United Artists

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando informazioni sull'omonima casa discografica, vedi United Artists Records.
United Artists Corporation
Logo
Sopra,il primo logo di United Artists,sotto, Douglas Fairbanks, Mary Pickford, Charlie Chaplin, e D. W. Griffith nel 1919
Sopra,il primo logo di United Artists,sotto, Douglas Fairbanks, Mary Pickford, Charlie Chaplin, e D. W. Griffith nel 1919
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Fondazione 5 febbraio 1919
Fondata da Douglas Fairbanks
Mary Pickford
Charlie Chaplin
D. W. Griffith
Gruppo Transamerica (1967-1981)
Metro-Goldwyn-Mayer (dal 1981)
Settore Cinema
Prodotti Film
Contratto autografo dell'apertura della UA nel 1920.

United Artists Corporation (UAC) è una famosa compagnia statunitense di produzione e distribuzione cinematografica facente parte del gruppo Metro-Goldwyn-Mayer

Storia[modifica | modifica sorgente]

È stata fondata il 5 febbraio 1919 da quattro grandi attori e registi di Hollywood: Charles Chaplin, Douglas Fairbanks, Mary Pickford e D. W. Griffith. Si narra che alla sua fondazione un produttore di Hollywood abbia esclamato "I matti si sono impossessati del manicomio!",[1] a sottolineare che, per la prima volta, degli attori prendevano le redini di una compagnia cinematografica.

Dal 1923 al 1952 la United Artists produsse tutti i film di Chaplin, i più importanti della sua carriera.

Nel 1941 partecipò alla fondazione della Society of Independent Motion Picture Producers, società indipendente dagli Studios. Nel 1951 Arthur Krim e Robert Benjamin subentrano alla guida del gruppo. Da una costola della United Artists è nata nel 1957 l'etichetta discografica United Artists Records.

Dal 1967 al 1981 la UAC fu acquisita dal gruppo Transamerica. Negli anni '60 puntò su registi come John Sturges, Stanley Kramer, Norman Jewison e Robert Aldrich e negli anni '70 Woody Allen, Bernardo Bertolucci e Milos Forman.

La United Artists dal 1981 fa parte del gruppo Metro-Goldwyn-Mayer, dopo essere stata in grossi guai finanziari che portarono al fallimento, a causa del flop del costoso film I cancelli del cielo di Michael Cimino uscito nel 1980.

5 febbraio 1919: La firma dei fondatori della United Artists: da sin. Griffith, Pickford, Chaplin (seduto) e Fairbanks. In secondo piano gli avvocati Albert Banzhaf (a sin.) e Dennis F. O'Brien (a destra)

L'era Cruise-Wagner[modifica | modifica sorgente]

Il 2 novembre 2006, la MGM ha annunciato che l'attore Tom Cruise e la sua socia, la produttrice Paula Wagner, avrebbero preso le redini della nuova United Artists. Questo accordo è avvenuto dopo che la Viacom, società proprietaria della Paramount, ha chiuso la collaborazione con Cruise. L'attore e la Wagner hanno acquisito un piccolo pacchetto azionario della UA dopo l'approvazione del consorzio che detiene la proprietà del gruppo MGM/UA per produrre film indipendenti, distribuiti poi dalla MGM.

Paula Wagner è stata nominata direttore esecutivo della United Artists ed è stata annunciata la produzione di almeno quattro film all'anno, dei quali Tom Cruise sarà il produttore ed occasionalmente anche star dei film in produzione. Il primo film prodotto dalla coppia Cruise/Wagner è Leoni per agnelli di Robert Redford.

Produzioni[modifica | modifica sorgente]

Anni dieci[modifica | modifica sorgente]

Anni venti[modifica | modifica sorgente]

(1921)

(1922)

(1923)

(1924)

(1925)

(1926)

(1927)

(1928)

(1929)

Anni trenta[modifica | modifica sorgente]

Anni quaranta[modifica | modifica sorgente]

Anni cinquanta[modifica | modifica sorgente]

Anni sessanta[modifica | modifica sorgente]

Anni settanta[modifica | modifica sorgente]

Anni ottanta[modifica | modifica sorgente]

Anni novanta[modifica | modifica sorgente]

Anni duemila[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giuseppe Pastore, Simply the Best, new.maxim.it. URL consultato il 06-08-2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema