Giallo napoletano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il pigmento pittorico, vedi Giallo di Napoli.
Giallo napoletano
Paese di produzione Italia
Anno 1979
Durata 114 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere giallo
Regia Sergio Corbucci
Soggetto Sergio Corbucci
Sceneggiatura Sabatino Ciuffini, Giuseppe Catalano, Elvio Porta
Produttore Achille Manzotti
Fotografia Luigi Kuveiller
Montaggio Amedeo Salfa
Musiche Riz Ortolani
Scenografia Marco Dentici
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Giallo napoletano è un film del 1979 diretto da Sergio Corbucci e interpretato da Marcello Mastroianni, Ornella Muti e Zeudi Araya.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Raffaele Capece, afflitto da una zoppia dovuta ad una poliomielite contratta in infanzia, è un professore di mandolino: scapolo, sempre arruffato e continuamente in bolletta a causa dei debiti di suo padre, incallito giocatore di lotto. Per saldare l'ennesimo debito è chiamato a fare una serenata sotto un balcone. Da qui in avanti Raffaele viene coinvolto in una scia di delitti che hanno come filo rosso la musica, i ricordi della guerra e una enorme somma di denaro, in una Napoli nera e grottesca.

Analisi del film[modifica | modifica sorgente]

Giallo napoletano appartiene a quel filone della commedia grottesca, dai risvolti drammatici, che a cavallo fra gli anni settanta e ottanta rispecchia la crisi politico-sociale in cui l'Italia e soprattutto il Sud erano precipitati. Un'Italia che si porta dietro vecchi retaggi (nel film si accenna alla persecuzione degli ebrei) ma soprattutto una Napoli ripresa con luce sinistra, immersa in un'atmosfera di terrore, lontana dallo stereotipo che l'ha resa famosa in tutto il mondo. O meglio, uno degli stereotipi, il mandolino, viene cambiato di segno, da positivo a negativo.

Da veicolo di cultura, lo strumento diventa qui motore di una girandola di ricatti e omicidi che si intrecciano fra loro, favorendo in ultimo l'autodistruzione dei delinquenti. E Raffaele Capece, uomo semplice avvilito dalla poliomielite e da un padre arteriosclerotico (l'ultima apparizione cinematografica di Peppino De Filippo, che morirà nel 1980), subisce la furia dei prepotenti. Sergio Corbucci abbonda nelle citazioni fin dalla prima inquadratura, in cui accosta il maestro del brivido Alfred Hitchcock al principe della risata Totò per chiarire il senso del film e conduce bene un gioco di squadra in cui tutti gli attori fanno il loro dovere, dai divi ai generici.

Da segnalare Gennarino Palumbo, storico interprete del Teatro di Eduardo, e il simpatico Peppe Barra di napoletana spontaneità. Il set di Giallo napoletano fu Villa Spera al Vomero, che, con le sue stranezze architettoniche, i suoi perturbanti giochi di luce e la sua atmosfera inquietante, ben si addiceva all'ambientazione di un film lontano dalla classica immagine solare di Napoli.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema