Risate di gioia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Risate di gioia
Risate di gioia1.jpg
Una scena del film in cui la Magnani e Totò duettano cantando la canzone Geppina Gepì
Titolo originale Risate di gioia
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1960
Durata 106 min.
Colore B/N
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Mario Monicelli
Soggetto Alberto Moravia, Suso Cecchi D'Amico, Age & Scarpelli, Mario Monicelli
Sceneggiatura Suso Cecchi D'Amico, Age & Scarpelli, Mario Monicelli
Produttore Silvio Clementelli
Casa di produzione Titanus
Fotografia Leonida Barboni
Montaggio Adriana Novelli
Musiche Lelio Luttazzi
Scenografia Piero Gherardi, Giuseppe Ranieri
Costumi Piero Gherardi
Trucco Alberto De Rossi, Marcello Ceccarelli
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Risate di gioia è un film del 1960 diretto da Mario Monicelli, con Totò e Anna Magnani.

È l'unico film in cui la Magnani e Totò recitano insieme. Il soggetto è tratto da due novelle Le risate di Gioia e Ladri in Chiesa pubblicate nei Racconti Romani di Alberto Moravia.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Gioia e Umberto si conoscono da vent'anni. Lei fa la generica a Cinecittà, lui vive di espedienti (crea finti incidenti per riscuotere l'assicurazione infortuni). La notte di Capodanno lei viene invitata ad un cenone con degli amici che non vogliono passare la festa in tredici, ma che poi la lasciano sola in piazza Esedra, quando scoprono che invece proprio con lei sarebbero in tredici. Lui viene coinvolto quale spalla di un ladruncolo, Lello, che, pressato dai debiti, vuole derubare i distratti partecipanti alle feste dell'ultimo dell'anno.

I due si incontrano casualmente proprio al veglione scelto da Lello per il suo colpo, ma Umberto, che si vergogna, non le confessa il vero motivo per cui si trova lì. Gioia quindi si aggrega a lui e vince un premio alla lotteria della festa: questo dà modo ai due di esibirsi di fronte al pubblico, in un duetto in cui cantano Geppina Gepì, una canzone del varietà, vantandosi di essere grandi artisti. Pressato dalle insistenze di Lello, che vuole a tutti i costi rubare qualcosa, Umberto cerca di sfuggirgli, allontanandosi assieme all'ignara Gioia.

Piazza della Repubblica - che al tempo del film si chiamava ancora piazza Esedra - dove è ambientata una delle scene iniziali di Risate di gioia

Vagando per le strade, i due incontrano per caso in un ristorante gli amici di Gioia e si uniscono al loro cenone. Qui, però, lei scopre con sgomento il motivo per cui era stata dapprima invitata e poi abbandonata, mentre lui viene ritrovato da Lello, che lo pressa perché lo assista nei furti. Se ne vanno entrambi e Lello fa in modo di liberarsi di Gioia, facendola salire da sola sulla metropolitana, che la porterà nel lontano deposito.

Lello ed Umberto entrano in un altro veglione e qui si accordano con due figuri, Milena ed il suo sfruttatore-fidanzato, per derubare un ricco americano, visibilmente ubriaco, che la ragazza è riuscita ad agganciare. Gioia, dopo essere riuscita fortunosamente a rientrare in città, li incontra di nuovo e, sempre ignara del vero ruolo di Umberto, se ne va in auto, inseguita dai quattro, con il ricco americano. Costui la conduce alla fontana di Trevi nella quale vuole fare il bagno, per cui inizia a spogliarsi, [1] ma Gioia chiama la Polizia che arresta l'americano.

Svanita anche questa possibilità di furto, Lello ed Umberto si ritrovano nuovamente a vagare assieme a Gioia per la città in festa. Dopo aver simulato un incidente, vengono ospitati in un'elegante villa nella quale è in corso un veglione di facoltosi tedeschi e dove Lello adocchia numerosi oggetti preziosi da rubare. Inizia a fare la corte a Gioia, con l'obiettivo di usare la sua borsa per poter portare fuori la refurtiva. La donna, lusingata dalle attenzioni del giovane, accetta le sue avances, nonostante gli avvertimenti di Umberto che la mette in guardia sulle reali intenzioni di Lello sino al punto che tra di loro nasce una colluttazione, in seguito alla quale la refurtiva viene scoperta. I tre vengono cacciati in malo modo dalla villa.

È ormai l'alba. Lello, frustrato per tutti gli insuccessi, litiga con Gioia e se ne va. La donna ed Umberto entrano in una chiesa. Qui Gioia rivede Lello in ginocchio davanti all'immagine della Madonna e si illude che egli sia lì per pregare, ma poi si accorge che invece lui ha appena rubato la preziosa collana che adorna la statua. Gioia inorridisce per il sacrilegio e blocca Lello, che però riesce a fuggire, mentre sarà proprio lei ad essere accusata dal furto.

Esce dalla prigione otto mesi dopo, il giorno di Ferragosto. Nel deserto della calura romana ad aspettarla fuori dal carcere c'è Umberto. I due, senza un soldo, si avviano a piedi per il Lungotevere fantasticando ancora di improbabili successi nello spettacolo.

Altre notizie[modifica | modifica wikitesto]

Genesi del film[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Matilde Hochkofler[2] Risate di gioia nasce da una vertenza giudiziaria: nel febbraio 1959 la Magnani citò in giudizio il produttore Sandro Pallavicini chiedendo un risarcimento di 59 milioni di lire per via di un contratto del 1956 non rispettato.

Mario Monicelli, regista di Risate di gioia

I due poi si accordano per la realizzazione di un film intitolato Il Pulcino che, però, non fu ritenuto commercialmente valido e fu sostituito dal soggetto di Risate di gioia. Dopo molti rinvii, dovuti anche agli impegni americani della Magnani,[3] esso fu infine realizzato nel 1960.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente per la regia si pensò a Comencini, che però alla fine rifiutò.[4] Mentre gli interni del film furono prodotti presso gli Stabilimenti Titanus, gli esterni furono quasi interamente girati di notte (a parte le scene finali sul Lungotevere). Le riprese erano iniziate il 3 maggio 1960 e durarono circa 40 giorni,[4] ma il lavoro della troupe fu rallentato da un incidente occorso alla Magnani che si ruppe un braccio durante le riprese ambientate nella Chiesa di S.Andrea della Valle (una delle ultime scene della pellicola) e dovette stare ferma per circa 15 giorni.[5]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Fu la stessa Magnani a suggerire che il ruolo del ladruncolo Lello fosse affidato a Ben Gazzara, un giovane attore di origini italiane che lei aveva conosciuto ad Hollywood[6]

Inizialmente la Magnani non voleva fare coppia con Totò. «Quando dissi alla Magnani – ha raccontato il regista Mario Monicelli[2] - che per il ruolo del suo compagno avevo pensato a Totò (…) lei non lo voleva assolutamente…. Fu una cosa abbastanza spiacevole, perché pensava che questo l'avrebbe squalificata».

Secondo Giancarlo Governi[6] «l'atteggiamento della Magnani è comprensibile: lei ha appena vinto un Premio Oscar, Totò invece è rimasto legato ad un cinema che viene considerato provinciale». I due attori avevano lavorato a lungo insieme nel varietà, anche nel periodo anteguerra ed il duetto di Geppina Gepì – una scena girata nel Casinò di Anzio - è un omaggio a quel loro periodo, di cui però non sono purtroppo rimaste testimonianze visive.[4]

Totò, Anna Magnani e Ben Gazzara in una delle scene finali del film

Nonostante le resistenze iniziali della Magnani, i due attori lavorarono poi di buon accordo. «Tra Anna Magnani e Totò – ha raccontato Furio Scarpelli, uno degli sceneggiatori[7] - c'era una gara benevola, senza alcuna malignità, a chi diceva più battute».

Incasso[modifica | modifica wikitesto]

Risate di gioia incassò 206 milioni di lire.[8] Dal punto di vista commerciale, quindi, l'opera non ebbe successo. La stessa Magnani[7] lo ritenne « [...] un film brutto, sbagliato. Avevo accettato con Monicelli di fare la parte della buona; è venuto fuori Risate di gioia, un film anche commercialmente sbagliato (…)». L'artista rifiutò però di figurare quale responsabile dell'insuccesso: «in Italia c'è uno strano sistema: quando il film non viene la colpa è dell'attrice».

Secondo Monicelli (che arrivò a girare questa pellicola dopo il notevole successo ottenuto con I soliti ignoti nel 1958 e La grande guerra nel 1959) «la Magnani era un grande nome, però la gente non l'andava a vedere.[4] Totò al contrario aveva un pessimo nome però la gente entrava nei cinema. Il pubblico era un po' prevenuto nei confronti della Magnani; aveva fatto dei film in America che avevano deluso la gente…».

Critica e commenti[modifica | modifica wikitesto]

Anche la critica, così come il pubblico, accolse il film con qualche riserva, pur riconoscendo il valore degli interpreti. «Un onorevole, decoroso infortunio di Monicelli[9] che dosa comicità ed amarezza, crepuscolarismo e satira di costume, con abilità» scrisse Morandini.

Leo Pestelli [10] lo definisce un «sapido film dalla superficie comica e dal fondo amaro [...] Magnani bravissima nel dare patetico colorito al personaggio. Totò tratteggia con misura la sua umana macchietta di vinto. Ma il film, se ha l'intarsio e molte volte la vena de I soliti ignoti, non ne ha però la snellezza e da un episodio all'altro lascia penetrare un che di macchinoso e faticoso».

Per il "Corriere della Sera" [11] «il film ha capitoli di diseguale riuscita: azzeccata la parte iniziale [...] più forzata la seconda. Primeggia naturalmente la Magnani. Quanto a Totò il personaggio si sarebbe prestato ad un personaggio più differenziato». «Una favola di Capodanno - lo definisce A.S. sul "Corriere di Informazione" del 14 ottobre 1960 [12] malinconica ed un po' amara. Così per ridere il film riesce persino a far pensare, anche se spesso si limita alla enunciazione ed alla battuta. Interpretazione magnifica della Magnani; Totò nella luce bianca di Ferragosto, con la paglietta in testa, assomiglia a Trilussa».

Sviluppi successivi[modifica | modifica wikitesto]

La scena del duetto Totò - Magnani con la canzone Geppina Geppì fu selezionata per un film di montaggio del 1975, revival degli anni '50.[2]

Dopo 53 anni dall'uscita, il 9 dicembre 2013, il film è tornato in sala, in una versione completamente restaurata, realizzata dalla Cineteca di Bologna, dalla Titanus e da Rai Cinema.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Quando, nella tarda primavera del 1960, viene girato «Risate di gioia», la famosa scena del bagno nella Fontana de «La dolce vita» è pubblica da pochi mesi, in quanto la prima del film di Fellini avvenne nel febbraio di quello stesso anno.
  2. ^ a b c Matilde Hochkofler Anna Magnani Gremese Edit. Roma, 1984
  3. ^ In un servizio da Parigi apparso su La Stampa del 6 aprile 1959, la Magnani, che era in partenza per Hollywood dove doveva interpretare Pelle di Serpente con Marlon Brando, annunciò che al ritorno dagli Stati Uniti avrebbe iniziato a girare Risate di gioia.
  4. ^ a b c d Alberto Anile: I film di Totò 1946-1967 Le Mani Edit. Recco (Ge), 1998.
  5. ^ articolo su Stampa Sera del 5 ottobre 1960, consultato presso l’archivio on line del quotidiano.
  6. ^ a b Giancarlo Governi: Nannarella Bompiani ed. Milano, 1981.
  7. ^ a b da: Patrizia Carrano La Magnani, il romanzo di una vita Rizzoli Edit. Milano, 1982
  8. ^ Mario Pecorari e Roberto Poppi: Dizionario del Cinema Italiano vol III (1960-1969) Gremese Edit, Roma, 1981
  9. ^ recensione su "Schermi" del 28 dicembre 1960, riportata in Pecorari e Poppi, op citata
  10. ^ "Stampa Sera" del 21-22 ottobre 1960, consultato presso l'archivio on line del quotidiano
  11. ^ redazionale del 14 ottobre 1960
  12. ^ riportato da Orio Caldiron: "Totò" Gremese Edit. Roma, 1980.
  13. ^ "Risate di gioia", la strana coppia Magnani-Totò si rivede sul grande schermo - Cinema - Spettacoli - Repubblica.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Matilde Kochkofler: "Anna Magnani"- Gremese Editore, Roma, 1984.
  • Patrizia Carrano: "La Magnani, il romanzo di una vita" Rizzoli Editore MIlano, 1982.
  • Giancarlo Governi: "Nannarella" - Bompiani Editore Milano, 1984.
  • Orio Caldiron: "Totò" Gremese Editore Roma, 1980.
  • Alberto Anile: "I film di Totò 1946-1967" Le Mani Editore Recco (Ge), 1998.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema