Mezzogiorno di fuoco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mezzogiorno di fuoco
High Noon1.JPG
Gary Cooper e Grace Kelly nel film (sul muro l'avviso che suggerisce la collocazione temporale della storia).
Titolo originale High Noon
Paese di produzione USA
Anno 1952
Durata 85 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere western
Regia Fred Zinnemann
Soggetto John W. Cunningham
Sceneggiatura Carl Foreman
Produttore Stanley Kramer
Casa di produzione United Artists
Distribuzione (Italia) DAI Regionale (1953)
Fotografia Floyd Crosby
Montaggio Elmo Williams
Musiche Dimitri Tiomkin
Tema musicale Do Not Forsake Me, Oh My Darlin
Scenografia Murray Waite
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Mezzogiorno di Fuoco (High Noon) è un film western del 1952 diretto da Fred Zinnemann.

Scritto da John W. Cunningham e Carl Foreman, è basato sul cortometraggio pulp The Tin Star. Foreman fu anche il produttore, ma non fu accreditato perché facente parte della "lista nera" della MPAA.

Nel 1989 è stato inserito fra i film conservati nel National Film Registry presso la Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.[1]

Nel 1998 l'American Film Institute l'ha inserito al trentatreesimo posto della classifica dei migliori cento film statunitensi di tutti i tempi,[2] mentre dieci anni dopo, nella lista aggiornata, è salito al ventisettesimo posto.[3]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

1898. Il film è ambientato nella cittadina di Hadleyville, nel Territorio del Nuovo Messico, e narra la vicenda di uno sceriffo che si sente moralmente obbligato ad affrontare un manipolo di fuorilegge che sta per giungere in città, ma viene tradito e abbandonato da tutti i cittadini.

Will Kane, dopo aver riportato la legge e l'ordine, sposa la quacchera Amy Fowler. Subito dopo il matrimonio dà le dimissioni e la cittadina attende per il giorno successivo l'arrivo del nuovo sceriffo. Kane riceve però un telegramma, dal quale apprende che con il treno di mezzogiorno arriverà Frank Miller, un uomo da lui arrestato e condannato all'ergastolo cinque anni prima, ora sorprendentemente graziato. Ad attendere Miller alla stazione ci sono altri tre banditi che lo aiuteranno a portare a termine la promessa vendetta. Lo sceriffo cerca di formare una squadra di agenti giurati per affrontare Miller, ma, con un pretesto o con un altro, tutti i cittadini preferiscono abbandonarlo al suo destino e molti gli chiedono di lasciare la cittadina per evitare la sparatoria, che darebbe a Hadleyville una cattiva reputazione. Qualcuno, come il titolare di un albergo-saloon, arriva a rimpiangere i tempi in cui Miller spadroneggiava spavaldamente in città prima che Kane lo arrestasse e ponesse fine all'anarchia ed alle prepotenze del bandito e della sua banda.

La giovane moglie di Kane, che per motivi religiosi professa avversione a ogni genere di violenza, vorrebbe che il marito lasciasse subito la città, ma Kane rifiuta, consapevole che Miller, assetato di vendetta, lo cercherà per ucciderlo e prima o poi lo troverà. Amy decide allora di partire da sola con il treno, pur essendo combattuta dal desiderio di restare con il suo uomo quando questi dovrà affrontare i fuorilegge. Convinta a non abbandonarlo proprio dalla ex amante di Kane, Helen Ramirez, sarà proprio Amy l'unica persona ad aiutarlo, sparando a uno dei banditi.

Alla fine Kane riesce ad avere la meglio, e solo allora i cittadini si riversano nelle strade rimaste deserte. Senza una parola, prima di allontanarsi in calesse con la moglie, Kane getta con disprezzo nella polvere la sua stella di sceriffo.

Collocazione temporale[modifica | modifica wikitesto]

Nessuna informazione diretta è data nel film riguardo alla sua collocazione temporale (se non ovviamente il fatto che siamo nel West nelle ultime decadi del XIX secolo); tuttavia nel film sono presenti alcuni elementi, messi più o meno intenzionalmente, che suggeriscono che la storia si svolga nel 1898, e più precisamente il 26 giugno. Per cominciare, in diverse scene (tutte quelle in cui si rappresenta la via principale avendo sulla sinistra l'ufficio dello sceriffo), è chiaramente visibile la data 1888 sulla facciata di un edificio; coerentemente con questo elemento la storia non può essersi svolta prima di tale data. Inoltre, nell'ufficio di Kane su due manifesti stampati appesi al muro (di fronte e a sinistra della porta di ingresso) si parla di una chiamata di volontari per una guerra; in particolare nel secondo (inquadrato in molte scene del film, tra cui quella presente nella testata della voce) vi sono le scritte "la guerra è dichiarata" e "il Presidente chiama 75.000 volontari". Poiché l'unica guerra dichiarata dagli Stati Uniti negli ultimi decenni dell'Ottocento fu la guerra ispano-americana, dichiarata nell'aprile del 1898, se ne deduce che il 1898 è l'anno della storia. Per di più, sappiamo che proprio 75.000 volontari furono richiesti dal presidente William McKinley nella seconda chiamata datata 25 maggio 1898[4]; coerentemente con questo elemento la storia si svolge nel 1898 dopo il 25 maggio. Infine il giorno preciso si può desumere dal fatto che, nella scena in cui l'addetto alla stazione ferroviaria riceve il telegramma che annuncia l'arrivo di Miller, su un muro della stanza viene visualizzato il giorno 26 su un calendario; poiché nel 1898 l'unica domenica 26 si ebbe nel mese di giugno, l'unica data compatibile con tutti questi elementi è proprio il 26 giugno 1898.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Film molto apprezzato e considerato generalmente un capolavoro assoluto. Notevole è il clima di suspense che il regista mantiene per quasi tutto il film: dalla frustrante ricerca di Kane di volontari che lo aiutino ad affrontare i fuorilegge, alla inutile e controproducente lite fra lo stesso Kane ed il suo vicesceriffo Harvey, l'unico che lo aiuterebbe efficacemente, ma che pretende in cambio il suo aiuto per la nomina a sceriffo (onesto fino all'autolesionismo egli rifiuta, ritenendo in coscienza l'uomo inidoneo a tale incarico), fino alla spasmodica attesa solitaria del protagonista nel tragitto dei quattro nemici dalla stazione ferroviaria al paese.

La vicenda è scandita dalla celebre musica di Dimitri Tiomkin, il cui motivo principale, la canzone Do not forsake me, oh my darling (anche nota come High noon, titolo originale del film), cantata nel film dal famoso cantante country Tex Ritter, è diventata molto popolare soprattutto nella successiva versione dell'italo-americano Frankie Laine.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La scelta di Fred Zinnemann fu controversa perché i produttori non erano sicuri che un austriaco-ebreo avrebbe potuto dirigere il quintessenziale genere americano, il western[senza fonte]. Il regista fu influenzato nella realizzazione da un libro di Karl May che aveva letto da bambino.
  • Ci fu una controversia anche nella scelta di Gary Cooper nel ruolo del protagonista, considerato da qualcuno troppo anziano in un personaggio che si sposa all'inizio del film con Grace Kelly, di trent'anni più giovane nella realtà.
  • Caratteristica piuttosto rara è la coincidenza del tempo nella narrazione con la durata del film: la vicenda inizia alle 10 e 30 di mattino e termina poco dopo le 12, un tempo esattamente, o quasi, quello del film.
  • Nel videogioco Call of Juarez ambientato nel Far West, c'è una mappa in multiplayer chiamata proprio High Noon, cioè il nome originale del film.
  • Nel gioco di carte Bang! ambientato nel Far West, c'è un'espansione dedicata al film, chiamata appunto "High Noon".
  • Nel videogioco Grand Theft Auto: San Andreas, c'è una missione intitolata "High Noon".
  • Nel 1984 venne rilasciato un videogioco per Commodore 64 con il motivo del film. Si concludeva con un duello.

La parodia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Mezzogiorno e mezzo di fuoco.

Nel 1974 la Warner Bros realizzò il film Mezzogiorno e mezzo di fuoco, una parodia del genere western che non poteva prescindere da classici come Mezzogiorno di fuoco. I titoli in lingua originale dei due film non hanno alcuna parola in comune.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) National Film Registry, National Film Preservation Board. URL consultato il 3 gennaio 2012.
  2. ^ (EN) AFI's 100 Years... 100 Movies, American Film Institute. URL consultato il 12 ottobre 2014.
  3. ^ (EN) AFI's 100 Years... 100 Movies - 10th Anniversary Edition, American Film Institute. URL consultato il 12 ottobre 2014.
  4. ^ [1]: The President issued a proclamation calling for 75,000 more volunteers on May 25. This made the total army strength, regular and volunteer, 280,000. The call: "Now, therefore, I, William McKinley, President of the United States, by virtue of the power vested in me by the constitutionand the laws and deeming sufficient occasion to exist, havethought fit to call forth, and hereby do call forth, volunteers to the aggregate number of 75,000 in addition to the volunteerscalled forth by my proclamation of the 23d day of April, in the present year

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema