Mia nonna poliziotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mia nonna poliziotto
Titolo originale Mia nonna poliziotto
Lingua originale Italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1958
Durata 96 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere comico
Regia Steno
Soggetto Vittorio Metz, Roberto Gianviti
Sceneggiatura Vittorio Metz, Roberto Gianviti, Steno
Produttore Felice Felicioni per Jonia Film
Casa di produzione Jonia Film
Fotografia Sergio Pesce
Montaggio Otello Colangeli
Musiche Carlo Innocenzi
Scenografia Ivo Battelli
Interpreti e personaggi

Mia nonna poliziotto è un film del 1958 diretto da Steno.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La vecchia nonna Tina, arriva in città per partecipare al matrimonio del nipote Alberto con la fidanzata Ileana.

All'arrivo scopre di essere stata derubata di un medaglione che le aveva regalato il defunto marito.

Si reca al commissariato di Polizia per sporgere denuncia e riavere il caro oggetto, ma viste le lungaggini delle indagini, decide di svolgere in prima persona le ricerche del ladro, combinando una grande quantità di pasticci.

Alla fine, causalmente, trova il ladro, che abita nello stesso albergo, riuscendo inoltre a fare arrestare una intera banda di malfattori.

Il nipote Alberto può sposare la bella Ileana e la nonna Tina sarà nominata, per merito, colonnello onorario della polizia femminile.

La critica[modifica | modifica sorgente]

Su il Corriere della Sera del 11 febbraio 1959 " Un film di questo genere sta tutto nel modo in cui è realizzato, ma qui si resta troppo in bilico tra commedia e farsa, ed è eccessivo pretendere da Tina Pica prestazioni superiori a quelle di una buona caratterista. Intorno a lei si vedono Mario Riva, Riccardo Billi, Lila Rocco, Ugo Tognazzi, Bice Valori e molti altri attori di rivista, che la regia di Steno sfrutta episodicamente cercando di rendere plausibili in qualche modo le continue svolte del racconto.."

Manifesti e locandine[modifica | modifica sorgente]

La realizzazione dei manifesti del film, per l'Italia, fu affidata al pittore cartellonista Anselmo Ballester.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema