Spogliarello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Striptease" rimanda qui. Se stai cercando il film del 1996, vedi Striptease (film).
Franz von Stuck, La danza di Salomè (1906)

Lo spogliarello, o striptease secondo la nomenclatura di lingua inglese, è il termine che connota la tecnica dello spogliarsi lentamente degli indumenti. Ha valenza di azione di seduzione e può assumere forma di esibizione erotica - talvolta in chiave ironica - quando la platea di spettatori è costituita da più persone. All'interno del mondo dello spettacolo, è stato uno dei numeri centrali del genere teatrale chiamato burlesque.

Antica arte di seduzione[modifica | modifica wikitesto]

La capacità di mostrarsi gradatamente in intimità è un'antica arte di seduzione, perlopiù femminile.

Un antecedente viene ricordato nella nudatio mimarum dei ludi florales dell'antica Roma. Secondo la tradizione Catone quando si accorse che per rispetto alla sua persona il popolo non richiedeva la nudatio mimarum si allontanò dal teatro, ma Marziale stigmatizzò questo comportamento con i versi:

Nosses iocosae dulce cum sacrum Florae
Festosque lusus et licentiam volgi,
Cur in theatrum, Cato severe, venisti?
An ideo tantum veneras, ut exires?

Visto che conoscevi le cerimonie care alla festosa Flora, gli allegri giochi e la sfrenatezza del popolo, perché sei entrato in teatro, o severo Catone? O sei entrato solo per uscirne?

Altri riferimenti risalenti nel tempo riguardano la danza dei sette veli di Salomè, accennata nei Vangeli e riporta da Giuseppe Flavio, tante volte ripresa in opere teatrali.

Lo spogliarello moderno[modifica | modifica wikitesto]

Una spogliarellista impegnata in un numero di pole dance

Lo spogliarello come esibizione erotica, atta a compiacere una platea di persone, si compie generalmente in teatri, locali dedicati a questo genere di manifestazioni (detti appunto strip club), in cui una o più ragazze si spogliano al suono di musica o in feste di Addio al nubilato e celibato.

Molti locali notturni devono gran parte della loro fama agli spettacoli di striptease. Tra questi forse quello storicamente più famoso è il Moulin Rouge di Parigi. In questo locale sono addestrate ogni anno decine di ragazze che formano attrazioni importanti per i molti visitatori stranieri.

Lo strip (abbreviazione di uso comune) può terminare quando chi lo esegue rimane con la sola biancheria intima o spingersi sino al nudo integrale.

Spogliarelli celebri[modifica | modifica wikitesto]

L'ingresso del Moulin Rouge di Parigi

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Famose spogliarelliste sono state anche attrici e pin-up statunitensi del genere teatrale chiamato burlesque, come Gypsy Rose Lee, Betty Grable e Tempest Storm.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Spogliarello di Charmion in 1901.

Nel cinema internazionale, non solo di genere erotico, questa forma di seduzione ha goduto di attenzioni particolari, tanto che alcune scene di strip sono entrate nell'immaginario collettivo.

Tra queste si ricordano quelli di:

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Con la liberalizzazione dell'emittenza televisiva italiana (1976) erano popolari rubriche con spettacoli di spogliarello, trasmesse da numerose televisioni locali, la quale più famosa era Aria di mezzanotte, condotta dal noto presentatore Enzo Tortora e trasmessa dall'emittente lombarda Tele Alto Milanese.
  • Le consorziate televisive (o syndication) trasmettevano a partire dal 1980 una rubrica condotta da Paolo Mosca, Playboy di mezzanotte, sponsorizzata dalla nota rivista per soli uomini.
  • Nel 1983 RAI 2 trasmetteva la rubrica Il cappello sulle ventitré - spettacolo della notte, con un numero raffinatissimo di Rosa Fumetto, nota soubrette del teatro parigino Crazy Horse.
  • A partire dal 1987, trasmesso dal network Italia 7, il popolarissimo programma a quiz Colpo grosso, condotto da Umberto Smaila, dove le vincite dei concorrenti d'ambo i sessi permettevano lo spogliarello di una o più soubrette. Il programma è stato esportato in numerosi stati tra cui la Germania con il titolo Tuttifrutti.

Strip pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Nel mondo dello spettacolo si è fatto a volte ricorso allo spogliarello come attrazione per il grande pubblico. Si ricordano in proposito le performance delle attrici Sabrina Ferilli al Circo Massimo e di Anna Falchi allo stadio Olimpico di Roma. Entrambe, dopo averlo promesso durante il campionato si esibirono in una sorta di strip (parziale) per festeggiare assieme ai tifosi la conquista di un importante trofeo da parte della loro squadra.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

erotismo Portale Erotismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di erotismo