Francis L. Sullivan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francis L. Sullivan nel film Il cane della sposa (1951)

Francis Loftus Sullivan (Wandsworth, 6 gennaio 1903New York, 19 novembre 1956) è stato un attore cinematografico, teatrale e televisivo britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Londra, Francis L. Sullivan studiò allo Stonyhurst College, una scuola privata del Lancashire gestita dai Gesuiti, che ebbe tra i propri allievi anche l'attore Charles Laughton e lo scrittore Arthur Conan Doyle.

Dotato di un fisico corpulento e di un timbro vocale profondo e suadente, il diciottenne Sullivan fece il suo debutto teatrale nel 1921 all'Old Vic nel Riccardo III di Shakespeare[1], nel quale apparve in quattro differenti ruoli[2]. Subito dopo intraprese una tournée con la Shakespeare Company di Charles Doran, recitando in opere shakespeariane e in lavori tratti da opere di George Bernard Shaw[2] fino al 1931, anno in cui passò a lavorare per il grande schermo[1], debuttando in alcune pellicole di produzione britannica, tra cui The Missing Rembrandt (1932)[2].

Con il suo aspetto florido, la sua voce ingannevolmente dolce e il suo sguardo tagliente, Sullivan ebbe sempre parti adatte alla sua mole massiccia[1]. Il suo talento nel rappresentare personaggi malvagi lo fece ben presto notare dai produttori americani e, già nel 1934, la Universal Pictures scritturò l'attore per il ruolo di Jaggers ne Il forzato, versione cinematografica del romanzo Grandi speranze di Charles Dickens[2]. L'anno successivo interpretò un altro ruolo dickensiano, quello di Mr. Crisparkle in Mystery of Edwin Drood (1935).

Continuando ad alternare l'attività teatrale con quella sul grande schermo, Sullivan interpretò ruoli di carattere in film quali La cittadella (1938), Il principe Azim (1938) e Audace avventura (1942), quest'ultimo con lo pseudonimo di François Sully. Impersonò Pothinus, cortigiano di Tolomeo XIII, nel dramma Cesare e Cleopatra (1945), diretto da Gabriel Pascal e tratto dall'omonima opera teatrale di G.B. Shaw, ultimo film di cui il celebre commediografo britannico curò personalmente la supervisione. Dodici anni dopo la versione prodotta dalla Universal, nel 1946 Sullivan tornò a Dickens riprendendo il ruolo di Jaggers in Grandi speranze (1946), al fianco di John Mills e Alec Guinness. Due anni più tardi interpretò ancora una volta un personaggio dickensiano, il mellifluo Mr. Bumble ne Le avventure di Oliver Twist (1948). Altri ruoli notevoli furono quelli del vescovo e diplomatico francese Pierre Cauchon in Giovanna d'Arco (1948) e dell'inquisitore spagnolo Francisco de Bobadilla nel biografico Cristoforo Colombo (1949) con Fredric March nel ruolo del navigatore genovese.

Nel 1950 Sullivan interpretò uno dei suoi ruoli più riusciti, quello del perfido Phil Nosseross nel noir I trafficanti della notte (1950), diretto in Inghilterra da Jules Dassin, e considerato il capolavoro del regista[3]. Sullo sfondo di una Londra notturna, tenebrosa e grottesca, l'attore ritrae lo spregiudicato gestore di un nightclub di Soho, alle prese con affari loschi, con una moglie (Googie Withers) che lo detesta, e con un ambizioso dipendente del locale (Richard Widmark) che aspira a gestire in proprio un giro di incontri di lotta e pugilato, e che, sfidando il sistema, finisce per essere tradito dal suo stesso ingombrante "boss", il quale gli tende una trappola e lo fa uccidere[4].

Divenuto cittadino statunitense, nella prima metà degli anni cinquanta Sullivan recitò principalmente per la televisione americana e i suoi ruoli sul grande schermo si diradarono. Ebbe comunque modo di affrontare anche due ruoli leggeri nelle commedie Il cane della sposa (1951), accanto a Farley Granger e Shelley Winters, e L'avventuriera di Tangeri (1952), al fianco di Bob Hope e Hedy Lamarr, e di recitare in alcune pellicole d'avventura come L'oro dei Caraibi (1952), Sangaree (1953) e Tamburi a Tahiti (1954). La sua ultima apparizione sul grande schermo fu nel film Il demone dell'isola (1955), avventura di intrighi a sfondo esotico interpretata da John Payne.

Fu comunque il palcoscenico a riservare all'attore l'ultimo trionfo a Broadway grazie al ruolo dell'avvocato Sir Wilfrid Robarts nella versione teatrale di Witness for the Prosecution, pièce di Agatha Christie che verrà portata sullo schermo due anni più tardi nel film Testimone d'accusa (1957), con l'interpretazione di Charles Laughton. Il ruolo di Sir Wilfrid consentì a Sullivan di guadagnarsi il Tony Award nel 1955, ma già nel 1930 l'attore aveva affrontato un altro lavoro della Christie, interpretando il detective Hercule Poirot nella pièce Black Coffee, andata in scena all'Embassy Theatre di Londra.

Francis L. Sullivan morì improvvisamente a New York il 19 novembre 1956, all'età di cinquantatré anni, per un attacco cardiaco. È sepolto nel Woodside Cemetery della cittadina di Poestenkill, Contea di Rensselaer, nello stato di New York.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Francis L. Sullivan è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Il chi è del cinema, volume II, De Agostini, 1984, pag. 512
  2. ^ a b c d Arthur F. McClure, Alfred E. Twomey e Ken Jones, More Character People, The Citadel Press, 1984, pag. 166
  3. ^ V. Attolini, Y. Bakoyannopoulos, V. Camerino, N. Kolovos, S. Silvestri e I. Stathi, Il cinema di Jules Dassin, Barbieri Editore s.r.l., 2003, pag. 55
  4. ^ V. Attolini, Y. Bakoyannopoulos, V. Camerino, N. Kolovos, S. Silvestri e I. Stathi, Il cinema di Jules Dassin, Barbieri Editore s.r.l., 2003, pag. 16-17

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 2672389 LCCN: n85376668