Baeza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Baeza
comune
Baeza – Stemma Baeza – Bandiera
Baeza – Veduta
Localizzazione
StatoSpagna Spagna
Comunità autonomaBandera de Andalucía.svg Andalusia
ProvinciaBandera de la provincia de Jaén.svg Jaén
Territorio
Coordinate37°59′N 3°28′W / 37.983333°N 3.466667°W37.983333; -3.466667 (Baeza)Coordinate: 37°59′N 3°28′W / 37.983333°N 3.466667°W37.983333; -3.466667 (Baeza)
Altitudine769 m s.l.m.
Superficie194,3 km²
Abitanti16 253 (2009)
Densità83,65 ab./km²
Comuni confinantiBedmar y Garcíez, Begíjar, Ibros, Jimena, Jódar, Lupión, Mancha Real, Rus, Úbeda
Altre informazioni
Cod. postale23440
Prefisso(+34) 953 74
Fuso orarioUTC+1
Codice INE23009
TargaJ
Cartografia
Mappa di localizzazione: Spagna
Baeza
Baeza
Sito istituzionale

Baeza è un comune spagnolo di 16.253 (2009) abitanti situato nella comunità autonoma dell'Andalusia.

La cittadina è associata dall'UNESCO a Úbeda come patrimonio dell'umanità per avere saputo entrambe conservare le caratteristiche di centri rinascimentali che si rifanno all'Umanesimo e Rinascimento italiano.

Francobollo che raffigura il palazzo di Jabalquinto

È posta nella comarca de la Loma, non distante dal fiume Guadalquivir. Fu fondata dai Romani che la chiamarono Vivatia ed ebbe notevole splendore sotto i Visigoti, gli Arabi e dopo la scoperta dell'America. Centro monumentale della vita della città è la Plaza del Ayuntamiento, sulla quale si affacciano l'Ayuntamiento (municipio) rinascimentale del 1559 e le rovine del Convento di san Francesco, rinascimentale del XVI secolo, che fu distrutto nel XIX secolo. Poco distante è la chiesa romanica di san Paolo, del Duecento. Su una vasta piazza, con al centro una fontana detta fuente de Santa María del 1564, sorge la Cattedrale, edificio gotico-rinascimentale, eretto fra il 1567 e il 1593 su una preesistente moschea. A fianco della cattedrale sorgono le Casas Consistoriales altas, in pietra scura del secolo XVI. Il Palacio de Jabalquinto, grande costruzione dei secoli XV-XVI ospita il seminario di san Filippo Neri alla destra del quale c'è l'antica Università, oggi collegio, costruita nel 1595. Nei pressi c'è la chiesa della santa Croce, romanica del XII secolo. Nel Paseo dove convergono varie vie s'innalza la Torre dell'orologio, del Duecento, e poco distante la chiesa di sant'Andrea, gotica, eretta dal 1500 al 1520. La piazza del Popolo ha al centro la Fuente de los Leones, fontana con la statua romana forse della dea Cibele e intorno le Casas Consistoriales bajas e la casa del Pópulo entrambe del XVI secolo, la Carnicería, antico macello pubblico del 1548 e la Puerta del Pópulo, porta merlata del 1526.

UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Úbeda-Baeza: dualità urbana, unità culturale
(EN) Renaissance Monumental Ensembles of Úbeda and Baeza
Catedral de baeza.jpg
TipoCulturali
Criterio(ii) (iv)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal2003
Scheda UNESCO(EN) Scheda
(FR) Scheda

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Baeza fu la prima città interamente riconquistata da Isabella la cattolica a scapito del regno arabo. I suoi cittadini furono poi scelti per ripopolare Granada (nuova capitale del regno cristiano) installandosi nell'odierno quartiere (barrio) dell'Albayzín.

Da vedere[modifica | modifica wikitesto]

  • il duomo (Rinascimento)
  • Palacio del Jabalquinto (XV-XVIII secolo)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN138364490 · LCCN: (ENn79100747 · GND: (DE4228839-3