Canale di Sardegna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Canale di Sardegna
Parte di Mar Mediterraneo
Stati Italia Italia
Tunisia Tunisia
Algeria Algeria
Coordinate 38°25′N 8°50′E / 38.416667°N 8.833333°E38.416667; 8.833333Coordinate: 38°25′N 8°50′E / 38.416667°N 8.833333°E38.416667; 8.833333
Dimensioni
Larghezza minima 185 km

Il canale di Sardegna (in arabo: قناة سردينيا) è quella parte del mar Mediterraneo occidentale che divide la Sardegna dalle coste tunisine. I punti più vicini tra la costa africana e la Sardegna distano 185 km. Ad ovest-sud-ovest ed a est-nord-est permette una comunicazione profonda tra il bacino Algero-Liguro-Provenzale e quello Tirrenico, mentre a sud-est si collega con il canale di Sicilia.

Geologia[modifica | modifica sorgente]

Il canale di Sardegna si trova in corrispondenza di una parte sommersa del ramo Appenninico-Maghrebide della Catena Alpina. Deriva dalla sovrapposizione di due placche tettoniche che hanno rispettivamente prodotto sia un ispessimento della crosta terrestre che un assottigliamento. Questa evoluzione, propria delle catene collisionali, la si può ben osservare nel canale di Sardegna: le caratteristiche morfologiche e strutturali sono infatti ben evidenti anche perché la sommersione del bacino lo ha preservato dall'erosione aerea.

Note[modifica | modifica sorgente]


Voci correlate[modifica | modifica sorgente]