Finlay Currie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Finlay Currie, nato Finlay Jefferson Currie (Edimburgo, 20 gennaio 1878Gerrards Cross, 9 maggio 1968), è stato un attore cinematografico, teatrale e televisivo scozzese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Finlay Currie esordì ventenne nel 1898, sui palcoscenici della natia Edimburgo, e negli anni successivi recitò a Londra e New York, quindi trascorse dieci anni in Australia[1]. Si fece un nome come commediante-cantante, formando un duo artistico di successo con la moglie Maude Courtney (nata nel 1884), star americana della commedia musicale, con la quale presentava spettacoli alternanti canzoni e sketch comici[1].

Currie debuttò nel cinema nel 1932 con L'albergo del terrore (1932), da un soggetto di Edgar Wallace, e da allora apparve regolarmente sullo schermo come incisivo caratterista, inconfondibile per la figura imponente, la folta capigliatura bianca e la voce tonante dall'accento tipicamente scozzese[1][2]. Tra i più significativi ruoli interpretati durante gli anni quaranta sono da ricordare quello del forzato Abel Magwitch, il burbero ma generoso galeotto che si rivela quale benefattore del protagonista Pip (John Mills) in Grandi speranze (1946), diretto da David Lean e tratto dal romanzo di Charles Dickens, e quello di John Brown, servitore della Regina Vittoria, in Un monello alla corte d'Inghilterra (1948).

Currie continuò a lavorare intensamente nel cinema anche negli anni cinquanta, partecipando a produzioni sia inglesi che americane, e specializzandosi durante il decennio in autorevoli figure storiche e letterarie. La sua presenza solenne e ieratica venne utilizzata ne L'isola del tesoro (1950), nel ruolo del capitano Billy Bones, in Quo vadis? (1951), in cui impersonò San Pietro, in Ivanhoe (1952), in cui interpretò Cedric, padre dell'eroe protagonista (impersonato da Robert Taylor), in Rob Roy il bandito di Scozia (1954), e in Santa Giovanna (1957), nella parte dell'arcivescovo di Reims. Significativa e indimenticabile la sua partecipazione al kolossal Ben-Hur (1959) di William Wyler, nel ruolo dell'anziano Baldassarre, uno dei tre Re Magi, il cui cammino esistenziale incrocia a più riprese quello del tormentato Giuda Ben Hur (Charlton Heston), che Baldassarre tenta di dissuadere dai propositi di vendetta e rancore.

Anche durante gli anni sessanta l'attore proseguì instancabilmente la propria carriera. Divenuto uno dei più anziani attori al mondo ancora in attività[2], l'ultraottantenne Currie si rivolse sempre più spesso al piccolo schermo, ma fece ancora delle notevoli apparizioni cinematografiche in film come il poliziesco Assassinio al galoppatoio (1963) con Margaret Rutherford (Miss Marple), la commedia Billy il bugiardo (1963) e l'epico La caduta dell'impero romano (1964), nel ruolo di un anziano senatore. L'addio al grande schermo avvenne con il ruolo del vecchio fabbricante di bambole in Bunny Lake è scomparsa (1965) di Otto Preminger, mentre l'ultima apparizione dell'attore, ormai novantenne, fu nell'episodio Vendetta for the Saint della serie Simon Templar (1969), in cui impersonò Don Pasquali, un boss mafioso in fin di vita, accanto a Roger Moore.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Currie ebbe un unico figlio dalla moglie Maude Courtney, John Francis Courtney Currie, nato il 26 settembre 1906 a Melbourne durante il decennio in cui i genitori vissero e recitarono in Australia. Il matrimonio durò fino alla morte della Courtney, avvenuta nel 1959.

Currie si spense il 9 maggio 1968, all'età di novant'anni, nella sua residenza di Gerrard Cross, nel Buckinghamshire.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, pag. 122
  2. ^ a b Arthur F. McClure, Alfred E. Twomey e Ken Jones, More Character People, The Citadel Press, 1984, pag. 61

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Finlay Currie è stato doppiato da:

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 42049824 LCCN: no89009686