La morte corre sul fiume

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La morte corre sul fiume
Morcorfiu.png
Una scena del film
Titolo originale The Night of the Hunter
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1955
Durata 93 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere thriller
Regia Charles Laughton
Soggetto Davis Grubb
Sceneggiatura James Agee
Produttore Paul Gregory
Fotografia Stanley Cortez
Montaggio Robert Golden
Musiche Walter Schumann
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La morte corre sul fiume (The Night of the Hunter) è un film del 1955 diretto da Charles Laughton, alla sua prima e unica regia.

Tratto dal romanzo omonimo The Night of the Hunter di Davis Grubb, il film, girato in poco più di un mese, ha una peculiare e fortemente caratterizzante fotografia in bianco e nero di Stanley Cortez al servizio dell'originale stile del regista, influenzato nell'attenzione maniacale per la posizione delle luci dal cinema espressionista tedesco e dal cinema scandinavo, ma anche dallo stile di David Wark Griffith.

Nel 1992 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film si svolge nella Virginia Occidentale degli anni trenta, lungo il fiume Ohio.

Ben Harper è condannato a morte per aver preso parte ad una rapina che ha provocato l'uccisione di due uomini. Prima di essere catturato, però, riesce a nascondere il bottino e ne rivela la posizione solo ai due figli, John e Pearl, di dieci e cinque anni. In prigione Harper divide la cella con Harry Powell, un sedicente predicatore evangelico con la scritta "LOVE" tatuata sulle nocche della mano destra e "HATE" su quelle della sinistra. Questi tenta di estorcere ad Harper il nascondiglio del bottino, ma l'unico indizio che riesce ad ottenere è una citazione della Bibbia che Harper mormora nel sonno: "e un bambino li condurrà".

Sicuro che figli di Harper sono i soli a conoscere il nascondiglio del bottino Powell, dopo essere uscito di prigione, corteggia e sposa Willa, la vedova di Harper. Attraverso sottili intimidazioni e lusinghe cerca di indurre i bambini, soprattutto John, a rivelare dove si trova il denaro, ma questi diffidano di lui e non aprono bocca. Quando Willa smaschera il piano di Powell, questi la uccide e, minacciando John e Pearl, scopre il nascondiglio del denaro: la bambola di Pearl.

I bambini riescono però a fuggire con i soldi, salendo su una barca e cominciando a ridiscendere il fiume. Spinti dalla corrente arrivano in una stalla, dove si fermano a dormire. Durante la notte vedono passare Powell, a cavallo, e perciò decidono di riprendere il cammino, continuando la ridiscesa del corso d'acqua. La barca si ferma sulla sponda del fiume, dove trovano rifugio tra le braccia materne dell'anziana Rachel Cooper, che li adotta.

Powell riesce a trovarli, ma Rachel non si lascia abbindolare dal suo modo di fare tipico dell'ammaliatore di folle e vede ciò che lui è oltre l'apparenza. Dopo un testa a testa con Rachel, la vera identità di Powell viene scoperta e questi viene arrestato. Poco dopo rischia addirittura il linciaggio da parte della stessa folla che, affascinata dal suo carisma, lo aveva precedentemente osannato.

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

Film complesso e polifonico dove confluiscono più percorsi: la storia nera, il racconto infantile e fiabesco, ma anche l'accusa contro il fanatismo della religione cristiana nel sud degli Stati Uniti.

La morte corre sul fiume è un film decisamente espressionista sotto molteplici punti di vista, dalle trovate illuminotecniche alla recitazione degli attori, sino a similitudini e coincidenze con altri film cronologicamente espressionisti.[2] All'espressionismo richiama la sequenza in cui il vecchio scopre il cadavere di Willa legata all'auto sul fondo del fiume con i suoi capelli che si confondono con le alghe, ed interpretata volutamente sopra le righe da Shelley Winters.

La famosa misoginia di Laughton mostra quasi tutte le figure femminili come ingenue e stupide; si salva solo Rachel, interpretata dall'attrice di film muto Lillian Gish.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Atto d'accusa contro il fanatismo nella religione cristiana e i falsi profeti, con riferimento al sud degli Stati Uniti, il film non ebbe un grande successo all'uscita, anche se poi venne rivalutato in seguito, venendo anche inserito al trentaquattresimo posto della lista AFI's 100 Years... 100 Thrills,[3] pubblicata dall'American Film Institute e comprendente i cento film ritenuti più coinvolgenti e avvincenti.

Laughton, a causa dell'insuccesso commerciale dell'opera, non poté realizzare la sua trasposizione de Il nudo e il morto di Norman Mailer (film che fu poi girato da Raoul Walsh nel 1958).

Il film offre quella che fu una delle migliori interpretazioni di Robert Mitchum, che sette anni dopo, ne Il promontorio della paura, vestirà nuovamente i panni di un personaggio molto simile.

Riferimenti in altre opere[modifica | modifica wikitesto]

Il film viene citato apertamente da Neil Jordan nel suo film In compagnia dei lupi (1984).

La canzone Night Of The Hunter, contenuta nell album This Is War dei Thirty Seconds to Mars racconta, in modo sommario, le vicende del film.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) National Film Registry, National Film Preservation Board. URL consultato il 16 novembre 2014.
  2. ^ Andrea Lolli, Forme dell'Espressionismo nel cinema, Roma, Aracne editrice, 2009.
  3. ^ (EN) AFI's 100 most thrilling American films of all time, American Film Institute. URL consultato il 16 novembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema