Un altro mondo è possibile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un altro mondo è possibile
Titolo originale Un mondo diverso è possibile
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 2001
Durata 60 min / 120 min (versione alternativa)
Colore colore
Audio stereo
Genere documentario
Regia Alfredo Angeli, Giorgio Arlorio, Mario Balsamo, Giuliana Berlinguer, Maurizio Carrassi, Guido Chiesa, Francesca Comencini, Massimo Felisatti, Nicolò Ferrari, Gianfranco Fiore, Massimiliano Franceschini, Andrea Frezza, Giuliana Gamba, Roberto Giannarelli, Franco Giraldi, Simona Izzo, Wilma Labate, Salvatore Maira, Francesco Ranieri Martinotti, Mario Monicelli, Paolo Pietrangeli, Gillo Pontecorvo, Nino Russo, Gabriele Salvatores, Massimo Sani, Stefano Scialotti, Pasquale Scimeca, Ettore Scola, Daniele Segre, Carola Spadoni, Sergio Spina, Ricky Tognazzi, Fulvio Wetzl, Francesco Maselli
Sceneggiatura Francesco Maselli
Produttore Mauro Berardi
Casa di produzione Luna Rossa Cinematografica
Fotografia Federico Angelucci, Sara Bertelà, Renato Bianchi, Luca Bigazzi, Stefano Coletta, Armando Costantino, Marco Cucurnia, Felice de Maria, Cristina De Ritis, Franco Di Giacomo, Maurizio Di Loreti, Carlo Di Palma, Nicolò Ferrari, Dino Giarrusso, Federico Greco, Massimiliano Guerrisi, Gianmarco Guglietta, Marco Lassalaz, Frizzi Maniglio, Giulio Marcello, Marco Morabito, Stefano Moser, Daniel Mularoni, Fabrizio Notari, Ignazio Oliva, Malcom Pagani, Stefano Palombi, Roberto Romei, Paolo Santolini, Francesco Tanzi, Dennis Usher, Massimiliano Violante
Montaggio Francesca Calvelli
Musiche Ennio Morricone

Un altro mondo è possibile è un documentario collettivo del 2001.

Il film descrive le giornate della preparazione e della contestazione al G8 di Genova.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema