La legge del Signore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La legge del Signore
La legge del Signorе.png
Una scena del film
Titolo originale Friendly Persuasion
Paese di produzione USA
Anno 1956
Durata 137 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia William Wyler
Soggetto Jessamyn West
Sceneggiatura Michael Wilson
Fotografia Ellsworth Fredericks
Montaggio Robert Belcher, Edward A. Biery e Robert Swink
Effetti speciali Augie Lohman
Musiche Dimitri Tiomkin
Scenografia Ted Haworth (art director)
Joseph Kish (set decorator)
Costumi Dorothy Jeakins
Trucco Emile LaVigne
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La legge del Signore (Friendly Persuasion) è un film western del 1956 diretto da William Wyler, vincitore della Palma d'oro come miglior film al 10º Festival di Cannes.[1]

Il film racconta le vicende di una famiglia pacifista quacchera coinvolta, suo malgrado, nella Guerra di Secessione. È ispirato al libro The Friendly Persuasion di Jessamyn West.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel sud dell'Indiana, ai tempi della Guerra di Secessione, la famiglia Birdwell conduce una vita serena: il padre Giona è un mite agricoltore; sua moglie Eliza è rigidamente attaccata ai precetti della religione quacchera; il figlio maggiore Giosue' è diviso tra i princìpi della sua religione e il desiderio di difendere la propria famiglia dal pericolo incombente; la figlia Martha è un’adolescente romantica e sognatrice; e il figlio minore Azariah è una "piccola peste" in perenne conflitto con Samantha, l’oca prediletta di sua madre.

Durante una funzione religiosa, un ufficiale dell'Unione entra in chiesa e cerca di convincere gli uomini della comunità quacchera a combattere per difendere le proprie fattorie dall'esercito confederato che si fa sempre più vicino. Ma essi rifiutano.

Quando numerose fattorie dei dintorni vengono attaccate e distrutte dall’esercito confederato, Giosue' decide, contro il parere dei genitori e in particolare della madre, di accettare l’invito ad arruolarsi. Ma quando si trova sul campo di battaglia, scopre che uccidere un essere umano è ancora più difficile di quanto immaginasse.

Giona va a cercare suo figlio, temendo il peggio. Eliza, rimasta sola in casa con Martha e il piccolo Azaria, dimostra la propria coerenza con i princìpi del quaccherismo accogliendo i soldati sudisti come ospiti, e offrendo loro da mangiare. Il suo comportamento li induce a comportarsi con cortesia, e tutto sembrerebbe andare nel migliore dei modi; ma la situazione precipita quando uno di loro si mette a correre dietro all’oca preferita di Eliza per mangiarla. Messo da parte il pacifismo, Eliza afferra una scopa e lo colpisce, inducendolo a desistere. Il capitano si scusa per il comportamento del soldato, e l’incidente si chiude lì.

Giona trova Giosue' sul campo di battaglia, fortunatamente solo ferito, e lo riporta a casa. L’ondata della guerra è passata oltre, e per il momento la famiglia Birdwell può tornare alla sua vita normale.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ha ricevuto sei nomination ai Premi Oscar 1957, tra cui quelle per il miglior film e il miglior regista, e tre ai Golden Globe 1957.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Awards 1957, festival-cannes.fr. URL consultato il 4-6-2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema