Roger Etchegaray

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roger Etchegaray
cardinale di Santa Romana Chiesa
Roger Etchegaray 2012.jpg
Il cardinale Etchegaray a Sarajevo per l'Incontro Mondiale per la Pace (9-11 settembre 2012)
 
TitoloCardinale vescovo di Porto-Santa Rufina
Incarichi attualiPresidente emerito del Pontificio consiglio della giustizia e della pace
Cardinale protovescovo
Incarichi ricopertiVescovo ausiliare di Parigi
Arcivescovo di Marsiglia
Presidente del Consiglio delle Conferenze dei Vescovi d'Europa
Prelato della Missione di Francia
Presidente della Conferenza Episcopale di Francia
Cardinale presbitero di San Leone I
Presidente del Pontificio consiglio "Cor Unum"
Presidente della Pontificia commissione "Justitia et Pax"
Presidente del Pontificio consiglio della giustizia e della pace
Presidente del Comitato Centrale del Giubileo dell'Anno Santo 2000
Presidente del Comitato del Giubileo dell'Anno Santo 2000
Sottodecano del Collegio Cardinalizio
 
Nato25 settembre 1922 (96 anni) a Espelette
Ordinato presbitero13 luglio 1947 dal vescovo Jean Saint-Pierre
Nominato vescovo29 marzo 1969 da papa Paolo VI
Consacrato vescovo27 maggio 1969 dal cardinale François Marty
Elevato arcivescovo22 dicembre 1970 da papa Paolo VI
Creato cardinale30 giugno 1979 da papa Giovanni Paolo II
 

Roger Marie Élie Etchegaray (Espelette, 25 settembre 1922) è un cardinale e arcivescovo cattolico francese. Diplomatico della Santa Sede, è presidente emerito del Pontificio consiglio della giustizia e della pace e protovescovo.

Dalla morte del cardinale Paulo Evaristo Arns, avvenuta il 14 dicembre 2016, è il membro del Collegio cardinalizio di più antica creazione (concistoro del 30 giugno 1979).[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò gli studi presso il Seminario Minore di Ustaritz, proseguì gli studi teologici e filosofici nel Seminario Maggiore di Bayonne e, conseguita la laurea in Diritto Canonico a Roma (Pontificia Università Gregoriana) venne ordinato sacerdote il 13 luglio 1946.

Rimase fino al 1961 al servizio della Curia diocesana di Bayonne, dove ricoprì gli incarichi di segretario personale del vescovo, di responsabile della locale Azione Cattolica e poi di vicario generale; venne poi nominato segretario aggiunto della Conferenza Episcopale Francese e poi Segretario, tra il 1966 e il 1970.

Il 29 marzo 1969, papa Paolo VI lo nominò vescovo ausiliare di Parigi e lo elesse alla sede titolare di Gemelle di Numidia: fu consacrato nella cattedrale di Notre-Dame dal cardinale François Marty, arcivescovo della capitale francese, il 27 maggio successivo. Il 22 dicembre 1970 fu promosso arcivescovo di Marsiglia e l'anno successivo fu eletto presidente del neo-costituito Consiglio delle conferenze episcopali europee, incarico che ricoprì fino al 1979: dal 1975 ricoprì anche l'incarico di presidente della Conferenza Episcopale Francese.

Scelse di non acquisire alcuna insegna araldica né di adottare un motto episcopale. A tal proposito dichiarò: "Spesso mi hanno chiesto quali erano il mio stemma episcopale e il mio motto di Vescovo: a costo di stupire, non ho mai voluto insegne, non certo per distinguermi o per dare qualche lezione agli altri Vescovi, ma per la semplice preoccupazione di non portare nessuna traccia gentilizia in una Chiesa che deve essere "serva e povera".[2]

Il cardinalato[modifica | modifica wikitesto]

Fu creato da Giovanni Paolo II cardinale presbitero del titolo di San Leone I nel concistoro del 30 giugno 1979: il 13 aprile 1985 si dimise da arcivescovo ed entrò al servizio della Curia Romana dove, l'8 aprile 1984, era stato nominato presidente del Pontificio consiglio "Cor Unum" e della Pontificia commissione "Justitia et Pax" (dal 28 giugno 1988 Pontificio consiglio della giustizia e della pace). Il 2 dicembre 1995 abbandonò la presidenza del Pontificio consiglio "Cor Unum" e il 24 giugno 1998 lasciò anche l'altro incarico: lo stesso giorno venne nominato cardinale vescovo di Porto-Santa Rufina.

È stato incaricato di importanti missioni diplomatiche per la Santa Sede: il 1º maggio 2002 fu a Gerusalemme, per chiedere la pace in medio-oriente; il 10 febbraio 2003 fu invece inviato speciale a Baghdad, per esprimere la sollecitudine del papa a favore della pace e per invitare le autorità irachene a cooperare con le autorità internazionali.

Nello stesso anno è vincitore del premio Colombe d'Oro per la Pace, premio assegnato annualmente dall'Archivio disarmo ad una personalità distintasi in campo internazionale. Per il suo impegno a favore della pace, il 24 marzo 2004 l'UNESCO gli ha conferito il premio Félix Houphouët-Boigny. Nell'aprile 2005 è stato eletto vice-decano del Sacro Collegio.

La sera del 24 dicembre 2009, coinvolto in una tentata aggressione a papa Benedetto XVI, mentre si avviava, nella Basilica Vaticana, a celebrare la Santa Messa di Natale, ha riportato la frattura del femore destro.[3]

Il 25 ottobre 2015, al termine della celebrazione della Messa conclusiva del XIV Sinodo Ordinario dei Vescovi, mentre papa Francesco stava salutando i cardinali presenti, ha perso l'equilibrio ed è caduto, riportando la frattura del femore sinistro.[4]

Verso la fine di gennaio 2017, dopo aver salutato papa Benedetto XVI e papa Francesco, ha lasciato definitivamente Roma per far ritorno nella natia diocesi di Bayonne[5], ospite di una casa per anziani gestita dalla diocesi a Cambo-les-Bains nei pressi della natìa Espelette. In questa residenza ha avuto accanto la sorella Maité deceduta il 13 febbraio 2018.

Il 10 giugno 2017 papa Francesco ha accolto la sua richiesta di essere dispensato dall'ufficio di vice-decano del Sacro Collegio.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze francesi[modifica | modifica wikitesto]

Grande ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore
— 2002
Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Legion d'onore
— 27 aprile 2014[6]
Commendatore dell'Ordine nazionale al merito - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine nazionale al merito

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Balì cavaliere di gran croce di giustizia del Sacro militare ordine costantiniano di San Giorgio (Casa di Borbone-Due Sicilie) - nastrino per uniforme ordinaria Balì cavaliere di gran croce di giustizia del Sacro militare ordine costantiniano di San Giorgio (Casa di Borbone-Due Sicilie)
— [7]
Gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica ungherese - nastrino per uniforme ordinaria Gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica ungherese

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il papa emerito Benedetto XVI, creato cardinale nel 1977, non fa parte del Collegio cardinalizio.
  2. ^ Sito della diocesi di Porto-Santa Rufina
  3. ^ Frattura al femore per Etchegaray. Potrebbe essere operato domenica[collegamento interrotto], La Stampa, 25 dicembre 2009. URL consultato il 25 dicembre 2009.
  4. ^ Comunicato della Sala Stampa della Santa Sede: Visita del Santo Padre al Card. Roger Etchegaray, 26.10.2015, Bollettino Sala Stampa della Santa Sede, 26 ottobre 2015. URL consultato il 28 ottobre 2015.
  5. ^ Angelo Scelzo, Etchegaray, il servitore della pace. Il saluto del Papa al novantaquattrenne cardinale amico, su avvenire.it, 20 gennaio 2017. URL consultato il 28 gennaio 2017.
  6. ^ L'Osservatore Romano: Al cardinale Etchegaray la Gran croce della Legion d'onore.
  7. ^ Dal sito web del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) ETCHEGARAY, Roger, su The Cardinals of the Holy Roman Church. URL consultato il 29 gennaio 2017.
Controllo di autoritàVIAF (EN79024763 · ISNI (EN0000 0001 0918 5716 · LCCN (ENn84239010 · GND (DE120679590 · BNF (FRcb11901966h (data) · BAV ADV10026262