I girasoli (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I girasoli
Sophia Loren in una scena del film
Sophia Loren in una scena del film
Titolo originale I girasoli
Paese di produzione Italia, Francia, Unione Sovietica
Anno 1970
Durata 100 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Vittorio De Sica
Soggetto Tonino Guerra, Giorgi Mdivani, Cesare Zavattini
Sceneggiatura Tonino Guerra, Giorgi Mdivani, Cesare Zavattini
Produttore Carlo Ponti, Arthur Cohn
Distribuzione (Italia) Euro International Film
Fotografia Giuseppe Rotunno
Montaggio Adriana Novelli
Musiche Henry Mancini
Scenografia Giantito Burchiellaro, Piero Poletto
Costumi Enrico Sabbatini
Interpreti e personaggi

I girasoli è un film del 1970 diretto da Vittorio De Sica.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Giovanna è alla ricerca di notizie sul marito Antonio, dato per disperso in Unione Sovietica durante la ritirata del 1943, ma le autorità militari ed il Ministero della difesa non sanno darle notizie precise e lei, non accettando che il marito possa essere morto, decide di partire per Mosca, allo scopo di cercarlo personalmente.

La loro storia era iniziata a Napoli, con il fidanzamento avvenuto solo alcuni giorni prima della partenza di Antonio per l'Africa; Giovanna sembrava molto innamorata e aveva pensato di sposarsi, per ottenere la licenza di 12 giorni, sperando che nel frattempo la guerra potesse finire. Antonio, dopo un iniziale scettismo, accetta: dopo la cerimonia i due partono per il viaggio di nozze, che passano nella sua casa nella provincia lombarda, dove, in prossimità della scadenza della licenza, escogitano un piano per fare passare Antonio per pazzo e farlo riformare.

Il piano tuttavia viene scoperto e, per evitare di finire davanti al Tribunale militare, Antonio è costretto ad offrirsi volontario per il fronte orientale. Alla fine della guerra alla stazione di Milano, Giovanna incontra un soldato che ha condiviso con Antonio i giorni della ritirata dal fronte del Don. Il reduce racconta del loro reparto decimato, degli attacchi dell'Armata Rossa, degli stenti, della fame e del freddo, e di Antonio che, troppo indebolito per proseguire, lascia andare l'amico che negli ultimi giorni lo aveva sostenuto e si lascia cadere nella neve.

Il reduce non è in grado di dire alla donna se Antonio sia morto o se sia sopravvissuto ma la speranza non abbandona Giovanna e, nonostante lo scetticismo della suocera, decide di partire per l'Unione Sovietica per cercarlo. Una volta giunta nella capitale viene accompagnata da un funzionario del Ministero degli esteri sovietico nei luoghi in cui ha combattuto l'ARMIR ma nei campi di girasoli, dove sono stati seppelliti soldati e civili durante la guerra, nei villaggi e nei cimiteri, di Antonio non vi è traccia ed anche il funzionario, che pazientemente l'ha seguita, la invita a rassegnarsi, traducendole la poesia scolpita sulla lapide che si trova in un immenso cimitero di soldati italiani.

Giovanna continua a rifiutare questa idea e prosegue le ricerche da sola, giungendo infine in un paese dove alcune anziane signore, vedendo la foto di Antonio, le indicano una isba dove vive Mascia, una giovane ragazza con una figlia piccola che, vedendo Giovanna, la saluta dicendole "buongiorno".

La giovane, turbata e spaventata dall'arrivo di Giovanna, riesce a spiegarle come abbia trovato Antonio morente. Giovanna corre alla piccola stazione del paese e ritrova Antonio: nel momento in cui i due si vedono, capisce che la permanenza in Unione Sovietica di Antonio è stata frutto di una scelta. Sopraffatta dalla disperazione, sale sul treno senza dire una parola e fa ritorno in Italia.

Qualche tempo dopo Antonio torna in Italia e telefona a Giovanna, nel frattempo trasferitasi a Milano, ma lei si rifiuta di incontrarlo, riferendogli che ora vive con un altro uomo. Dopo poco però cambia idea, e decide di incontrare l'uomo per un'ultima volta.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]