I due marescialli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I due marescialli
I due marescialli pernacchia.png
La scena della pernacchia
Titolo originale I due marescialli
Paese di produzione Italia
Anno 1961
Durata 99 min
Colore B/N
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere tragicommedia
Regia Sergio Corbucci
Soggetto Totò, Ugo Guerra, Marcello Fondato, Sandro Continenza, Bruno Corbucci, Giovanni Grimaldi
Sceneggiatura Sandro Continenza, Bruno Corbucci, Giovanni Grimaldi
Produttore Gianni Buffardi per Cineriz, Roma
Fotografia Enzo Barboni
Montaggio Roberto Cinquini
Musiche Piero Piccioni
Scenografia Giorgio Giovannini
Costumi Giuliano e Annamaria Papi
Interpreti e personaggi

I due marescialli è un film del 1961 diretto da Sergio Corbucci e interpretato da Totò e Vittorio De Sica. In un ruolo secondario si evidenzia anche un brillante Gianni Agus.

Classico esempio di commedia all'italiana: il film, caratterizzato dalla presenza di Totò e De Sica, fonde in modo efficace tragedia e commedia.

Trama[modifica | modifica sorgente]

L'8 settembre 1943 (giorno dell'armistizio di Cassibile), nella stazione ferroviaria di Scalitto, il maresciallo dei Carabinieri Vittorio Cotone (Vittorio De Sica) sorprende il ladruncolo Antonio Capurro (Totò) che, travestito da prete, aveva appena rubato una valigia a un viaggiatore. Ma mentre il maresciallo sta per catturare Capurro, un bombardamento distrugge la stazione e fa sì che, tra la confusione e i feriti, Capurro si appropri della divisa del maresciallo e scappi. Non senza aver fatto prima indossare al povero Cotone, ancora svenuto, l'abito talare.

I due si ritroveranno poi nello stesso paesello di campagna, Scalitto: l'uno, Capurro, nei panni del falso maresciallo, a presidiare il paese al servizio dei tedeschi e del podestà fascista; mentre l'altro, Cotone, nei panni del falso prete si ritrova rifugiato in una chiesa insieme a una ebrea, un partigiano e un americano, intento a capeggiare la resistenza locale guidata proprio dal "nemico" Capurro.

Il prete Cotone riesce a convincere Capurro a fare il doppiogioco, continuando a fingersi un maresciallo disposto a collaborare con i tedeschi. Non mancano situazioni comiche e paradossali, dovute al fatto che Cotone non sa comportarsi da vero prete, così come il ladro Capurro deve improvvisarsi carabiniere. A complicare le cose c'è anche l'arrivo in paese di Immacolata, la fidanzata di Cotone: per salvare le apparenze, i nostri eroi sono costretti a inscenare un falso matrimonio fra la donna e il finto maresciallo, celebrato dal finto prete Cotone, che però è il vero fidanzato di Immacolata.

Ma proprio nell'imminenza della Liberazione del paese da parte degli Alleati, il partigiano e l'americano vengono catturati e rinchiusi in cella. Di fronte alla prospettiva che degli innocenti vengano fucilati, Capurro ha un soprassalto di dignità e, conscio di dover onorare la divisa che indossa, utilizza la dinamite in suo possesso per liberare i due, pur sapendo che con ciò verrà scoperto dai tedeschi. Capurro viene così avviato all'esecuzione, nonostante Cotone si sia inutilmente affannato a dichiarare che il vero maresciallo fosse lui.

Vent'anni dopo, il maresciallo e la sua famiglia si trovano nuovamente nella stazione ferroviaria di Scalitto. Il povero Cotone, ormai a riposo, per anni ha cercato notizie di Capurro senza averne più trovato traccia, ma restando convinto comunque che alla fine la divisa da carabiniere avesse redento il ladro. Ma proprio sul marciapiede della stazione si vede sfilare da sotto il naso la propria valigia da un ladro vestito da frate domenicano, che altri non è che il vecchio amico/nemico Capurro, ancora vivo e operante, sfuggito chissà come al plotone di esecuzione dei tedeschi...

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu girato in gran parte nel comune di Castel San Pietro Romano, situato a km.39 da Roma sul monte che domina la cittadina di Palestrina antica Praeneste lungo la via Prenestina da cui prende il nome. In un primo momento il film doveva narrare le rivalità tra un maresciallo della pubblica sicurezza e uno dei carabinieri impegnati nella stessa indagine. La censura non lo permise e costrinse gli autori a cambiare totalmente storia.[1][2]

Durante la prima settimana di lavorazione del film il regista Sergio Corbucci era impegnato su due fronti: la mattina era sul set per concludere le riprese del film Romolo e Remo e il pomeriggio girava I due marescialli , lo stesso capitava a Vittorio De Sica che di mattina era impegnato con le riprese per un episodio del Boccaccio '70 e il pomeriggio girava con Totò.[1][2]

I due marescialli venne girato con una particolare pellicola che non necessita di molta luce, in modo da evitare affaticamenti alla già precaria vista di Totò.[1][2] È stato girato con un aspect ratio di 2,35:1 in formato 35 millimetri, con il processo cinematografico CinemaScope.[3]

Doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Un fotogramma del film

Il film venne distribuito nelle sale italiane il 21 dicembre del 1961.[4]

Venne poi esportato in Portogallo il 23 maggio 1963 con il titolo Os Dois Carabineiros. Conosciuto internazionalmente come The Two Marshals, venne poi presentato anche in Spagna e Ungheria, con i rispettivi titoli Los dos oficiales e A két őrmester.[4]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Il finale del film con uno dei protagonisti (Totò) che viene portato via dai tedeschi e di cui non si conosce il destino per anni, sino a quando De Sica non lo ritrova a rubare valige alla stazione di Scalitto, richiama il finale di un film francese "La traversata di Parigi" del 1956 con Jean Gabin e con Bourvil: Grandgil (Gabin) ritrova Marcel Martin (Bourvil) - portato via anni prima dai tedeschi e creduto morto fucilato - che fa il facchino alla stazione. La scena ricorda anche il finale di "Roma città aperta" (1945) di Rossellini, con De Sica che chiama ripetutamente Antonio, fatto salire a forza sul camion.

Incassi[modifica | modifica sorgente]

I due marescialli incassò £ 536.513.000,[5][6] gli spettatori nel periodo di proiezione furono 2.765.531.[5][6]

Critica[modifica | modifica sorgente]

La pellicola ricevette sia giudizi positivi che negativi: alcuni apprezzarono la recitazione dei protagonisti, come Arturo Lanocita che scrisse: «De Sica e Totò, pur nello schema dei personaggi prefabbricati, hanno il merito di determinare, spesso improvvisando, il clima di bonaria allegria che caratterizza i due terzi del film...» o Franco Maria Pranzo: «Una farsa amena che per la mimica di Totò, in special modo, diverte il pubblico e lo fa ridere... Recitato benissimo dai due compari Totò e De Sica. I due marescialli rappresenta il miglior film girato da Sergio Corbucci dal 1951.»[7][1][2]

Altri commentatori etichettarono il film come farsa sgangherata e inconcludente, priva di idee, e sostennero che gli sceneggiatori non avevano saputo sfruttare adeguatamente la presenza di Totò e De Sica.[1][2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e I due marescialli (1961). I film di Totò al cinema, antoniodecurtis.com.
  2. ^ a b c d e I due marescialli, antoniodecurtis.org.
  3. ^ Specifiche tecniche per I due marescialli (1961), IMDb.
  4. ^ a b Date di uscita per I due marescialli (1961), IMDb.
  5. ^ a b Incassi e spettatori dei film di Totò, totowebsite.altervista.org.
  6. ^ a b Amorosi-Ferraù, 1996, op. cit., pp. 134-139.
  7. ^ Franco Maria Pranzo, Corriere Lombardo, Milano 19 gennaio 1962

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema