Charlie - Anche i cani vanno in paradiso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la serie animata, vedi Anche i cani vanno in paradiso.
Charlie - Anche i cani vanno in paradiso
Titolo originale All Dogs Go to Heaven
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1989
Durata 90 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione, drammatico
Regia Don Bluth
Soggetto Don Bluth, Ken Cromar, Gary Goldman, Larry Leker, Linda Miller, Monica Parker, John Pomeroy, Guy Shulman, David Steinberg, David N. Weiss
Sceneggiatura David N. Weiss
Produttore Don Bluth, Gary Goldman, John Pomeroy
Casa di produzione Sullivan Bluth Studios Ireland LTD
Art director Don Bluth, T. Daniel Hofstedt, Dan Kuenster, Larry Leker
Montaggio John K. Carr, Lisa Dorney
Musiche Ralph Burns
Scenografia Don Bluth, Larry Leker
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Charlie - Anche i cani vanno in paradiso (All Dogs Go to Heaven) è un film di animazione statunitense del 1989, diretto da Don Bluth.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A New Orleans nel 1939, il furfante Charlie, pastore tedesco e "cane da strada", fuggito dal canile municipale insieme all'amico bassotto Itchy, si precipita nella bisca, che gestiva insieme al socio Carface, per avere da questi la sua parte di utili. Il socio si è infatti misteriosamente arricchito durante la prigionia di Charlie, ma non vuole affatto dividere con lui, e, fattolo ubriacare, lo fa poi uccidere dal suo killer.

Così Charlie si trova nell'aldilà, nel Paradiso dei cani, dove lo accoglie una deliziosa levriera rosa (Annabelle, come verrà rivelato nei sequel). Quando però capisce d'essere morto, perché l'orologio della sua vita si è fermato, riesce a rimetterlo in moto, e a tornare quindi vivo sulla terra, mentre la levriera gli grida che per via di quel gesto non potrà più tornare in Paradiso. Charlie vuol vendicarsi di Carface, e scopre come questi trucca le corse: tiene infatti prigioniera una bambina orfana, Anne-Marie, capace di parlare con gli animali, e perciò di sapere in anticipo chi vincerà le corse. Riuscito prontamente a liberarla, Charlie le promette che darà il denaro ai poveri e per lei troverà un papà e una mamma che l'amino. In realtà il cane vuole sfruttare la bambina, come faceva Carface, e subito, vincendo moltissimo denaro, diventa padrone di un favoloso locale notturno.

Ma con il passare del tempo, Anne-Marie, che lui chiama 'scricciolo', diventa davvero importante per lui, talmente tanto da dare davvero dei soldi ai poveri. Insieme, i due passano diverse avventure. Incontrano anche una coppia sposata: Harold e Kate. Charlie di nascosto ruba il portafoglio ad Harold, venendo scoperto qualche tempo dopo da Anne-Marie e suscitando così la sua indignazione. Quest'ultima va a casa di Harold e Kate, che si comportano gentilmente con Anne-Marie e, venendo a scoprire che lei è orfana, decidono anche di farla stare da loro. Lo stesso giorno, dopo un agguato di Carface ai danni di Charlie ed Anne-Marie, i due riescono a salvarsi, salvo poi finire nelle fogne e fare la conoscenza di un bizzarro e grosso alligatore canterino, King Gator. Questo infatti si dissuade dal mangiare Charlie e, avendo riconosciuto in lui delle eccelse doti canore, lo lascia andare via assieme alla bambina. Anne-Marie un giorno si ammala. Mentre Charlie è impegnato a starle vicino, Itchy viene aggredito e pestato dagli scagnozzi di Carface, che bruciano anche il locale. Itchy suggerisce di andare via, ma Charlie dice di no, perché cerca di far credere a Itchy che gli serva Anne-Marie, ma lui non casca nel trucco e sa che in realtà Charlie ci tiene ad Anne-Marie. Charlie, allora, cerca ancora una volta di fargli cambiare idea dicendogli che lei non è importante e che la sta usando. Sfortunatamente, Anne-Marie sente ogni parola, e perciò scappa via.

Charlie cerca di raggiungerla, ma purtroppo è troppo tardi: Carface ha rapito Anne-Marie. Mentre Itchy va ad avvertire Harold e Kate, Charlie raggiunge il covo di Carface. Lì trova la bambina chiusa in una gabbia sospesa al di sopra dell'acqua, venendo quindi sorpreso dal suo ex socio, che gli aveva teso una trappola. Charlie si scontra quindi con i suoi scagnozzi. Ma ha la peggio e Carface lo fa legare ad un'ancora, per poi farlo sprofondare in acqua. Solo l'intervento dell'alligatore King Gator ribalterà la situazione in favore dei protagonisti, salvando Charlie da morte certa e la bambina dalla prigionia. Liberatosi, il pastore tedesco può finalmente scontrarsi con Carface, riuscendo a metterlo momentaneamente fuori combattimento. Ma durante lo scontro tutto il covo va in fiamme ed Anne-Marie, indebolita e quasi priva di sensi, è ancora più in pericolo. Carface prova ad attaccare Charlie, ma finisce in acqua e se la vede con l'affamato King Gator, il quale lo insegue e i due si allontanano. Charlie si tuffa poi per salvare la bambina caduta in acqua, ma questo gli costa caro. Infatti perde l'orologio nel tentativo di salvare Anne-Marie, che stava annegando. L'orologio immerso, riempendosi d'acqua, si ferma e Charlie così muore. Ma prima di andarsene per sempre, fa un'ultima visita ad Anne-Marie e a Itchy, a casa di Harold e Kate. Sembra che adesso Charlie dovrà andare all'inferno, ma ecco che arriva Annabelle, e afferma che lui può tornare in paradiso visto che si è sacrificato per Anne-Marie. Poco prima di andare, da un ultimo saluto alla bambina. La sveglia, e le fa promettere di aver cura di Itchy, poi Charlie fa finalmente ritorno in paradiso.

Il film si conclude con Carface, finito anche lui in paradiso dopo essere stato mangiato dal re alligatore, che torna sulla Terra ricaricando il proprio orologio, come aveva fatto Charlie all'inizio del film (con Annabelle che urla anche a lui che non sarebbe più tornato indietro) e Charlie che sa che comunque Carface tornerà.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Il film, da cui è stata tratta la serie Anche i cani vanno in paradiso, ha avuto due seguiti: Le avventure di Charlie (All Dogs Go to Heaven 2) e Anche i cani vanno in paradiso - Un racconto di Natale (An All Dogs Christmas Carol), dove il doppiaggio è diverso. Don Bluth e il suo studio però non hanno avuto niente a che fare con nessuno di essi ma lo stile del disegno è abbastanza fedele.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Film di animazione di Don Bluth
Brisby e il segreto di NIMH (1982) • Fievel sbarca in America (1986) • Alla ricerca della Valle Incantata (1988) • Charlie - Anche i cani vanno in paradiso (1989) • Eddy e la banda del sole luminoso (1991) • Thumbelina - Pollicina (1994) • Le avventure di Stanley (1994) • Hubie all'inseguimento della pietra verde (1995) • Anastasia (1997) • Bartok il magnifico (1999) • Titan A.E. (2000)