Prelato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un prelato (o presule) nella Chiesa cattolica, è un presbitero secolare o regolare che ha giurisdizione nel foro esterno.

La parola deriva dal latino prælatus, participio passato del verbo præferre, che significa preferire indicando in generale la persona preminente sulle altre in un dato consesso.

I prelati si distinguono in superiori e minori, identificando i primi come soggetti insigniti dell'ordinazione episcopale mentre i secondi sono coloro che per speciale concessione della Santa Sede godono di un incarico o titolo preminenti rispetto al clero diocesano e religioso, traendo quale esemplificazione il caso del vicario generale di una diocesi (il quale gode del titolo monsignorile di protonotario apostolico soprannumerario durante munere) e l'abate quale superiore di un ordine religioso (il quale raramente è mitrato ovvero ordinario, potendo comunque in ogni caso indossare insegne episcopali e partecipare ai sinodi).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo