La città è salva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La città è salva
Titolo originale The Enforcer
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1951
Durata 87 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere poliziesco
Regia Bretaigne Windust, Raoul Walsh
Soggetto Martin Rackin
Produttore Milton Sperling per Waener Bros
Distribuzione (Italia) WB (1951)
Fotografia Robert Burks
Montaggio Fred Allen
Musiche David Buttolph
Scenografia Charles H. Clarke (art director)
William L. Kuehl (set decorator)
Trucco Vera Peterson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La città è salva è un film statunitense del 1951 diretto da Bretaigne Windust.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte dell'unica persona che poteva testimoniare contro lo spietato criminale Mendoza, il procuratore distrettuale Ferguson ripercorre tutta l'intricata vicenda di una organizzazione segreta che compie omicidi e poi ricatta quelle persone (parenti e amici delle vittime) che avrebbero avuto un movente per commetterli loro stesse. Il procuratore sa che nella mole di deposizioni raccolte dalla polizia c'è un indizio, un piccolo particolare che può incastrare definitivamente Mendoza, ma non riesce a ricordare cosa sia esattamente. Quando quel particolare gli ritornerà in mente, Ferguson dovrà battere sul tempo Mendoza, che ne è venuto a conoscenza e intende farlo sparire per salvarsi così dalla condanna capitale.

Commento[modifica | modifica wikitesto]

Da un soggetto originale, seguito da una sceneggiatura ineccepibile e sorprendente, con un finale geniale, diretto dallo sconosciuto Windust, ma sicuramente è stato Raoul Walsh a dirigere almeno la gran parte del film. Gli attori e le comparse si muovono all'interno e per le strade della città ricostruita quasi completamente dentro gli Studios Warner. La tematica dell'assassino imprendibile sino alla fine, ha in questo film una delle migliori e spettacolari realizzazioni.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema