Marina and the Diamonds

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marina & the Diamonds
Marina and The Diamonds nel 2012.
Marina and The Diamonds nel 2012.
Nazionalità Galles Galles
Grecia Grecia
Genere Pop[1]
Indie pop[1]
Synth pop[1]
Musica elettronica
Periodo di attività 2007 – in attività
Etichetta 679 Recordings
Chop Shop Records
Neon Gold Records
Atlantic Records
Elektra Records
Album pubblicati 3
Studio 3
Live 2
Sito web

Marina Lambrini Diamandis (greco: Μαρίνα-Λαμπρινή Διαμάντη),[2] nota col nome d'arte di Marina and the Diamonds (Abergavenny, 10 ottobre 1985[1]) è una cantautrice gallese di origine greca.

Il suo nome d'arte (talvolta reso graficamente come Marina & the Diamonds) è composto dal suo nome di nascita e dalla traduzione in lingua inglese del suo cognome, che in greco significa diamanti. Spesso Diamonds viene erroneamente riferito alla band di supporto che la segue nelle esibizioni live (come Florence and the Machine), ma in realtà si riferisce ai fan della cantante, come lei stessa ha spiegato sulla sua pagina di MySpace, "Io sono Marina. Voi siete i diamanti".[3]

Dopo aver realizzato due EP, nel febbraio del 2010 ha pubblicato il suo album di debutto intitolato The Family Jewels, a cui ha fatto seguito un terzo EP dal titolo The American Jewels EP. Il 3 ottobre 2011 viene pubblicato su YouTube il singolo Radioactive. Il singolo preannuncia l'uscita del secondo album in studio, Electra Heart, uscito il 30 aprile 2012, album che ha raggiunto la vetta delle classifiche irlandesi e britanniche, nonché quella degli album dance/elettronici statunitense. Vocalmente paragonata a Björk, Kate Bush e Regina Spektor,[4] l'artista cita tra le sue influenze una vasta gamma di artisti tra cui Britney Spears, Blondie, Patti Smith, Tom Waits, Nirvana, PJ Harvey, Elliott Smith, Madonna, Dolly Parton e molti altri.[5][6]

Vita e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Marina Diamandis è nata ad Abergavenny, nel sud-est del Galles, da padre greco e madre gallese[5] e fu cresciuta a Pandy, un piccolo borgo della contea del Monmouthshire.[7] Ha frequentato la scuola femminile "Haberdashers' Monmouth School" nella quale, ha dichiarato, di aver scoperto il proprio talento.[8] Quando i suoi genitori si separarono, la Diamandis si trasferì insieme al padre in Grecia all'età di sedici anni, ma dopo due anni ritornò nel Galles.[7] All'età di diciott'anni si trasferì a Londra e studiò danza per soli due mesi.[9]

Dopo essersi stabilita a Londra, si è iscritta a quattro università senza laurearsi e ha sostenuto alcune audizioni tra cui quella per il musical del Teatro del West End, The Lion King.[10] Nel 2005 ha partecipato ad un'audizione per una boy band reggae tenuta dalla Virgin Records. Con lo scopo di farsi assumere si era travestita da ragazzo per farsi notare dagli organizzatori. Fu ricontattata dall'etichetta discografica una settimana dopo.[11][12]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

I primi demo delle sue canzoni furono autoprodotti e composti tramite l'applicazione Apple GarageBand.[10] Tramite Gumtree, un sito web di piccoli annunci, trovò una persona disposta a produrre alcune canzoni per il quale la Diamandis pagò 500 £.[13] Queste vennero incise nel suo EP di debutto intitolato Mermaid Vs. Sailor EP, pubblicato il 23 novembre 2007 e venduto attraverso la sua pagina di MySpace.[14] La Diamandis ha stimato che le copie vendute furono circa settanta.[14]

Nel gennaio del 2008 la Diamandis viene scoperta da Derek Davies, un music scout dell'etichetta discografica Neon Gold Records.[15] Successivamente viene notata dalla Warner Music Group che la mette sotto contratto, con la sua etichetta 679 Recordings, nell'ottobre dello stesso anno.[13] Il suo singolo di debutto è stato un doppio lato A, composto da Obsessions e Mowgli's Road, pubblicato il 19 novembre 2008, che è stato seguito dal suo secondo EP intitolato The Crown Jewels EP, pubblicato il 2 giugno 2009, entrambi prodotti dalla Neon Gold Records.[14] Successivamente la Diamandis ha registrato una nuova versione di Mowgli's Road, pubblicata il 16 novembre 2009 dalla 679 Recordings, diventando il primo singolo prodotto con una major.[14]

2008 - 2010: The Family Jewels[modifica | modifica wikitesto]

Il suo album di debutto dal titolo The Family Jewels è stato pubblicato il 22 febbraio 2010 nel Regno Unito con l'etichetta 679 Recordings,[14] raggiungendo il quinto posto nella UK Albums Chart.[16] Il 25 maggio 2010 è stato anche pubblicato negli Stati Uniti con la Chop Shop Records, etichetta controllata dalla Atlantic Records.[17] Ha ricevuto il 19 febbraio 2010, prima di essere pubblicato, il disco d'argento e il 14 maggio 2010 il disco d'oro dalla BPI (Regno Unito).[18] Oltre a nuove canzoni, l'album include anche Mowgli's Road e I Am Not a Robot già pubblicati in EP precedenti. I singoli estratti da The Family Jewels sono stati Hollywood, il 1º febbraio 2010,[19] I Am Not a Robot, il 26 aprile 2010, e Oh No!, il 2 agosto 2010.[20][21] il 27 settembre 2010 viene pubblicato l'ultimo singolo estratto dall'album "Shampain".[22]

Prima dell'uscita di The Family Jewels negli Stati Uniti, la Diamandis ha collaborato con la Chop Shop Records per la pubblicazione del suo terzo EP, The American Jewels EP, il 23 marzo 2010 esclusivamente per il mercato statunitense.[17][23]

Oltre ai singoli ufficiali, il 24 aprile 2010, è entrato in classifica il singolo "Numb", posizionandosi alla posizione numero 135 della classifica inglese.

2011 - estate 2013: Electra Heart[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Electra Heart.
Marina al Michalsky StyleNite.

L'8 agosto 2011, sul canale ufficiale di YouTube della Diamandis, viene pubblicato il video del singolo non ufficiale Fear And Loathing, che preannuncia il nuovo album in studio della cantante: Electra Heart.[24] La cantante,per il suo nuovo album in studio,dice di aver preso ispirazione dalla mitologia greca e da alcuni cantanti del passato,come Dolly Parton,Madonna e personaggi del passato,come Maria Antonietta e Marilyn Monroe.[25]

Al riguardo ha detto in un'intervista: "È ispirato da Marilyn Monroe, Madonna e Maria Antonietta. Madonna è una persona coraggiosa, senza paura. È stata demolita così tante volte!Volevo un modo per impersonare l’amore e il ‘crepacuore’. L’intera campagna è rosa e morbida, è sull’amore. Non voglio semplicemente raccontare una storia, ma deve essere qualcosa che è successo nella mia vita"[25]

Marina ha inoltre detto che l'album sarà incentrato sulla figura di una ragazza di nome Electra.[26] Il 22 agosto del medesimo anno, Marina & the Diamonds diffonde il video del singolo promozionale Radioactive, che esce definitamente il 3 ottobre 2011,che fa parte della versione Deluxe del nuovo album.[27] Il singolo raggiunge la 25ª posizione in Scozia e nel Regno Unito, mentre arriva al 37º posto in Irlanda.[28] Il 20 novembre è resa disponibile una demo di Starring Role,altro singolo dell'album.[29] La cantante ha annunciato il 9 febbraio 2012 su Twitter che il primo singolo ufficiale (Primadonna) dell'album,uscirà il 16 aprile come CD e download digitale (solo negli USA è uscito il 20 marzo come download e in Australia il 6 aprile sempre come download). Il 20 febbraio 2012, è stato reso disponibile sul sito ufficiale di Marina il nuovo singolo, Homewrecker,disponibile solo in formato download digitale. Esso potrà essere scaricato solo con una password segreta, trovabile nel testo della "canzone" The Archetypes,pubblicata dalla Diamandis il 15 dicembre 2011.[30][31] Il 30 marzo viene pubblicata la versione acustica.[32] Il primo giorno di Marzo,sulla pagina ufficiale Facebook della cantante,viene pubblicata la cover album e la Tracklist ufficiale. Viene anche rivelato che la versione delux conterrà 4 tracce,Radioactive compresa.[33]

Il 9 marzo viene rilasciato un teaser trailer del primo singolo,Primadonna,con un video pubblicato sul canale ufficiale della cantante.[34] Inoltre,il 12 marzo,il singolo verrà lanciato dalle radio britanniche in tutto il Regno Unito.[35] Primadonna esce ufficialmente su Youtube il 12 marzo,accompagnato dal video ufficiale,che riceve in un mese 2 milioni di visualizzazioni.[36] ed entra,prima della data ufficiale di rilascio,nella classifica slovacca alla posizione 89[37] e la settimana successiva alla posizione 46 della medesima classifica.[38] La settimana successiva viene pubblicata la versione acustica del singolo[39],e il 20 marzo la versione remix di Benny Benassi.[40] Viene successivamente resa disponibile anche la versione remix Burns,ma riceve critiche negative.[41] Il 5 aprile viene rilasciata la versione acustica del singolo Lies,con un video annesso.[42] Anche le versioni remix Riva Starr[43] e Evian Christ[44] ricevono critiche negative. Dal 21 aprile è possibile acquistare tramite sito web ufficiale della cantante,Primadonna Acoustic EP,contenente le versioni acustiche di "Lies","Primadonna" e "Homewrecker".[45] Il 23 aprile viene pubblicata una versione acustica anche per il singolo "Starring Role".[46]

Electra Heart vende nel Regno Unito dopo 2 settimane 30.000 copie circa, classificandosi alla posizione numero 1 in Scozia, Irlanda e Regno Unito, e alla 30esima posizione in Norvegia.[47][48][49][50] Il secondo singolo estratto dall'album è Power & Control, che esce definitamente il 9 luglio, esclusivamente per il Regno Unito e l'Irlanda[51],mentre il video ufficiale viene pubblicato su Youtube il 31 maggio.[52] I due remix ufficiali di Power & Control, (Krystal Klear Remix[53] e Michael Woods Remix)[54] vengono pubblicati in maniera ufficiale su Youtube rispettivamente il 14 giugno e il 22 giugno,ed entrambi ricevono dal pubblico critiche positive,mentre gli altri due remix (Eliphino Remix e Brackles Remix) vengono pubblicati rispettivamente il 2 e il 17 luglio. Il secondo singolo a livello mondiale (terzo per il Regno Unito e l'Irlanda) è How To Be A Heartbreaker,canzone disponibile solo nella versione nord americana di Electra Heart[55], il cui video dell'audio è stato rilasciato il 9 luglio sul canale ufficiale della Diamandis. Il singolo sarà rilasciato ufficialmente il 15 ottobre[56]. L'uscita del video di How to be a Heartbreaker era prevista per lunedì 24 settembre,ma la casa discografica di Marina,la 679 Artists,ha rimandato l'uscita,per via di alcune scene del video,in cui Marina risultava brutta. Il video è stato posticipato al 28 settembre.[57]

Per Natale, Marina ha effettuato una cover del celebre singolo Have Yourself a Merry Little Christmas, il cui video viene pubblicato il giorno di Natale.[58]

L'ottava parte del progetto "Electra Heart" viene pubblicata il giorno di San Valentino 2013 con il nome di E.V.O.L.. Consiste in una canzone omaggio dedicata a tutti i fan della cantante.[59] Il progetto relativo all'album, terminerà l'8 agosto 2013, secondo un tweet pubblicato dalla cantante stessa. Il 2 marzo la cantante pubblica il video della nona parte del progetto, intitolato The State of Dreaming. Il video è stato diretto da Thomas Knight al Baroque Opening - London Club Playboy, lo stesso giorno in cui fu girato il video per Wedding Bells. Successivamente alla decima parte, rappresentata dalla canzone Lies, viene pubblicata l'ultima, Electra Heart, una canzone non presente nel album. Tale parte viene pubblicata sul canale Youtube di Marina l'8 agosto 2013, tuttavia la versione ufficiale (Betatraxx ft. Marina and the Diamonds) viene resa disponibile su SoundCloud solo il 2 maggio del 2014, mentre il 5 maggio del medesimo anno è disponibile su iTunes, insieme ad un remix e alla versione ''classical''.

Electra Heart ottiene sicuramente un maggior successo rispetto a The Family Jewels per quanto riguarda i posizionamenti in classifica e le vendite: citando i più importanti, l'album si posiziona in cima alla classifica scozzese, britannica e irlandese degli album della settimana (vendendo più di 25.000 copie solo in questi paesi) e al secondo posto in quella americana degli album dance-elettronici più venduti, rimanendo in tale classifica per molte settimane, tanto da ottenere per due anni di fila un posizionamento nella classifica di fine anno della medesima classifica (il primo anno alla #24 e il secondo alla #14). L'album debutta alla #31 nella Billboard 200 con un bottino superiore alle 10.000 copie, il che lo rende il miglior debutto negli States della cantante. Tra i migliori debutti, rientrano anche quelli in Australia, Nuova Zelanda, Germania e Svizzera. L'album viene inoltre certificato disco d'argento nel Regno Unito per le 60.000 copie certificate vendute (circa 1/3 rispetto alle vendite di The Family Jewels) e disco d'oro in Irlanda per le 7.500 copie certificate vendute. Al contrario, hanno avuto un largo successo i singoli e le tracce dell'album che nel complesso hanno venduto globalmente più di due milioni di copie.[60]

2014 - presente: Froot[modifica | modifica wikitesto]

In un'intervista svoltasi a New York il 21 agosto 2012, Marina ha dichiarato di essere al lavoro per un terzo album in studio. Secondo alcuni fonte,il terzo album sarà completamente diverso da Electra Heart,[61] fonti confermate dalla stessa cantante, che in un tweet di risposta ad un suo fan ha confermato che il nuovo progetto musicale sarà di differente natura rispetto ad Electra Heart. In una seconda intervista tenutasi il 22 febbraio, la cantante ha rivelato di trovarsi a New York per scrivere le canzoni del nuovo album,[62] album che vede la collaborazione con il produttore Dan Dare, creatore della canzone Just Desserts, in collaborazione con Charli XCX. Inoltre è prevista una collaborazione della cantante con il gruppo britannico Everything Everything. A rivelarlo è stato un tweet pubblicato dalla stessa band. Il 31 agosto Marina svela ai suoi fans una piccola parte del nuovo singolo, Froot, il cui video esce ufficialmente il 10 ottobre.[63]. La canzone, che anticipa l'omonimo album (Froot), è stata scritta dalla Diamandis, che ha curato anche il sound del singolo, insieme al produttore David Kosten. Froot si allontana di gran lunga dagli schemi musicali della precedente era musicali, riavvicinandosi invece a quelli di The Family Jewels, più synthpop e new wave, con note di alternative pop e intelligent dance music. La canzone entra direttamente alla numero uno nella "UB Billboard Trending 140", unico posizionamento per il singolo: è infatti la prima traccia, a partire da Hollywood, a non entrare neanche nell'airplay britannico. Froot rappresenta una svolta per la cantante, che si occupa di tematiche totalmente estranee al precedente album, allontanandosi dai classici testi pop e concentrandosi al meglio sugli stati d'animo e le sofferenze delle persone; inoltre tutte le canzoni sono state scritte dalla sola Marina.[64] Il 17 novembre Lollapalooza annuncia sul proprio sito web che la cantante si esibirà, per la prima volta in tutta la sua carriera artistica, il 28 e il 29 marzo 2015 all'"Autodromo de Interlagos in Brasile.[65]

Tour[modifica | modifica wikitesto]

La Diamandis durante un concerto del "The Gem Tour".

The Family Jewels Tour è il primo tour della cantante,iniziato il 26 gennaio 2010 e terminato il 29 aprile 2010. Il tour ha toccato l'Europa e l'America del Nord (Stati Uniti),con 20 concerti. The Family Jewels Tour si suddivide in altri due tour,The Gem Tour e The Burger Queen Tour. Artisti come Clock Opera e Alan Pownall hanno accompagnato la cantante nel suo primo tour.[66].

The Gem Tour è iniziato il 12 maggio 2010 ed è finito il 17 settembre 2010. Il tour ha toccato l'Europa e il Nord America (Canada e Stati Uniti), con un totale di 53 esibizioni, di cui 10 nei Festivals europei.

The Burger Queen Tour è iniziato il 19 ottobre 2010 ed è terminato il 4 dicembre 2011. Il tour ha raggiunto l'Europa, l'Australia e gli Stati Uniti, con un totale di 62 esibizioni live.

Lonely Hearts Club Tour è iniziato il 19 maggio 2012. L'ultima esibizione è prevista per l'8 dicembre 2012, anche se potrebbero aggiungersi nuove date. I continenti in cui la cantante si esibirà sono l'Europa (Regno Unito, Svezia, Svizzera, Germania, Romania, Lituania, Russia, Polonia, Turchia, Finlandia, Benelux e Danimarca) e il Nord-America (Stati Uniti e Canada). I concerti che terrà la cantante durante il tour sono 100,incluse le apparizioni nel Mylo Xyloto Tour dei Coldplay, dove Marina apre i concerti.[67].

La Diamandis è stata anche supporting (solo nel Nord-America) di Katy Perry nel California Dreams Tour,tenutosi nel 2011.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia di Marina and the Diamonds.

Album[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • Mermaid Vs. Sailor EP (2007)
  • The Crown Jewels EP (2009)
  • The American Jewels EP (2010)
  • Primadonna Exclusive Acoustic EP (2012)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Band di supporto[modifica | modifica wikitesto]

La band di supporto che segue Marina Diamandis è composta da Peter Carr e Jonathan Shone alla tastiera, Dan Gulino al basso e Sebastian Sternberg.[15]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  1. Dall'estate del 2011 fino a quella del 2012,Marina si è sempre mostrata al pubblico con i capelli biondi. In un'intervista del 7 settembre 2012 però,rivela che in realtà portava una parrucca,e che per tutto quel tempo aveva nascosto i capelli che portava precedentemente.[69].
  2. Marina soffre di sinestesia[70]
  3. Per il suo secondo album in studio, la cantante voleva cambiare il nome d'arte da ''Marina and the Diamonds'' ad ''Electra Heart'', per rappresentare al meglio il suo nuovo lavoro. Tuttavia, il suo manager e il suo produttore non glielo permisero.
  4. In allegato all'EP Mermaid Vs Sailor, Marina dava due caramelle.
  5. Il 4 gennaio 2014, Marina viene hackerata: l'undicesima parte del progetto (Electra Heart) inerente al secondo album in studio, Electra Heart, e la canzone Seventeen, presente nel suo album di debutto The Family Jewels, vengono inserite su iTunes ad insaputa della cantante stessa. La canzone Electra Heart entra anche nella Top 250 italiana di iTunes.
  6. Marina è stata la prima cantante gallese ad aver vinto un EMA nella categoria Best UK & Ireland Act.

Premi e candidature[modifica | modifica wikitesto]

Anno Organizzazione Nomination Premio Risultato
2010 BBC Sound Marina and the Diamonds Sound of 2010 2ª classificata
BRIT Awards Critics' Choice Candidatura
SHREDnews Ten Artists To Watch in 2010 5ª classificata
The 2010 Popjustice Twenty Quid Music Prize I Am Not a Robot Shortlist 7ª classificata
NME Awards 2010 Marina and the Diamonds Hottest Woman Candidatura
BT Digital Music Awards Breakthrough Artist of the Year Candidatura
MTV Europe Music Awards Best UK & Irish Act Vinto
Best European Act Candidatura
UK Festival Awards Best Breakthrough Act Candidatura
4Music Video Honours Hottest Girl of 2010 8ª classificata
Box Biggest Breakthrough 10ª classificata
Hollywood Best Video of 2010 Candidatura
2010 Virgin Media Music Awards Marina and the Diamonds Best Newcomer Vinto
2011 Glamour Women of the Year Awards Best Band Candidatura
2012 NME Awards 2012 Hottest Female Candidatura
The 2012 Popjustice Twenty Quid Music Prize Power & Control Shortlist 2ª classificata
Attitude Magazine Award Marina and the Diamonds Best Music Award Vinto
4Music Video Honours Primadonna Miglior video del2012 Candidatura[71]
2013 PopCrush Battle of the Brits Marina and the Diamonds Miglior cantante/cantautrice Vinto
Miglior artista britannico[72] Vinto
2014 TM Top Music Best Voice Candidatura
Wales Online Sexiest Woman in Wales[73] 12ª classificata

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Scheda su Marina & the Diamonds, All Music Guide. URL consultato il 19 luglio 2010.
  2. ^ MARINA LAMBRINI DIAMANDIS, Buzz Rock CAFE, 2 aprile 2010. URL consultato il 19 luglio 2010.
  3. ^ (EN) Hot on Spotify for 2010: Marina and the Diamonds, spotiguide. URL consultato il 24 aprile 2010.
  4. ^ Marina and The Diamonds - I am not a robot, MUSICSITE. URL consultato il 24 aprile 2010.
  5. ^ a b (EN) Marina Diamandis: shine on you crazy diamond, guardian.co.uk. URL consultato il 24 aprile 2010.
  6. ^ (EN) Marina and The Diamonds in the BBC Introducing hotseat, BBC News. URL consultato il 24 aprile 2010.
  7. ^ a b (EN) Claire Rees, I knew I’d be famous - Marina Diamandis, WalesOnline.co.uk, 6 febbraio 2010. URL consultato il 12 aprile 2010.
  8. ^ (EN) Leafy suburbs, £4,000-a-term schools and stockbroker fathers... the VERY middle-class girls storming the Brits, Daily Mail, 12 febbraio 2010. URL consultato il 23 marzo 2010.
  9. ^ (EN) Nick Levine, Ones To Watch: Marina and the Diamonds, digital spy, 26 dicembre 2009. URL consultato il 24 aprile 2010.
  10. ^ a b (EN) BBC Wales - Music - Marina And The Diamonds, BBC. URL consultato il 27 luglio 2010.
  11. ^ (EN) Marina and the Diamonds Interview with Scott Mills 07-04-2010 Part 1, YouTube & BBC, 9 aprile 2010. URL consultato l'11 aprile 2010.
  12. ^ (EN) Marina Diamandis' boy band audition, MSN, 29 gennaio 2010. URL consultato il 27 luglio 2010.
  13. ^ a b (EN) Introducing ... Marina And The Diamonds, BBC. URL consultato il 27 luglio 2010.
  14. ^ a b c d e (EN) The Diamond Exchange - Marina and the Diamonds - Discography, MarinaAndTheDiamonds.net. URL consultato il 24 aprile 2010.
  15. ^ a b (EN) Marina and the Diamonds Biography, contactmusic.com. URL consultato l'11 agosto 2010.
  16. ^ (EN) MARINA & THE DIAMONDS - ALBUMS, OFFICIALcharts. URL consultato il 28 luglio 2010.
  17. ^ a b (EN) Atlantic Records :: MARINA & THE DIAMONDS? THE FAMILY JEWELS DEBUTS TOP 5 IN THE UK, Atlantic Records, 1º marzo 2010. URL consultato il 3 luglio 2010.
  18. ^ Ricerca The Family Jewels per "titolo in (EN) BPI Certified Awards Search.
  19. ^ (EN) Marina And The Diamonds - Hollywood, Discogs. URL consultato il 28 luglio 2010.
  20. ^ (EN) Marina And The Diamonds ‘Oh No!’ Video, popdirt.com. URL consultato il 29 luglio 2010.
  21. ^ (EN) NEWS - I AM NOT A ROBOT WILL BE MARINA'S NEXT SINGLE IN THE UK!, MarinaAndTheDiamonds.com, 12 marzo 2010. URL consultato il 29 luglio 2010.
  22. ^ (EN) New Releases U.K. - Forthcoming Singles, Radio1 Greece. URL consultato il 29 luglio 2010.
  23. ^ (EN) Marina & The Diamonds Joins Chop Shop Records Line-Up, Chop Shop Records Blog, 4 marzo 2010. URL consultato il 30 luglio 2010.
  24. ^ (EN) [1], 8 agosto 2011, http://www.youtube.com/watch?v=9txg0XicoJ0&feature=relmfu. URL consultato il 28 febbraio 2012.
  25. ^ a b (EN) Marina And The Diamonds si è ispirata a MAdonna,Marilyn Manson e Maria Antonietta per la creazione di Electra Heart, [2]. URL consultato il 16 aprile 2012.
  26. ^ [3], 8 agosto 2011, http://www.rnbjunk.com/forum/album-cd-pop/8653-marina-diamonds-electra-heart-2%B0-album.html. URL consultato il 28 febbraio 2012.
  27. ^ (EN) [4], 8 agosto 2011, http://www.youtube.com/watch?v=dU7GoCKSQfg. URL consultato il 28 febbraio 2012.
  28. ^ (EN) [5], 8 agosto 2011, http://www.youtube.com/watch?v=dU7GoCKSQfg. URL consultato il 28 febbraio 2012.
  29. ^ (EN) [6], 8 agosto 2011, http://www.youtube.com/watch?v=ZCYY2WLzi8Q&feature=relmfu. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  30. ^ (EN) [=http://www.youtube.com/watch?v=L_orsY7C7yk&feature=channel], 20 febbraio 2012, http://www.youtube.com/watch?v=L_orsY7C7yk&feature=channel. URL consultato il 20 febbraio 2012.
  31. ^ (EN) [=http://www.youtube.com/watch?v=Ww8lYVerLo4&feature=branded], 15 dicembre 2011, http://www.youtube.com/watch?v=Ww8lYVerLo4&feature=branded. URL consultato il 23 aprile 2012.
  32. ^ (EN) [7], 30 marzo 2012, http://www.youtube.com/watch?v=VmOO5Y1wiIA&feature=channel. URL consultato il 30 marzo 2012.
  33. ^ (EN) [8], 1º marzo 2012, http://www.facebook.com/photo.php?fbid=10150569313851755&set=a.100910846754.105161.7839826754&type=1&theater. URL consultato il 10 marzo 2012.
  34. ^ (EN) [9], 7 luglio 2008, http://www.youtube.com/user/Marinaandthediamonds?feature=watch. URL consultato il 10 marzo 2012.
  35. ^ (EN) Primadonna - Marina and the Diamonds - Electra Heart, [10]. URL consultato il 10 marzo 2012.
  36. ^ (EN) Primadonna Official Video On YouTube, [11]. URL consultato il 12 marzo 2012.
  37. ^ (SL) Primadonna In Slovenska Singles Chart, [12]. URL consultato il 12 marzo 2012.
  38. ^ (SL) Primadonna In Slovenska Singles Chart (2° week), [13]. URL consultato il 17 marzo 2012.
  39. ^ (EN) Primadonna Acoustic, [14]. URL consultato il 19 marzo 2012.
  40. ^ (EN) Primadonna Benny Benassi Remix, [15]. URL consultato il 20 marzo 2012.
  41. ^ (EN) Primadonna BURNS Remix, [16]. URL consultato il 29 marzo 2012.
  42. ^ (EN) Lies:Acoustic Version, [17]. URL consultato il 5 aprile 2012.
  43. ^ (EN) PrimadonnaRIVA STARR REMIX, [18]. URL consultato il 16 aprile 2012.
  44. ^ (EN) Primadonna EVIAN CHRIST REMIX, [19]. URL consultato il 16 aprile 2012.
  45. ^ (EN) Primadonna Acoustic EP, [20]. URL consultato il 23 aprile 2012.
  46. ^ (EN) Starring Role Acoustic, [21]. URL consultato il 23 aprile 2012.
  47. ^ Top 75 Artist Album, Week Ending 3 May 2012, Irish Recorded Music Association.Chart-Track. URL consultato il 17 maggio 2012.
  48. ^ Marina & The Diamonds – Electra Heart in Verdens Gang, Hung Medien. URL consultato il 17 maggio 2012.
  49. ^ Lauren Kreisler, Marina & The Diamonds claim first Official Number 1 album, Official Charts Company, 6 maggio 2012. URL consultato il 17 maggio 2012.
  50. ^ 2012 Top 40 Scottish Albums Archive, Official Charts Company, 12 maggio 2012. URL consultato il 17 maggio 2012.
  51. ^ Lewis Corner, Marina and the Diamonds confirms 'Power and Control' as new single, Digital Spy, 2 maggio 2012. URL consultato il 17 maggio 2012.
  52. ^ Marina and the Diamonds - Power And COntrol video, [22], 31 maggio 2012. URL consultato il 31 maggio 2012.
  53. ^ Marina and the Diamonds - Power And COntrol (Krystal Klear Remix), [23], 14 giugno 2012. URL consultato il 24 giugno 2012.
  54. ^ Marina and the Diamonds - Power And COntrol (Michael Woods Remix), [24], 22 giugno 2012. URL consultato il 24 giugno 2012.
  55. ^ Electra Heart by Marina and The Diamonds, iTunes Store US. Apple Inc. URL consultato il 20 giugno 2012.
  56. ^ Lewis Corner, Marina and the Diamonds announces UK tour, confirms new single, Digital Spy, 11 luglio 2012. URL consultato il 15 luglio 2012.
  57. ^ Il video di How to be a Heartbreaker, [25]. URL consultato il 29 settembre 2012.
  58. ^ Have Yourself A Merry Little Christmas by Marina and the Diamonds, [26]. URL consultato il 25 dicembre 2012.
  59. ^ L'ottava parte di Electra Heart (E.V.O.L.) dedicata ai fan di Marina, [27]. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  60. ^ Electra Heart worldwide sales, http://marinaandthediamonds.fr/site/?p=267. URL consultato il 4 agosto 2014.
  61. ^ Marina and the Diamonds dichiara di essere al lavoro per un terzo album discografico, 21 agosto 2012. URL consultato il 22 agosto 2012.
  62. ^ Marina and the Diamonds a New York per il nuovo album, 22 febbraio 2013. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  63. ^ Marina and the Diamonds - Froot: singolo apripista del nuovo album, 10 Ottobre 2014. URL consultato il 10 Ottobre 2014.
  64. ^ Marina and the Diamonds - Happy: La Warner annuncia il titolo di una nuova canzone, 26 Ottobre 2014. URL consultato il 26 Ottobre 2014.
  65. ^ Marina al Lollapalooza 2015 il 28 e il 29 marzo 2015, 17 novembre 2014. URL consultato il 17 novembre 2014.
  66. ^ Marina and the Diamonds accompagnata da Clock Opera e Alan Pownall nel suo primo tour.. URL consultato il 9 settembre 2012.
  67. ^ Marina and the Diamonds supporting dei Coldplay durante il loro Mylo Xyloto Tour. URL consultato il 9 settembre 2012.
  68. ^ [28] | Power And Control sarà il secondo singolo estratto da Electra | Digital Spy - 3 maggio 2012
  69. ^ I capelli naturali di Marina nascosti per un anno da una parrucca bionda, 7 settembre 2012. URL consultato l'8 settembre 2012.
  70. ^ (HD) Marina and the Diamonds - Interview (Øya Festival 13/08/2010), YouTube, 13 August 2010. Retrieved 16 May 2012.
  71. ^ 4Music Video Honours 2012 Best Video - Top 10 1 December 2012
  72. ^ Battle of the Britsh - Championship Round by PopCrush 11 settembre 2013
  73. ^ [29] 17 novembre 2014

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 120912595