Farini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Farini (disambigua).
Farini
comune
Farini – Stemma Farini – Bandiera
Farini – Veduta
Groppallo
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
ProvinciaProvincia di Piacenza-Stemma.svg Piacenza
Amministrazione
SindacoCristian Poggioli (lista civica di centro-sinistra Uniti per Farini) dal 26-5-2019
Territorio
Coordinate44°43′N 9°34′E / 44.716667°N 9.566667°E44.716667; 9.566667 (Farini)Coordinate: 44°43′N 9°34′E / 44.716667°N 9.566667°E44.716667; 9.566667 (Farini)
Altitudine424 m s.l.m.
Superficie112,36 km²
Abitanti1 149[1] (30-11-2019)
Densità10,23 ab./km²
FrazioniBoli, Boccolo Noce, Cogno San Bassano, Cogno San Savino, Costabiancona, Poggioli, Coletta, Groppallo, Groppazzolo, Le Moline, Liscato, Mangiarosto, Mareto, Vediceto, Montereggio, Monticelli, Pradovera, Stomboli, Unghia Sotto, Canova.
Comuni confinantiBardi (PR), Bettola, Coli, Ferriere, Morfasso
Altre informazioni
Cod. postale29023
Prefisso0523
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT033019
Cod. catastaleD502
TargaPC
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Nome abitantiFarinesi
PatronoS. Giuseppe
Giorno festivo19 marzo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Farini
Farini
Farini – Mappa
Posizione del comune di Farini nella provincia di Piacenza
Sito istituzionale

Farini (I Farëin o I Farén in dialetto piacentino[2]) è un comune italiano di 1 149 abitanti della provincia di Piacenza in Emilia-Romagna. Si trova tra la val Nure e la val Perino sull'Appennino Ligure.

Qui nacque l'imprenditore e designer Giuseppe Figoni.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Farini si estende tra la val Nure, dove è situato il capoluogo e la gran parte del territorio comunale, e la val Perino, percorsa dall'omonimo torrente affluente del Trebbia, dove si trova la frazione di Pradovera.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Farini.

Farini, così come tutta la parte montana della provincia di Piacenza, presenta un clima temperato fresco, che si discosta dal clima continentale delle zone pianeggianti a causa dell'influenze del mar Ligure[3].

Di seguito si riporta la tabella con le temperature massime e minime mensili riscontrate nella stazione meteorologica di Farini[4].

FARINI Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 4,66,511,415,819,924,527,925,722,216,110,46,25,815,726,016,215,9
T. min. mediaC) −2,5−1,52,06,19,813,115,414,512,38,33,2−0,5−1,56,014,37,96,7

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La zona di Farini è abitata sin dal mesolitico, ciò è testimoniato dai ritrovamenti di oggetti in diaspro e selce nella zona dello spartiacque tra Trebbia e Nure. Successivamente, la zona viene colonizzata dai romani di cui sono stati ritrovati reperti nei pressi di Montereggio, Mareto e Nicelli[5].

Fin dall'epoca longobarda nella zona vi operano i monaci dell'abbazia di San Colombano di Bobbio[6][7][8], il territorio con vari possedimenti era inserito nel grande feudo reale ed imperiale monastico. Fu tappa lungo la via degli Abati, il cammino che gli abati di Bobbio percorrevano per recarsi a Roma attraverso la val Nure, la val Ceno, la val Taro e Pontremoli.

Il borgo di Cogno San Savino

Nel medioevo la zona di Farini è dominata dalla famiglia Nicelli: secondo un manoscritto ottocentesco la fortezza dell'omonimo borgo è donata ad un membro della famiglia Nicelli in seguito alla sua presenza al fianco dell'imperatore nella campagna per catturare il re longobardo Desiderio. Un contratto risalente al 999 riporta che un certo conte Ugo come possidente a Cogno San Savino, mentre nel 1047 questa stessa zona è contesa tra il monastero di San Savino ed il cenobio di Bobbio[5]. Nel 1207 il signore di questa zona è Lanfranco Nicelli, mentre nel 1514 il castello di Cogno è sottomesso a Cristoforo Nicelli.

Con la creazione dei comuni in seguito alla presenza napoleonica, la zona di Farini viene divisa tra i comuni di San Giovanni e San Bernardino, che, successivamente, verranno uniti per formare il comune di Bettola: da San Giovanni dipendono Mareto, Cogno San Savino e Cogno San Bassano[9], mentre da San Bernardino dipendono Groppallo e Boccolo Noce[10]. La frazione di Pradovera, posta in val Perino, viene, invece, assegnata al comune di Coli[11].

Nel 1867, con il regio decreto 4066, pubblicato in gazzetta ufficiale il 17 novembre, su impulso delle famiglie della zona ed, in particolare, di Giuseppe Zanellotti di Cogno S. Savino, che sarebbe in seguito diventato il primo sindaco del comune, e di don Luigi Galli, arciprete di Groppallo, viene costituito il nuovo comune di Farini d'Olmo, distaccando dai due comuni bettolesi le frazioni di Groppallo, Boccolo della Noce, Cogno San Savino, Cogno San Bassano, Mareto, Gallare, Migliorini, Groppo, Assé e Farini d’Olmo oltreché la frazione di Pradovera appartenente al comune di Coli[12][13]. Il nuovo comune diventa, poi, operativo a partire dal successivo 1º gennaio 1868.

Nel 1926 la frazione Montereggio, le località Le Moline, Castello, La Cà, Fornelli, Cà dei Ratti, Piano dei Molini, Ca' dell'Oste, Peche, Orlandazzo, Manfredello, Sidoli e la dorsale ovest della costa della Strinata sino allo spartiacque, fino a quel momento parte del comune di Boccolo dei Tassi, che era stato distaccato dalla provincia di Piacenza ed aggregato alla provincia di Parma 3 anni prima, vengono aggregate al comune di Farini d'Olmo[14].

Nel 1932 il vescovo di Piacenza Ersilio Menzani concede la costituzione di una nuova parrocchia a Farini: la chiesa parrocchiale, dedicata a san Giuseppe, viene, poi, costruita tra il 1949 ed il 1955[5].

Nel 1980 il nome del comune viene modificato da Farini d'Olmo a Farini[5].

Nella notte fra il 14 e il 15 settembre 2015 Farini, così come un'ampia parte della val Nure viene devastata dalle esondazione del Nure, dovuta al maltempo e ad ammassi di detriti, che causa danni ingenti al capoluogo comunale sventrando alcune abitazioni e trascinando via diverse automobili[15].

Il 23 dicembre 2015 il consiglio comunale delibera l'invio alla regione di un'istanza per l'avvio del procedimento di fusione con i comuni di Bettola e Ferriere; il 22 febbraio 2016 la giunta regionale approva la proposta di legge riguardante la fusione dei comuni. Il successivo 12 luglio l'assemblea legislativa approva la proposta di legge sull'indizione di un referendum consultivo, poi deliberato con decreto del presidente della giunta regionale e fissato per il 16 ottobre[16]. Il referendum vede la vittoria del no in tutti e tre i comuni con una percentuale del 67,45 % a Bettola, del 52,64 % a Farini e del 75,12% a Ferriere[17], bloccando, così, l'avanzamento della proposta di fusione.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa della Beata Vergine assunta
Situata a Groppallo, sulla cima del monte Castellaro, in posizione dominante sulla frazione. Originariamente eretta intorno al XV secolo e posta alle dipendenze della pieve di Centenaro, venne ricostruita tra il 1913 e il 1918[18]. Nella ricostruzione, l'edificio originario fu inizialmente inglobato in quello nuovo per, poi, venire smantellato. Nel 1966 venne aggiunto un pronao in pietra con archi a tutto sesto progettato dall'architetto Pietro Berzolla. Presenta una facciata a capanna realizzata in pietra e una struttura basilicale a navata unica con volte a botte[19].
Torre di Sant'Antonino
Torre merlata situata a Selva di Groppallo; originariamente utilizzata come campanile della chiesa di Sant'Antonino, citata già il IV e il VII secolo d.C. della quale è l'unica parte superstite.Stante la sua funzione religiosa e non militare, la merlatura presente sulla torre è probabilmente il resto di una copertura della sommità dell'edificio e non una vera e propria merlatura. Rimasta in una condizione di degrado e incuria, la torre è stata completamente ristrutturata negli anni 2010[20].

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Torre Ghezzi
Torre di origine romanica situata a Cogno San Bassano costruita per ospitare le milizie armate di stanza nella frazione. La costruzione presenta un ingresso con una lunetta in pietra decorata dallo stemma della famiglia Nicelli che ne fu proprietaria e da una scritta illeggibile a causa dell'azione del tempo[21].
Torre di Manfredello
Torre di guardia che sorge isolata in località Ca' dell'Oste, non lontano dalla frazione di Montereggio nei boschi nelle vicinanze del monte Burrasca, originariamente parte di un più ampio fortilizio avente la funzione di controllo della viabilità intervalliva[22].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[23]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Fiera di San Giuseppe, organizzata in marzo in occasione della ricorrenza del santo patrono del comune[24].
  • Festa della torta di patate, organizzata tra aprile e maggio e dedicata alla torta di patate[25], prodotto tipico dell'alta val Nure riconosciuto come De.Co dal comune di Farini[26].
  • Rassegna provinciale del Cavallo Bardigiano[27].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è attraversato da nord a sud dall'ex strada statale 654 di Val Nure che permette il collegamento con il capoluogo di provincia verso nord e con la riviera ligure verso sud. Il territorio è attraversato dalla strada provinciale 8 di Bedonia che si dirama dall'ex strada statale 654 in località Cantoniera e, attraverso il passo delle Pianazze, conduce in val Ceno, dalla strada provinciale 51 di Groppallo che dirama dall'ex strada statale 654 nei pressi del capoluogo, raggiunge Groppallo e, poi, il passo Linguadà, oltre il quale continua come strada provinciale della provincia di Parma fino a Bardi, dalla strada provinciale 61 di Monecari che congiunge la sp 8 con la sp 51 e dalle strade provinciali 57 e 57 bis dell'Aserey che, diramandosi dall'ex strada statale 654 nel capoluogo permettono di raggiungere il passo della Cappelletta, valicando in val Perino e, da, qui, la val Trebbia attraverso il passo di Santa Barbara, oltreché la frazione di Mareto (sp 57 bis)[28].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
7 settembre 1985 30 novembre 1989 Luigi Cavanna Democrazia Cristiana Sindaco [29]
30 novembre 1989 23 maggio 1990 Gianfranco Squeri Democrazia Cristiana Sindaco [29]
23 maggio 1990 10 maggio 1993 Gianfranco Squeri Democrazia Cristiana Sindaco [29]
31 maggio 1993 24 aprile 1995 Claudio Maschi Democrazia Cristiana Sindaco [29]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Claudio Maschi centro Sindaco [29]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Claudio Maschi lista civica di centro Sindaco [29]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Antonio Mazzocchi lista civica di centro-sinistra Sindaco [29]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Antonio Mazzocchi lista civica di centro-sinistra Sindaco [29]
26 maggio 2014 26 maggio 2019 Antonio Mazzocchi lista civica di centro-sinistra: Uniti per Farini Sindaco [29]
26 maggio 2019 in carica Cristian Poggioli lista civica di centro-sinistra: Uniti per Farini Sindaco [29]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Farini faceva parte della comunità Montana valli del Nure e dell'Arda, la cui sede era situata in Piazza Colombo a Bettola[31], fino alla sua chiusura avvenuta nel 2013[32]. In seguito allo scioglimento Bettola è entrato a far parte dell'Unione montana alta val Nure insieme a Bettola, Ferriere e Ponte dell'Olio[33].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2019.
  2. ^ AA. VV., p. 267.
  3. ^ Clima, su meteovalnure.it. URL consultato il 26 dicembre 2019.
  4. ^ Tabella climatica mensile e annuale (TXT), in Archivio climatico DBT, ENEA (archiviato dall'url originale il 2016 circa).
  5. ^ a b c d Comune di Farini, su turismoapiacenza.it. URL consultato il 15 agosto 2019.
  6. ^ Cipolla e Buzzi.
  7. ^ Polonio Felloni, p. 16A - Tabella I dei possedimenti in Italia.
  8. ^ Destefanis, pp. 67-70 - Carte di distribuzione Fig. 44-44a-44b.
  9. ^ Zuccagni-Orlandini, pp.347.
  10. ^ Zuccagni-Orlandini, pp.350-351.
  11. ^ Zuccagni-Orlandini, pp.306.
  12. ^ Regio decreto 17 novembre 1867, n. 4066
  13. ^ Alessandro Garilli, “Una storia lunga 150 anni tra guerre mondiali, migrazioni e alluvioni: auguri al Comune di Farini”, in Piacenza24, 28 dicembre 2017.
  14. ^ Regio decreto 23 dicembre 1926, n. 2246
  15. ^ Farini travolto dal Nure. “In meno di 4 ore caduti 320mm di pioggia”, in Piacenzasera, 14 settembre 2015.
  16. ^ BURERT n.228 del 22-07-2016, in Bollettino ufficiale della regione Emilia-Romagna, 22 luglio 2016.
  17. ^ Referendum consultivo del 16 ottobre 2016 dei Comuni di Bettola Farini e Ferriere (PDF), su prefettura.it.
  18. ^ Gallini (2013), p. 27.
  19. ^ Chiesa di Santa Maria Assunta <Groppallo, Farini>, su chieseitaliane.chiesacattolica.it, 20 aprile 2011. URL consultato il 21 dicembre 2019.
  20. ^ Claudio Gallini, La torre di Sant'Antonino a Selva di Groppallo, un'antica testimonianza della fede piacentina, su groppallo.it. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  21. ^ Marco Gallione, Torre dei Ghezzi a Cogno San Bassano, su altavaltrebbia.net, 4 ottobre 2012. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  22. ^ Torre di Manfredello, su valnure.info. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  23. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  24. ^ Farini - Fiera di San Giuseppe, su valnure.info. URL consultato il 15 agosto 2019.
  25. ^ Farini - Festa della Torta di Patate, su valnure.info. URL consultato il 15 agosto 2019.
  26. ^ Alessia Camilleri, Torta di patate De.Co. e la versione dei Grass, in Piacenzasera, 5 luglio 2018.
  27. ^ A Farini, la 39esima rassegna dei cavalli bardigiani, in Libertà, 19 maggio 2013.
  28. ^ Provincia di Piacenza - servizio edilizia, progettazione infrastrutture e grandi opere (PDF), su provincia.piacenza.it. URL consultato il 15 agosto 2019.
  29. ^ a b c d e f g h i j http://amministratori.interno.it/
  30. ^ In alta Valnure rinnovato il gemellaggio francese, in Libertà, 12 agosto 2013.
  31. ^ Comunità montana valli del Nure e dell'Arda, su turismo.provincia.piacenza.it.
  32. ^ La regione scioglie ufficialmente la comunità montana valli Nure e Arda, in Libertà, 25 giugno 2013.
  33. ^ L'unione, su unionealtavalnure.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, Garzanti, 1996.
  • C. Cipolla e G. Buzzi, Codice Diplomatico del Monastero di S. Colombano di Bobbio fino all'anno MCCVIII, in Fonti per la Storia d'Italia, I-II-III, Roma, Tipografia del Senato, 1918.
  • Eleonora Destefanis, Il Monastero Di Bobbio in Eta Altomedievale.
  • Claudio Gallini, Gli oratori di Groppallo, Piacenza, LIR, 2013, ISBN 8005694490009.
  • Valeria Polonio Felloni, Il monastero di San Colombano di Bobbio dalla fondazione all'epoca carolingia.
  • Attilio Zuccagni-Orlandini, Corografia fisica, storica e statistica dell'Italia e delle sue isole corredata di un atlante di mappe geografiche e topografiche e di altre tavole illustrative - Parte VI, Firenze, 1839.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN248154637
Emilia Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia