Fanfulla (attore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi Visconti

Luigi Visconti, meglio conosciuto col nome d'arte di Fanfulla (Roma, 26 febbraio 1913Bologna, 5 gennaio 1971), è stato un attore e comico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dell'attrice Mercedes Menolesi detta Diavolina, e non legato da parentela alla famiglia nobiliare dei Visconti, dalla metà degli anni quaranta fino alla fine degli anni cinquanta Fanfulla fu un celebre comico del teatro di varietà, acclamato per il suo stile ora brillante ora sornione. Celebri erano i suoi cambi d'abito tra una scena e l'altra: abiti sempre sgargianti, particolari e di diverso colore.

Nel cinema lavorò solo in ruoli marginali, interpretando, a partire dal 1951, un buon numero di pellicole, spesso di genere brillante, come Totò e Marcellino (1958) di Antonio Musu, Il mattatore (1960) di Dino Risi, Risate di gioia (1960) nel ruolo di Spizzico, Il ladro di Bagdad (1961) di Arthur Lubin e Bruno Vailati, e Che gioia vivere (1961) di René Clément.

Nel 1969 fu scelto da Federico Fellini per prendere parte al suo Fellini Satyricon, in cui Fanfulla interpreta il greve comico Vernacchio, ruolo questo che gli valse un Nastro d'Argento. L'anno seguente, sempre con Fellini, avrebbe girato il film televisivo I clowns.

Morì d'infarto nel gennaio del 1971 all'età di cinquantasette anni.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]