Resurrezione (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Resurrezione
Titolo originale Voskresenie in russo: Воскресение?
Aandens stridsmænd.djvu
Lev Tolstoj, autore del libro
Autore Lev Tolstoj
1ª ed. originale 1899
Genere romanzo
Sottogenere Romanzo storico sentimentale
Lingua originale russo
Ambientazione Russia
Protagonisti Principe Nechljudov

Resurrezione (Воскресение, Voskresenie) è un romanzo di Lev Tolstoj scritto a Jasnaja Poljana tra il 1889 e il 1899.

Il romanzo ha avuto numerosi adattamenti sia musicali che per il grande schermo e per la televisione.

Contesto[modifica | modifica sorgente]

L'ispirazione da un fatto di cronaca[modifica | modifica sorgente]

Il tema fu suggerito a Lev dall'amico e giurista Anatoly F. Koni il quale gli raccontò un fatto reale ovvero la storia di una ragazza di 16 anni che, rimasta orfana, venne ospitata in casa di parenti. Qui, sedotta da un giovane appartenente a quel ramo familiare, una volta scoperta la gravidanza, venne scacciata dalla benefattrice ed abbandonata dall'uomo.

Rimasta senza mezzi e dopo alcuni infruttuosi tentativi di guadagnare onestamente, la ragazza iniziò a prostituirsi e fu successivamente arrestata per furto. Nella corte penale che doveva giudicarla, sedeva tra i giurati questo stesso giovane. La coincidenza lo mise in estrema angoscia, cercò un modo per riparare al fatto, portandolo alla decisione di sposarla e così fece, nonostante la condanna a quattro mesi di reclusione. La ragazza purtroppo morì di tifo, dopo poco, ancora incarcerata.

L'ispirazione autobiografica[modifica | modifica sorgente]

« In quell'estate presso le zie, Nechljudov aveva vissuto quello stato d'animo d'entusiasmo e di giubilo, di quando per la prima volta, non per sentito dire, ma per intima esperienza, un giovane viene a conoscere a fondo la bellezza e l'importanza della vita e tutto il significato dell'opera che in essa spetta all'uomo, vede la possibilità d'un infinito perfezionamento sia di se stesso sia del mondo intero, e si dà tutto a questo perfezionamento, non solo con la speranza, ma con la piena certezza di ottenere quella perfezione, che gli si dipinge nella mente »
(da Resurrezione)

Resurrezione ha anche connotati autobiografici. Come Nechljudov, lo scrittore si era interessato, da giovane, per migliorare le condizioni dei contadini della sua tenuta, ma questi si erano mostrati diffidenti e avevano rifiutato le sue proposte.[1] Inoltre, prima del matrimonio, Tolstoj aveva sedotto una cameriera che viveva in casa di una sua zia; la ragazza era poi stata scacciata e «si era persa».[2]

In quello stesso periodo giovanile, Tolstoj aveva avuto un figlio (che non aveva accettato di riconoscere) da una contadina sposata.[3] Il riscatto interiore vissuto da Nechljudov è ovviamente lo stesso che Tolstoj aveva ricercato nella propria vita con la sua conversione morale.

La sovvenzione dei doukhobors[modifica | modifica sorgente]

Tolstoj iniziò a scrivere questo libro nel tentativo di raccogliere la maggior quantità possibile di denaro per aiutare la migrazione dei doukhobors in Canada in quanto in rotta con il potere zarista e la chiesa ortodossa. Lo stesso Tolstoj cercò di trovare fondi per il loro trasferimento (circa 8000 anime)[4] e successivamente optò per creare un romanzo le cui vendite potessero sovvenzionare tale opera. La scelta cadde su questo progetto che Tolstoj fino ad allora aveva tenuto in un cassetto.

L'uscita del suo terzo grande romanzo creò una grandissima aspettativa in tutto il mondo. Pare che Tolstoj avesse ottenuto, in anteprima sulla pubblicazione dell'opera da parte della rivista Niva, la cifra di 12000 rubli. È da notare come, dopo la pubblicazione di Anna Karenina, Tolstoj avesse deciso, in seguito alla propria conversione morale, di pubblicare tutto senza ricevere diritti d'autore (attualmente si direbbe in copyleft).

In seguito alla scelta di farsi pagare (per sovvenzionare la migrazione dei Doukhobors), in contrasto con la rinuncia precedente (espressa sul quotidiano Ruskija vedomosti e Novoe vremja, in cui dichiara di aver rinunciato ad ogni diritto d'autore sulle opere posteriori al 1881)[5], si produssero una quantità di copie e traduzioni "piratate" del romanzo che crearono non pochi imbarazzi a Tolstoj.[6]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Un giovane ufficiale rispettato, il principe Nechljudov, ritorna per un po' di tempo alla vita civile nella ricca provincia natale, nei pressi di Nižnij Novgorod. Egli conduce una vita piacevole tutta dedita alle riunioni sociali con le sue variegate conoscenze; è imminente d'altronde il suo matrimonio, organizzato con una giovane di nobili natali, e con serenità pensa al brillante futuro che gli spetta facendo la carriera militare.

Proprio durante il suo soggiorno cittadino viene chiamato dal tribunale ad esercitare il proprio dovere facendo parte di una giuria popolare; ma quello che doveva passare come un semplice impegno civico, prende improvvisamente per il principe una piega del tutto inaspettata. Chiamato a decidere come membro della giuria della condanna di una prostituta, riconosce in lei la ragazza che aveva sedotto molti anni prima e poi abbandonata; dovette difatti andarsene dalla casa di Nechljudov dove lavorava come cameriera al fine di soddisfare le esigenze del loro bambino. Per poter sopravvivere diventa prostituta.

Dopo aver assistito alla sua ingiusta condanna, è stata difatti accusata di omicidio premeditato, tra magistrati ridicoli e avvocati giovani ed inesperti matura la volontà di salvarla e di sposarla.

Katjuša pare però rifiutare la proposta e le attenzioni del principe, il quale, divorato dal rimorso, decide di seguirla comunque ai lavori forzati in Siberia dove è stata deportata con l'immutato proposito di redimerla; compirà ogni sforzo per riscattare la propria colpa e riunirsi a lei. Egli assisterà infine alla "resurrezione" della ragazza, ma in maniera alquanto differente da come si proponeva; ella infatti sceglierà l'amore d'un compagno di prigionia.

Il giovane uomo dovrà infine aprire gli occhi alla miseria spirituale del mondo e superare l'atroce delusione nei confronti della giustizia umana; ciò si risolverà non nella società del mondo bensì nella fede. La resurrezione di Nechljudov passa attraverso la riunione con Cristo; leggendo una notte il brano del Discorso della montagna, trova esso stesso, attraverso il Vangelo, la via per risollevare la propria anima e dandogli una nuova prospettiva sulla vita.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Katjuša Maslova
figlia di una zingara, presa nella casa padronale delle due vecchie zie di Dmitri e cresciuta con loro. A 16 anni s'innamora di lei proprio il giovane studente nipote delle proprietarie che, alla vigilia della sua partenza riesce a sedurla; dopo aver appreso della sua gravidanza va a partorire nella casa della levatrice del villaggio, una vedova. Il neonato viene portato all'orfanotrofio dove però muore poco dopo il suo arrivo.
L'unico posto che la ragazza trova è nella casa del guardaboschi; la moglie di questi, però, scopertala la caccia dopo averla ferocemente picchiata. Trasferitasi in città, dopo diversi tentativi falliti di trovar un'abitazione, finisce nel bordello. Dopo esser stata messa arrestata con l'accusa d'aver avvelenato un cliente con l'intento di derubarlo, trascorre sei mesi in carcere in attesa del processo.
Dmitri Nechljudov
nobile dell'alta società, un giovane onesto e altruista, sempre pronto a doare tempo e mezzi per compiere opere buone. Raggiunta l'età adulta, essendo un entusiasta seguace del pensiero di Herbert Spencer, dà ai suoi agricoltori la proprietà ereditata dal padre in quanto crede che il possesso della terra da parte di pochi sia una cosa ingiusta.
Ma l'aver compiuto quest'atto provoca nient'altro che il rifiuto inorridito della madre e di tutta la sua famiglia, diventando argomento costante di rimprovero e ridicolizzazione da parte dei parenti nei suoi confronti; Dmitri cerca dapprima di combattere per le proprie idee ma la lotta si rivela essere troppo dura e non riuscendo a sopportarla se ne va ed entra nel mondo militare.
Durante una licenza seduce la cameriera innamorata di lui l'ultimo giorno prima dipartire e le offre una banconota da cento rubli,consolandosi con il fatto che "tanto lo fanno tutti". Uscendo dall'esercito col grado di tenente si stabilisce dapprincipio a Mosca ove conduce una vita oziosa da raffinato ed egoista esteta che ama solo il suo pacere. Questo fino a che non re-incontra colei che aveva sedotto ed abbandonato.

Interpretazioni[modifica | modifica sorgente]

L'opera è stata scritta dall'autore quando era all'apice della fama e tormentato dai problemi dell'ingiustizia sociale, in special modo l'iniquità dei tribunali ed i tormenti inflitti ai carcerati.

Nel romanzo Tolstoj descrive l'angoscia profonda dell'uomo di coscienza (e in primo luogo dell'autore) stretto nel meccanismo della burocrazia statale, nel ferreo "ordine delle cose". Qual è la via di scampo? Un approccio radicale alla morale cristiana, intesa, quale buona novella rivolta agli ultimi della società, come iniziativa etica atta a migliorare concretamente la vita degli uomini oppressi su questa terra, nello spirito del Discorso della montagna ripetutamente citato da Tolstoj in quest'ultima sua grande fatica narrativa. Nechljudov, il protagonista del romanzo, vive le medesime rivoluzioni interiori dell'autore: l'iniziativa di donare (o meglio, "restituire") i propri possedimenti terrieri ai contadini, la volontà di rinunciare alla vita sfarzosa e mondana e di dedicare la propria esistenza al servizio dei dimenticati ed alla liberazione degli sfruttati e degli oppressi. Anche Katiuša, la figura femminile con la quale e attraverso la quale Nechljudov cerca un riscatto, compie un cammino di redenzione morale, da prostituta a sposa.

La "resurrezione" dei protagonisti avviene quindi nell'accezione metaforica di una rinascita etica, simile a quella vissuta (o perlomeno disperatamente cercata, nonostante le contrapposizioni con la moglie e i familiari) dallo stesso Tolstoj.

Adattamenti[modifica | modifica sorgente]

Il romanzo ha avuto numerosi adattamenti sia musicali che per lo schermo e per la tv. Al cinema, ispirò alcuni film già all'epoca del cinema muto. Nel 1909, anche David W. Griffith lo adattò in una versione con Florence Lawrence, una delle più celebri attrici dell'inizio Novecento, nel ruolo di Katiuscia.

Versioni cinematografiche[modifica | modifica sorgente]

Versioni operistiche[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Dal romanzo è stato ricavato nel 1966 da Rai 1 uno sceneggiato televisivo dal medesimo titolo, Resurrezione, diretto da Franco Enriquez.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ AA.VV. , I giganti – Lev Tolstoj, direttore Enzo Orlandi, Periodici Mondadori, 1970, p. 11.
  2. ^ AA.VV. , I giganti – Lev Tolstoj, op. cit. , p. 44.
  3. ^ Igor Sibaldi, Cronologia, in Lev Tolstoj, Tutti i racconti, volume primo, Mondadori, 1991, p. XC.
  4. ^ Magazine Voice of the Doukhobors
  5. ^ Tolstoj, Perché la gente si droga, Cronologia, pag XLII, Edizioni Oscar Mondadori, 2008
  6. ^ Ressurection: from an Introduction To Tolstoy's Writings

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura