Mario Besesti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mario Besesti nel 1941

Mario Besesti (Milano, 15 aprile 1900Milano, 20 luglio 1975) è stato un attore e doppiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Assieme ad Aldo Silvani, Cesare Polacco, Lauro Gazzolo, Stefano Sibaldi e Carlo Romano, Besesti fu uno dei doppiatori più rappresentativi della prima generazione del doppiaggio; a differenza dei colleghi sopracitati preferì forse dare maggior risalto alla carriera di doppiatore che a quella di attore.

Dopo aver esordito al cinema nel 1938 con Orgoglio di Marco Elter, a cui seguirono successivamente altri film in ruoli secondari ed alcuni spettacoli teatrali, si dedicò interamente al doppiaggio, lavorando per la celebre società C.D.C. (Cooperativa Doppiatori Cinematografici).

Dotato di una voce possente e profonda, pari alla sua corporatura robusta, doppiò attori altrettanto grandi e grossi, di cui si ricordano, tra i più interpretati: Charles Laughton, Thomas Mitchell, Edward Arnold, Charles Coburn, Broderick Crawford, Sydney Greenstreet, Raymond Massey, Juan de Landa, Ed Begley, Oscar Homolka, Chill Wills, Akim Tamiroff, Victor McLaglen, James Robertson Justice, John McIntire, Eugene Pallette, Edmund Gwenn, Edward G. Robinson, Wallace Ford, Robert Middleton, Cecil Kellaway e Michel Simon. Fu anche la voce del mulo protagonista nella nota serie di film "Francis il mulo parlante".

Molto attivo anche nel cinema d'animazione Disney, interpretò il cacciatore in Biancaneve e i sette nani (doppiaggio 1938), il terribile Mangiafuoco in Pinocchio, la voce narrante in Dumbo (1948), il Principe della Foresta in Bambi (doppiaggio 1948), il Re in Cenerentola (doppiaggio 1950), Baron Tricheco in Alice nel Paese delle Meraviglie (1951) ed il segugio Fido in Lilli e il vagabondo (doppiaggio 1955).

Mario Besesti era il nonno paterno di Maria Federica, ex attrice pornografica, in arte Lollipop, la quale fu trovata morta nella sua casa di Roma a 37 anni il 5 febbraio 2008[1].

Il teatro[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

Film cinema[modifica | modifica sorgente]

Film d'animazione[modifica | modifica sorgente]

Film in tecnica mista[modifica | modifica sorgente]

Prosa radiofonica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Laura Cuppini, È morta l'ex pornostar Lollipop, Corriere della sera.it, 07-02-2008. URL consultato il 15-08-2008.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]