Jorge María Mejía

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jorge María Mejía
cardinale di Santa Romana Chiesa
Coat of arms of Jorge Maria Mejia.svg
Ipse est pax nostra
 
Incarichi ricoperti
 
Nato31 gennaio 1923 a Buenos Aires
Ordinato presbitero22 settembre 1945 dal cardinale Santiago Luis Copello
Nominato vescovo8 marzo 1986 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo12 aprile 1986 dal cardinale Roger Etchegaray
Elevato arcivescovo5 marzo 1994 da papa Giovanni Paolo II
Creato cardinale21 febbraio 2001 da papa Giovanni Paolo II
Deceduto9 dicembre 2014 (91 anni) a Roma
 

Jorge María Mejía (Buenos Aires, 31 gennaio 1923Roma, 9 dicembre 2014) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico argentino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu ordinato sacerdote il 22 settembre 1945.

Partecipò al Concilio Vaticano II (1962-65) in qualità di perito; in quell'assise conobbe Henri de Lubac e il giovane vescovo ausiliare di Cracovia Karol Wojtyła.

Dall'8 marzo 1986 al 5 marzo 1994 fu vice presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace.

Nel frattempo il 12 aprile 1986 ricevette la consacrazione episcopale dal cardinale Roger Etchegaray.

Dal 5 marzo 1994 fu segretario della Congregazione per i Vescovi, mentre dal 10 marzo dello stesso anno fu segretario del Sacro Collegio. Ricoprì entrambi i ruoli fino al 7 marzo 1998, quando fu nominato archivista e bibliotecario di Santa Romana Chiesa. Il 24 novembre 2003 fu accolta la sua rinuncia per raggiunti limiti d'età.

Papa Giovanni Paolo II lo innalzò alla dignità cardinalizia nel concistoro del 21 febbraio 2001.

Il 21 febbraio 2011 optò per l'ordine dei cardinali presbiteri, mantenendo invariata la diaconia elevata pro hac vice a titolo presbiterale.

Il 15 marzo 2013 fu colto da infarto a Roma nei giorni immediatamente successivi all'elezione al soglio pontificio del suo connazionale papa Francesco, che non mancò di fargli personalmente visita in ospedale.

Malato di cancro allo stomaco, morì a Roma nella Casa di Cura Pio XI il 9 dicembre 2014 all'età di 91 anni per complicanze cardiache.[1] Le esequie sono state celebrate l'11 dicembre all'Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro dal cardinale Angelo Sodano, decano del Collegio Cardinalizio; al termine della celebrazione papa Francesco ha presieduto il rito dell'ultima commendatio e della valedictio. La salma è stata poi tumulata nella chiesa di San Girolamo della Carità.[2]

Genealogia episcopale e successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo titolare di Apollonia Successore BishopCoA PioM.svg
Vincenzo Cirrincione 8 marzo 1986 - 21 febbraio 2001
Titolo personale di arcivescovo dal 5 marzo 1994
Gilberto Jiménez Narváez
Predecessore Vicepresidente della Pontificia Commissione "Justitia et Pax" Successore Emblem Holy See.svg
Jan Pieter Schotte, C.I.C.M. 8 marzo 1986 - 28 giugno 1988 -
Predecessore Vicepresidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace Successore Emblem Holy See.svg
- 28 giugno 1988 - 5 marzo 1994 François-Xavier Nguyên Van Thuán
Predecessore Segretario della Congregazione per i Vescovi Successore Emblem Holy See.svg
Justin Francis Rigali 5 marzo 1994 - 7 marzo 1998 Francesco Monterisi
Predecessore Segretario del Collegio Cardinalizio Successore Pavillon pontifical.png
Justin Francis Rigali 10 marzo 1994 - 7 marzo 1998 Francesco Monterisi
Predecessore Archivista di Santa Romana Chiesa Successore Emblem Holy See.svg
Luigi Poggi 7 marzo 1998 - 24 novembre 2003 Jean-Louis Tauran
Predecessore Bibliotecario di Santa Romana Chiesa Successore Emblem Holy See.svg
Luigi Poggi 7 marzo 1998 - 24 novembre 2003 Jean-Louis Tauran
Predecessore Cardinale diacono e presbitero di San Girolamo della Carità Successore CardinalCoA PioM.svg
Pietro Palazzini 21 febbraio 2001 - 9 dicembre 2014
Titolo presbiterale pro illa vice dal 21 febbraio 2011
Miguel Ángel Ayuso Guixot, M.C.C.I.
Controllo di autoritàVIAF (EN84717145 · ISNI (EN0000 0001 1680 6867 · SBN PUVV167465 · BAV 495/45535 · LCCN (ENn2003013240 · GND (DE124715974 · BNE (ESXX4429463 (data) · BNF (FRcb121020739 (data) · J9U (ENHE987007265235005171 · WorldCat Identities (ENlccn-n2003013240