrive, in collaborazione con la Pallavolo Sangiorgio, del confinante comune di San Giorgio Piacentino, una squadra al campionato di Serie D con la denominazione di SangioPode[40].

Basket[modifica | modifica wikitesto]

Nella pallacanestro maschile Podenzano è rappresentata dal Basket Podenzano, militante per la stagione 2020-2021 nel campionato di Serie D regionale[41].

Ciclismo[modifica | modifica wikitesto]

All'interno del territorio podenzanese si è disputato per 31 edizioni fino al 2013 il Gran Premio Sportivi di Podenzano, corsa in linea maschile di ciclismo su strada riservata alla categoria Under 23[42][43].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 maggio 2020., su demo.istat.it. URL consultato il 29 ottobre 2020.
  2. ^ a b Territorio, su comune.podenzano.pc.it. URL consultato il 28 ottobre 2020.
  3. ^ IT4010017 - ZSC-ZPS - Conoide del Nure e Bosco di Fornace Vecchia, su ambiente.regione.emilia-romagna.it. URL consultato il 31 agosto 2019.
  4. ^ a b c d e f La storia, su comune.podenzano.pc.it. URL consultato il 31 agosto 2019.
  5. ^ Destefanis, p.67-70 Fig. 44-44a-44b.
  6. ^ http://www.sancolombano.eu/home/view_file_jolly.php?ID=35
  7. ^ Codice Diplomatico di San Colombano di Bobbio, pp. 215, 246, 252, 253, 278, 333, 375.
  8. ^ Podenzano (PC), su italiapedia.it. URL consultato il 7 dicembre 2019.
  9. ^ Piano Strutturale Comunale - Quadro conoscitivo - Centri storici - Le zone urbane storiche (PDF), su comune.podenzano.pc.it. URL consultato il 9 agosto 2019.
  10. ^ Chiesa di San Germano <Podenzano>, su chieseitaliane.chiesacattolica.it.
  11. ^ Parrocchia di San Germano, su comune.podenzano.pc.it.
  12. ^ Marco Gallione, Castello di Altoè, su altavaltrebbia.net, 4 ottobre 2012. URL consultato il 30 agosto 2019.
  13. ^ Monica Bettocchi, Castello di Gariga, su emiliaromagna.beniculturali.it. URL consultato il 3 novembre 2019.
  14. ^ Castello di Podenzano, su turismo.provincia.piacenza.it. URL consultato l'8 agosto 2019.
  15. ^ Marco Gallione, Castello di San Polo, su altavaltrebbia.net, 7 ottobre 2012. URL consultato il 4 maggio 2019.
  16. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  17. ^ Molossi, p. 495.
  18. ^ a b c Piano Strutturale Comunale - Quadro conoscitivo - Relazione del sistema territoriale, p. 14.
  19. ^ Piano Strutturale Comunale - Quadro conoscitivo - Relazione del sistema territoriale, p. 48.
  20. ^ Piano Strutturale Comunale - Quadro conoscitivo - Relazione del sistema territoriale, p. 49.
  21. ^ Piano Strutturale Comunale - Quadro conoscitivo - Relazione del sistema territoriale, p. 37.
  22. ^ L'azienda, su emilianaconserve.it. URL consultato il 28 ottobre 2020.
  23. ^ Dove, su ccdp.it. URL consultato il 28 ottobre 2020.
  24. ^ Podenzano, Fiera del Pomodoro Piacentino, Fiera di San Giacomo e Tomato World in Campo, in IlPiacenza, 23 luglio 2015.
  25. ^ a b c Azienda Tadini, su geo.regione.emilia-romagna.it. URL consultato il 28 ottobre 2020.
  26. ^ Corsi, su centrotadini.com. URL consultato il 28 ottobre 2020.
  27. ^ Studio di fattibilità per la fusione dei Comuni di Podenzano, Ponte dell’Olio e Vigolzone e per la fusione dei Comuni di Ponte dell’Olio e Vigolzone, p. 6.
  28. ^ Studio di fattibilità per la fusione dei Comuni di Podenzano, Ponte dell’Olio e Vigolzone e per la fusione dei Comuni di Ponte dell’Olio e Vigolzone, p. 85.
  29. ^ Piano Strutturale Comunale - Quadro conoscitivo - Relazione del sistema territoriale, p. 15.
  30. ^ Piano Strutturale Comunale - Quadro conoscitivo - Relazione del sistema territoriale, p. 13.
  31. ^ Provincia di Piacenza - servizio edilizia, progettazione infrastrutture e grandi opere (PDF), su provincia.piacenza.it. URL consultato il 1º giugno 2019.
  32. ^ a b Giancarlo Anselmi, Le "Tramways" piacentine, su gracpiacenza.com. URL consultato il 28 ottobre 2020.
  33. ^ a b c d e f g h i j k Anagrafe degli amministratori locali e regionali, su amministratori.interno.it./
  34. ^ Gemellaggio Municipalità di Kani Bonzon - MALI, su comune.podenzano.pc.it, 24 novembre 2017. URL consultato il 27 agosto 2019.
  35. ^ Dilettanti - Ora che la Prima Categoria è ufficiale inizia la stagione del Podenzano, in SportPiacenza, 3 settembre 2020.
  36. ^ Terza ctg Piacenza - Girone A (PDF), Lega Nazionale Dilettanti - Comitato Emilia-Romagna. URL consultato il 29 ottobre 2020.
  37. ^ Giacomo Spotti, Dilettanti - Terza Categoria, la Podenzanese verso la chiusura, in SportPiacenza, 11 giugno 2018.
  38. ^ Matteo Marchetti, Dodici squadre piacentine nei campionati regionali di volley. Tutti i gironi, in SportPiacenza, 6 agosto 2019.
  39. ^ Elenco società >> Volley Ball Podenzano, su fipavpiacenza.it. URL consultato il 29 ottobre 2020.
  40. ^ Serie D: Pallavolo Sangiorgio, diramati i numeri di maglia, in Volley News, 7 ottobre 2020.
  41. ^ A.S. Basket Podenzano, su playbasket.it. URL consultato il 29 ottobre 2020.
  42. ^ Gp Sportivi - Trofeo Biondi, Cicloweb.it. URL consultato il 30 settembre 2014.
  43. ^ G.P. Sportivi di Podenzano - Trofeo A. Biondi, Museociclismo.it. URL consultato il 30 settembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN132983935
Emilia Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia