Orgia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Orgia (disambigua).
L'Orgia, di Pavel Svedomsky

Per orgia si intende una cerimonia collettiva caratterizzata da comportamenti improntati all'eccesso e alla sfrenatezza, a base di elementi non necessariamente attinenti alla sfera sessuale, ad esempio da fattori quali l'esoterismo, la spiritualità ed altro.

Le orge presentano coincidenze con riti di fecondità e di rigenerazione del mondo agrario. L'orgia, "riattualizzando il caos mistico anteriore alla creazione, rende possibile il ripetersi della creazione. L'uomo regredisce provvisoriamente allo stato amorfo, notturno, del caos, per poter rinascere con maggiore vigore nella sua forma diurna". [1]Nell'alternanza vita quotidiana-orgia (Saturnali, Carnevale, ecc.) si colgono la ritmicità della vita e la ciclicità del Cosmo che nasce dal caos e vi ritorna mediante una catastrofe. [2]

« ...il senso nascosto dell’orgia rituale era questo: la fusione di tutte le cose, la soppressione di tutti i limiti, la sospensione di ogni «forma», di ogni distanza e discriminazione. »
(Mircea Eliade, Il mito della reintegrazione)
« L'orgia rituale si effettuava all'inizio della primavera, per assicurare un buon raccolto. Si trattava, dunque, di un gesto magico, di promozione della fertilità della terra. »
(Mircea Eliade, Il mito della reintegrazione)

Il concetto di orgia si rintraccia con facilità nei rituali odierni.

« Ogni festa, in definitiva, come ad esempio il nostro Carnevale o il tradizionale cenone di Natale o Capodanno, riveste pertanto un carattere facilmente orgiastico. »
(Gilbert Durand, Le strutture antropologiche dell'immaginario)

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Le Baccanali[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Baccanale.

Si trattava di antiche feste orgiastiche a sfondo propiziatorio del culto di Dioniso. Il nome è di origine romana e deriva da rituali dedicati al dio Bacco, ma la sua origine è più antica, probabilmente risale alla Magna Grecia e vennero importate in Roma, nel II secolo a.C.

Già all'epoca romana, ma probabilmente lo era anche prima, era divenuta da semplice festa orgiastica a vero e proprio rito propiziatorio degli dei, tipicamente in occasione della cosiddetta "semina e delle messi".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mircea Eliade, Trattato di storia delle religioni, ed. Universale Bollati Boringhieri, 2009, pag.329-330.
  2. ^ Mircea Eliade, Trattato di storia delle religioni, ed. Universale Bollati Boringhieri, 2009, pag. 330.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Antropologia Portale Antropologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antropologia