Luciano Ricchetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Luciano Ricchetti (Piacenza, 27 aprile 1897Piacenza, 30 novembre 1977) è stato un pittore italiano.

Influenzato dal movimento Novecentista, vince il premio per il ritratto nella Biennale di Venezia del 1932 e con l'opera Modelle in riposo nel 1934 la «Prima mostra regionale sindacale emiliana». Conquista fama nazionale vincendo il Premio Cremona nel 1939, successo che ripeterà nel 1941 ex aequo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1925/30 "San Sebastiano"
  • 1930 circa, Ritratto del Ragionier Angiolo Martini
  • 1932, Modelle in riposo
  • 1933, affreschi nel santuario della Madonna del Carmine a Tarsogno, frazione di Tornolo[1]
  • 1938, Ritratto di Giuseppe Ricci Oddi, busto in bronzo
  • 1939, In ascolto, (vincitore del Premio Cremona)
  • 1941, Donne che prendono il sole sulla riva del Po
  • 1945, Con la famiglia e amici sul Po
  • 1945, Ritratto del Generale Aurelio De Francesco
  • 1952, Ritratto del Signor Italo Cantù
  • Quadro della Madonna delle Nevi nella chiesa Matrice di Girifalco[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Santuario della Madonna del Carmelo (1833), su www.prolocotarsogno.it. URL consultato il 22 novembre 2017.
  2. ^ Salvatore Guerrieri, La banda musicale nella storia di Girifalco, saggio storico - antropologico, 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN33073156 · ISNI (EN0000 0000 4617 9502 · LCCN (ENn98045596 · ULAN (EN500343084 · WorldCat Identities (ENlccn-n98045596