Tazio Secchiaroli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tazio Secchiaroli (Roma, 25 novembre 1925Roma, 24 luglio 1998) è stato un fotografo italiano. È stato tra i principali fotografi italiani del Novecento.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Una delle celebri foto di Secchiaroli riguardanti lo spogliarello del 1958 di Aïché Nana al Rugantino che ispirò a Federico Fellini una famosa e discussa scena del film La dolce vita

Tazio nasce a Roma, nel quartiere di Centocelle, in una famiglia marchigiana da poco arrivata nella capitale. Oltre a Tazio, il padre Pietro mastro muratore, la madre casalinga, e due sorelle minori. Rimasto orfano di padre a 14 anni lascia la scuola ed inizia a lavorare per aiutare la famiglia. Garzone, fattorino, piccoli lavori da adolescente. Una zia gli regala una macchina fotografica e con questa inizia a fotografare il suo quartiere: gli abitanti e gli amici. Nell'immediato dopoguerra diventa fotografo ambulante per le strade del centro, dopo poco il suo amico e fotografo Sergio Strizzi lo presenta all'agenzia V.E.D.O.. Giovane fotografo di fotocronache romane, apprendista di Adolfo Porry Pastorel padre del fotogiornalismo italiano, di cui diventa buon amico, impara da lui il fotogiornalismo mettendo a segno inquadrature importanti che lo distingueranno rispetto agli altri fotografi. Nel 1955 fonda la Roma Press Photo, fotogenzia romana che spazia dalla cronaca politica alla cronaca rosa.

Fotografò la vita politica e sociale della capitale, le manifestazioni, la povertà, i pellegrini durante l'Anno Santo, i politici. Realizzò anche numerosi scoop: le sue fotografie di Piero Piccioni e Ugo Montagna ripresi insieme furono usate come prova processuale durante il "Processo Montesi". Diventò celebre oltre i confini professionali nel 1958 immortalando per primo le notti movimentate di Via Veneto, rendendo nota in tutto il mondo quell'atmosfera che Federico Fellini cristallizzò nel suo capolavoro La Dolce Vita. Tazio Secchiaroli fotografò lo spogliarello di Aïché Nana al Rugantino. le liti tra Anita Ekberg e Antony Steel, gli eccessi di rabbia dell'ex-re Faruk o di Walter Chiari. Le sue fotografie erano pubblicate con grande risalto, spesso in esclusiva, sui rotocalchi di tutto il mondo. Il suo è un reportage sociale sulla vita notturna della capitale. Inventò un nuovo genere di fotografia, la fotografia d'assalto: per la prima volta i divi furono fotografati contro la loro volontà. Conobbe Fellini che prese dai suoi racconti numerosi spunti per la sceneggiatura del film La Dolce Vita e su di lui creò il personaggio di Paparazzo. Da allora Fellini, apprezzando le sue capacità fotografiche, lo chiamò sui suoi set come fotografo di special. Dal 1960 abbandonò definitivamente la fotografia d'assalto, per dedicarsi a special fotografici dei set cinematografici. Inventa un nuovo genere fotografico ed è il primo fotoreporter del cinema, portando il suo stile nei backstage. I divi non lo schivano più, ma sono anzi felici di lavorare con lui.

Nel 1963 conosce Sophia Loren e diventa il suo fotografo personale. Lo sarà per circa 20 anni contribuendo con le sue fotografie a far conoscere in tutto il mondo la bellezza dell'attrice. Lavora con i più importanti registi e con gli attori più famosi realizzando così un reportage lungo 30 anni del cinema, soprattutto italiano.

Nel 1985 si ritira dalla vita professionale e muore a Roma nel 1998. Numerosi libri monografici e numerose mostre sono state realizzate con le sue fotografie.

Monografie

Tazio Secchiaroli, collana I grandi fotografi, Fabbri, 1983

Tazio Secchiaroli The Original Paparazzo, Milano

Mormorio, Diego, Tazio Secchiaroli, dalla dolce vita ai miti del set, Milano 1998

Tazio Secchiaroli, Fellini 8e 1/2. Milano 1998

Tazio Secchiaroli, G.Mastorna, opera incompiuta, Palermo 2000

Tazio Secchiaroli, Sophia Loren, Milano 2003

Tazio Secchiaroli, Federico Fellini, Milano 2003

Tazio Secchiaroli, storie di cinema, Roma 2004

Bertelli Giovanna, Marcello Mastroianni nelle fotografie di Tazio Secchiaroli, Azzano San Paolo, 2006

Controllo di autorità VIAF: 56772707