Amo un assassino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amo un assassino
Titolo originale Amo un assassino
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1951
Durata 90 min
Colore B/N
Audio mono
Rapporto 1,37 : 1
Genere drammatico
Regia Baccio Bandini
Sceneggiatura Baccio Bandini, Sandro Continenza, Ennio De Concini, Mario Monicelli, Steno
Casa di produzione Lux Film
Distribuzione (Italia) Lux Film
Musiche Gino Marinuzzi Jr.
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Amo un assassino è un film del 1951, diretto da Baccio Bandini.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una donna viene trovata morta nell'atrio di un palazzone romano. In quello stesso palazzo vive il commissario di polizia Pietrangeli, incaricato delle indagini, con la figlia Silvia. Presto si scopre che Manni, il nuovo inquilino del palazzo, era il marito della morta. La coppia era separata da tempo ma la donna continuava a chiedergli dei soldi. L'uomo cerca di scagionarsi ma il presunto alibi non può essere rivelato, Manni infatti ha ormai da tempo stretto un legame proprio con Silvia che non ha mai avuto il coraggio di parlare con il padre. Messa alle strette la ragazza confessa e fugge con l'uomo ma viene rintracciata grazie all'aiuto di Giorgio, un altro inquilino. Durante un duro confronto arriva la polizia che era stata avvisata da una telefonata anonima. Grazie a questa telefonata arrivata da un night club il commissario potrà scoprire l'identità dell'assassino e ritirare le dimissioni che aveva presentato a causa della delicata situazione in cui si trovava.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema