La dolce vita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Dolce vita.
La dolce vita
Dolce vita.gif
La celeberrima scena della Fontana di Trevi
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 1960
Durata 174 min
Colore B/N
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere drammatico
Regia Federico Fellini
Soggetto Federico Fellini, Ennio Flaiano, Tullio Pinelli
Sceneggiatura Federico Fellini, Ennio Flaiano, Tullio Pinelli, Brunello Rondi, Pier Paolo Pasolini (non accreditato)
Produttore Angelo Rizzoli e Giuseppe Amato
Casa di produzione Riama Film (Roma), Pathé Consortium Cinéma (Parigi)
Distribuzione (Italia) Cineriz
Fotografia Otello Martelli
Montaggio Leo Catozzo
Musiche Nino Rota
Scenografia Piero Gherardi
Costumi Piero Gherardi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi
  • Oscar 1962 per i costumi

La dolce vita è un film del 1960 diretto da Federico Fellini, vincitore della Palma d'oro al 13º Festival di Cannes e vincitore dell'Oscar per i costumi.

È uno dei film più famosi della storia del cinema. Viene solitamente indicato come il punto di passaggio dai primi film neorealisti di Fellini ai successivi film d'arte.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Marcello Rubini è un giornalista romano che si occupa di servizi scandalistici, ma coltiva l'ambizione di diventare scrittore. Marcello, cinico e disincantato, è protagonista di sette episodi che narrano la «dolce vita» della Roma a cavallo fra gli anni cinquanta e sessanta.

Nel primo episodio due elicotteri sorvolano Roma. Il primo trasporta una statua del Cristo, mentre sul secondo si trova Marcello, col fotoreporter Paparazzo, che probabilmente deve scrivere un pezzo sull'avvenimento. I due elicotteri trasvolano un antico acquedotto romano, poi un quartiere popolare seguiti da un gruppo di bambini vocianti, per poi innalzarsi in quota sopra la città, permettendo di osservare i tanti cantieri della capitale, in pieno boom edilizio. I due velivoli passano infine sopra una terrazza sulla quale prendono il sole alcune ragazze in costume; l'elicottero di Marcello e Paparazzo si sofferma sopra la terrazza ed i reporter tentano di abbordare le ragazze, le quali chiedono dove portino la statua. Il rumore dell'elicottero però copre le loro voci. Solo una comprende che la destinazione del Cristo è il Vaticano, quindi Marcello chiede il numero di telefono alle ragazze che, divertite, glielo negano. Il volo degli elicotteri termina su piazza San Pietro, affollatissima, dove suonano le campane a festa.

Nella seconda sequenza, Marcello si trova in un locale in stile orientale, per un servizio su una famiglia reale che vi sta mangiando. Mentre Marcello corrompe uno dei camerieri del locale per conoscere i piatti che i principi hanno mangiato, Paparazzo, su indicazione di Marcello, inizia a scattare foto ad una nobile in compagnia di un giovane. Le guardie del corpo intervengono, allontanando il reporter e intimandogli di consegnare il rullino. Uno degli avventori, seduto ad un tavolo con due donne, riconosce Marcello, lo invita a raggiungerlo e gli intima di smettere di creare scompiglio con la sua attività di paparazzo. Al locale arriva una bella donna, Maddalena; Marcello la invita a ballare e a bere, ma lei rifiuta. La donna decide di andarsene; Marcello si offre di accompagnarla, e lei accetta; i due escono dal locale e vengono bersagliati dai flash dei fotoreporter colleghi di Marcello. La coppia si ferma con l'auto in Piazza del Popolo; dopo una chiacchierata incontra una prostituta e Maddalena la invita a seguirli in un giro in auto per poi accompagnarla verso casa, in periferia. Arrivati alla casa della prostituta, ai Cessati Spiriti, Maddalena e Marcello si fanno preparare un caffè. Mentre la prostituta è in cucina, Maddalena e Marcello si accomodano su un letto e fanno l'amore. La mattina dopo il protettore della prostituta sosta davanti alla casa per ricevere il denaro della prestazione; Marcello e Maddalena se ne vanno in macchina dopo aver pagato la donna. Nel frattempo Emma, la depressa fidanzata di Marcello che sa dei tradimenti del partner, sta aspettando il compagno a casa. Poiché egli è in ritardo, ella inghiotte delle pastiglie andando in overdose. Marcello la porta quindi in ospedale dove Emma si salva. Mentre aspetta che Emma si riprenda, Marcello chiede ad una suora di poter fare una telefonata: chiama Maddalena ma lei, addormentata sul suo letto, non risponde.

Nella terza sequenza Marcello è incaricato di seguire nella capitale l'attrice Sylvia, famosa stella del cinema. Marcello intrattiene Sylvia in un locale frequentato da turisti stranieri, il «Caracalla's», un locale in stile pseudo-antico. Marcello fa le prime avances all'attrice. Uscita dal locale molto euforica, Sylvia inizia a passeggiare per le vie di Roma seguita da Marcello e quando vede la fontana di Trevi vi si immerge iniziando una leggiadra danza. Marcello entra a sua volta nella fontana, vincendo la propria timidezza, dichiarandosi innamorato della donna. Quando la riaccompagna in hotel incontra però il fidanzato di lei che, non gradendo le attenzioni riservatele, prima schiaffeggia Sylvia ed in seguito affronta Marcello, stendendolo con un pugno; il tutto davanti ai fotografi che immortalano la scena.

Nel seguente episodio Marcello è nel quartiere Cinecittà per un servizio fotografico quando davanti alla chiesa di Don Bosco scorge il vecchio e stimato amico Steiner. Steiner si interessa su come stia procedendo la stesura del suo libro ed il giornalista afferma che è quasi finito e che presto glielo farà leggere; quindi lo scrittore elogia Marcello per un articolo che ha scritto e che gli è piaciuto molto, quindi lo invita a cena. Prima di lasciarsi, Steiner invita Marcello a rimanere un poco di tempo ad ascoltarlo mentre suona l'organo con l'assenso del prete, amico di Steiner; lo scrittore si cimenta nella Toccata e Fuga in Re minore di Bach.

Intanto il popolo romano è in preda ad un episodio di fanatismo collettivo intorno a due bambini che dicono di aver visto la Vergine Maria in un prato fuori città. Marcello accorre per scrivere un pezzo, ma la sua attenzione è distolta dalla fidanzata Emma, che è risentita con lui perché si sente ormai messa in disparte. Alla sera inizia a diluviare ed inizia una calca in cui la folla si contende almeno un pezzo di legno dell'albero vicino al quale è apparsa la Madonna. Tra la folla impazzita c'è anche Emma, che riesce a prendere un ramo, sperando in un aiuto divino che faccia in modo che Marcello le dimostri più attenzione, e finalmente la sposi.

Nell'episodio seguente Marcello si reca con Emma a casa di Steiner per trascorrere una serata con una eterogenea compagnia. Qui Marcello conosce la famiglia dello scrittore, della quale fanno parte anche due graziosi bambini. Steiner propone a Marcello di presentargli un editore, cosicché il giornalista possa dedicarsi a quello che più gli piace e non dover scrivere per i rotocalchi di gossip.

Nell'episodio seguente Marcello è in una trattoria sul mare, dopo l'ennesima lite al telefono con Emma, si siede sotto un pergolato per scrivere a macchina; la musica dal juke box è troppo alta e chiede bruscamente alla giovane cameriera di chiuderla. Poi, come rendendosi conto che anche senza musica non riesce a scrivere, Marcello attacca discorso con la ragazzina che sta apparecchiando i tavoli: si chiama Paola, è originaria dell'Umbria, le piacerebbe imparare a scrivere a macchina. Marcello prova una simpatia e tenerezza per le semplici aspirazioni di quella ragazzina.

Un'altra scena del film vede Marcello ricevere la visita del vecchio padre, riminese. I due si incontrano in un caffè all'aperto di Via Vittorio Veneto, poi decidono di andare in un night insieme a Paparazzo. Nel night incontrano Fanny, ballerina francese conoscente di Marcello. Dopo aver bevuto, i quattro escono dal locale assieme a due ballerine; Paparazzo e Marcello stanno con loro, mentre il padre è invitato da Fanny nell'appartamento della ragazza. Poco dopo però Fanny chiama Marcello: il padre si è sentito male, forse per il troppo bere. In seguito, il padre annuncia al figlio che partirà subito per casa, anche se Marcello vorrebbe che rimanesse ancora presso di lui.

L'episodio successivo si svolge in un castello nel viterbese: c'è una festa dell'alta società organizzata da una famiglia della nobiltà romana. Al party Marcello incontra Maddalena che dopo una breve passeggiata lo fa sedere solo al centro di una stanza isolata. Lei quindi si dirige in un'altra ala della villa, da cui tramite un gioco di echi può comunicare con lui. Da lì gli dichiara il suo amore segreto per lui e gli chiede di sposarla, avvertendolo però che dopo poco tempo lui comunque la odierebbe perché lei per natura conserverebbe sempre un carattere particolarmente disinibito con tutti. Mentre Marcello risponde con parole dolci sopraggiunge però da Maddalena uno degli altri invitati che inizia a baciarla e ad abbracciarla. Non ricevendo più dunque alcuna risposta Marcello la cerca invano e si unisce in seguito agli altri invitati per esplorare l'abitazione abbandonata limitrofa al castello.

Nella scena seguente Marcello ed Emma sono in macchina fermi a litigare. Emma si lamenta con Marcello del trattamento di sufficienza da parte del compagno, e lo accusa di non voler bene a nessuno e di pensare solo alle varie donne che incontra; lui si lamenta invece che la donna è la sua croce, che è egoista e che i suoi ideali, cioè quelli tradizionali dell'amore di una coppia sposata e di una vita semplice, sono squallidi e piatti ed afferma come un uomo che vive così in verità sia un uomo morto. Marcello esorta Emma ad andarsene dalla sua vita, ma ella rifiuta; lui la fa uscire dalla macchina con la forza schiaffeggiandola mentre lei lo morde ad una mano. Marcello scappa via con la sua macchina lasciando Emma da sola. La mattina dopo Emma e ancora lì in piedi; Marcello arriva, la fa salire in auto, ed entrambi si dirigono verso casa.

I due stanno dormendo nel letto quando squilla il telefono; la chiamata è per Marcello e porta una notizia terribile: Steiner ha ucciso i suoi due figlioletti, togliendosi poi la vita. Marcello raggiunge l'appartamento dell'amico scrittore, e la polizia lo fa entrare in quanto amico del suicida. Il palazzo è assediato dai paparazzi; Marcello accompagna il brigadiere a prendere la moglie di Steiner alla fermata dell'autobus per annunciarle la terribile notizia. I due raggiungono la fermata e fanno salire in macchina la donna per raccontarle l'accaduto, mentre uno stuolo di fotoreporter immortala la scena.

Un altro party cui partecipa Marcello si tiene in una villa sul mare, a Fregene, concludendosi con uno spogliarello collettivo. L'ultima scena del film si svolge sulla spiaggia antistante la villa, dove viene rinvenuta, morta, all'alba, una manta. Sulla riva Marcello sente una voce che lo chiama: è Paola, l'innocente ragazzina umbra conosciuta per caso nella trattoria, che si trova al di là di un fiumiciattolo d'acqua. Marcello si volge verso di lei ma, pur non essendo lontano, a causa del rumore del mare, non riesce a udirne le parole. Lei gli fa dei gesti per farsi capire, ma è inutile. Marcello alza la mano per un ultimo saluto e si allontana per raggiungere il suo gruppo. La ragazzina lo guarda allontanarsi.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La dolce vita è una produzione italo-francese.[1] Fu girato tra la primavera e l'estate del 1959.[2]

Il produttore iniziale de La dolce vita fu Dino De Laurentiis, che aveva anticipato 70 milioni di lire.[3] Tra il produttore e Fellini avvenne però una rottura e il regista dovette cercare un altro produttore che ripagasse anche l'anticipo di De Laurentiis.[3] Dopo varie trattative con diversi produttori, furono Angelo Rizzoli e Giuseppe Amato a diventare i nuovi produttori della pellicola.[4]

Il rapporto tra Fellini e Rizzoli è tranquillo e gli incontri fra i due sono cordiali, nonostante il budget venga sforato, anche se di poco; Kezich riporta che secondo fonti ufficiali il film non costò più di 540 milioni, una cifra non esagerata per una produzione impegnativa come quella de La dolce vita.[5]

Sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

La sceneggiatura fu curata da Fellini, Tullio Pinelli ed Ennio Flaiano.[6] Uno dei motivi della rottura tra De Laurentiis e Fellini fu proprio la sceneggiatura, ritenuta troppo caotica dal produttore.[3] Il copione, provvisorio come spesso accadeva alle produzioni di Fellini, subisce notevoli metamorfosi in corso d'opera, spesso rimodellandosi intorno ai personaggi e alle situazioni. Due scene (assenti dalla sceneggiatura originale) vengono completamente "improvvisate": la festa dei nobili al castello, girata nel palazzo Giustiniani-Odescalchi di Bassano Romano (all'epoca Bassano di Sutri) in provincia di Viterbo, e il "miracolo" dei bambini con concorso di una folla di fedeli, di forze dell'ordine e di militari.

Tullio Kezich racconta che Fellini era contrario alla pubblicazione della sceneggiatura appunto perché del copione originale rimase ben poco; Fellini affermò che infatti il film avrebbe trovato la sua fisionomia soltanto sullo schermo. Si lasciò convincere con l'osservazione che la sceneggiatura sarebbe stata indubbiamente interessante perché avrebbe mostrato la base da cui il regista era partito.[7]

Fellini prese molti spunti dai servizi del reporter Tazio Secchiaroli[8] e lo stesso personaggio di Paparazzo fu ispirato al reporter romano[9]. Altro esempio è l'episodio del falso miracolo, che fu ispirato da un servizio del reporter romano del giugno 1958: l'oggetto del servizio era l'apparizione a due bambini della Madonna in una località a pochi chilometri da Terni.[10] Secchiaroli partecipò alle riprese della scena del falso miracolo e disse che l'atmosfera dell'episodio nel film era come quella che vide il fotografo una volta arrivato nella piccola località umbra.[11]

Nel film non sono stati inclusi due episodi previsti nella sceneggiatura: uno avrebbe avuto l'ambientazione ad una festa su motoscafi ad Ischia[12], mentre l'altro vedeva il protagonista Marcello che fa leggere il suo romanzo alla scrittrice Dolores[13]. L'episodio di Dolores fu tagliato poiché Fellini lo ritenne un doppione del personaggio di Steiner: Marcello avrebbe fatto leggere il suo romanzo all'amico letterato e il personaggio della scrittrice sarà contenuto implicitamente nella sequenza di casa Steiner.[13] A convincere Fellini di questo taglio alla sceneggiatura furono le difficoltà del contratto con Luise Rainer, che doveva interpretare Dolores.[13] Il "picnic nautico", come veniva chiamato dal regista, fu accantonato già prima dell'inizio delle riprese del film (infatti non era presente nemmeno nella sceneggiatura distribuita alla troupe) nonostante l'idea piacesse molto a Fellini, che contava anche sull'amore del produttore Rizzoli per Ischia; il regista però non voleva girare un nuovo episodio molto costoso avendo già sforato il budget concessogli da Rizzoli, al quale però non dispiaceva l'idea e non si era mai opposto esplicitamente.[12] Fellini considerò infine l'episodio come non più essenziale; inoltre la sequenza includeva una ragazza che brucia nella nafta e questo episodio drammatico, secondo il regista, avrebbe scaricato nella prima metà del film la tragicità della fine di Steiner, rivelandosi quindi una "nota anticipata", come la definì lo stesso Fellini.[12]

Fu girato anche un finale alternativo in cui Marcello, all'uscita della villa dell'orgia, viene lasciato solo ed ubriaco dagli altri partecipanti alla festa.[14] Se Fellini avesse montato questo finale, avrebbe dovuto tagliare l'incontro tra Marcello e Paola, che non avrebbe avuto più significato.[14]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Dino De Laurentiis voleva come protagonista un famoso attore americano o francese, come Paul Newman o Gérard Philipe[3], per garantire con la sua sola presenza il mercato internazionale. Secondo quanto si dice, Newman sarebbe stato desideroso di partecipare[15], ma Fellini voleva invece un attore italiano per la parte di protagonista[3]. La rottura tra Fellini e De Laurentiis avvenne proprio sul nome di Marcello Mastroianni: a differenza di Fellini, De Laurentiis non lo riteneva adatto per la parte.[3]

Altra scelta di Fellini fu quella di ingaggiare Anita Ekberg per la parte di Sylvia.[15]

I vari spostamenti di date portarono l'abbandono da parte di molti attori, specie americani, che dovevano partecipare al film e su cui Fellini contava molto.[16] Tra questi vi era il francese Maurice Chevalier[17]; quest'ultimo doveva interpretare il padre del protagonista Marcello, la cui parte fu poi affidata da Fellini, dopo aver esitato su molti nomi, ad Annibale Ninchi, che impressionò positivamente anche Mastroianni, il quale lo vide molto credibile nel ruolo di suo padre nel film.[18]

Il personaggio di Steiner fu affidato ad Alain Cuny dopo che furono considerati una cinquantina di attori per la parte.[19] Steiner doveva essere interpretato da Henry Fonda, ma l'attore abbandonò, facendo dispiacere Fellini che considerava l'attore come il più tagliato per la parte[19]; il regista pensò anche a Peter Ustinov[16]. La scelta ricadde infine su Cuny e Enrico Maria Salerno; il regista invitò Pasolini a presiedere alla proiezione, e lo scrittore espresse parere favorevole a Cuny, che fu poi l'attore selezionato da Fellini per la parte.[19]

Il cast doveva includere anche Luise Rainer nella parte della scrittrice Dolores, ma l'episodio fu poi tagliato sia per motivi di sceneggiatura sia per il difficile rapporto che si creò tra Fellini e l'attrice.[13] La Rainer non concordava con le varie ambientazioni proposte da Fellini per la residenza del personaggio di Dolores e la vicenda, a detta di Tullio Kezich, logorò il rapporto tra il regista e la Rainer; quando sorsero difficoltà col contratto con l'attrice, Fellini decise di cassare definitivamente l'episodio.[13]

Per la parte di Emma furono fatti molti provini; il regista voleva dare secondo Kezich un peso di volgarità e carnalità esplicite, ma poi si orientò sull'attrice francese Yvonne Fourneaux, contro il parere di suoi molti collaboratori.[20]

Fellini non riuscì ad avere né Silvana Mangano o Edwige Feuillère per la parte di Maddalena, né Greer Garson per la parte di Nadia.[15]

Nel film compiono le loro prime apparizioni sulla scena la modella e cantante Nico (Christa Päffgen)[21] e un giovanissimo Adriano Celentano.

Nel film, non accreditata nei titoli, appare anche l'attrice e cantante Liana Orfei.

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Paola (Valeria Ciangottini), nella scena finale, sullo sfondo della spiaggia di Passo Oscuro

Tullio Kezich riporta che le riprese iniziarono a Cinecittà il 16 marzo 1959 alle ore 11:35 con l'aiuto regista Gianfranco Mingozzi alla regia; la scena era la salita di Anita su per le strette scalette all'interno della cupola di San Pietro, ricostruita nel Teatro 14 di Cinecittà.[22]

Ennio Flaiano, Fellini e Anita Ekberg in una pausa durante le riprese del film.

La maggior parte delle scene furono girate in studios cinematografici;[21] furono allestiti circa 80 set[23]. In alcuni casi si dovette procedere alla creazione di riproduzioni di luoghi quasi fotografiche, come per le ambientazioni in Via Vittorio Veneto (ricostruite nel Teatro 5 di Cinecittà[24]) o l'interno della cupola di San Pietro.[23] L'esterno della casa della prostituta è stato girato a Tor de' Schiavi nel quartiere Tuscolano, mentre l'interno è stato ricostruito nella piscina di Cinecittà.[25] Il ballo dei nobili è stato ambientato invece a Bassano di Sutri, al palazzo Giustiniani-Odescalchi.[26] La casa di Emma è stata ambientata in un sotterraneo dell'EUR.[27] Dopo aver visitato una ventina di case a Fregene dove ambientare l'orgia, Fellini decise che anche questa ambientazione dovesse essere costruita ex novo da Gherardi, che si ispirò ad una casa popolare vista in precedenza ai Bagni di Tivoli.[28] A partire da Ferragosto fu girato l'esterno della scena dell'orgia nella pineta di Fregene mentre la scena finale è stata girata a Passo Oscuro, località a 30 chilometri a nord di Roma, sulla cui spiaggia, dove avviene il ritrovamento della manta, furono piantati dei pini appositamente per le riprese.[29] In una trattoria di Passo Oscuro fu girato anche l'incontro tra Marcello e Paola.[14] La casa dello scrittore Steiner è situata nel quartiere dell'EUR, come testimoniato da una panoramica che si scorge dal soggiorno, con il caratteristico Fungo. Per motivi pratici gli esterni furono girati invece nella piazza antistante la Basilica di San Giovanni Bosco, a pochi passi dagli studi di Cinecittà. Gli edifici, appena completati all'epoca delle riprese, erano stati progettati sullo stile razionalista, come appunto il quartiere EUR. All'interno della chiesa dei SS. Martiri Canadesi, in viale Giovanni Battista De Rossi, fu girata la scena nella quale Steiner interpreta all'organo la celebre Toccata e Fuga in Re minore di Bach.

Gli attori recitavano ognuno nella propria lingua d'origine, contribuendo, secondo Kezich, che assisté alla lavorazione della pellicola, al clima "pittoresco" durante le riprese.[30]

Durante le riprese della celebre scena nella fontana di Trevi, Anita Ekberg non ebbe problemi a restare in acqua per ore, mentre Mastroianni, d'accordo con Fellini, per sopportare il freddo dovette indossare una muta sotto i vestiti e bere una bottiglia di vodka prima di girare.[21] In un suo articolo la BBC afferma che la scena fu girata una sera di marzo[31], anche se la Ekberg afferma in un'intervista negli extra della versione in DVD che la scena fu girata in gennaio.

Le riprese terminano nell'agosto 1959. In sei mesi vengono girati circa 92.000 metri di pellicola, che nell'edizione definitiva vengono ridotti a 5.000.[32] Furono montate 4 ore di pellicola, che furono ridotte a 3 con dei tagli.[6]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il distributore affermò che il film non avrebbe incassato una lira perché troppo pesante per il pubblico, e invece La dolce vita riuscì solo nei primi quindici giorni di proiezione a coprire gli 800 milioni spesi dal produttore.[33] Al successo commerciale della pellicola contribuì l'intensa campagna pubblicitaria ed il clima incandescente delle critiche.[34] Secondo Pier Marco De Santi il successo del film è però da attribuire anche al "risveglio del pubblico e della sua intelligenza critica".[34]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo quindici giorni di proiezione il film aveva già coperto le spese del produttore. Dopo tre o quattro settimane era in vista il miliardo di lire e dopo due mesi di programmazione gli incassi superarono il miliardo e mezzo.[35] IMDb riporta un incasso negli Stati Uniti di 19.571.000 di dollari più 8.000.000 derivanti dal noleggio.[36]. Alla fine della stagione 1959-60 risultò il maggior incasso cinematografico dell'annata.

Critica e temi[modifica | modifica wikitesto]

Il film in Italia ebbe un'accoglienza discussa da parte di pubblico, critica e clero; alla première a Milano Fellini fu sia applaudito che criticato.[21] Nonostante Fellini avesse già vinto due Oscar, con La dolce vita Fellini viene conosciuto anche da un pubblico lontano dall'ambiente artistico.[21]

Il dizionario Morandini descrive il film come una rappresentazione della Roma di quegli anni, raccontata come una "Babilonia precristiana" e "una materia da giornale in rotocalco trasfigurata in epica", ed il film è un viaggio nel suo disgusto; il Morandini afferma che La Dolce Vita è uno "spartiacque del cinema italiano" ed "un film cerniera" nella carriera di Fellini.[37]

Fabrizio Borin e Carla Mele insistono su "l'inquietudine dei movimenti curiosi" della "mobilissima" cinepresa: essa si muove "accanto, addosso e dentro il cuore degli avvenimenti", mentre alcune volte si "paralizza", quasi a rappresentare le fotografie istantanee dei paparazzi.[38] Nello stesso libro gli autori vedono il protagonista Marcello come un elemento passivo e indeterminante per lo svolgimento della trama; lo sguardo del protagonista muta frequentemente insieme all'osservazione del regista ed è insofferente sia "all'equilibrio realistico" che alla "distorsione compositiva".[38]

Alberto Moravia scrive che Fellini sembra cambiare maniera di rappresentazione a seconda degli argomenti dei vari episodi del film; la gamma di rappresentazioni vanno "dalla caricatura espressiva al più asciutto realismo".[38]

Philip French scrive sul The Observer che al giorno d'oggi il film ormai ha perso la sua capacità di scioccare, ma non quella di affascinare, stimolare e provocare, e rimane un'opera di grande impatto morale e visivo.[21]

Bosley Crowther, nella sua recensione per il New York Times, scrive che il moderno stile di vita rappresentato da Fellini, allucinante e con stile quasi circense, è il primo ad essersi guadagnato l'aggettivo "felliniano".[39][40]

In un suo intervento del 4 settembre 2008 sul suo giornale on-line, il critico e premio Pulitzer Roger Ebert afferma che alla domanda "Quale sarebbe il tuo film preferito?" egli risponderebbe "La Dolce Vita", ed aggiunge che si tratta di un film che non invecchia mai.[41] Nella sua recensione del 1961 affermò che l'eccellenza tecnica con cui fu fatto il film superava qualsiasi produzione che avesse visto prima, eccetto qualche classico di Ingmar Bergman, e che la fotografia e la colonna sonora hanno la stessa importanza dei dialoghi nel portare l'attacco alla "dolce vita".[42] Questo attacco sarebbe creato anche dal frequente simbolismo, benché esso diventi troppo ovvio per inserirsi nella fluidità della trama; Ebert suppose che proprio il simbolismo molto comprensibile del film ne ha contribuito al successo.[42] In cima alla sua recensione sul sito del Chicago Sun-Times, Ebert fa notare in una nota che adesso considera La dolce vita come uno dei più grandi film che abbia mai visto collocandolo nella sua top ten personale[43], mentre nella sua recensione del 1961, scritta quando frequentava ancora il secondo anno di college, non rispecchia la sua attuale alta considerazione del film.[42]

Sia Pier Paolo Pasolini, nella sua recensione che fu pubblicata da Filmcritica, sia Italo Calvino su Cinema Nuovo, scrissero che La dolce vita è un film ideologico cattolico.[44] Pasolini disse che La dolce vita si trattava de "il più alto e più assoluto prodotto del cattolicesimo" di quegli ultimi anni; Calvino invece non intendeva dare molta importanza all'aspetto ideologico del film. A quest'ultimo piacquero moltissimo molte scene del film, ma disprezzò l'episodio dell'omicidio dei figli di Steiner da parte del padre e il suo seguente suicidio, bollandolo come "di astratta faziosità" e commentando:

« Un episodio talmente privo di qualsiasi verità e sensibilità (tale da restare un punto nero per il regista e gli sceneggiatori che ne sono responsabili) ci prova a quali risultati di non-verità può portare una costruzione a freddo di film a ossatura ideologica »

Il film creò scismi nell'ambiente cattolico; tra tutti spiccarono i Gesuiti, che nella loro rivista Civiltà Cattolica interpretarono il film come Pasolini.[44] Il gesuita Angelo Arpa affermò in radio che La dolce vita era "la più bella predica che avesse ascoltato"; Alain de Benoist apprezzò la definizione di Arpa e disse che "La Dolce vita testimonia con estrema sensibilità non il crollo della religiosità, ma della sua facciata ben pensante. Scandaloso non era il film, era ciò che denunciava".[1]

In un suo articolo sulla BBC News, Duncan Kennedy riporta che ne La dolce vita i dialoghi, i personaggi e i soggetti diventano "audaci, impegnativi e avvincenti".[31] Il giornalista scrive che molte scene del film, che definisce "pietra miliare", abbiano cambiato la regia nel cinema; Kennedy scrive che La dolce vita spazzò via il "familiare e stereotipato" modo di fare cinema del periodo post-bellico: furono abbattuti tabù, vecchie idee e metodi.[31]

In Francia, dove a Cannes La dolce vita vinse la Palma d'oro, la stampa mostrò un consenso pressoché generalizzato e parlò del film solo nel merito delle sue caratteristiche e in quanto opera d'arte.[45] Anche nelle critiche negative non si entrò mai nel merito delle questioni di matrice ideologica e morale come invece successe in Italia.

Simbolismo e riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel film si possono trovare riferimenti al caso Montesi. Sul The Observer, Philip French scrive che questo caso di cronaca nera ha in parte ispirato il film.[21] Il corpo di Wilma Montesi fu ritrovato sulla spiaggia di Capocotta, sul litorale romano, nel 1953 e nei due anni successivi vennero fuori insabbiamenti politici, cospirazioni criminali e un mondo di droga ed orge che coinvolgeva celebrità, criminali e politici. La creatura marina ritrovata sulla spiaggia nelle sequenze finali del film sembra evocare proprio l'omicidio della Montesi.[21] Anche secondo la storica statunitense Karen Pinkus la creatura arenata rappresenta in modo simbolico Wilma Montesi.[46] Secondo la Pinkus, l'intero film contiene riferimenti al caso; anche la figura dei paparazzi è stata ispirata da quella dei cronisti che si occuparono dell'omicidio.[46]

Alcuni studiosi di Fellini hanno suggerito invece un'interpretazione religiosa della sequenza della creatura marina paragonandola con Cristo.[21] Nell'arte paleocristiana Gesù era rappresentato con un pesce ed uno dei pescatori che ritrova l'animale afferma che il pesce deve essere morto da tre giorni; questa scena collimerebbe quindi con la sequenza iniziale, anch'essa a tema religioso, che mostra l'elicottero con a bordo Marcello che ne segue un altro che trasporta una statua di Cristo al Vaticano.

Padre Nazareno Taddei, in una recensione pubblicata nell'autorevole rivista gesuita La Civiltà Cattolica, considerò la ragazza bionda nella scena finale che alla spiaggia chiama Marcello, che non la riconosce e si allontana, come una impersonificazione della grazia. Manifestò un'opinione simile anche Pier Paolo Pasolini e Fellini stesso, durante un colloquio con il sacerdote, che dopo la pubblicazione della suddetta recensione subì una sorta di esilio per due anni.[44][47]

La dolce vita servirà nel 1963 come pietra di paragone per comprendere l'ambiente di aristocratici, politici, prostitute e personaggi dello show business che furono coinvolti nello Scandalo Profumo.[21]

Roger Ebert afferma nella sua recensione del 1961 che il simbolismo del film contribuì al suo successo perché "tangibile", cioè più comprensibile agli spettatori comuni dei cinema.[42] Soprattutto nelle due scene finali, ovvero il ritrovo del mostro marino e la giovane ragazza che chiama Marcello il quale non la riconosce, il simbolismo traspare quasi in superficie.[42]

Philip French scrive che La dolce vita è una "satira in grande scala" ed un'efficace metafora visiva il cui bersaglio è una società empia che è divenuta quasi una specie di inferno, ed infatti nel film vi sono riferimenti a Dante Alighieri.[21] Questa società è stata anche comparata - giustamente secondo French - con la moribonda Europa post-bellica della prima guerra mondiale presentata nell'opera di T. S. Eliot La terra desolata.[21] Per estendere la metafora di questa società ad altri paesi, le celebrità viste nel film provengono da varie nazioni straniere.[21]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

In Italia, la realizzazione dei manifesti e delle locandine fu affidata, nel 1959, ai pittori cartellonisti Giorgio Olivetti e Sandro Simeoni.

Censura e critiche[modifica | modifica wikitesto]

Lo spogliarello del ‘58 della ballerina Aïché Nana al Rugantino, in via Veneto, che ispirò a Federico Fellini una famosa e discussa scena del film

La prima nazionale del film ebbe luogo al cinema Capitol a Milano il 5 febbraio 1960.[44] Il film fu fischiato; Fellini fu fermato da una donna che lo accusò di consegnare il paese in mano ai bolscevichi[21] e fu oggetto di sputi in quanto detrattore della borghesia e dell'aristocrazia.[1] Anche Mastroianni fu offeso.[44] Si racconta che la pellicola fosse stata sequestrata per motivi di ordine pubblico.[1] Jean Toschi Marazzani Visconti, cugina di Luchino Visconti, era presente all'anteprima milanese e afferma che "Fischi e insulti di quella sera fecero più notizia degli applausi. Nell'ipotesi del sequestro, già la mattina dopo, al Capitol, c'era la fila alla cassa. Fascino del proibito".[1] Fellini ricevette in un solo giorno a Milano 400 telegrammi che lo accusavano di essere comunista, traditore ed ateo.[21]

Su L'Osservatore Romano comparvero due articoli dal titolo "La sconcia vita" e "Basta!" che criticavano il film e si dicevano essere stati scritti da Oscar Luigi Scalfaro.[44] Dino De Laurentiis definì il film come "incoerente, falso e pessimista", e predisse che si sarebbe rivelato una calamità.[15] La Democrazia Cristiana attaccò il film, mentre il mondo cattolico si divise.[1] Fellini fu disapprovato dal Vaticano e vi furono incitamenti ai fedeli affinché pregassero per l'anima del regista.[9] Invece i gesuiti si affiancarono alla critica di sinistra,[48] come quella dell'Espresso, nell'apprezzare il film: Angelo Arpa, studioso di cinema[49], aveva espresso apprezzamento per la pellicola in una trasmissione radiofonica.[1]

A Padova, nella Basilica di Sant'Antonio, campeggiava la scritta Preghiamo per il peccatore Fellini.[1] Arpa, amico personale di Fellini, convinse l'arcivescovo di Genova cardinale Giuseppe Siri, presidente dei vescovi italiani, a visionare il film in proiezione privata per convincerlo a non condannare l'opera.[49] Davanti a questi attacchi, la sinistra fece blocco schierandosi a favore del film, non senza strumentalizzarlo.[44] I comunisti ne sottolinearono il valore di denuncia, mentre i socialisti lo usarono come tema di alcuni manifesti elettorali in cui erano mostrati degli operai con lo slogan "Loro non fanno la dolce vita".[44] Furono fatte due interrogazioni parlamentari, una alla Camera ed una al Senato.[50] Alla Camera i tre deputati democristiani Quintieri, Pennacchini e Negroni chiesero al Presidente del Consiglio e ai ministri dell'Interno e dello Spettacolo se fossero a conoscenza dei fatti della prima di Milano e delle critiche che accusavano il film di "infondere un'ombra calunniosa sulla popolazione romana"; l'interrogazione al Senato fu dello stesso tono. Pier Marco De Santi lo reputa un espediente "sottile e farisaico" per chiedere il ritiro della pellicola.[50] Ad Arenzano il sindaco vietò la riproduzione del film.[44]

D'altra parte, le polemiche contribuirono a pubblicizzare il film spingendo il pubblico ad affluire in massa ai botteghini. Fellini non affermò mai che La dolce vita fosse un documentario dell'epoca e di una classe sociale, anche se ammise che il film fu in parte ispirato da fatti reali.[9] Nella sua intervista a L'Europeo, il regista cercò di difendersi dalle critiche e dichiarò seccamente che lui ha esposto il problema nel modo più efficace, ma non è suo il compito di trovare una soluzione; quello non sarebbe stato il compito del regista, ma dei "pastori di anime" e dei "riformatori della società".[51]

Alla sua uscita il film fu vietato ai minori di 16 anni. A causare tale divieto furono anche la breve scena di nudo femminile, la scena del suicidio e alcune parolacce per l'epoca ancora inconsuete al cinema.

In Spagna il film fu proibito dalla censura franchista e fu possibile vederlo solo nel 1981, dopo la morte di Francisco Franco (avvenuta nel 1975).[21]

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

Anita Ekberg nella fontana di Trevi

Molti film hanno fatto riferimento o si sono ispirati a La dolce vita. Tra questi film vi è Blow-Up di Michelangelo Antonioni, che come il film di Fellini assume qualunque significato che gli voglia dare lo spettatore.[21] In Lost in Translation - L'amore tradotto, i protagonisti guardano in tv la scena della fontana di Trevi sorseggiando sake; la regista del film Sofia Coppola ha ammesso che La dolce vita ha avuto influenza sul suo film.[21] Donne in amore di Ken Russell è un altro film che deve molto a Fellini.[21] Intervista, dello stesso Fellini, si rifà a La dolce vita: in una scena ambientata a casa di Anita Ekberg, l'attrice, Fellini e Mastroianni vedono la scena della fontana di Trevi proiettata nel salotto della diva.[21] La dolce vita è stato il modello di Woody Allen per la realizzazione del suo film Manhattan, in cui, come spiega il regista[44], ha usato New York come Fellini usò Roma e il suo personaggio è costruito su quello di Marcello Rubini interpretato da Mastroianni; un altro film di Allen, Celebrity, è un rifacimento de La dolce vita[21] ambientato ancora una volta a New York. Nel 2006 il regista e produttore Michael Lucas ha realizzato un remake pornografico de La dolce vita, ad alto budget e a tematica gay, dal titolo Michael Lucas' La Dolce Vita[52]; denunciato per violazione di diritto di autore e uso improprio di arte commerciale dalla International Media films Inc.[53], un giudice federale ha sentenziato che Michael Lucas non ha violato la legge sul diritto d'autore poiché il film di Fellini è un'opera importante per la cinematografia e quindi di dominio pubblico.[54] Altri riferimenti si trovano in Good Bye Lenin!, in cui una statua è trasportata in elicottero come la statua di Cristo all'inizio de La dolce vita, e Pulp Fiction di Quentin Tarantino.[21]

Nel romanzo ucronico Dracula Cha cha cha dello scrittore britannico Kim Newman, lo sfondo delle vicende è la Roma felliniana de La dolce vita[55]; è citata la famosa scena della fontana di Trevi e tra i protagonisti del romanzo figura anche Marcello Rubini.

La dolce vita ha avuto influenze anche sul costume e sul linguaggio.[44] La scena della fontana di Trevi con la Ekberg e Mastroianni è divenuta una scena simbolo del cinema del XX secolo.[31] Il nome di uno dei personaggi del film, Paparazzo, ha dato origine al nome comune paparazzo, con cui si indicano i fotografi invadenti e indiscreti[21], soprattutto per conto di giornali scandalistici[56].

Nel film di Ettore Scola C'eravamo tanto amati, viene ricostruita la scena della Fontana di Trevi con la presenza di Fellini e di Mastroianni nel ruolo di se stessi.

La storia principale del fumetto Topolino N°2935 del 28 febbraio 2012 è dedicata a Federico Fellini e si intitola Topolino e il ritorno alla Dolce Vita.

Il film è stato anche citato da Bob Dylan nella canzone Motorpsycho Nightmare.

Dal film, in cui si vede Mastroianni indossarlo, prende nome anche un capo d'abbigliamento, il dolcevita, maglioncino a collo alto

Nel 2010 l'ex calciatore Hidetoshi Nakata ha inciso un brano in lingua giapponese ispirato al capolavoro di Fellini dal titolo 甘い生活

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

La rivista Entertainment Weekly mette La dolce vita al sesto posto nella sua classifica dei 100 più grandi film di sempre stilata nel 1999.[57] Il critico Roger Ebert lo inserisce nella sua top ten.[43] La rivista cinematografica Empire, in una classifica redatta coi voti di 10.000 lettori, 150 registi e 50 critici cinematografici, lo posiziona al 55º posto tra i 500 film più belli di sempre.[58]

Il film è stato selezionato tra i 100 film italiani da salvare[59].

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

La versione in DVD fu pubblicata dalla Medusa Home Entertainment il 29 gennaio 2003.[60]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Maurizio Cabona, A cinquant'anni la Dolce Vita non è ancora finita, Il Giornale, 30 gennaio 2010. URL consultato il 10 aprile 2010.
  2. ^ Franco Montini, Paparazzi e boom economico La dolce vita 50 anni dopo, La Repubblica, 9 luglio 2009. URL consultato il 12 aprile 2010.
  3. ^ a b c d e f Tullio Kezich, pagg. 14
  4. ^ Tullio Kezich, pagg. 16-17
  5. ^ Tullio Kezich, pag. 113
  6. ^ a b Pier Marco De Santi, pag. 32
  7. ^ Tullio Kezich, pag. 112
  8. ^ Tullio Kezich, pag. 41
  9. ^ a b c Natalia Aspesi, La Dolce Vita ha 50 anni ma sembra scritta oggi- Dopo mezzo secolo ' La Dolce Vita ' fa ancora scandalo, La Repubblica, 7 febbraio 2010. URL consultato il 12 aprile 2010.
  10. ^ Tullio Kezich, pag. 83
  11. ^ Tullio Kezich, pag. 83-84
  12. ^ a b c Tullio Kezich, pag. 112-113
  13. ^ a b c d e Tullio Kezich, pag. 95-97
  14. ^ a b c Tullio Kezich, pag. 120
  15. ^ a b c d Review of La Dolce Vita, Empire. URL consultato il 10 aprile 2010.
  16. ^ a b Tullio Kezich, pag. 22
  17. ^ Tullio Kezich, pag. 31
  18. ^ Tullio Kezich, pag. 47-49
  19. ^ a b c Tullio Kezich, pagg. 88-90
  20. ^ Tullio Kezich, pag. 77
  21. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w (EN) Philip French, Italian cinema's sweet success, The Observer, 17 febbraio 2008. URL consultato l'8 aprile 2010.
  22. ^ Tullio Kezich, pag. 38
  23. ^ a b Tullio Kezich, pag. 105
  24. ^ Tullio Kezich, Amarcord «La dolce vita» 50 anni dopo in Il Corriere della Sera Magazine, 2 ottobre 2008.
  25. ^ Tullio Kezich, pag. 55
  26. ^ Tullio Kezich, pag. 57, 61, 65
  27. ^ Tullio Kezich, pag. 106
  28. ^ Tullio Kezich, pag. 107
  29. ^ Tullio Kezich, pag. 119
  30. ^ Tullio Kezich, pag. 251
  31. ^ a b c d (EN) Duncan Kennedy, La Dolce Vita, 50 years and counting, BBC News. URL consultato il 9 aprile 2010.
  32. ^ Pier Marco De Santi
  33. ^ Pier Marco De Santi, pagg. 32-33
  34. ^ a b Pier Marco De Santi, pag. 33
  35. ^ Pier Marco De Santi, pag. 34
  36. ^ (EN) Box office / business for La dolce vita, IMDb. URL consultato l'8 aprile 2010.
  37. ^ La dolce vita (1960), MyMovies. URL consultato l'8 aprile 2010.
  38. ^ a b c Fabrizio Borin; Carla Mele, Federico Fellini, 4ª ed., Gremese Editore, 1999, ISBN 88-7742-385-4.
  39. ^ L'enciclopedia Treccani definisce così l'aggettivo "felliniano": "Relativo al regista cinematografico Federico Fellini (1920-1993) e alla sua opera, soprattutto con riferimento alle particolari atmosfere, situazioni, personaggi dei suoi film, caratterizzati da un forte autobiografismo, dalla rievocazione della vita di provincia con toni grotteschi e caricaturali, da visioni oniriche di grande suggestione". Definizione di "felliniano", Treccani. URL consultato il 9 aprile 2010.
  40. ^ (EN) Bosley Crowther, La Dolce Vita (1960), The New York Times. URL consultato il 9 aprile 2010.
  41. ^ (EN) Roger Ebert, "What's your favorite movie?", Roger Ebert's Journal, 4 settembre 2008. URL consultato il 9 aprile 2010.
  42. ^ a b c d e (EN) Roger Ebert, La Dolce Vita, Chicago Sun-Times, 4 febbraio 1961. URL consultato il 9 aprile 2010.
  43. ^ a b (EN) Top Ten Polls 2002 - How the directors and critics voted - Roger Ebert, Sight & Sound. URL consultato il 10 aprile 2010.
  44. ^ a b c d e f g h i j k Alberto Papuzzi, La dolce vita? Un film cattolico, La Stampa, 30 dicembre 2009. URL consultato il 10 aprile 2010.
  45. ^ Pier Marco De Santi, pagg. 96-97
  46. ^ a b (EN) Karen Pinkus, The Montesi Scandal: The Death of Wilma Montesi and the Birth of the Paparazzi in Fellini's Rome, Chicago, University of Chicago Press, 2003, ISBN 0-226-66848-7.
  47. ^ «LA DOLCE VITA» DI FELLINI E LO STUDIO SCANDALO DI NAZARENO TADDEI. URL consultato l'11-08-2010.; Fellini, i cattolici e la «Vita non dolce». URL consultato l'11-08-2010.
  48. ^ Pier Marco De Santi, pag. 75
  49. ^ a b Club Ai gesuiti piace la Dolce Vita il San Fedele riscopre Fellini, La Repubblica, 3 ottobre 2009. URL consultato il 12 aprile 2010.
  50. ^ a b Pier Marco De Santi, pag. 35
  51. ^ Intervista a Fellini, "L'Espresso", n. 8, 1960. Citato in: Per Marco De Santi, pag. 91
  52. ^ (EN) William Van Meter, The Lion of Chelsea, New York, 22 ottobre 2006. URL consultato il 9 aprile 2010.
  53. ^ La Dolce Vita diventa un film porno, magazine.excite.it. URL consultato il 12 settembre 2008.
  54. ^ "La dolce vita" versione porno gay vince in tribunale, gay.it. URL consultato il 18 aprile 2010.
  55. ^ La Dolce vita del Vampiro, Corriere della Fantascienza, 8 settembre 2008. URL consultato il 30 maggio 2010.
  56. ^ Definizione di "paparazzo", Treccani. URL consultato il 9 aprile 2010.
  57. ^ (EN) ENTERTAINMENT WEEKLY's100 GREATEST MOVIES OF ALL TIME, Entertainment Weekly. URL consultato l'8 aprile 2010.
  58. ^ (EN) The 500 Greatest Movies Of All Time - 58-54, Empire.
  59. ^ Rete degli Spettatori
  60. ^ La dolce vita, Corriere della Sera. URL consultato il 10 aprile 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tullio Kezich, La dolce vita di Federico Fellini, Cappelli editore, gennaio 1960.
  • Pier Marco De Santi, La dolce vita: scandalo a Roma, Palma d'oro a Cannes, ETS, 2004, ISBN 88-467-0942-X.
  • Angelo Arpa, La dolce vita, Edizioni Sabinae, 2010, ISBN 88-96105-56-0.
  • Federico Fellini, Joseph-Marie Lo Duca. La dolce vita, Parigi: Jean-Jacques Pauvert Editeur, 1960.
  • Antonio Costa, Federico Fellini. La dolce vita, Lindau, collana Universale film, 2010.
  • Tullio Kezich, Su La Dolce Vita con Federico Fellini, Venezia: Marsilio, 1996.
  • (EN) Tullio Kezich, "Federico Fellini and the Making of La Dolce Vita", in: Cineaste, Volume 31, no 1, 2005, p. 8-14.
  • (EN) Alessia Ricciardi, "The spleen of Rome: mourning modernism in Fellini's La Dolce Vita", in Modernism/Modernity, Volume 7, no. 2, 2000, p. 201-219.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema