Il dormiglione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il dormiglione
Il dormiglione.png
Diane Keaton e Woody Allen in una scena del film
Titolo originale Sleeper
Paese di produzione USA
Anno 1973
Durata 88 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia fantascientifica
Regia Woody Allen
Soggetto Woody Allen, Marshall Brickman
Sceneggiatura Woody Allen, Marshall Brickman
Produttore Jack Grossberg
Fotografia David M. Walsh
Montaggio Ralph Rosenblum
Effetti speciali A.D. Flowers, Harvey Plastrik
Musiche Woody Allen, The Preservation Hall Jazz Band, The New Orleans Funeral and Ragtime Orchestra
Scenografia Dale Hennesy
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« Non voglio assolutamente sentirne parlare. Il mondo è pieno di cose meravigliose. Perché deve esserci qualcosa che vien fuori a guastar tutto? Voglio dire, perché ci deve essere una resistenza? Dopo tutto, c'è il globo, c'è il teleschermo e c'è l'orgasmatic! Che vogliono di più? »
(Luna)

Il dormiglione (Sleeper) è un film commedia fantascientifica di Woody Allen del 1973.

Nel 2000 l'AFI lo ha inserito all'ottantesimo posto nella classifica delle migliori cento commedie americane di tutti i tempi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

È ambientato nel futuro, nel 2173, nel parallelo centrale della costellazione americana, corrispondente agli ex Stati Uniti d'America, ora distrutti da una guerra atomica e divenuto stato poliziesco in mano ad un unico leader, un dittatore.

Il corpo di un uomo, Miles Monroe, vissuto nel 1973, proprietario di un ristorante vegetariano e clarinettista jazz, viene trovato da un gruppo di medici, e tolto dallo stato di ibernazione in cui era stato messo 200 anni prima per errore dopo un'operazione di ulcera duodenale.

Viene risvegliato da un gruppo di scienziati per farlo indagare, in quanto privo di identità e non schedato, sul progetto Ires ideato per debellare la resistenza. Costretto a nascondersi, prende le sembianze di un robot al servizio di una poetessa di nome Luna (Diane Keaton), che, avendolo scoperto, lo denuncia alla polizia. Entrambi stanno per essere catturati e riprogrammati. Miles subisce la riprogrammazione del cervello. Luna fugge e con la resistenza libera Miles. Nel distretto occidentale, ove è la resistenza, Miles riacquisterà la memoria.

Per evitare che il dittatore, di cui, per un attentato, è rimasto solo il naso, venga clonato, Miles e Luna rubano il naso.

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il paginone centrale di Playboy sottoposto all'analisi di Miles appartiene al numero del novembre 1972, il più venduto nella storia della rivista con più di 7 100 000 copie[1]; esso, raffigurante la playmate svedese Lenna Sjööblom[1], divenne in seguito un'immagine standard per il collaudo degli algoritmi di elaborazione delle immagini; l'immagine è nota nel settore col nomignolo di Lenna (o Lena).[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Our History, Playboy. URL consultato il 21 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2014).
  2. ^ (EN) The Rest of the Lenna Story. URL consultato il 15 aprile 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema