Andalusia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Andalusia (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Andalucia" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Andalucia (disambigua).
Andalusia
comunità autonoma
Comunidad Autónoma de Andalucía
Andalusia – Stemma Andalusia – Bandiera
(dettagli) (dettagli)
Andalusia – Veduta
Alhambra di Granada
Localizzazione
StatoSpagna Spagna
Amministrazione
CapoluogoEscudo de Sevilla.svgSiviglia
PresidenteJuan Manuel Moreno Bonilla (PP) dal 18/01/2019
Data di istituzione11 gennaio 1982
Territorio
Coordinate
del capoluogo
37°22′58.8″N 5°59′45.6″W / 37.383°N 5.996°W37.383; -5.996 (Andalusia)Coordinate: 37°22′58.8″N 5°59′45.6″W / 37.383°N 5.996°W37.383; -5.996 (Andalusia)
Altitudine3 481 m s.l.m.
Superficie87 597 km²
Abitanti8 403 350[1] (2017)
Densità95,93 ab./km²
Province8 province
Altre informazioni
Cod. postaleAN
Fuso orarioUTC+1
ISO 3166-2AN
Nome abitantiandalusi (andaluz, andaluza; andaluces)
PIL procapite(nominale) 18 507 €
Rappresentanza parlamentare61 congressisti, 41 senatori
InnoHimno de Andalucía
Motto(ES) Andalucía por sí, para España y la humanidad
Cartografia
Andalusia – Localizzazione
Sito istituzionale

L'Andalusìa è una delle diciassette comunità autonome della Spagna. È composta da otto province: Almería, Cadice, Cordova, Granada, Huelva, Jaén, Malaga e Siviglia, capoluogo della comunità autonoma dell'Andalusia.

È la più popolata comunità autonoma della Spagna con 8 403 350 abitanti (2017) e la seconda più estesa, il che, unito alla sua storia e alla sua cultura, le conferiscono un peso piuttosto significativo all'interno della Nazione spagnola. Situata nel sud-ovest dell'Europa, è delimitata a ovest dalla Repubblica del Portogallo a sud dall'Oceano Atlantico, dal Mar Mediterraneo, Mare di Alborán e dal territorio d'oltremare britannico di Gibilterra, a nord dall'Estremadura e dalla Castiglia-La Mancia e a est dalla Comunità Autonoma di Murcia.

Si costituì in comunità autonoma in base al secondo articolo della Costituzione spagnola del 1978, che riconosce e garantisce il diritto all'autonomia delle nazionalità e delle regioni spagnole. Il processo di autonomia politica si estende attraverso la procedura restrittiva in base all'articolo 151 della Costituzione, il che fa dell'Andalusia l'unica comunità spagnola ad aver avuto accesso all'autonomia attraverso questa particolare procedura.

La configurazione geografica è uno degli elementi che conferisce unicità all'Andalusia. Si possono distinguere tre grandi aree , formate dall'interazione di diversi fattori che influenzano l'ambiente fisico: la Sierra Morena (che separa l'Andalusia dalla Meseta), la Cordigliera Betica e la Depressione Betica che distingue l'Alta Andalusia dalla Bassa Andalusia.

La storia dell'Andalusia deriva da un processo complesso che raccoglie nel del tempo popoli e culture diverse, nonché diverse realtà socio-economiche e politiche. A pesare sulla contemporaneità vi è l'evidenza, sul territorio, del passaggio di iberi, cartaginesi, romani, vandali, visigoti, bizantini e musulmani.

Come per la storia, la cultura andalusa è il risultato del passaggio di diversi popoli e civiltà che, nel corso del tempo, hanno plasmato una specifica identità culturale.

La realtà economica andalusa all'inizio del XXI secolo è in svantaggio rispetto al panorama spagnolo ed europeo, risultato del fallimento della rivoluzione industriale e della posizione periferica delle regione dai circuiti economici internazionali. Questo divario è facilmente individuabile dallo scarso peso del settore industriale nell'economia, ancora basata sull'agricoltura e sull'ipertrofia del settore dei servizi. Nonostante ciò, per dimensioni l'economia andalusa è la terza del paese.

Fino al 14 marzo 1995 dipendevano amministrativamente dall'Andalusia le città di Ceuta e Melilla, ora città autonome.

Lo spagnolo che si parla nelle Americhe discende in larga parte dal dialetto andaluso dello spagnolo castigliano, per effetto del ruolo che Siviglia svolse come porta di accesso alle colonie spagnole in America, durante il XVI e XVII secolo.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo "Andalusia" è stato introdotto nella lingua castigliana durante il XIII secolo, nella forma el Andalucía. Questa è la forma in lingua spagnola di al andalusiya, in riferimento alla parola araba Al-Andalus, il nome dato ai territori della penisola iberica sotto il governo islamico dal 711 al 1492.[2] L'etimologia che fece derivare Andalusia da Vandalia o Vandalucia, terra dei Vandali, diffusa nel XVI secolo, gode oggi di poco credito.[3]

Per quanto riguarda il suo utilizzo, il termine "Andalusia" non sempre ha avuto come riferimento esatto il territorio oggi noto come tale. Nel corso dell'ultima fase della riconquista cristiana, il nome è stato dato esclusivamente al sud della penisola sotto il dominio musulmano, ponendolo poi successivamente all'ultimo territorio riconquistato. Nella Prima Cronaca Generale di Alfonso X il Saggio, scritta nella secondo metà del XIII secolo, il termine Andalusia è utilizzato con tre diversi significati:

  1. Come una semplice traduzione di Al-Andalus.
  2. Per designare i territori conquistati dai cristiani nella valle del Guadalquivir e nel Regno di Granada e Murcia. Di fatto Alfonso X si titolò di Re di Castiglia, Leon e di tutta l'Andalusia in un documento del 1253.
  3. Per nominare le terre conquistate dai cristiani nella Valle del Guadalquivir, Regno di Jaén, Cordova e Siviglia.

Durante la riconquista cristiana, questo nome va poi a designare esclusivamente il sud peninsulare, ed il termine si va pian piano a riconvertire, sotto la denominazione castigliana, per riferirsi all'ultimo territorio che sarà liberato dai mori musulmani.

La prima ipotesi sull'origine del toponimo suggerisce che "Al-Àndalus" sia frutto dell'evoluzione dal nome greco di "Atlas" od "Atlante", secondo le mutazioni o varianti successive di "Antalas" - "Andalas" - "Ándalus", suggerendo così la sua provenienza dal termine mitico di "Atlàntide", atteso lo sviluppo della civiltà di Tartessos.

Un'altra ipotesi suggerisce che "Al-Àndalus" provenga dalla degenerazione linguistica di "Landahlauts", nome germanico del sud della Spagna, durante il tempo dell'invasione barbarica dei Visigoti, la cui pronuncia era "Lándalos". Questo termine proverrebbe da "landa", cioè "terra" e "hlauts, "della sorte o del destino". Secondo questa ipotesi gli arabi gli avrebbero anteposto l'articolo arabo "al-".

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Puerto de la Ragua, Sierra Nevada
Rilievi dell'Andalusia.

L'Andalusia si sviluppa su una superficie di 87.597 km2, pari a circa il 17,3% del territorio spagnolo, comparabile o superiore a molti paesi europei, sia in termini di superficie che di complessità e varietà del paesaggio. Per tutta la sua metà meridionale è bagnata dal Mar Mediterraneo e dall'Oceano Atlantico, lo Stretto di Gibilterra la separa dal continente africano, mentre a Nord la Sierra Morena la separa dalla Meseta. Il paesaggio è compreso tra le ampie pianure costiere del fiume Guadalquivir, poste sul livello del mare, e le cime della Sierra Nevada, le più elevate della penisola iberica.

L'Andalusia si trova ad una latitudine compresa tra i 36º e i 38º44 'N, posizione che contribuisce a definire le caratteristiche del suo clima. Tuttavia sono presenti grandi contrasti interni, e si va dal secco deserto di Tabernas, al Parco Naturale della Sierra de Grazalema [4], una delle zone più piovose della Spagna.[5] Più significativo ancora è il contrasto tra le cime innevate del Mulhacén al clima subtropicale della costa della provincia di Granada, distante soli 50 km.[6]

Idrografia[modifica | modifica wikitesto]

Il Guadalquivir al suo passaggio a Cordova.
Il Guadalquivir al suo passaggio a Siviglia.
I fiumi dell'Andalusia e il loro bacino idrografico.
Il fiume Tinto.

I fiumi dell'Andalusia sono raggruppati a seconda del bacino in cui sfociano: Oceano Atlantico, o Mar Mediterraneo. Quelli che sfociano nel bacino dell'Atlantico da ovest ad est si incontrano il Guadiana, il Tinto, l'Odiel, il Guadalquivir, il Guadalete e il Barbate e i loro rispettivi affluenti. Mentre nel bacino del Mediterraneo sfociano i fiumi Guadiaro, Guadalhorce, Guadalmedina, Guadalfeo, Andarax e Almanzora. Tra questi, il Guadalquivir è il principale fiume ad attraversare l'Andalusia e, per lunghezza, è il quinto della penisola iberica con 657 km.

I fiumi del bacino atlantico sono caratterizzati da grandi dimensioni, attraversano regioni prevalentemente pianeggianti, e questo determina il carattere degli estuari e delle zone umide che formano alle foci, come le paludi di Doñana [7] formate dal fiume Guadalquivir, o le paludi dell'Odiel lungo le coste del golfo di Cadice. I fiumi del bacino del Mediterraneo sono invece più brevi, contenuti in valli più strette e ripide, e seguono un andamento stagionale nella portata, dando vita ad estuari meno estesi. Sono generalmente meno sfruttati per usi agricoli.

L'Andalusia può essere suddivisa in cinque diversi bacini idrografici: nella costa atlantica si trovano il bacino del Guadalquivir; il bacino atlantico andaluso, che comprende i sotto-bacini del Guadalete, Tinto-Odiel e Barbate e il bacino del fiume Guadiana. Nel bacino del Mediterraneo sono presenti i fiumi che sfociano in questo mare e parte del bacino del fiume Segura.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Età antica[modifica | modifica wikitesto]

In Andalusia si trovano importanti resti di diverse epoche. Dalla preistoria, la città di Los Millares, in Almeria. Pitture rupestri di Alcalá de los Gazules [4] e Cuevas del Tajo de Las Figuras [7], a Benalup, entrambe nella zona di Cadice, Cuevas de la Pileta [8] a Málaga, Baños de la Encina [9] a Jaén. Costruzioni megalitiche come i Dolmen usati per seppellire persone importanti di una tribù. Alcuni di questi si trovano alla Cueva de Menga [10] ad Antequera, nei pressi di Málaga, il Soto dolmen [11]nei pressi di Huelva, la tomba del Gigante a El Gastor e Alberite [12] a Villamartín nei pressi di Cadice.

Impero romano[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi secoli della nostra era, la regione faceva parte dell'impero romano. I romani costruirono numerose città, come Corsivo nella provincia di Siviglia, Claudia Baelo [13] in provincia di Cadice, Acinipo [14] in provincia di Malaga e strade che collegano alcune città con le altri. Durante questo periodo l'Andalusia faceva parte della provincia di Bética. I romani chiamavano la penisola iberica, Hispania composta da tre province: Tarraconense, Lusitania e Betica. Poi giunsero gli arabi. Durante il dominio musulmano venne creato il Califfato di Cordova, l'Alhambra, il Generalife di Granada, le Cittadelle di Almeria e Malaga, infine con la costruzione della Siviglia Giralda. Poi i Re Cattolici riconquistarono i territori occupati dai musulmani, per cui per proteggere i monasteri cristiani vennero eretti dei forti-castelli. Con la riscoperta dell'America da parte di Cristoforo Colombo, inizia periodo di grande commercio con la regione, concentrato per buona parte a Siviglia. Successivamente, a causa dell'invasione francese, e a seguito della Guerra d'Indipendenza, nel 1812 a Cadice, fu proclamata la prima costituzione, soprannominata, "La Pepa".

Periodo bizantino[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Spagna bizantina.

Età islamica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Al-Andalus.

La reconquista di Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Reconquista.

Nel 1492 l'ultima città islamica, Granada, viene conquistata.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

L'Andalusia è divisa in 8 province:

  • Almería (635.850 abitanti, 102 comuni)
  • Cádice (1.180.817 abitanti, 44 comuni)
  • Cordova (788.287 abitanti, 75 comuni)
  • Granada (918.072 abitanti, 168 comuni)
  • Huelva (492.174 abitanti, 79 comuni)
  • Jaén (662.751 abitanti, 97 comuni)
  • Málaga (1.491.287 abitanti, 100 comuni)
  • Siviglia (1.835.077 abitanti, 105 comuni)

Le principali città dell'Andalusia sono:

Altre città dell'Andalusia:

Governo e politica[modifica | modifica wikitesto]

Palacio de San Telmo, sede della comunità autonoma
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Statuto di Autonomia dell'Andalusia.

L'autonomia dell'Andalusia è giuridicamente regolata attraverso la procedura prevista dall'articolo 151 della Costituzione spagnola del 1978 [15]. Seguendo questa procedura, il 28 febbraio 1980 l'Andalusia, dopo un referendum ha ottenuto l'autonomia, affermando all'articolo 1 del suo Statuto di Autonomia del 1981, che tale condizione giuridica è giustificata grazie all' "identità storica, autogoverno che la Costituzione permette a qualsiasi nazionalità, in piena uguaglianza alle altre nazionalità e regioni che compongono la Spagna, e con una potenza che emana dalla città Costituzione e andalusa, che si riflette nel suo statuto di autonomia".

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il PIL pro capite della Regione autonoma è di 18.507 €, quasi equivalente al PIL pro capite dell'Umbria (18.477 €). Terzo in Spagna, dopo quelli della regione autonoma di Madrid e della Catalogna.

Turismo e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Turismo in Spagna.
Tempio a Ronda

L' Andalusia è ricca di architettura moresca, in quanto fu l'ultimo caposaldo dei Mori, prima che nel 1492 venissero espulsi dall'Europa.

Granada, Siviglia, Cordova, Jaén, Cadice e Malaga sono le sei città di maggior interesse turistico, grazie soprattutto alle loro famose e straordinarie opere architettoniche:

Altre località che meritano certamente l'attenzione del turista sono Almería, Ronda, Mijas, Antequera, Nerja, Tarifa e Marbella.

Per gli sportivi si possono raccomandare:

  • Sierra Nevada: dove si posso praticare una serie di sport di montagna (sci, alpinismo, paracadutismo, …);
  • Tarifa: surf, windsurf, kitesurfing, sport acquatici legali alla presenza di vento;
  • Granada: flamenco;
  • Nerja: riserva marina naturale, sport acquatici (snorkeling, canoa, …), sport acquatici di torrente (canoa, torrentismo, ciclismo di montagna, …).

Località balneari[modifica | modifica wikitesto]

Balli e musica popolare[modifica | modifica wikitesto]

Gastronomia[modifica | modifica wikitesto]

Introduzione generale[modifica | modifica wikitesto]

La gastronomia andalusa è tra le più apprezzate nella penisola iberica, ricca di sapori freschi con un sapiente uso di elementi spesso poveri, e arricchita dall'influenza arabo-marocchina. È una cucina mediterranea che presenta piatti molto variati tra le regioni montane e quelle costiere, che vede l'uso di olio di oliva, frutti secchi, pesci, carne e verdure. Nelle zone di mare regnano le sardine alla brace, i frutti misti di mare, alici, gamberi e aragoste. Nelle zone di montagna imperano le carni di cacciagione e il suino iberico, in particolare lo Jabugo di Huelva, un prosciutto crudo iberico ottenuto da suini allevati in libertà nel Parco Naturale Sierra de Aracena y Picos de Aroche [17] e alimentati solo di ghiande. Molto variata è anche l'offerta di olive marinate con differenti spezie.

La cucina[modifica | modifica wikitesto]

Tra i piatti più rappresentativi della varia offerta culinaria andalusa si possono citare:

  • Gazpacho - zuppa vegetale fredda estiva a base di pomodori, cetrioli, olio e pane tostato
  • Ajoblanco - zuppa vegetale fredda a base di mandorle, aglio e pane tostato
  • Pipirrana - insalata vegetale a base di pomodori, peperoni, cetrioli e cipolle
  • Caracoles en salsa - lumache in salsa
  • Migas - piatto a base di pan grattato, salame, pancetta, aglio e peperoni
  • Lomo de orza - fettine di maiale marinate con olio e spezie
  • Berenjenas con miel - melanzane impanate fritte con salsa al miele
  • Jamón asado - coscia di maiale arrostita allo spiedo servita nel prioprio sugo
  • Pollo a la andaluza - piatto a base di pollo, mandorle, aglio, alloro e zafferano
  • Atún encebollato - piatto a base di tonno pomodori e cipolle
  • Ortiguillas - alghe fritte
  • Tocino de cielo - dolci a base di tuorlo d'uovo caramellizzato
  • Alfajores - dolci natalizi a base di pasta di mandorle, noci e miele

Una menzione speciale sulla gastronomia andalusa: le tapas. Nella zona di Granada, dove si ritiene sia nato proprio questo concetto, tali piatti monoporzione vengono ancora offerti in molti locali gratuitamente quando si ordina una bibita, un ottimo modo per provare in maniera economica tutto ciò che la cucina andalusa può offrire accompagnato da un buon bicchiere di tinto de verano (a base di vino e gazzosa) o una clara (a base di birra e gazzosa), magari seduti in un tranquillo patio andaluzo o in un movimentato chiringuito in spiaggia.

I vini e liquori[modifica | modifica wikitesto]

La geologia e meteorologia della regione favoriscono la produzione di vini molto liquorosi, prevalentemente bianchi, o sherry.

  • Sherry di Jerez - vino liquoroso e brandy apprezzato e famoso a livello mondiale
  • Cartojal - vino dolce e leggero tipico della provincia di Malaga
  • Pajarete - vino liquoroso, molto fine e delicato, risultato dalla combinazione di vino con sciroppo d'uva.
  • Fino Tio Pepe - vino liquoroso, marchio di sherry spagnolo famoso in tutto il mondo
  • Manzanilla di San Lucar de Barrameda - vino secco fatto con il vitigno Palomino e invecchiato sotto uno strato di lieviti chiamato "velo di fiori".
  • Vino naranja - vino aromatizzato all'arancia tipico della provincia di Huelva.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andaluces
  2. ^ Il toponimo Al-Ándalus pare essere la corruzione del latino Atlanticum. Vallve, .J, El nombre de Al-Ándalus, 4, Fasc. 1-2, Al-qantara: Revista de estudios árabes, 1983, pp. 301-356, ISSN 0211-3589 (WC · ACNP).
  3. ^ L'inconsistenza di questa etimologia facile è data dal fatto che il passaggio dei Vandali alla volta del Nordafrica fu rapido e quasi senza tracce. L'etimo va invece riferito all'espressione gotica "Landahlauts", "lotti terrieri attribuiti (ai nobili visigoti)". Cfr. Heinz Halm ("al-Andalus und Gothica Sors", Die Welt des Orients, 66, 1989, p. 252 e segg.). Gli arabi avrebbero premesso alla parola il loro articolo determinativo "al-" e la desinenza tipica delle apposizioni.
  4. ^ a b Parco naturale della sierra de Grazelma, su andalusiaspagna.com.
  5. ^ (ES) Ecosistemas naturales de Andalucía. Alta montaña, Junta de Andalucía (2008). Consultato il 2 febbraio 2009.
  6. ^ Antonio López Ontiveros, El territorio andaluz: su formación, delimitación e interpretación, in Geografía de Andalucía, Editorial Ariel, 2003, ISBN 84-344-3476-8.
  7. ^ a b Paludi di Doñana, su viaggioinandalusia.it.
  8. ^ Cuevas de la Pileta, su cuevadelapileta.org.
  9. ^ Cuevas banos del la encina, su minube.com.
  10. ^ Cuevas de Menga, su malagahistoria.com.
  11. ^ Soto dolmen, su spain.info.
  12. ^ Tomba del Gigante, su yoturista.es.
  13. ^ Claudia Baelo, su spain.info.
  14. ^ Acinipo, su tgtourism.tv.
  15. ^ Costituzione spagnola del 1978 (PDF), su boe.es.
  16. ^ Bagni arambi di Jaen., su viamichelin.it.
  17. ^ Parco Naturale Sierra de Aracena y Picos de Aroche, su spain.info.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN147299881 · LCCN (ENn82008465 · GND (DE4001909-3 · BNF (FRcb11934349m (data) · NLA (EN35621038 · NDL (ENJA00628187 · WorldCat Identities (ENn82-008465
Spagna Portale Spagna: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Spagna