Mani di velluto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mani di velluto
Titolo originale Mani di velluto
Paese di produzione Italia
Anno 1979
Durata 100 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Castellano e Pipolo
Soggetto Castellano e Pipolo
Sceneggiatura Castellano e Pipolo
Produttore Mario Cecchi Gori
Fotografia Alfio Contini
Montaggio Antonio Siciliano
Musiche Nando de Luca
Scenografia Bruno Amalfitano
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Mani di velluto è un film del 1979, diretto da Castellano e Pipolo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Guido Quiller è un ricco ingegnere inventore di un indistruttibile vetro anti rapina. Un giorno, causa un equivoco in cui viene scambiato per uno scippatore, conosce Tilli, una bella ladra di cui si innamora. Per poterla frequentare continua quindi a farsi credere ladro organizzando con lei svariati colpi in cui comunque si preoccupa di nascosto di risarcire le proprie vittime. Fino a quando scoperta la sua vera identità, organizzerà un ultimo colpo ai danni della ex moglie.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel film c'è una scena nella quale Celentano (Guido Quiller) guarda la televisione insieme al maggiordomo (John Sharp), precisamente il film Altrimenti ci arrabbiamo di Bud Spencer e Terence Hill, in cui lo stesso Sharp recita la parte del cattivo.
  • Subito dopo la scena in cui Guido e il suo maggiordomo guardano in tv Altrimenti ci arrabbiamo, Guido si mette a suonare al pianoforte ed accenna le prime note di "Il ragazzo della via Gluck", uno tra i più famosi pezzi dello stesso Celentano.
  • Il film incassò 2 miliardi e 463 milioni, pari a 10 milioni di euro di oggi.[quando?]
  • Il molleggiato come già in Bluff accenna, senza musica, l'attacco della Quinta Sinfonia di Beethoven.
  • Nel film appare Hitchcock, nella classica posa di profilo. Quiller lo ha chiamato per farsi consigliare qualche piano diabolico con cui far colpo su Tilli. Zio Alfred gliene svela uno: la trama di un suo celebre film Caccia al ladro.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema