I diabolici (film 1955)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I diabolici
I diabolici (film 1955).png
Una scena del film.
Titolo originale Les diaboliques
Paese di produzione Francia
Anno 1954
Durata 114 min (92 min UK)
Colore B/N
Audio sonoro
Genere thriller
Regia Henri-Georges Clouzot
Soggetto Pierre Boileau, Thomas Narcejac
Fotografia Armand Thirard
Montaggio Madeleine Gug
Musiche Georges Van Parys
Interpreti e personaggi
Premi

I diabolici (Les diaboliques) è un film del 1955 diretto da Henri-Georges Clouzot.

Il film è tratto dal romanzo I diabolici, titolo originale Celle qui n'était plus di Pierre Boileau e Thomas Narcejac.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un collegio per ragazzi alla periferia di Parigi, la direttrice Christina Delassalle, malata di cuore, è tiranneggiata dal marito fedifrago Michel, che l'ha sposata otto anni prima solo per interesse. L'amica Nicole, amante del marito, la convince che l'unico modo per liberarsi, entrambe, della violenza dell'uomo è di ucciderlo. Nicole ha in mente il piano perfetto: durante la chiusura del collegio per un weekend lungo, le due donne andranno nella città natale di Nicole, Niort, a quasi dieci ore di auto da Parigi, e attrarranno lì Michel, per annegarlo e riportarne poi il cadavere al collegio per farlo ritrovare nella piscina. Il piano viene messo in opera, ma al ritorno al collegio strani fatti cominciano ad accadere: la scomparsa del cadavere e una serie di misteriose apparizioni fanno precipitare Christina, rosa dal senso di colpa, in un vortice di terrore.

Particolarità[modifica | modifica wikitesto]

Il film rappresenta uno dei primi grandi esempi di cinema thriller, ad opera di quello che fu definito l'Hitchcock francese. A contribuire al clima di tensione c'è la totale assenza di musica nel film: la colonna sonora, composta da Georges Van Parys, è infatti limitata a 2 minuti 21 secondi (1 minuto e 57 secondi nei titoli di testa e 24 secondi alla fine).

Un messaggio per lo spettatore chiude il film:

(FR)

« Ne soyez pas DIABOLIQUES! Ne détruisez pas l'intéret que pourraient prendre vos amis à ce film. Ne leur racontez pas ce que vous avez vu. Merci pour eux. »

(IT)

« Non siate DIABOLICI! Non distruggete l'interesse che i vostri amici potrebbero nutrire per questo film. Non raccontate loro quello che avete visto. Grazie per loro. »

Alla sua uscita nelle sale il film creò sensazione. La critica accostò l'opera ai film di Alfred Hitchcock; alcuni si spinsero fino ad affermare che Hitchcock avesse fallito nel tentativo di acquistare i diritti sul romanzo di Boileau & Narcejac arrivando solo poche ore dopo che Clouzot aveva già concluso l'affare.[1]

Il film ottenne in seguito ulteriore esposizione mediatica quando, solo cinque anni dopo l'uscita nei cinema, Véra Clouzot morì a causa di un infarto all'età di 46 anni, in maniera simile a quanto accadeva al suo personaggio nel film, anch'esso con problemi di cuore.

Un Johnny Hallyday ancora adolescente compare, non accreditato, fra i collegiali del film. Il film fu al terzo posto in Francia negli incassi del 1954 con 3 milioni 674mila biglietti venduti.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto il premio Louis-Delluc nel 1954, e il premio come miglior film straniero agli New York Film Critics Circle Awards nel 1955 e agli Edgar Allan Poe Awards nel 1956.

Nel 1955 il National Board of Review of Motion Pictures l'ha inserito nella lista dei migliori film stranieri dell'anno.

Remake[modifica | modifica wikitesto]

Una versione americana del film di Clouzot, intitolata Reflections of Murder, venne prodotta e trasmessa dalla ABC-TV nel 1974 con Tuesday Weld, Joan Hackett, e Sam Waterston. Nel 1993, venne prodotto un altro tv movie basato sull'opera; questa volta intitolato House of Secrets, e con la partecipazione di Melissa Gilbert. Nel 1996, il film fu infine oggetto di un remake vero e proprio intitolato Diabolique, diretto da Jeremiah S. Chechik, con Sharon Stone e Isabelle Adjani nel ruolo delle due protagoniste, Chazz Palminteri come marito del personaggio della Adjani, e Kathy Bates nei panni della detective.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ François Truffaut, nel suo libro-intervista a Hitchcock del 1967, suggerisce che Boileau & Narcejac all'epoca avessero scritto D'Entre des Morts specificatamente per Hitchcock. Tuttavia, Narcejac smentì la tesi di Truffaut.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema