Albayzín

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Albayzín
El Albayzín panorama (2010).jpg
StatoSpagna Spagna
ProvinciaGranada
CittàBandera de Granada (Granada).svg Granada
Coordinate: 37°10′54.12″N 3°35′53.88″W / 37.1817°N 3.5983°W37.1817; -3.5983
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
Alhambra, Generalife e Albayzín, Granada
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Albaicin-granada.JPG
TipoCulturali
Criterio(i) (iii) (iv)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal1984
Scheda UNESCO(EN) Alhambra, Generalife and Albayzín, Granada
(FR) Scheda

L'Albayzín (detto anche Albaicín o El Albaicín) è un quartiere dell'attuale città di Granada, in Spagna, che ha conservato le strette strade, i cortili con alberi e fiori, le terrazze, le cisterne e le fontane pubbliche risalenti al passato dominio medievale dei Mori.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'Albayzín sorge su una collina di fronte all'Alhambra, da cui è separato dal fiume Darro, e durante la lunga dominazione arabo-berbera ed ebraica visse il momento di massimo splendore, giungendo ad avere circa 60.000 abitanti e ben 26 moschee. Il quartiere presenta una marcata impronta araba e deve il suo nome agli arabi della città di Jaén (bayyasīn, ossia "quelli di Baeza") che si trasferirono in massa a Granada dopo essersi arresi alle truppe cristiane di Ferdinando III.

La parte più bassa dell'Albaicin, detta Alcazaba Cadima (rocca antica), fu forse costruita laddove un tempo si trovava la città romana di Ilìberis.[1] Nel 1984, il quartiere venne dichiarato patrimonio dell'umanità dall'UNESCO insieme all'Alhambra ed al Generalife.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

I principali punti di interesse all'interno del quartiere comprendono i resti di un complesso di bagni arabi di Granada, il museo archeologico di Granada, la chiesa di San Salvador costruita sulle macerie di una moschea e il Mirador di S. Nicolás, che permette una spettacolare veduta dell'Alhambra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ TCI, p. 133.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandro Cruciani e Piero Lucca, Granada, in GUIDA D'EUROPA, Spagna Portogallo, Milano, Touring Club Italiano, 1975.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN137376832 · LCCN (ENn97043426 · GND (DE4675759-4 · BNE (ESXX450625 (data) · J9U (ENHE987007542743705171