Un bacio e una pistola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un bacio e una pistola
Kissmidedli.png
Maxine Cooper e Ralph Meeker in una scena del film
Titolo originale Kiss Me Deadly
Paese di produzione USA
Anno 1955
Durata 106 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere thriller, noir
Regia Robert Aldrich
Soggetto Mickey Spillane (romanzo)
Sceneggiatura A. I. Bezzerides
Produttore Robert Aldrich
Fotografia Ernest Laszlo
Montaggio Michael Luciano
Musiche Frank De Vol
Tema musicale I'd Rather Have The Blues (Nat King Cole)
Scenografia Howard Bristol
Trucco Robert J. Schiffer
Interpreti e personaggi

Un bacio e una pistola (Kiss Me Deadly) è un film thriller del 1955, prodotto e diretto da Robert Aldrich. La sceneggiatura venne scritta da A. I. Bezzerides basato su un racconto del mistero di Mickey Spillane.

Il film è ritenuto un classico del genere noir. Riferimenti alla pellicola appaiono in svariati film come I predatori dell'arca perduta di Steven Spielberg, Repo Man, il recuperatore di Alex Cox, Pulp Fiction di Quentin Tarantino ed in Strade perdute di David Lynch.

Il film guadagnò 726.000 dollari negli Stati Uniti e 226.000 dollari all'estero.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mike Hammer è un investigatore privato di Los Angeles, brutale, amante delle donne e della violenza e molto corrotto (vive a spese di ricatti).

Una sera dà un passaggio a Christina, un'autostoppista attraente vestita solo di un impermeabile, che lo blocca in mezzo alla strada. Costretto, la fa salire in auto su una strada di campagna solitaria. Dopo aver passato un controllo della polizia che cerca una donna scappata da un manicomio, grazie ad una menzogna di Hammer, alcuni teppisti tagliano loro la strada con la loro auto e li fanno sbandare. Quando Hammer ritorna in uno stato di semiconoscenza, sente Christina che viene torturata sino alla morte. I criminali poi li gettano (Hammer svenuto e Christina morta) giù per una scarpata.

Mike si sveglierà dopo 3 giorni in ospedale, vegliato dalla segretaria. Dopo un po', rimessosi, da un lato per vendetta, dall'altro pensando che ci sia qualcosa di più grande dietro, decide di seguire il caso.

Più tardi, Hammer scopre che il grande mistero è contenuto in una valigetta piccola e misteriosa che contiene una sostanza luminosa e pericolosa.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Secondo lo storico cinematografico Robert Osborne, la distribuzione americana del film contiene un finale in cui Hammer e Velda scappano dalla casa in fiamme, verso l'oceano; la versione europea invece rimuove la scena in cui Hammer e Velda scappano, ma fa comparire la parola "Fine" una scena prima, implicando la morte dei protagonisti.

Hammer è sicuramente uno dei più oscuri dei detective privati/antieroe nel genere del film noir. Apparentemente vive a spese di ricatti nei confronti di mariti e mogli adultere, e ha un ovvio piacere sadico nella violenza (per esempio nella scena in cui i criminali sono mandati a ucciderlo).

Nel 1999, Un bacio e una pistola è stato ritenuto un film "culturalmente significativo" ed è stato selezionato per essere conservato nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Librarian of Congress Names 25 More Films to National Film Registry, Library of Congress, 16 novembre 1999. URL consultato il 6 gennaio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema