La mazurka di Totò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Mia bella signorina
che ascolti lassù...
socchiudi gli occhi e sogna
socchiudi gli occhi e sogna... »

La mazurka di Totò è una canzone scritta e interpretata da Totò, anche se la musica è del compositore Cesare A. Bixio, compresa nelle fasi iniziali del film Totò le Mokò del 1949.

Seppur nella sua brevità, rappresenta forse una delle canzoni più allegre, gioiose e sognanti del suo intero repertorio, una sorta di inno all'amore e alla gioventù.

Per queste sue caratteristiche, la canzone è a prima vista in netto contrasto con il film in cui viene inserita, Totò le Mokò, che dovrebbe essere una parodia del drammatico Il bandito della Casbah di Jean Gabin.

Totò canta la canzone impersonando un artista di strada che suona da solo tutti gli strumenti, quasi come un antesignano del fenomeno dell'one man band che sarebbe diventato di costume negli anni seguenti.

La scena in cui Totò impersona l'uomo banda verrà copiata nel film Mary Poppins ed interpretata da Dick Van Dyke.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica