Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Stretto di Gibilterra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 35°58′18″N 5°29′09″W / 35.971667°N 5.485833°W35.971667; -5.485833

Lo stretto di Gibilterra visto dal satellite
Mappa dello stretto

Lo stretto di Gibilterra (in inglese Strait of Gibraltar, in spagnolo Estrecho de Gibraltar) mette in comunicazione l'oceano Atlantico e il mar Mediterraneo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Geograficamente è delimitato a nord dall'estremità meridionale della penisola iberica e a sud da un'exclave spagnola nella parte più settentrionale del Marocco, la città di Ceuta; prende il nome dalla rocca di Gibilterra, promontorio della penisola iberica attualmente possedimento del Regno Unito, che si trova all'imboccatura orientale dello stretto.

La sua larghezza minima è di 14 km tra punta de Tarifa e punta Cires, quella massima è di 44 km; la lunghezza è circa 60 km. La profondità massima è di circa 286 m. Lo stretto costituisce il punto di maggior vicinanza tra l'Europa (intesa come continente a sé stante, non come Eurasia) e l'Africa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'antichità le due località che si fronteggiano ai due lati dello stretto (le Colonne d'Ercole) si chiamavano Calpe e Abyla (rispettivamente, le citate Gibilterra e Ceuta, oggi importanti porti).

Prima dell'apertura del canale di Suez lo stretto di Gibilterra costituiva l'unico sbocco del Mediterraneo. In ragione di ciò esso rivestì sempre grande importanza militare e commerciale.

Attualità[modifica | modifica wikitesto]

Per alcuni anni i governi della Spagna e del Marocco hanno esplorato la possibilità di costruire un tunnel sotto lo stretto. Dal 2003 è in corso un nuovo studio triennale.

Un gruppo di ingegneri statunitensi e britannici ha analizzato la possibilità di costruire un ponte sullo stretto. Le condizioni di profondità, le correnti e la lunghezza hanno fatto desistere.

Attualmente è in corso l'aggiornamento della soluzione sotterranea di attraversamento nel punto di minor profondità (tra Tangeri e Tarifa). Lo studio è affidato a un gruppo di ingegneri svizzeri, spagnoli, italiani e marocchini.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN238377771