Dimitri Tiomkin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statuetta dell'Oscar Oscar alla migliore colonna sonora 1953
Statuetta dell'Oscar Oscar alla migliore canzone 1953
Statuetta dell'Oscar Oscar alla migliore colonna sonora 1955
Statuetta dell'Oscar Oscar alla migliore colonna sonora 1959

Dmitrij Zinov'evič Tëmkin (rus. Дмитрий Зиновьевич Тёмкин; Kremenčuk, 10 maggio 1894Londra, 11 novembre 1979) fu un musicista, pianista e compositore statunitense di origine russo-ucraina, noto soprattutto come compositore di musiche da film con il nome anglicizzato di Dimitri Tiomkin.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Kremenčuk (Oblast di Poltava), allora impero russo, in un'agiata famiglia borghese di cultura sia scientifica che artistica (il padre era un chimico, collaboratore di Paul Ehrlich, la madre insegnante di pianoforte), studiò pianoforte al Conservatorio di San Pietroburgo (insegnante di composizione era all'epoca Aleksandr Glazunov), poi, per sottrarsi alla Rivoluzione russa, passò a Berlino, dove studiò composizione con Ferruccio Busoni.

Le sue doti virtuosistiche lo indirizzavano all'attività concertistica, e in veste di pianista fece tournée in Germania, a Parigi e a New York. Il contatto con l'ambiente musicale americano e il matrimonio con la ballerina e coreografa austriaca Albertina Rasch modificarono profondamente i suoi orizzonti culturali: nel 1928 fu lui ad eseguire, a Parigi, la prima europea del Concerto in fa per pianoforte ed orchestra di George Gershwin.

Tornato in America nel 1929, trovò il paese in piena crisi, e la carriera del concertista non era la più facile, al momento. Fu la moglie ad introdurlo nell'ambiente cinematografico presentandolo alla Metro-Goldwin-Mayer, con l'idea di superare le difficoltà economiche momentanee. Dopo alcune collaborazioni occasionali arrivò il primo film di cui comporre l'intera musica, e fu Resurrezione, dal romanzo di Tolstoj, nel 1931; nel 1937 fu la volta della prima nomination all'Oscar, con Orizzonte perduto di Frank Capra: se nei primi anni trenta Tiomkin aveva continuato ad oscillare tra la carriera solistica e quella di compositore per il cinema, alla fine un incidente ad una mano troncò le esitazioni, e il musicista si dedicò completamente alla composizione.

Nel 1959 pubblicò a New York la propria autobiografia, dal titolo Please Don't Hate Me.
Nel 1968 morì la moglie Albertina, che era stata così importante per Tiomkin. Nel 1969 lavorò all'ultimo film, Čajkovskij, anche come produttore.
Nel 1972 si trasferì a Londra, dove morì per complicazioni conseguenti ad una frattura del femore, nel novembre 1979. La sua seconda moglie Olivia Tiomkin Douglas ha dato supporto in anni recenti alla casa discografica Tadlow Music, impegnata ad incidere le prime registrazioni mondiali delle partiture complete di La battaglia di Alamo, I cannoni di Navarone e La caduta dell'impero romano, prodotte da James Fitzpatrick.

La musica e i film[modifica | modifica sorgente]

Tiomkin portò nel cinema americano il gusto tutto russo e romantico per il colore, il dramma e il sentimento, dentro l'educazione musicale classicissima ricevuta in Russia e in Germania.

Nella sua lunga carriera, Tiomkin musicò circa 140 film, fu candidato all'Oscar per 23 volte e ne vinse 3, per Mezzogiorno di fuoco, 1952, di Fred Zinnemann, Prigionieri del cielo, 1954, di William A. Wellman, per il cui motivo conduttore lo stesso Tiomkin scelse il famoso fischiatore solista Muzzy Marcellino, e Il vecchio e il mare, 1958, di John Sturges. Altre sue musiche da film furono grandi successi del cantante Frankie Laine (Ballata Selvaggia , La Straniera, Sfida all' O.K. Corral, eseguite dal medesimo nella colonna sonora, ed anche Mezzogiorno di Fuoco, che nella colonna sonora era cantata da Tex Ritter). I parolieri che collaborarono alle canzoni di Tiomkin furono Paul Francis Webster e Ned Washington.

Importanti furono anche i suoi contributi alle produzioni televisive: è suo il tema della sigla di apertura dei telefilm della serie Rawhide, divenuto celeberrimo in tutto il mondo in quanto impiegato dai Blues Brothers in una delle scene più divertenti dell'omonimo film, è infatti il secondo brano che la band canta al Bob's Country Bunker, dietro la rete da polli, ottenendo un grandissimo successo.
Tra i suoi film (le nomination citate si intendono per la colonna sonora):

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Controllo di autorità VIAF: 100251573 LCCN: n2006010255