Marina Vlady

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marina Vlady nel 1996 (foto di Erling Mandelmann)

Marina Vlady, nome d'arte di Marina Catherine Poljakova (Clichy, 10 maggio 1938), è un'attrice e scrittrice francese di origine russa.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata a Clichy, Marina Catherina era la più piccola delle quattro figlie di Vladimir de Poliakoff e di Militza Envald, due russi bianchi rifugiati in Francia a causa della rivoluzione. Suo padre era cantante d'opera, la madre era una étoile della danza. Tutte e quattro le sorelle Poliakoff seguirono la carriera artistica. Olga, la maggiore (1928-2009), prese lo pseudonimo di Olga Varen, Militza (1932-1988) quello di Hélène Vallier, Tania (1930-1980) quello di Odile Versois mentre Catherine Marina sarebbe diventata una delle più note attrici francesi con il nome di Marina Vlady.

Carriera artistica[modifica | modifica sorgente]

Studia danza all'Opera di Parigi e debutta nel cinema nel 1949 dove partecipa, dodicenne, a Orage d'éte, un film che ha fra gli interpreti sua sorella Odile Versois. Ha i suoi primi successi in Italia che la rendono nota a livello europeo. A sedici anni vince il premio Suzanne Bianchetti come attrice rivelazione nel film Prima del diluvio di André Cayatte. A diciassette anni interpreta quello che è considerato il suo film mitico: La strega (cinque anni di programmazione continuata in URSS).

Nel 1955 sposa Robert Hossein permettendogli l'esordio nella regia con Gli assassini vanno all'inferno. Nasce un sodalizio artistico che non si rivela vincente. Dopo il divorzio, Marina è riscoperta dal cinema italiano con La ragazza in vetrina di Luciano Emmer (1960).

Saranno poi Jean Delannoy, Jean Cocteau e Jean Marais a volerla come interprete ideale per La principessa di Clèves (premio Femina a Bruxelles).

Dal 1960 al 1962 si afferma come tra le attrici più richieste del cinema francese ed italiano (La steppa di Alberto Lattuada). È Marco Ferreri, nel 1962, a sceglierla come protagonista nel censuratissimo L'ape regina (titolo originale prima del ritiro dagli schermi) che le varrà il premio come migliore interpretazione femminile al Festival di Cannes nel 1963.

Nello stesso anno sposa Jean-Claude Brouillet, proprietario della linea aerea Trans-Gabon da cui divorzierà nel 1965.

Orson Welles la scrittura per il ruolo di Lady Percy in Falstaff (1964), Henri Colpi per Steaua fara nume (1965) e nel 1966, Jean-Luc Godard, la sceglie per la parte principale in Due o tre cose che so di lei.

Ottiene la parte di Lika Mizanova, il grande amore di Anton Cechov, nel film di Jutkevic e in URSS incontra Vladimir Semënovič Vysockij, grande poeta e cantautore, che diventerà il suo terzo marito dal 1970 all'anno della morte nel 1980.

Nel 1987 dedica appunto a Vysockij il libro "Vladimir ou le vol arrêté".

Autrice di nove libri è tuttora attiva nel campo teatrale e cinematografico dove, nel 2009, ha interpretato il ruolo femminile nel film Quelques jours de répit di Amor Hakkar.

Nel 1993 il cantautore astigiano Giorgio Conte le ha dedicato la canzone Marina Vlady, incisa nell'album Giorgio Conte, in cui descrive l'attrice con queste parole

« Da ragazzo la sognavo, / lei la balia ideale, la zia ideale, / il primo amore ideale... la prima volta ideale, / una figa madornale »
(Giorgio Conte, Marina Vlady)

.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Marina Vlady, 2009.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

In Italia il regista e scrittore Gianni Da Campo, possiede le traduzioni dei suoi testi in attesa di essere pubblicati.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Documento sul sito Fondo Georges Simenon.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 110056447 LCCN: n79140808