Le infedeli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le infedeli
Titolo originale Le infedeli
Paese di produzione Italia
Anno 1953
Durata 95 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere commedia, drammatico
Regia Mario Monicelli, Steno
Soggetto Ivo Perilli
Sceneggiatura Ivo Perilli, Steno, Mario Monicelli, Franco Brusati
Produttore Exelsa Film - Carlo Ponti e Dino De Laurentiis
Fotografia Aldo Tonti
Musiche Armando Trovajoli
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Le infedeli è un film del 1953 diretto dai registi Mario Monicelli e Steno.

Anche se firmato dai due registi per motivi contrattuali, il film fu diretto dal solo Monicelli.

Trama[modifica | modifica sorgente]

L'industriale Azzali, invaghitosi di una indossatrice, decide di far sorvegliare sua moglie da un investigatore privato per cercare un pretesto per la separazione. Incaricato della sorveglianza è Osvaldo che, dopo aver scoperto che la signora ha una relazione con il proprio autista, la ricatta estorcendole una somma di denaro.

Nello stesso periodo Osvaldo incontra nuovamente Liliana, sua ex fidanzata che intanto ha sposato un ricco industriale inglese. Divenutone l'amante, riesce a sottrarle una preziosa collana, ma il marito di Liliana sospetta di Cesarina, la giovane domestica che godeva della fiducia di Liliana. Costretta a trovare lavoro presso un'altra casa, Cesarina però viene coinvolta suo malgrado in un altro furto e si uccide.

Liliana viene a sapere che il furto è ancora una volta stato architettato dai ricatti di Osvaldo e, per vendicare il buon nome di Cesarina, Liliana denuncia Osvaldo ma non riesce a farlo arrestare. Esasperata, lo uccide e si costituisce alla polizia.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema